Che aspetto aveva Attila l'Unno?

Che aspetto aveva Attila l'Unno?
David Meyer

Conosciuto anche come Attila il flagello di Dio e il saccheggiatore di città, Attila l'Unno nacque all'inizio del V secolo d.C., a nord del fiume Danubio.

Durante il suo regno, l'impero unno si estendeva dall'Asia centrale all'odierna Francia.

Sebbene non si conosca l'aspetto esatto di Attila l'Unno, poiché non esistono descrizioni o immagini contemporanee, alcuni storici ne hanno descritto l'aspetto. Secondo Prisco, che incontrò Attila, il re unno era di bassa statura.

Parliamo ancora dell'aspetto di Attila l'Unno.

Indice dei contenuti

    Aspetto: come appariva?

    Esistono alcuni riferimenti ad Attila nei testi antichi, ma sono in gran parte basati sulla leggenda e sul folklore piuttosto che su fatti storici.

    Attila in un museo in Ungheria.

    A.Berger, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Alcune fonti lo descrivono basso e tozzo, con una grande testa e un naso piatto, mentre altre lo ritraggono alto e muscoloso, con una lunga barba e occhi penetranti. È possibile che queste descrizioni siano più il prodotto dell'immaginazione degli scrittori successivi che non una rappresentazione accurata dell'aspetto reale di Attila.

    Tuttavia, c'è un personaggio storico, Prisco, che ha descritto dettagliatamente l'aspetto del re unno: si tratta di uno scrittore romano che ebbe modo di incontrare Attila, insieme ad ambasciatori romani, durante una missione diplomatica [1].

    Prisco dice che Attila aveva una testa grande e un torace ampio, ma era basso di statura. Lo scrittore afferma anche che aveva occhi piccoli ma selvaggi, un naso piatto, una barba sottile cosparsa di grigio e una carnagione scura [2]. Aveva un carisma che si dice abbia inquietato le persone che gli stavano vicino.

    Prisco ha anche osservato che aveva il volto di pietra e silenzioso mentre era seduto a tavola, anche quando gli altri intorno a lui ridevano. Scrive anche che il re unno usava una coppa di legno mentre gli altri usavano calici d'argento e d'oro e mangiava solo carne posta su un trincetto di legno.

    Breve storia

    Attila era un leader militare istruito e molto abile, noto per il suo pensiero strategico e le sue capacità diplomatiche.

    Riuscì a riunire con successo le varie tribù degli Unni sotto la sua guida e usò la sua abilità militare per conquistare e saccheggiare gran parte dell'Europa.

    Nonostante la sua fama di conquistatore spietato, era un politico esperto che utilizzava la negoziazione e la diplomazia a suo vantaggio.

    Educazione e personalità

    Attila nacque in una famiglia molto rispettata e potente. Durante la pubertà, insieme al fratello Bleda, vide lo zio (Rugila) governare l'Impero unno [3]. Entrambi i fratelli ricevettero un'istruzione approfondita in varie materie, tra cui tattica militare, diplomazia e equitazione.

    Inoltre parlavano correntemente diverse lingue, tra cui il gotico e il latino [4], che sarebbero state importanti per la comunicazione e la negoziazione con altri leader e imperi.

    Ciò suggerisce che Attila non era lo stereotipato leader "barbaro" spesso rappresentato nella cultura popolare, ma piuttosto un leader sofisticato e intelligente che sapeva come muoversi nel complesso panorama politico del suo tempo.

    Ascesa al potere

    Nel 434 d.C., lo zio di Attila, re degli Unni, morì ed entrambi i fratelli presero il controllo dell'impero unno. Subito dopo, Attila negoziò un trattato con l'imperatore Teodosio II dell'Impero Romano d'Oriente, che accettò di pagare 700 libbre d'oro per mantenere la pace.

    Dopo qualche anno, però, Attila iniziò ad attaccare con le sue forze il territorio romano orientale, sostenendo che l'imperatore aveva violato il trattato. Di conseguenza, l'imperatore Teodosio II rinegoziò il trattato nel 443 d.C. e accettò di pagare 2.100 libbre d'oro all'anno [5].

    Mappa che mostra l'estensione dell'impero di Attila.

    Slovenski Volk, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Attila uccide suo fratello

    Attila ritirò le sue forze e tornò nella Grande Pianura Ungherese, insieme al fratello, nel 443 d.C., quando fu concluso il trattato di pace.

    Guarda anche: Le antiche piramidi egizie

    Poiché voleva diventare l'unico sovrano dell'Impero unno, iniziò a complottare per assassinare il fratello. Nel 445 d.C. uccise con successo il fratello Bleda e iniziò a governare gli Unni come autocrate [6].

    Invasione della Gallia

    Nel 450 d.C., Attila ricevette una lettera e un anello da Onoria, sorella di Valentiniano III, imperatore dell'Impero Romano d'Occidente [7]. Onoria chiese al re unno di aiutarla, poiché era stata costretta dal fratello a sposare un aristocratico romano.

    La vera intenzione di Onoria di inviare un anello è ancora controversa, ma Attila scelse di interpretarla come una proposta di matrimonio e chiese in dote metà dell'impero occidentale.

    In seguito, però, Onoria affermò che non si trattava di una proposta di matrimonio quando suo fratello, Valentiniano III, scoprì che la sorella stava tramando contro di lui.

    L'imperatore scrisse al re unno e negò strenuamente la legittimità della proposta. Ma Attila non si diede per vinto e condusse due campagne militari per Onoria, ma tutto fu vano perché lei si sposò con l'aristocratico romano voluto dal fratello.

    La morte di Attila

    Attila aveva diverse mogli e nel 453 d.C. decise di prenderne un'altra di nome Ildico. La cerimonia di nozze si svolse nel palazzo del re, dove si bevve e si banchettò fino a tarda notte.

    Morte di Attila

    Ferenc Paczka, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Guarda anche: Re Thutmose III: lignaggio della famiglia, realizzazioni e regno

    Il mattino seguente, le forze unne si preoccuparono perché il loro re non si presentava. Dopo qualche tempo, le guardie di Attila fecero irruzione nella sua camera e trovarono il corpo morto del loro re, insieme alla sposa piangente.

    Un'arteria si era bruscamente rotta e, poiché il re unno giaceva in posizione supina, fu soffocato da un flusso del suo stesso sangue che rigurgitò nei polmoni e nello stomaco invece di passare attraverso il naso [8].

    Alcuni ritengono che la sua nuova moglie abbia avuto un ruolo nella sua morte, mentre altri hanno detto che si è trattato di un incidente dovuto al consumo di alcolici.

    Parole finali

    Poiché non esistono raffigurazioni o descrizioni contemporanee di Attila, è difficile dire con esattezza quale fosse il suo aspetto, ma secondo le testimonianze storiche che abbiamo, era di bassa statura e aveva una testa grande e un torace ampio.

    Fu un re impavido, intelligente, talentuoso e formidabile, che giocò un ruolo significativo nel plasmare la storia dell'Europa durante la sua vita.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.