Antico porto di Alessandria

Antico porto di Alessandria
David Meyer

L'odierna Alessandria d'Egitto è un porto situato sulla costa settentrionale del Mediterraneo. Dopo la conquista della Siria nel 332 a.C., Alessandro Magno invase l'Egitto e fondò la città l'anno successivo, nel 331 a.C. Nell'antichità raggiunse la fama di sito del grande Faro di Pharos, una delle favolose Sette Meraviglie del Mondo Antico per la Biblioteca di Alessandria e per il Serapion, il Tempio diSerapide, che faceva parte di una famosa sede di studi con la leggendaria biblioteca.

Indice dei contenuti

Guarda anche: Il simbolismo di un elefante con la proboscide alzata

    Fatti su Alessandria

    • Alessandria fu fondata nel 331 a.C. da Alessandro Magno.
    • La distruzione di Tiro da parte di Alessandro creò un vuoto nel commercio e negli scambi regionali che favorì notevolmente Alessandria, sostenendone la crescita iniziale.
    • Il famoso faro di Pharos ad Alessandria era una delle sette meraviglie del mondo antico.
    • La Biblioteca e il Museion di Alessandria costituivano un famoso centro di apprendimento e conoscenza nel mondo antico, che attirava studiosi da tutto il mondo.
    • La dinastia tolemaica fece di Alessandria la sua capitale dopo la morte di Alessandro Magno e governò l'Egitto per 300 anni.
    • La tomba di Alessandro Magno si trovava ad Alessandria d'Egitto, ma gli archeologi non l'hanno ancora individuata.
    • Oggi, i resti del Faro di Pharos e del quartiere reale giacciono sommersi sotto le acque del Porto Orientale.
    • Con l'ascesa del cristianesimo nell'Impero romano, Alessandria divenne sempre più un campo di battaglia per le fedi in guerra, contribuendo al suo graduale declino e all'impoverimento finanziario e culturale.
    • Gli archeologi marini scoprono ogni anno più reperti e informazioni sulle meraviglie dell'antica Alessandria.

    Le origini di Alessandria

    La leggenda vuole che Alessandro abbia progettato personalmente la pianta della città. Nel corso del tempo, Alessandria si trasformò da modesta città portuale nella più grande metropoli dell'antico Egitto e nella sua capitale. Sebbene gli egiziani ammirassero molto Alessandro, al punto che l'oracolo di Siwa lo dichiarò semidio, Alessandro lasciò l'Egitto dopo pochi mesi per fare una campagna in Fenicia. Al suo comandante, Cleomenes, fu affidata laresponsabilità di costruire la visione di Alessandro per una grande città.

    Mentre Cleomene compì notevoli progressi, la fioritura iniziale di Alessandria avvenne sotto il governo di Tolomeo, uno dei generali di Alessandro. Nel 323 a.C., dopo la morte di Alessandro, Tolomeo trasportò il corpo di quest'ultimo ad Alessandria per la sepoltura. Dopo aver concluso le guerre dei Diodachi, Tolomeo spostò la capitale dell'Egitto da Memphis e governò l'Egitto da Alessandria. I successori dinastici di Tolomeosi è evoluta nella dinastia tolemaica (332-30 a.C.), che ha governato l'Egitto per 300 anni.

    Con la distruzione di Tiro da parte di Alessandro, Alessandria beneficiò del vuoto commerciale regionale e fiorì. Alla fine, la città crebbe fino a diventare la più grande città del mondo conosciuto dell'epoca, attirando filosofi, studiosi, matematici, scienziati, storici e artisti. Fu ad Alessandria che Euclide insegnò la matematica, gettando le basi della geometria, Archimede 287-212A.C.) e Eratostene (276-194 a.C. circa), che ad Alessandria calcolò la circonferenza della Terra con un'approssimazione di 80 chilometri. Ero (10-70 a.C.), uno dei più importanti ingegneri e tecnologi del mondo antico, era originario di Alessandria.

    L'assetto dell'antica Alessandria

    L'antica Alessandria era inizialmente organizzata secondo una griglia ellenistica. Due immensi viali larghi circa 14 metri (46 piedi) dominavano il disegno. Uno orientato a nord/sud e l'altro a est/ovest. Strade secondarie, larghe circa 7 metri (23 piedi), dividevano ogni quartiere della città in isolati. Strade laterali più piccole dividevano ulteriormente ogni isolato. Questa disposizione delle strade consentiva ai freschi venti settentrionaliper raffreddare la città.

    I cittadini greci, egiziani ed ebrei risiedevano in quartieri diversi all'interno della città. Il quartiere reale si trovava nella parte settentrionale della città. Purtroppo, il quartiere reale è oggi sommerso dalle acque del Porto Orientale. Le imponenti mura ellenistiche, alte 9 metri, circondavano la città antica. Una necropoli situata al di fuori delle antiche mura serviva la città.

    I cittadini più ricchi costruirono ville lungo le rive del lago Mariut, coltivando uva e producendo vino. I porti di Alessandria vennero prima consolidati e poi ampliati, aggiungendo frangiflutti ai porti della costa. La piccola isola di Pharos fu collegata ad Alessandria tramite una strada rialzata e il famoso Faro di Alessandria fu costruito su un lato dell'isola di Pharos per guidare le navi in porto.

    La Biblioteca di Alessandria

    Le biblioteche e gli archivi erano una caratteristica dell'antico Egitto, ma queste prime istituzioni erano essenzialmente di portata locale. Il concetto di biblioteca universale, come quella di Alessandria, nasce da una visione essenzialmente greca, che abbracciava una visione del mondo più ampia. I greci erano viaggiatori intrepidi e i loro principali intellettuali visitarono l'Egitto. La loro esperienza stimolò un interesse peresplorando le risorse che si trovano tra queste conoscenze "orientali".

    La fondazione della Biblioteca di Alessandria è spesso attribuita a Demetrio di Falerone, un ex politico ateniese che in seguito si rifugiò alla corte di Tolomeo I Soter. Divenuto consigliere del re, Tolomeo approfittò delle ampie conoscenze di Demetrio e lo incaricò di fondare la biblioteca intorno al 295 a.C..

    La costruzione di questa leggendaria biblioteca iniziò durante il regno di Tolomeo I Soter (305-285 a.C.) e fu infine completata da Tolomeo II (285-246 a.C.), che inviò inviti a governanti e studiosi antichi chiedendo loro di contribuire con libri alla sua collezione. Col tempo i principali pensatori dell'epoca, matematici, poeti, scribi e scienziati provenienti da una miriade di civiltà vennero ad Alessandria per studiarein biblioteca e scambiare idee.

    Secondo alcuni resoconti, la Biblioteca aveva spazio per circa 70.000 rotoli di papiro. Per riempire la collezione, alcuni rotoli furono acquistati, mentre altri furono il risultato della perquisizione di tutte le navi che entravano nel porto di Alessandria. I libri scoperti a bordo venivano portati alla Biblioteca, dove si decideva se restituirli o sostituirli con una copia.

    Ancora oggi non si sa quanti libri siano entrati a far parte della Biblioteca di Alessandria. Secondo alcune stime dell'epoca, la collezione si aggirava intorno ai 500.000 volumi. Una leggenda dell'antichità sostiene che Marco Antonio regalò a Cleopatra VII 200.000 libri per la biblioteca, ma questa affermazione è stata contestata fin dall'antichità.

    Plutarco attribuisce la perdita della biblioteca a un incendio appiccato da Giulio Cesare durante l'assedio di Alessandria nel 48 a.C. Altre fonti suggeriscono che non fu la biblioteca, ma i magazzini vicino al porto, che conservavano manoscritti, a essere distrutti dall'incendio di Cesare.

    Guarda anche: In che modo Bach ha influenzato la musica?

    Il faro di Alessandria

    Una delle sette meraviglie del mondo antico, il favoloso Faro di Pharos di Alessandria fu una meraviglia tecnologica e costruttiva e il suo progetto servì da prototipo per tutti i fari successivi. Si ritiene che sia stato commissionato da Tolomeo I Soter e che Sostrato di Cnido ne abbia curato la costruzione. Il Faro di Pharos fu completato durante il regno del figlio di Tolomeo II Soter, attorno al 1850.280 A.C.

    Il faro fu eretto sull'isola di Pharos, nel porto di Alessandria, e le fonti antiche affermano che si innalzava per 110 metri (350 piedi) nel cielo. All'epoca, l'unica struttura artificiale più alta era la grande piramide di Giza. I modelli e le immagini degli antichi documenti indicano che il faro fu costruito in tre fasi, ognuna leggermente inclinata verso l'interno. La fase più bassa era quadrata, quella successiva ottagonale, mentre la fase successiva era a forma di stella.Un'ampia scala a chiocciola conduceva i visitatori all'interno del faro, fino alla sua sommità, dove di notte veniva acceso un fuoco.

    Si ritiene che nel 796 a.C. la torre superiore fosse già crollata e che un terremoto catastrofico abbia distrutto i resti del faro verso la fine del XIV secolo.

    Le testimonianze rimaste indicano che il faro comprendeva un immenso fuoco aperto e uno specchio che rifletteva la luce del fuoco per guidare le navi in porto. Queste antiche testimonianze menzionano anche una statua o una coppia di statue posizionate in cima al faro. Egittologi e ingegneri ipotizzano che gli effetti prolungati dell'incendio possano aver indebolito la struttura superiore del faro, causandone la rottura.Il Faro di Alessandria è rimasto in piedi per 17 secoli.

    Oggi, i resti del faro di Pharos giacciono sommersi, vicino a Fort Qait Bey. Gli scavi subacquei del porto hanno rivelato che i Tolomei trasportarono obelischi e statue da Eliopoli e li posizionarono intorno al faro per dimostrare il loro controllo sull'Egitto. Gli archeologi subacquei hanno scoperto statue colossali di una coppia tolemaica vestita da divinità egizie.

    Alessandria d'Egitto sotto il dominio romano

    Le fortune di Alessandria aumentarono e diminuirono in base al successo strategico della dinastia tolemaica. Dopo aver avuto un figlio da Cesare, Cleopatra VII si schierò con il successore Marco Antonio dopo l'assassinio di Cesare nel 44 a.C. Questa alleanza portò stabilità ad Alessandria, che divenne la base operativa di Antonio nei tredici anni successivi.

    Tuttavia, dopo la vittoria di Ottaviano su Antonio nel 31 a.C. nella battaglia di Azio, passò meno di un anno prima che sia Antonio che Cleopatra VII morissero suicidandosi. La morte di Cleopatra pose fine ai 300 anni di regno della dinastia tolemaica e Roma annesse l'Egitto come provincia.

    Dopo la fine della guerra civile romana, Augusto cercò di consolidare il suo potere nelle province di Roma e restaurò gran parte di Alessandria. Nel 115 d.C. la guerra di Kitos lasciò gran parte di Alessandria in rovina. L'imperatore Adriano la fece riportare al suo antico splendore. Vent'anni dopo, nel 132 d.C., fu completata ad Alessandria la traduzione greca della Bibbia, la Septuaginta, che prese posto nella grande biblioteca,che ancora oggi attira studiosi dal mondo conosciuto.

    Gli studiosi di religione continuarono a visitare la biblioteca per le loro ricerche. Lo status di Alessandria come centro di apprendimento aveva da tempo attirato aderenti a diverse fedi. Queste fazioni religiose si contendevano il dominio della città. Durante il regno di Augusto emersero dispute tra pagani ed ebrei. La crescente popolarità del cristianesimo in tutto l'Impero Romano aumentò le tensioni pubbliche. In seguito all'imperatoreCon la proclamazione da parte di Costantino, nel 313 d.C., dell'Editto di Milano che prometteva la tolleranza religiosa, i cristiani non furono più perseguiti e iniziarono a non agitarsi per ottenere maggiori diritti religiosi, attaccando al contempo la popolazione pagana ed ebraica di Alessandria.

    Il declino di Alessandria

    Alessandria, un tempo prospera città del sapere e dell'apprendimento, si trovò in una situazione di tensione religiosa tra la nuova fede cristiana e la vecchia fede della maggioranza pagana. Teodosio I (347-395 d.C.) mise fuori legge il paganesimo e appoggiò il cristianesimo. Il patriarca cristiano Teofilo fece distruggere o convertire in chiese tutti i templi pagani di Alessandria nel 391 d.C..

    Intorno al 415 d.C. Alessandria sprofondò in continue lotte religiose che portarono, secondo alcuni storici, alla distruzione del tempio di Serapide e all'incendio della grande biblioteca. A seguito di questi eventi, Alessandria declinò precipitosamente dopo questa data, quando filosofi, studiosi, artisti, scienziati e ingegneri iniziarono a lasciare Alessandria per destinazioni meno turbolente.

    In seguito a questa discordia, Alessandria si impoverì culturalmente e finanziariamente, rendendosi vulnerabile. Il cristianesimo, sia l'uno che l'altro, divenne sempre più un campo di battaglia per le fedi in guerra.

    Nel 619 d.C. i Persiani sassanidi conquistarono la città, per poi essere liberati dall'Impero bizantino nel 628 d.C. Tuttavia, nel 641 d.C. i musulmani arabi guidati dal califfo Umar invasero l'Egitto, conquistando infine Alessandria nel 646 d.C. Nel 1323 d.C. la maggior parte dell'Alessandria tolemaica era scomparsa. Successivi terremoti decimarono il porto e distrussero il suo iconico faro.

    Riflettere sul passato

    Al suo apice, Alessandria era una città fiorente e prospera che attirava filosofi e pensatori di spicco dal mondo conosciuto, prima di perire sotto l'impatto di lotte religiose ed economiche esacerbate da disastri naturali. Nel 1994 d.C. l'antica Alessandria cominciò a riemergere: statue, reliquie ed edifici furono scoperti sommersi nel suo porto.

    Immagine di testa per gentile concessione: ASaber91 [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.