Beethoven è nato sordo?

Beethoven è nato sordo?
David Meyer

Nel maggio del 1824, alla prima della Nona Sinfonia di Beethoven, il pubblico scoppiò in un applauso estasiato, ma poiché Beethoven era allora quasi totalmente sordo, dovette girarsi per vedere il pubblico acclamante.

Le opere di Ludwig Van Beethoven sono indubbiamente tra le più eseguite nel repertorio della musica classica, dal periodo classico fino al passaggio all'epoca romantica. Ha composto ed eseguito sonate per pianoforte di estrema difficoltà tecnica.

Beethoven è nato sordo? No, non è nato sordo.

Inoltre, contrariamente a quanto si crede, non era completamente sordo: riusciva ancora a sentire i suoni dall'orecchio sinistro fino a poco prima della sua morte, avvenuta nel 1827.

Indice dei contenuti

    A che età è diventato sordo?

    Beethoven scrisse una lettera all'amico Franz Wegeler nel 1801, la prima prova documentata a sostegno del 1798 (età 28 anni) come anno in cui iniziò ad avvertire i primi sintomi di problemi di udito.

    Dipinto di Ludwig Van Beethoven di Joseph Karl Stieler realizzato nel 1820

    Karl Joseph Stieler, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Fino a quel momento, il giovane Beethoven si aspettava una carriera di successo. Il suo problema di udito colpì inizialmente soprattutto l'orecchio sinistro e iniziò a sentire ronzii e fischi nelle orecchie.

    Nella sua lettera, Beethoven scrive che da lontano non riusciva a sentire le voci dei cantanti e gli acuti degli strumenti; doveva avvicinarsi molto all'orchestra per capire gli esecutori.

    Egli dice anche che, mentre riusciva ancora a sentire i suoni quando le persone parlavano a bassa voce, non riusciva a sentire le parole; ma non poteva sopportare che qualcuno gridasse. [1]

    A causa del continuo declino dell'udito, all'età di 46 anni, nel 1816, si ritiene che Beethoven fosse diventato completamente sordo, anche se si dice che negli ultimi anni riuscisse ancora a distinguere i toni bassi e i suoni forti e improvvisi.

    Cosa ha causato la perdita dell'udito?

    La causa della perdita dell'udito di Beethoven è stata attribuita a diversi motivi negli ultimi 200 anni.

    Dalla febbre tifoidea, al lupus, all'avvelenamento da metalli pesanti, alla sifilide terziaria, al morbo di Paget e alla sarcoidosi, soffrì di molteplici disturbi e malattie, come molti uomini della fine del XVIII e dell'inizio del XIX secolo [2].

    Beethoven ha raccontato di aver avuto un attacco d'ira nel 1798, quando è stato interrotto al lavoro. Quando si è alzato con rabbia dal pianoforte per aprire la porta in tutta fretta, la sua gamba si è incastrata, facendolo cadere a faccia in giù sul pavimento. Anche se questo non è stato la causa della sua sordità, ha innescato la perdita graduale e continua dell'udito. [4]

    Poiché soffriva di diarrea e di dolori addominali cronici (forse a causa di un disturbo infiammatorio intestinale), attribuiva ai suoi problemi gastrointestinali la responsabilità della sordità.

    Dopo la sua morte, l'autopsia ha rivelato che aveva un orecchio interno dilatato, con lesioni che si erano sviluppate nel tempo.

    Trattamenti ricercati per la sordità

    Poiché Beethoven soffriva di disturbi allo stomaco, la prima persona che consultò, Johann Frank, un professore di medicina locale, ritenne che i suoi problemi addominali fossero la causa della perdita dell'udito.

    Quando i rimedi erboristici non riuscirono a migliorare il suo udito o le sue condizioni addominali, fece dei bagni tiepidi nelle acque del Danubio, su consiglio di un ex chirurgo militare tedesco, Gerhard von Vering. [3]

    Sebbene abbia dichiarato di aver iniziato a sentirsi meglio e più forte, ha menzionato che le sue orecchie ronzavano costantemente per tutto il giorno. Alcuni dei bizzarri e sgradevoli trattamenti prevedevano anche di legare cortecce bagnate alle ascelle finché non si seccavano e producevano vesciche, impedendogli di suonare il pianoforte per due settimane.

    Dopo il 1822, non si curò più per l'udito, ma ricorse a diversi apparecchi acustici, come speciali trombe acustiche.

    La passeggiata di Beethoven nella natura, di Julius Schmid

    Julius Schmid, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    La carriera di Beethoven dopo la scoperta dell'ipoacusia

    Intorno al 1802, Beethoven si trasferì nella piccola città di Heiligenstadt e si disperò per la perdita dell'udito, contemplando persino il suicidio.

    Tuttavia, c'è stato un punto di svolta nella sua vita, quando alla fine ha accettato il fatto che il suo udito non sarebbe migliorato, tanto che in uno dei suoi schizzi musicali ha scritto: "Che la tua sordità non sia più un segreto, nemmeno nell'arte" [4].

    Guarda anche: I 20 principali dei e dee del fuoco nel corso della storia Dipinto di Ludwig van Beethoven nella Biblioteca pubblica di Boston

    L. Prang & Co. (editore), dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Beethoven iniziò con il suo nuovo modo di comporre; questa fase vide le sue composizioni riflettere idee extra-musicali di eroismo. Fu definito il periodo eroico, e mentre continuava a comporre musica, era sempre più difficile suonare ai concerti (che erano una delle sue principali fonti di reddito).

    Carl Czerny, uno degli studenti di Beethoven tra il 1801 e il 1803, ha dichiarato di essere riuscito a sentire normalmente la musica e il parlato fino al 1812.

    Tra le sue opere del periodo eroico si annoverano l'unica opera Fidelio, la Sonata al chiaro di luna e sei sinfonie. Solo verso la fine della sua vita le note alte tornarono a far parte delle sue composizioni, il che suggerisce che egli stesse plasmando il suo lavoro attraverso la sua immaginazione.

    Mentre Beethoven continuava a esibirsi, sbatteva così forte sui pianoforti per riuscire a sentire le note che finiva per distruggerli. Beethoven insistette per dirigere la sua ultima opera, la magistrale Nona Sinfonia.

    Dalla Prima Sinfonia del 1800, la sua prima opera orchestrale di rilievo, fino all'ultima Nona Sinfonia del 1824, nonostante i numerosi problemi fisici fu in grado di creare un'opera di grande impatto.

    Conclusione

    Pur cercando di venire a patti con la sua progressiva perdita dell'udito, questo non ha impedito a Beethoven di comporre musica.

    Beethoven continuò a scrivere musica fino agli ultimi anni della sua vita, ma è probabile che non abbia mai sentito suonare una sola nota del suo capolavoro, l'ultima Sinfonia n. 9 in re minore [5].

    Guarda anche: Perché Atene perse la guerra del Peloponneso?

    Come innovatore della forma musicale, avendo ampliato la portata dei quartetti d'archi, del concerto per pianoforte, della sinfonia e della sonata per pianoforte, è un peccato che abbia dovuto subire un destino così duro. Tuttavia, la musica di Beethoven continua a essere presente anche nelle composizioni moderne.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.