Animali dell'Antico Egitto

Animali dell'Antico Egitto
David Meyer

Al centro del rapporto tra gli antichi egizi e gli animali c'erano le loro credenze religiose. Gli antichi egizi credevano che le loro divinità avessero intricati legami con i quattro elementi dell'aria, della terra, dell'acqua e del fuoco, con la natura e con gli animali. Gli antichi egizi credevano negli infiniti poteri dell'universo e rispettavano questi elementi, poiché ritenevano che il divino esistesse ovunque e in ogni luogo.tutto.

Il rispetto e la venerazione per gli animali erano un aspetto fondamentale delle loro tradizioni. Agli animali veniva riconosciuto uno status elevato nella vita degli antichi Egizi, che si estendeva anche all'aldilà. Di conseguenza, le interazioni tra animali e uomini durante la loro vita assumevano un'importanza religiosa. Gli egittologi trovano spesso animali domestici mummificati e sepolti con i loro proprietari.

Tutti gli antichi egizi venivano educati a essere sensibili alle caratteristiche principali di un animale. Gli antichi egizi riconoscevano i gatti come protettori dei loro cuccioli. Bastet, il loro dio gatto, era una divinità importante e potente in tutto l'antico Egitto.

Si pensava che i cani fossero in grado di vedere il vero cuore e le intenzioni di una persona. Anubi, la divinità egizia dalla testa di sciacallo o di cane nero selvatico, pesava il cuore dei morti per Osiride, per valutare le loro azioni in vita.

Gli Egizi avevano quasi 80 divinità, ognuna delle quali era rappresentata come uomo, animale o come aspetto in parte umano e in parte animale. Gli antichi Egizi credevano anche che molti dei e dee si reincarnassero sulla terra come animali.

Per questo motivo, gli Egizi onoravano questi animali soprattutto all'interno e intorno ai loro templi, attraverso rituali quotidiani e feste annuali. Ricevevano offerte di cibo, bevande e vestiti. Nei templi, i sommi sacerdoti supervisionavano le statue mentre venivano lavate, profumate e vestite con abiti e gioielli raffinati tre volte al giorno.

Indice dei contenuti

    Fatti sugli animali dell'Antico Egitto

    • Il rispetto e la venerazione per gli animali erano un aspetto fondamentale delle loro tradizioni.
    • Gli antichi egizi credevano che molti dei e dee si fossero reincarnati sulla terra sotto forma di animali.
    • Le prime specie addomesticate comprendevano pecore, bovini, capre, maiali e oche.
    • Gli agricoltori egiziani sperimentarono l'addomesticamento di gazzelle, iene e gru dopo l'Antico Regno.
    • I cavalli comparvero solo dopo la XIII dinastia. Erano oggetti di lusso e venivano usati per trainare i carri. Raramente venivano cavalcati o usati per l'aratura.
    • I cammelli sono stati addomesticati in Arabia e sono stati poco conosciuti in Egitto fino alla conquista persiana.
    • L'animale domestico più diffuso tra gli antichi egizi era il gatto
    • Gatti, cani, furetti, babbuini, gazzelle, scimmie Vervet, falchi, upupe, ibis e colombe erano gli animali domestici più comuni nell'antico Egitto.
    • Alcuni faraoni tenevano leoni e ghepardi sudanesi come animali domestici
    • Animali specifici erano strettamente associati o sacri a singole divinità.
    • I singoli animali venivano scelti per rappresentare un dio sulla terra, ma gli animali stessi non erano venerati come divini.

    Addomesticare gli animali

    Gli antichi Egizi addomesticarono diverse specie di animali domestici. Le prime specie addomesticate comprendevano pecore, bovini, capre, maiali e oche. Venivano allevati per il latte, la carne, le uova, il grasso, la lana, il cuoio, le pelli e il corno. Anche lo sterco degli animali veniva essiccato e usato come combustibile e fertilizzante. Ci sono poche prove che la carne di montone venisse mangiata regolarmente.

    Il maiale faceva parte della dieta dei primi egizi fin dall'inizio del IV millennio a.C., ma era escluso dalle osservanze religiose. La carne di capra era consumata sia dalle classi alte che da quelle basse dell'Egitto. Le pelli di capra venivano trasformate in borracce e dispositivi di galleggiamento.

    I polli domestici comparvero solo nel Nuovo Regno d'Egitto. Inizialmente la loro distribuzione era piuttosto limitata e divennero più comuni solo durante il Periodo Tardo. I primi agricoltori egiziani avevano sperimentato l'addomesticamento di una serie di altri animali, tra cui gazzelle, iene e gru, anche se questi sforzi sembrano essere stati compiuti dopo l'Antico Regno.

    Razze bovine addomesticate

    Gli antichi Egizi allevavano diverse razze bovine. I loro buoi, una specie africana fortemente cornificata, erano apprezzati come offerte cerimoniali. Venivano ingrassati e decorati con pennacchi di struzzo e sfilavano in processioni cerimoniali prima di essere macellati.

    Gli Egizi possedevano anche una razza più piccola di bovini senza corna, insieme a bovini selvatici a corna lunghe. Lo zebù, una sottospecie di bovino domestico con la caratteristica gobba sul dorso, fu introdotto durante il Nuovo Regno dal Levante. Dall'Egitto si diffuse poi in gran parte dell'Africa orientale.

    I cavalli nell'antico Egitto

    Carro egiziano.

    Carlo Lasinio (Incisore), Giuseppe Angelelli , Salvador Cherubini, Gaetano Rosellini (Artisti), Ippolito Rosellini (Autore) / Pubblico dominio

    La XIII dinastia è la prima testimonianza della comparsa dei cavalli in Egitto, ma inizialmente la loro presenza era limitata e fu introdotta su larga scala solo a partire dal Secondo Periodo Intermedio. Le prime immagini di cavalli che abbiamo oggi risalgono alla XVIII dinastia.

    Inizialmente i cavalli erano beni di lusso: solo le persone molto ricche potevano permettersi di mantenerli e curarli efficacemente. Nel secondo millennio a.C. venivano cavalcati raramente e non venivano mai utilizzati per l'aratura. I cavalli venivano impiegati nei carri sia per la caccia che per le campagne militari.

    Il frustino di Tutankhamon ritrovato nella sua tomba reca un'iscrizione: "salì sul suo cavallo come il Re splendente", il che sembra indicare che Tutankhamon amava andare a cavallo. In base a rare raffigurazioni, come un'iscrizione ritrovata nella tomba di Horemheb, sembra che i cavalli venissero cavalcati a pelo e senza l'ausilio di staffe.

    Asini e muli nell'antico Egitto

    Gli asini erano utilizzati nell'antico Egitto e venivano spesso raffigurati sulle pareti delle tombe. I muli, figli di un asino maschio e di un cavallo femmina, venivano allevati fin dai tempi del Nuovo Regno in Egitto. I muli erano più comuni durante il periodo greco-romano, quando i cavalli divennero più economici.

    I cammelli nell'antico Egitto

    Il cammello è stato addomesticato in Arabia e in Asia occidentale durante il terzo o il secondo millennio, ma è stato a malapena conosciuto in Egitto fino alla conquista persiana. Il cammello è stato utilizzato per i viaggi più lunghi nel deserto, proprio come avviene oggi.

    Guarda anche: Il simbolismo del ferro (10 significati principali)

    Capre e pecore nell'antico Egitto

    Tra gli egiziani stanziali, le capre avevano un valore economico limitato, ma molte tribù di beduini erranti dipendevano da capre e pecore per sopravvivere. Nelle regioni montuose dell'Egitto vivevano capre selvatiche che i faraoni, come Thutmose IV, amavano cacciare.

    L'Antico Egitto allevava due forme di pecore domestiche: la razza più antica (ovis longipes) era caratterizzata da corna sporgenti, mentre la più recente pecora dalla coda grassa (ovis platyra) aveva corna arricciate ai lati della testa. Le pecore dalla coda grassa furono introdotte in Egitto durante il Medio Regno.

    Guarda anche: Simbolismo del tramonto (8 significati principali)

    Come per le capre, le pecore non avevano la stessa importanza economica per gli agricoltori egiziani stanziali che per le tribù beduine nomadi, che si affidavano alle pecore per il latte, la carne e la lana. Gli egiziani delle città preferivano generalmente il lino, più fresco e meno pruriginoso, e in seguito il cotone, più leggero, alla lana per il loro abbigliamento.

    Animali domestici dell'Antico Egitto

    Mummia di gatto dell'antico Egitto.

    Rama / CC BY-SA 3.0 FR

    Gli Egizi sembravano avere una grande passione per gli animali domestici: spesso avevano gatti, cani, furetti, babbuini, gazzelle, scimmie di Vervet, upupe, ibis, falchi e colombe. Alcuni faraoni tenevano persino leoni e ghepardi sudanesi come animali domestici.

    L'animale domestico più popolare degli antichi Egizi era il gatto. Addomesticati durante il Medio Regno, gli antichi Egizi credevano che i gatti fossero un'entità divina o simile a una divinità e, quando morivano, ne piangevano la morte come avrebbero fatto con un essere umano, anche facendoli mummificare.

    Il termine "gatto" deriva dalla parola nordafricana che indica l'animale, quattah e, data la stretta associazione del gatto con l'Egitto, quasi tutte le nazioni europee hanno adottato una variante di questa parola.

    Il diminutivo "puss" o "pussy" deriva anche dalla parola egizia Pasht, un altro nome della dea gatto Bastet. La dea egizia Bastet era originariamente concepita come una formidabile gatta selvatica, una leonessa, ma col tempo si trasformò in una gatta di casa. I gatti erano così importanti per gli antichi egizi che divenne un crimine uccidere un gatto.

    I cani servivano come compagni di caccia e cani da guardia. I cani avevano persino un proprio posto nei cimiteri. I furetti erano usati per tenere i granai liberi da topi e ratti. Anche se i gatti erano considerati i più divini. E quando si trattava di curare la salute degli animali, gli stessi guaritori che curavano gli uomini curavano anche gli animali.

    Gli animali nella religione egizia

    Le circa 80 divinità che occupano il pantheon egizio erano viste come manifestazioni dell'Essere Supremo nei suoi diversi ruoli o come suoi agenti. Alcuni animali erano strettamente associati o sacri a singole divinità e un singolo animale poteva essere scelto per rappresentare un dio sulla terra. Tuttavia, gli animali stessi non erano venerati come divini.

    Le divinità egizie venivano rappresentate con i loro attributi animali o con il corpo di un uomo o di una donna e la testa di un animale. Una delle divinità più frequentemente rappresentate era Horus, un dio solare con la testa di falco, mentre Thoth, il dio della scrittura e della conoscenza, era raffigurato con la testa di un ibis.

    Bastet era inizialmente un gatto del deserto prima di trasformarsi in un felino domestico. Khanum era un dio con la testa di ariete. Khonsu, il giovane dio della luna dell'Egitto, era raffigurato come un babbuino, così come Thoth in un'altra manifestazione. Hathor, Iside, Mehet-Weret e Nut erano spesso raffigurati come mucche, con corna di mucca o con orecchie di mucca.

    Il cobra divino era sacro a Wadjet, la dea cobra di Per-Wadjet, che rappresentava il Basso Egitto e la regalità. Anche Renenutet, la dea cobra, era una dea della fertilità: veniva raffigurata come protettrice del faraone e di tanto in tanto veniva mostrata mentre allattava dei bambini. Meretseger era un'altra dea cobra, nota come "Colei che ama il silenzio", che puniva i criminali con la cecità.

    Si credeva che Set si fosse trasformato in un ippopotamo durante la sua lotta con Horus. Questa associazione con Set ha fatto sì che l'ippopotamo maschio fosse considerato un animale malvagio.

    Taweret era la munifica dea ippopotamo della fertilità e del parto. Taweret era una delle dee domestiche più popolari in Egitto, in particolare tra le madri in attesa, grazie ai suoi poteri protettivi. Alcune rappresentazioni di Taweret mostravano la dea ippopotamo con la coda e il dorso di un coccodrillo e venivano illustrate con un coccodrillo appollaiato sulla sua schiena.

    I coccodrilli erano sacri anche a Sobek, l'antico dio egizio dell'acqua, della morte inaspettata, della medicina e della chirurgia, che veniva raffigurato come un umano con la testa di coccodrillo o come un coccodrillo stesso.

    Nei templi di Sobek si trovavano spesso laghi sacri dove venivano tenuti e coccolati coccodrilli in cattività. La demonessa Ammut dell'Antico Egitto, che aveva la testa di un coccodrillo e il posteriore di un ippopotamo, era chiamata "la divoratrice di morti" e puniva i malfattori mangiandone il cuore. Il dio solare Horus Khenty-Khenty, della regione di Athribis, veniva occasionalmente raffigurato come un coccodrillo.

    Il dio solare della resurrezione Khepri era personificato come un dio scarabeo. Heqet, la dea del parto, era una dea rana, spesso raffigurata come una rana o come una donna con la testa di rana. Gli Egizi associavano le rane alla fertilità e alla resurrezione.

    Gli Egizi successivi svilupparono cerimonie religiose incentrate su animali specifici: il leggendario toro Apis era un animale sacro del primo periodo dinastico (3150-2613 a.C. circa) che rappresentava il dio Ptah.

    Una volta che Osiride si fuse con Ptah, si riteneva che il toro Apis ospitasse il dio Osiride stesso. I tori Apis erano allevati appositamente per le cerimonie sacrificali e simboleggiavano la potenza e la forza. Dopo la morte di un toro Apis, il corpo veniva mummificato e sepolto nel "Serapeo" in un massiccio sarcofago di pietra che in genere pesava oltre 60 tonnellate.

    Animali selvatici

    Grazie alle acque nutrienti del Nilo, l'antico Egitto ospitava numerose specie di animali selvatici, tra cui sciacalli, leoni, coccodrilli, ippopotami e serpenti, mentre tra gli uccelli si annoverano l'ibis, l'airone, l'oca, il nibbio, il falco, la gru, il piviere, il piccione, il gufo e l'avvoltoio, e tra i pesci nativi la carpa, il pesce persico e il pesce gatto.

    Riflettere sul passato

    Gli animali avevano un ruolo importante nell'antica società egizia: erano sia animali domestici sia la manifestazione degli attributi divini del pantheon di divinità egiziane qui sulla terra.

    Immagine di testata per gentile concessione: Vedi pagina per l'autore [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.