Antichi templi egizi & Elenco di strutture ricche di significato

Antichi templi egizi & Elenco di strutture ricche di significato
David Meyer

Gli antichi Egizi conducevano una ricca vita teologica. Con 8.700 divinità nel loro pantheon, la religione svolgeva un ruolo centrale sia nella loro società che nella loro vita quotidiana. Il cuore delle loro devozioni religiose era il tempio. I devoti non adoravano nel tempio, ma lasciavano offerte alle loro divinità, chiedevano che il loro dio intercedesse in loro favore e partecipavano alle feste religiose. AUn modesto santuario dedicato a un dio della famiglia era una caratteristica comune delle case private.

Indice dei contenuti

    Fatti sui templi dell'antico Egitto

      • I templi dell'Antico Egitto accumularono ricchezze prodigiose, rivaleggiando con i faraoni per potere e influenza politica e sociale.
      • I templi sono classificati in templi religiosi o templi mortuari.
      • I templi religiosi erano la dimora del dio in terra
      • Nei templi religiosi si svolgevano cerimonie per trasformare il faraone umano mortale in una divinità vivente sulla terra, che veniva poi venerata dal suo popolo.
      • I templi mortuari erano dedicati al culto funerario del faraone defunto.
      • Gli spazi sacri erano aree dedicate al culto di un dio o di una dea. I sacerdoti costruivano templi negli spazi sacri dopo aver ricevuto un segno dalla divinità o a causa della loro particolare ubicazione.
      • I templi pubblici ospitavano la statua della divinità a cui erano dedicati.
      • I templi rappresentavano il tumulo primordiale su cui il dio Amon si posò per creare l'universo.
      • Gli antichi egizi credevano che il tempio fosse una rappresentazione in miniatura del loro universo e dei cieli sovrastanti.
      • L'esistenza e la prosperità dell'Egitto dipendevano dal sacerdozio che si occupava dei bisogni degli dei.
      • Karnak è il più grande complesso di templi dell'Egitto e si contende con Angkor Wat in Cambogia il titolo di più grande complesso religioso antico del mondo.
      • Il tempio mortuario di Hatshepsut è uno dei più grandi tesori archeologici dell'Egitto. Il nome della faraona fu cancellato da tutte le iscrizioni esterne e la sua immagine fu deturpata.
      • I due templi monumentali di Abu Simbel sono stati trasferiti negli anni '60 su un terreno più alto per evitare che venissero inondati dalle acque della diga di Assuan.

    Nel corso del tempo, i templi accumularono enormi ricchezze che si tradussero in potere e influenza politica e sociale. Alla fine, la loro ricchezza rivaleggiava con quella dei faraoni. I templi erano i principali datori di lavoro della comunità, impiegando sacerdoti, artigiani, giardinieri e cuochi. I templi coltivavano anche il proprio cibo nelle grandi proprietà agricole che possedevano. I templi ricevevano anche una parte dei bottini di guerraI faraoni donavano ai templi monumenti, beni e terreni supplementari.

    Due forme di templi dell'antico Egitto

    Gli egittologi considerano i templi dell'antico Egitto come appartenenti a due categorie principali:

    1. Cultus o Templi religiosi

      Questi templi erano consacrati a una divinità, e molti templi veneravano più di una divinità. Questi templi costituivano le dimore terrene degli dei. Qui, il sommo sacerdote curava la statua del dio nel sancta sanctorum. I membri del culto eseguivano i loro doveri cerimoniali e i rituali quotidiani, facevano offerte agli dei, pregavano le loro divinità e si occupavano dei loro bisogni. Nei cultus si svolgevano anche festetempli, permettendo agli egiziani comuni di partecipare all'onore della loro divinità.

    2. Templi mortuari

      Questi templi erano dedicati al culto funerario di un faraone defunto. In questi templi, i membri del culto facevano offerte di cibo, bevande e vestiti al faraone defunto per assicurarsi che il faraone continuasse a proteggere il popolo egiziano da morto come aveva fatto da vivo. I templi mortuari erano dedicati esclusivamente ai faraoni defunti.La maggior parte delle piramidi comprendeva un tempio mortuario all'interno del complesso che le circondava. In seguito i faraoni cercarono di nascondere le loro tombe per ostacolare i tombaroli e iniziarono a costruire questi elaborati templi mortuari ben lontani dal luogo in cui si trovavano le loro tombe.

    Spazi sacri

    Uno spazio sacro è un'area dedicata al culto di un dio o di una dea. I sacerdoti ordinavano la costruzione di un tempio o di un santuario nello spazio sacro, dopo aver selezionato il luogo in seguito a un segnale significativo da parte della divinità o a causa della sua posizione. Una volta selezionato lo spazio sacro, i sacerdoti eseguivano rituali di purificazione prima di costruire un tempio o un santuario religioso.l'onore della divinità.

    Questi spazi sono rimasti in uso per secoli e spesso nuovi templi più elaborati sono stati costruiti sopra le strutture esistenti, fornendo una testimonianza del culto religioso nel sito.

    Templi pubblici

    I templi avevano diverse funzioni nell'antico Egitto. Il ruolo principale della maggior parte dei templi era quello di ospitare le statue delle divinità a cui erano dedicati. Si riteneva che queste statue fossero la casa della divinità. L'esistenza e la prosperità della terra d'Egitto dipendevano dal sacerdozio che si occupava dei bisogni degli dei.

    Gli antichi egizi ritenevano che il dio protettore di una città che fosse stato trascurato e non avesse ricevuto le cure dovute si sarebbe arrabbiato e avrebbe lasciato il tempio, esponendo gli abitanti della città a ogni tipo di disgrazia e disastro.

    I templi selezionati avevano anche una duplice funzione: nessun faraone poteva governare l'antico Egitto senza essere prima divinizzato. Venivano organizzate elaborate cerimonie in cui il nuovo faraone entrava nel tempio, insieme al sommo sacerdote. Una volta all'interno del sancta sanctorum del tempio, eseguivano rituali volti a trasformare il faraone umano mortale in una divinità vivente sulla terra. Il faraone veniva poi venerato e riverito daAlcuni templi erano riservati esclusivamente al culto del faraone.

    Strutture ricche di significato

    Per gli antichi egizi, i templi avevano tre significati: in primo luogo, erano il luogo in cui un dio viveva sulla terra. In secondo luogo, rappresentavano il tumulo primordiale su cui il dio Amon si posava per creare l'universo, così come lo conoscevano gli antichi egizi. In base a questa credenza, il santuario interno del tempio, dove si trovava la statua del dio, era costruito più in alto rispetto al resto del complesso templare. In terzo luogo, il tempio era un luogo di culto,I fedeli credevano che il tempio fosse una rappresentazione in miniatura del loro universo e dei cieli sovrastanti.

    A causa della cronica carenza di legno, gli antichi templi egizi venivano costruiti in pietra. L'unico altro materiale da costruzione facilmente reperibile era il mattone di fango, che purtroppo si deteriorava e si sgretolava. Poiché i templi costruiti per ospitare gli dei dovevano durare per l'eternità, la pietra era l'unico materiale da costruzione accettabile.

    Le pareti del tempio sono ricoperte da una serie di rilievi, iscrizioni e immagini. Nella sala ipostila del tempio sono spesso raffigurate scene di storia, che descrivono gli eventi o le conquiste più importanti durante il regno di un faraone o gli avvenimenti più importanti della vita del tempio. In alcune sale sono stati scolpiti anche rilievi che raffigurano i rituali del tempio. Molte delle immagini raffigurano il faraone che guida il gruppo dei fedeli.Queste iscrizioni riportavano anche immagini di divinità e miti su di esse.

    La necropoli tebana

    Il vasto complesso di templi che costituiva la necropoli tebana si trovava sulla riva occidentale del fiume Nilo, vicino alla Valle dei Re. I templi più noti costruiti nell'ambito di questo enorme complesso comprendevano il Ramesseum, il Medinet Habu e il Deir-El-Bahri.

    Questi comprendevano una rete di edifici, tra cui i templi mortuari di Hatshepsut e Thutmose III. Nell'antichità, una frana causò danni ingenti al tempio di Thutmose III e le macerie che ne risultarono furono saccheggiate per ricavarne le pietre necessarie alla costruzione di edifici successivi.

    Tempio mortuario di Hatshepsut

    Uno dei siti più sorprendenti dell'archeologia mondiale e di tutto l'Egitto, il tempio mortuario di Hatshepsut è stato ampiamente ricostruito alla fine del XX secolo. Scolpito nella roccia viva della parete rocciosa, il tempio mortuario di Hatshepsut è il punto culminante di Deir-El-Bahri. Il tempio comprende tre terrazze separate, ciascuna collegata da un'imponente rampa che conduce al livello successivo della terrazza. Il tempioPurtroppo la maggior parte delle immagini e delle statue esterne sono state danneggiate o distrutte dai successori di Hatshepsut, decisi a cancellare il suo regno dalla storia.

    Il Ramesseum

    Costruito da Ramesse II, il tempio di Ramesseum richiese due decenni per essere completato. Il complesso del tempio comprende due piloni e una sala ipostila. I costruttori eressero nel suo tempio diverse statue monumentali raffiguranti il faraone, le cui iscrizioni celebrano i trionfi militari del faraone. Accanto al tempio si trova un tempio consacrato alla prima moglie di Ramesse e a sua madre. Estese inondazioni da parte diil Nilo ha causato danni alla struttura superstite del Ramesseum.

    Guarda anche: I 5 principali fiori che simboleggiano il lutto
    Tempio di Luxor

    Questo tempio si trova sulla sponda orientale della Triade. La Triade tebana, composta da Mut, Khonsu e Amon, era venerata in questo sito. Durante la festa di Opet, che celebrava la fertilità, la statua di Amon a Karnak veniva trasportata nel tempio di Luxor.

    Karnak

    Karnak è il più grande complesso di templi dell'Egitto, in competizione con Angkor Wat in Cambogia come il più grande complesso religioso antico del mondo. Karnak era il cuore del culto egiziano di Amun e ospitava quattro distinti complessi di templi. I tre complessi sopravvissuti ospitano i templi di Amun, Montu e Mut. In ogni complesso venivano costruite cappelle per il culto di altre divinità e ogni complesso aveva una piscina sacra dedicata.Si ritiene che almeno trenta faraoni egiziani abbiano contribuito alla costruzione di Karnak.

    Abu Simbel

    Abu Simbel comprende due templi commissionati da Ramesse II durante la sua imponente fase di costruzione, dedicati a Ramesse stesso e alla sua prima moglie, la regina Nefertari. Il tempio personale di Ramesse II onorava anche tre divinità nazionali egiziane, mentre la dea Hathor era la divinità venerata nelle sale del tempio di Nefertari.

    I loro costruttori hanno scavato questi templi monumentali nella parete rocciosa viva. Negli anni Sessanta è stato fatto un massiccio sforzo per trasferirli su un terreno più alto, per evitare che venissero inondati dalle acque dell'alta diga di Assuan. Ramesse II intendeva le dimensioni di questi templi per dimostrare il suo potere e la sua ricchezza ai vicini del sud.

    Abydos

    Ad Abydos si trovava il tempio mortuario dedicato al faraone Seti I, all'interno del quale gli egittologi hanno scoperto la rivoluzionaria lista dei re di Abydos. Oggi, parte degli antichi templi di Abydos giace sotto la città contemporanea che occupa il sito. Abydos costituiva un centro fondamentale del culto egiziano di Osiride e la tomba di Osiride si diceva si trovasse qui ad Abydos.

    Guarda anche: I 10 fiori più importanti che simboleggiano il perdono
    Philae

    L'isola di Philae era considerata uno spazio sacro e solo i sacerdoti potevano vivere all'interno dell'isola. Un tempo Philae ospitava templi dedicati a Iside e Hathor. L'isola ospitava anche un'altra delle presunte tombe di Osiride. Anche questi templi sono stati trasferiti negli anni '60 per proteggerli dall'inondazione della diga di Assuan.

    Medinet Habu

    Ramesse III costruì il suo complesso di templi a Medinet Habu, i cui ampi rilievi mostrano l'arrivo e la successiva sconfitta dei popoli del mare Hyskos. Il tempio misura 210 metri per 304 metri e contiene più di 75.000 piedi quadrati di rilievi murali. Un muro protettivo in mattoni di fango circonda il tempio.

    Kom Ombo

    A Kom Ombo si trova un tempio doppio unico nel suo genere. Due serie di cortili, santuari, sale e camere sono disposte su entrambi i lati di un asse centrale. Nell'ala nord venivano venerati gli dei Panebtawy, Tasenetnofret e Haroeris, mentre l'ala sud era dedicata agli dei Hathor, Khonsu e Sobek.

    Gli archeologi hanno ricostruito gran parte del complesso del tempio e vicino al sito del tempio sono state scoperte diverse centinaia di coccodrilli mummificati che rappresentano Sobek.

    Edfu

    Edfu era dedicata al dio Horus. Oggi il tempio è ben conservato e fu costruito durante la dinastia tolemaica sulle rovine di un tempio dell'epoca del Nuovo Regno. Gli archeologi hanno scoperto diverse piccole piramidi nei pressi di Edfu.

    Dendera

    Il complesso dei templi di Dendera si estende su 40.000 metri quadrati. Composto da diversi edifici risalenti a epoche diverse, Dendera è uno dei siti archeologici meglio conservati dell'antico Egitto. Il tempio principale è dedicato alla dea egizia della maternità e dell'amore, Hathor. Le principali scoperte all'interno del complesso includono la necropoli, lo Zodiaco di Dendera, le colorate pitture sui soffitti e laLuce.

    Santuari domestici dell'antico Egitto

    In contrasto con la natura spesso colossale dei loro templi, molte antiche case egizie contenevano santuari domestici più modesti. Qui si veneravano divinità statali come Amun-Ra. Due divinità comunemente venerate in casa erano la dea Tauret e il dio Bes. Tauret era la dea della fertilità e del parto, mentre Bes assisteva le partorienti e proteggeva i bambini piccoli. Gli individui ponevanoofferte votive, come cibo e bevande, e stele scolpite con richieste di assistenza divina o ringraziamenti per l'intervento del dio sul loro santuario domestico.

    I templi come microcosmo dell'economia egiziana

    L'Antico Egitto ammetteva due forme di sacerdozio: i sacerdoti laici e i sacerdoti a tempo pieno. I sacerdoti laici svolgevano le loro funzioni nel tempio per tre mesi all'anno: prestavano servizio per un mese, poi potevano assentarsi per tre mesi prima di tornare per un altro mese. Durante i periodi in cui non prestavano servizio come sacerdoti, i sacerdoti laici spesso svolgevano altre occupazioni come scribi omedici.

    I sacerdoti a tempo pieno erano membri permanenti del sacerdozio del tempio. Il Sommo Sacerdote aveva il dominio su tutte le attività del tempio ed eseguiva le principali osservanze rituali. I sacerdoti Waab eseguivano i rituali sacri ed erano tenuti a osservare la purezza rituale.

    Il percorso di accesso al sacerdozio prevedeva diverse vie: un uomo poteva ereditare la posizione sacerdotale dal padre, oppure il faraone poteva nominare un sacerdote. Era anche possibile acquistare l'accesso al sacerdozio. Le posizioni più elevate all'interno del sacerdozio venivano raggiunte tramite una votazione popolare tenuta dai membri del culto.

    I sacerdoti in servizio erano tenuti a osservare il voto di celibato e a vivere all'interno del recinto del tempio. Ai sacerdoti non era inoltre consentito indossare oggetti ricavati da derivati animali: indossavano abiti di lino e i loro sandali erano fatti di fibre vegetali.

    Gli artigiani creavano le statue, le offerte votive, i gioielli, gli oggetti rituali e gli abiti dei sacerdoti per il tempio. Gli addetti alle pulizie curavano il tempio e tenevano in ordine i terreni circostanti. I contadini curavano i terreni di proprietà del tempio e coltivavano i prodotti per le cerimonie del tempio e per nutrire i sacerdoti. Gli schiavi erano per lo più prigionieri di guerra stranieri catturati durante le campagne militari. Svolgevano mansioni umilicompiti all'interno dei templi.

    Rituali religiosi nell'antico Egitto

    Per la maggior parte della storia dell'antico Egitto si è osservata una forma politeistica di culto religioso. Con 8.700 dèi e dee, il popolo era autorizzato a venerare qualsiasi divinità di sua scelta. Molti adoravano diverse divinità. Il richiamo di alcune divinità si è diffuso in tutto l'Egitto, mentre altri dèi e dee erano confinati in un gruppo di città e piccoli villaggi. Ogni città aveva il suo dio patrono e costruiva unatempio in onore della loro divinità protettrice.

    I riti religiosi egiziani si basavano sulla convinzione che servendo gli dèi ci si assicurasse la loro assistenza e protezione. I rituali onoravano quindi le loro divinità con un rifornimento continuo di abiti e cibo freschi. Cerimonie speciali avevano lo scopo di assicurare l'assistenza del dio in battaglia, mentre altre cercavano di mantenere la fertilità dei campi e delle paludi dell'Egitto.

    Rituali quotidiani del Tempio

    I sacerdoti del tempio e, per alcune cerimonie, il faraone conducevano i rituali di culto quotidiani del tempio. I faraoni facevano offerte agli dei nei templi più importanti. I sacerdoti del tempio che svolgevano questi rituali quotidiani erano obbligati a fare il bagno più volte al giorno nella piscina sacra del tempio.

    Il sommo sacerdote entrava ogni mattina nel santuario interno del tempio, quindi puliva e vestiva la statua con abiti nuovi. Il sommo sacerdote applicava alla statua un trucco nuovo e la posizionava sull'altare. Il sommo sacerdote offriva alla statua tre pasti al giorno mentre era sull'altare. Dopo il pasto rituale della statua, il sommo sacerdote distribuiva l'offerta di cibo al popolo del tempio.sacerdoti.

    Feste religiose

    I culti dell'antico Egitto organizzavano decine di feste nel corso dell'anno. Conosciute come heb, le feste consentivano alla popolazione di sperimentare personalmente la divinità, di ringraziare per i doni degli dei, come un buon raccolto, e di chiedere agli dei di intervenire e mostrare il loro favore al supplicante.

    Durante molte di queste feste, la statua del dio veniva spostata dal santuario interno del tempio e trasportata su una barca attraverso la città. Queste feste erano uno dei pochi momenti in cui gli egiziani comuni potevano vedere la statua del loro dio. Si credeva che le feste giocassero un ruolo cruciale nel garantire l'arrivo delle piene annuali del Nilo, assicurando la continua fertilità della terra.

    Riflettere sul passato

    Per gli antichi egizi, i loro templi rappresentavano una fonte di assistenza e protezione. I culti egiziani divennero ricchi e influenti, in quanto interpretavano da soli la volontà degli dei. Col tempo il loro potere eclissò persino quello dei faraoni. In tutto l'Egitto sorse una complessa rete di templi, mantenuti dai sacerdoti e dalle comunità circostanti. Oggi le vestigia di questi colossali complessi ricordanoci fa capire la profondità del loro credo e il potere che esercitavano all'interno della società egiziana.

    Immagine di testa per gentile concessione: Than217 [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.