Antica mastaba egizia

Antica mastaba egizia
David Meyer

Le tombe a mastaba sono basse costruzioni rettangolari con tetto piatto e con i caratteristici lati spioventi, realizzate con mattoni di fango essiccati al sole o, raramente, con pietre. All'interno presentano un piccolo numero di stanze e una camera sepolcrale principale. La camera sepolcrale vera e propria veniva raggiunta attraverso un profondo pozzo verticale al di sotto di una struttura in pietra con tetto piatto.

Mastaba è una parola araba che significa "panca", in quanto la loro forma ricorda una panca sovradimensionata. La parola egizia usata per descrivere queste tombe era pr-djt, ovvero "casa per l'eternità". Le mastaba iniziarono a comparire nel primo periodo dinastico (3150-2700 a.C. circa) e continuarono a essere costruite durante l'Antico Regno (2700-2200 a.C. circa).

Queste tombe a mastaba fungevano da monumenti ben visibili per i membri di spicco della nobiltà egizia inumati nelle loro volte. In linea con i successivi sviluppi della moda funeraria, le camere di sepoltura vere e proprie per i corpi mummificati erano collocate in profondità nel sottosuolo.

Indice dei contenuti

    I primi mastaba

    Tuttavia, dopo la diffusione delle piramidi durante la quarta dinastia (2625-2510 a.C. circa), le tombe a mastaba vennero adottate sempre più spesso per i reali minori, tra cui le regine a cui non era stata concessa una propria tomba a piramide, insieme ai cortigiani, ai funzionari statali di alto rango e alle loro famiglie. Oggi, un gran numero di tombe a mastaba può esserevisto nei principali siti di sepoltura egiziani di Abydos, Saqqara e Giza.

    Come per le piramidi, la costruzione di queste tombe a mastaba si concentrava sulla riva occidentale del Nilo, che era visto dagli antichi egizi come un simbolo di morte, in riconoscimento del sole che sprofondava negli inferi.

    Guarda anche: I 14 più antichi simboli del coraggio con i loro significati

    L'interno di queste tombe era brillantemente decorato e aveva un luogo dedicato alle offerte per i defunti. Le pareti della tomba erano vivacemente decorate con scene del defunto e delle sue attività quotidiane. Le tombe a mastaba erano quindi progettate per garantire il benessere del defunto per l'eternità.

    Le credenze sull'aldilà hanno plasmato il design delle tombe Mastaba

    Durante il periodo dell'Antico Regno, gli antichi Egizi credevano che solo le anime dei loro re viaggiassero per godere di un aldilà divino con i loro dèi. Al contrario, le anime dei nobili egiziani e delle loro famiglie continuavano ad abitare la loro tomba. Per questo motivo necessitavano di nutrimento sotto forma di offerte quotidiane di cibo e bevande.

    Quando un egiziano moriva, il suo ka o forza vitale o anima veniva liberata. Per incoraggiare l'anima a tornare nel corpo, il corpo veniva conservato e una statuetta con le sembianze del defunto veniva inumata nella tomba. Anche le statuette chiamate schiavi dell'anima o shabti o shawabti accompagnavano il defunto nelle tombe per servirlo nell'aldilà.

    Guarda anche: Simbolismo della Luna di Sangue (Top 11 significati)

    Sulla parete interna della tomba, in prossimità dell'ingresso al pozzo verticale, veniva spesso scolpita una falsa porta con l'immagine del defunto per incoraggiare l'anima a rientrare nel corpo. Allo stesso modo, il comfort e il benessere del defunto erano assicurati dall'inclusione di camere di deposito ampiamente rifornite di mobili domestici, attrezzature, vasi per la conservazione di cibo e liquidi econ offerte di cibo e bevande.

    Le pareti delle tombe a mastaba erano spesso decorate con scene che mostravano estratti delle attività quotidiane del defunto.

    Le mode dell'edilizia che cambiano

    Lo stile costruttivo delle tombe a mastaba si è evoluto nel tempo. Le prime tombe a mastaba assomigliavano molto alle abitazioni e presentavano diverse stanze. I progetti di mastaba successivi incorporavano scale che scendevano in stanze scavate nella roccia al di sotto della struttura sopraelevata. Infine, per una maggiore protezione, le mastaba svilupparono ulteriormente il pozzo di sepoltura e posizionarono il corpo al di sotto delle stanze sopraelevate.

    Dopo il tramonto dell'Antico Regno, le tombe a mastaba caddero gradualmente in disuso e al tempo del Nuovo Regno erano piuttosto rare. Alla fine, i reali egiziani smisero di essere sepolti in tombe a mastaba, preferendo sepolture più moderne ed esteticamente gradevoli in piramidi, tombe scavate nella roccia e piccole cappelle piramidali, che alla fine sostituirono il design delle tombe a mastaba tra la nobiltà egizia.Gli egiziani di estrazione più umile e non regale continuarono a essere sepolti in tombe a mastaba.

    Alla fine, il design delle tombe a mastaba ha influenzato la progettazione e l'approccio costruttivo degli altari, dei templi, dei grandi piloni o torri d'ingresso posizionati all'esterno dei templi principali, della piramide a gradoni di Djoser e, naturalmente, delle magnifiche piramidi vere e proprie.

    I primi esempi di mastaba sono piuttosto semplici e architettonicamente lineari. Nelle tombe a mastaba successive non reali dell'Antico Regno, quella che in precedenza era una rozza nicchia scavata nel lato della tomba, ora si espandeva in un santuario scavato nella tomba che incorporava una stele formale o una tavoletta scolpita in una falsa porta che mostrava il defunto seduto a un tavolo carico di offerte. La falsa porta venivaimportante perché permetteva allo spirito del defunto di entrare nella camera di sepoltura.

    Perché gli antichi Egizi dedicarono tempo e risorse alla creazione di queste tombe?

    Nell'antico Egitto, le tombe a mastaba e in seguito le piramidi avevano una funzione funeraria e fungevano da santuari o templi. Gli antichi Egizi credevano che, svolgendo cerimonie religiose e riti sacri nelle tombe a mastaba, queste fornissero un mezzo per comunicare con gli spiriti defunti che si pensava abitassero nel cielo o nelle stelle celesti.

    Le mastabe e la loro progenie piramidale erano misticamente dotate, nella mente degli antichi Egizi, di qualità soprannaturali, tra cui quella di formare i "gradini per raggiungere il cielo" e di ospitare i beni materiali, le offerte di cibo e bevande e i servitori necessari per sostenere uno spirito nel suo viaggio nell'aldilà.

    Perché hanno costruito progetti così colossali?

    Gli antichi egizi ritenevano che l'esecuzione di rituali magici in una mastaba permettesse agli spiriti dei defunti di prosperare e di elevarsi verso il cielo, o il paradiso. Di conseguenza, l'uso di tali assemblee consentiva loro di ricevere e godere di benefici celesti come ricompensa per la loro lealtà e per l'impegno lavorativo profuso durante la loro vita. Un magnifico compenso, come promesso dal loro Faraone, che si credeva essere unDio in terra.

    Inoltre, gli antichi egizi credevano che i loro dèi sulla terra fossero in grado di ricambiare con altri dèi, creando così una relazione che permetteva loro di acquisire altri vantaggi mondani. Questi concetti erano considerati all'epoca reali, utili e necessari per l'aldilà.

    In che modo la struttura trapezoidale della mastaba è diventata la base delle forme architettoniche dell'antico Egitto?

    La mastaba è il precursore strutturale delle piramidi successive. Nella costruzione di una piramide, gli antichi Egizi abbattevano innanzitutto una struttura simile alla mastaba, che fungeva da piattaforma inferiore e comprendeva l'impronta totale della base della piramide. Procedevano poi a costruire una seconda struttura simile alla mastaba, di dimensioni leggermente ridotte, sopra la prima struttura completata. I costruttori egizi continuavano poi acostruirono piattaforme simili a mastaba, una sopra l'altra, fino a raggiungere l'altezza desiderata della piramide.

    La piramide a gradoni di Djoser La mastaba per eccellenza

    Dal punto di vista architettonico, le mastabe precedono la prima piramide e gran parte dell'esperienza sviluppata nella progettazione e nella costruzione delle tombe a mastaba ha costituito la base di conoscenza per la costruzione delle prime piramidi.

    La linea concettuale che porta dalle tombe a mastaba alla prima piramide è semplice da individuare: semplicemente impilando una mastaba leggermente più piccola direttamente sopra una precedente più grande, si è arrivati al design innovativo e rivoluzionario della piramide a gradoni di Djoser. Questo processo è stato ripetuto più volte per creare il monumento iniziale a forma di piramide.

    Il visir di Djoser, Imhotep, progettò la piramide a gradoni originale nel terzo millennio a.C. I lati inclinati delle iconiche grandi piramidi di Giza sono stati adottati direttamente dal progetto di una tomba a mastaba, sebbene una calotta appuntita abbia sostituito il tetto piatto della mastaba nel progetto della piramide.

    Il progetto della piramide di Imhotep modificò la piramide a gradoni riempiendo i lati esterni irregolari delle piramidi con pietre e dando poi alla piramide un guscio esterno di calcare, creando le superfici esterne piatte e inclinate.

    La tomba a mastaba è stata quindi il progetto iniziale di allestimento, che è passato dalla forma a mastaba alla disposizione delle piramidi a gradoni, fino alle piramidi ricurve, prima di adottare le ormai familiari piramidi a forma di triangolo che dominano l'altopiano di Giza.

    Riflettere sul passato

    Consideriamo per un momento l'ispirato salto di immaginazione di Imhotep nel trasformare il progetto della tomba a mastaba nel classico modello della piramide che ha dato origine a una delle antiche meraviglie del mondo.

    Immagine di testata per gentile concessione: Istituto per lo Studio del Mondo Antico [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.