Chi era Cleopatra VII? Famiglia, relazioni & eredità

Chi era Cleopatra VII? Famiglia, relazioni & eredità
David Meyer

Cleopatra VII (69-30 a.C.) ebbe la sfortuna di salire al trono in un momento in cui la ricchezza e la potenza militare dell'Egitto erano in declino e l'Impero romano, aggressivo e assertivo, si stava espandendo. La leggendaria regina soffrì anche della tendenza della storia a definire le potenti donne regnanti in base agli uomini della loro vita.

Guarda anche: I sacerdoti nel Medioevo

Cleopatra VII fu l'ultima sovrana dell'Egitto nella sua lunga storia prima di essere annessa da Roma come provincia africana.

Cleopatra è indubbiamente famosa per la sua tumultuosa relazione e poi il matrimonio con Marco Antonio (83-30 a.C.), generale e statista romano. Cleopatra ebbe anche una precedente relazione con Giulio Cesare (100-44 a.C. circa).

Il legame di Cleopatra VII con Marco Antonio la spinse a uno scontro inevitabile con l'ambizioso Cesare Ottaviano, noto più tardi come Cesare Augusto (27 a.C.-14 d.C.). In questo articolo scopriremo chi era esattamente Cleopatra VII.

Indice dei contenuti

    Fatti su Cleopatra VII

    • Cleopatra VII, l'ultimo faraone tolemaico d'Egitto
    • Ufficialmente Cleopatra VII regnava con un coreggente
    • Nacque nel 69 a.C. e con la sua morte, avvenuta il 12 agosto 30 a.C., l'Egitto divenne una provincia dell'Impero romano.
    • Figlio di Cleopatra VII con Giulio Cesare, Cesarione fu assassinato prima di poterle succedere sul trono d'Egitto.
    • I faraoni tolemaici erano di origine greca piuttosto che egiziana e governarono l'Egitto per più di trecento anni.
    • Conoscendo diverse lingue, Cleopatra sfruttò il suo notevole fascino per diventare la più efficace e potente tra i faraoni tolemaici dell'Egitto prima dell'incontro con Roma.
    • Cleopatra VII fu rovesciata da Potino, suo principale consigliere insieme a Teodoto di Chio, e dal suo generale Achille nel 48 a.C. prima di essere restaurata da Giulio Cesare.
    • Grazie alle sue relazioni con Cesare e poi con Marco Antonio, Cleopatra VII si assicurò l'Impero Romano come alleato temporaneo durante un periodo turbolento.
    • Il governo di Cleopatra VII terminò dopo che Marco Antonio e le forze egiziane furono sconfitte da Ottaviano nella battaglia di Azio del 31 a.C. Marco Antonio si suicidò e Cleopatra si tolse la vita con un morso di serpente piuttosto che essere portata in giro per Roma in catene come prigioniera di Ottaviano.

    La discendenza di Cleopatra VII

    Alessandro Magno fonda Alessandria

    Placido Costanzi (italiano, 1702-1759) / Pubblico dominio

    Sebbene Cleopatra VII sia stata probabilmente la regina più famosa d'Egitto, Cleopatra stessa discendeva dalla dinastia greca dei Tolomei (323-30 a.C.), che governò l'Egitto dopo la morte di Alessandro Magno (356-323 a.C. circa).

    Alessandro Magno era un generale greco della regione macedone e morì nel giugno del 323 a.C. Le sue vaste conquiste furono divise tra i suoi generali. Uno dei generali macedoni di Alessandro, Soter (323-282 a.C.), salì al trono d'Egitto con il nome di Tolomeo I, fondando la dinastia tolemaica dell'antico Egitto. Questa linea tolemaica, con la sua eredità etnica macedone-greca, governò l'Egitto per quasi trecento anni.

    Nata nel 69 a.C., Cleopatra VII Filopatore regnò inizialmente in coppia con il padre, Tolomeo XII Aulete. Il padre di Cleopatra morì quando lei aveva diciotto anni, lasciandola sola sul trono. Poiché la tradizione egizia richiedeva un partner maschile sul trono accanto a una donna, il fratello di Cleopatra, l'allora dodicenne Tolomeo XIII, fu sposato a lei con molte cerimonie come suo co-reggente, in linea con gli auspici.Cleopatra cancellò presto ogni riferimento a lui dai documenti governativi e governò a pieno titolo.

    I Tolomei si crogiolarono nella loro discendenza macedone-greca e regnarono in Egitto per quasi trecento anni senza degnarsi di imparare la lingua egiziana o di abbracciarne appieno i costumi. Alessandro Magno aveva fondato il porto di Alessandria sulle rive del Mediterraneo come nuova capitale dell'Egitto nel 331 a.C. I Tolomei si isolarono ad Alessandria, che era a tutti gli effetti una città greca.Non esistevano matrimoni con estranei o con nativi egiziani, il fratello sposava la sorella o lo zio la nipote per mantenere l'integrità della stirpe reale.

    Cleopatra, tuttavia, dimostrò fin da giovane la sua abilità nelle lingue, con un'affascinante padronanza dell'egiziano e del greco, oltre che di diverse altre lingue. Grazie alle sue conoscenze linguistiche, Cleopatra fu in grado di comunicare prontamente con i diplomatici in visita senza ricorrere a un traduttore. Cleopatra sembra aver continuato il suo stile autosufficiente dopo la morte del padre eraramente si è consultata su questioni di Stato con il suo consiglio di consiglieri.

    L'inclinazione di Cleopatra a prendere decisioni da sola e ad agire di propria iniziativa senza chiedere il parere dei membri più anziani della sua corte sembra aver offeso alcuni dei suoi funzionari di alto rango. Ciò portò al suo rovesciamento da parte di Potino, il suo principale consigliere, insieme a Teodoto di Chio e al suo generale Achille, nel 48 a.C. I complottisti insediarono suo fratello Tolomeo XIII al suo posto.In seguito, Cleopatra e Arsinoe, la sua sorellastra, si rifugiarono in Tebaide per mettersi al sicuro.

    Pompeo, Cesare e lo scontro con Roma

    Statua in marmo di Giulio Cesare

    Immagine per gentile concessione: pexels.com

    In questo periodo Giulio Cesare sconfisse nella battaglia di Farsalo Pompeo Magno, un illustre politico e generale romano che aveva trascorso molto tempo in Egitto durante le sue campagne militari e che era stato il tutore dei figli del giovane Tolomeo.

    Pensando che i suoi amici lo avrebbero accolto, Pompeo fuggì da Farsalo e si recò in Egitto. L'esercito di Cesare era più piccolo di quello di Pompeo e si pensava che la sorprendente vittoria di Cesare indicasse che gli dei favorivano Cesare rispetto a Pompeo. Il consigliere di Tolomeo XIII, Potino, convinse il giovane Tolomeo XIII a schierarsi con il futuro sovrano di Roma piuttosto che con il suo passato. Così, piuttosto che trovare rifugio inIn Egitto, Pompeo fu assassinato mentre sbarcava ad Alessandria, sotto l'occhio vigile di Tolomeo XIII.

    All'arrivo di Cesare e delle sue legioni in Egitto, le cronache contemporanee raccontano che Cesare si indignò per l'assassinio di Pompeo. Dichiarando la legge marziale, Cesare stabilì il suo quartier generale nel palazzo reale. Tolomeo XIII e la sua corte fuggirono quindi a Pelusio, ma Cesare lo fece prontamente tornare ad Alessandria.

    Rimasta in esilio, Cleopatra capì di aver bisogno di una nuova strategia per trovare un accordo con Cesare e le sue legioni ad Alessandria. Riconoscendo che il suo ritorno al potere passava attraverso Cesare, la leggenda narra che Cleopatra fu arrotolata in un tappeto e trasportata attraverso le linee nemiche. Raggiunto il palazzo reale, il tappeto fu debitamente presentato a Cesare, apparentemente come un regalo per il generale romano. Lei eQuando la mattina seguente Tolomeo XIII arrivò a palazzo per l'udienza con Cesare, Cleopatra e Cesare erano già diventati amanti, con grande disappunto di Tolomeo XIII.

    La relazione di Cleopatra con Giulio Cesare

    Di fronte alla nuova alleanza di Cleopatra con Cesare, Tolomeo XIII commise un grave errore. Sostenuto da Achille, il suo generale, Tolomeo XIII scelse di far valere la sua pretesa al trono egiziano con la forza delle armi. La guerra scoppiò tra le legioni di Cesare e l'esercito egiziano ad Alessandria. Arsinoe, sorellastra di Cleopatra, tornata con lei, fuggì dal palazzo di Alessandria per raggiungere l'accampamento di Achille. Lì ebbe un'altra occasione per fare un passo indietro.L'esercito di Tolomeo XIII assediò Cesare e Cleopatra nel complesso del palazzo reale per sei lunghi mesi, finché alla fine arrivarono i rinforzi romani e sfondarono l'esercito egiziano.

    Tolomeo XIII tentò di fuggire dopo la battaglia, ma annegò nel Nilo. Gli altri capi del colpo di stato contro Cleopatra morirono nella battaglia o durante le sue conseguenze. La sorella di Cleopatra, Arsinoe, fu catturata e inviata a Roma. Cesare le risparmiò la vita e la esiliò a Efeso, dove visse i suoi giorni nel Tempio di Artemide. Nel 41 a.C. Marco Antonio ordinò che fosse giustiziata nel tempio di Artemide.sollecitazione di Cleopatra.

    Dopo la vittoria su Tolomeo XIII, Cleopatra e Cesare intrapresero un tour trionfale in Egitto, consolidando il regno di Cleopatra come faraone d'Egitto. Nel giugno del 47 a.C. Cleopatra diede alla luce un figlio, Tolomeo Cesare, poi Cesarione, e lo consacrò come suo erede.

    Cesare si imbarcò per Roma nel 46 a.C. e portò con sé Cleopatra, Cesarione e il suo seguito. Cesare riconobbe formalmente Cesarione come suo figlio e Cleopatra come sua consorte. Poiché Cesare era sposato con Calpurnia e i Romani applicavano leggi severe che proibivano la bigamia, molti senatori e membri dell'opinione pubblica erano insoddisfatti delle disposizioni domestiche di Cesare.

    La relazione di Cleopatra con Marco Antonio

    L'incontro tra Antonio e Cleopatra

    Lawrence Alma-Tadema / Pubblico dominio

    Nel 44 a.C. Cesare viene assassinato. Temendo per la propria vita, Cleopatra fugge da Roma con Cesarione e si imbarca per Alessandria d'Egitto. L'alleato di Cesare, Marco Antonio, si unisce al suo vecchio amico Lepido e al nipote Ottaviano per inseguire e infine sconfiggere gli ultimi cospiratori dell'assassinio di Cesare. Dopo la battaglia di Filippi, in cui le forze di Antonio e Ottaviano sconfiggono gli eserciti di Bruto e Cassio,L'Impero romano fu diviso tra Antonio e Ottaviano: Ottaviano deteneva le province occidentali di Roma, mentre Antonio fu nominato sovrano delle province orientali, che comprendevano l'Egitto.

    Antonio convocò Cleopatra a Tarso nel 41 a.C. per rispondere alle accuse di aver aiutato Cassio e Bruto. Cleopatra ritardò la convocazione di Antonio e poi ritardò il suo arrivo. Queste azioni affermarono il suo status di regina d'Egitto e dimostrarono che sarebbe arrivata con i suoi tempi e a sua scelta.

    Nonostante l'Egitto fosse sull'orlo del collasso economico, Cleopatra si presentò avvolta nella sua regalia di capo di uno Stato sovrano. Cleopatra si presentò ad Antonio vestita come Afrodite in tutta la sua lussuosa eleganza sulla sua chiatta reale.

    Plutarco ci fornisce un resoconto del loro incontro. Cleopatra navigava lungo il fiume Cydnus sulla sua chiatta reale. La poppa della chiatta era ornata d'oro, mentre si diceva che le sue vele fossero tinte di porpora, un colore che denotava la regalità e che era estremamente costoso da acquistare. I remi d'argento spingevano la chiatta al ritmo di pifferi, arpe e flauti. Cleopatra si sdraiava languidamente sotto un baldacchino diLe sue ancelle erano vestite da Grazie e Ninfe del mare, alcune guidavano il timone, altre lavoravano alle corde della chiatta. Delicati profumi si diffondevano tra la folla in attesa su entrambe le sponde. Si diffuse rapidamente la notizia dell'imminente arrivo di Venere per banchettare con il Bacco romano.

    Marco Antonio e Cleopatra divennero subito amanti e rimasero insieme per il decennio successivo. Cleopatra avrebbe avuto tre figli, mentre Antonio pare che considerasse Cleopatra sua moglie, anche se era legalmente sposato, inizialmente con Fulvia, seguita da Ottavia, sorella di Ottaviano. Antonio divorziò da Ottavia e sposò Cleopatra.

    La guerra civile romana e la tragica morte di Cleopatra

    Nel corso degli anni, i rapporti tra Antonio e Ottaviano si deteriorarono sempre di più, fino allo scoppio della guerra civile. L'esercito di Ottaviano sconfisse decisamente Cleopatra e le forze di Antonio nella battaglia di Azio del 31 a.C. Un anno dopo, entrambi si suicidarono: Antonio si pugnalò e poi morì tra le braccia di Cleopatra.

    Ottaviano espose quindi le sue condizioni a Cleopatra in un'udienza. Le conseguenze della sconfitta divennero chiare: Cleopatra sarebbe stata portata a Roma come prigioniera per accompagnare il corteo trionfale di Ottaviano attraverso Roma.

    Consapevole che Ottaviano era un avversario temibile, Cleopatra chiese del tempo per prepararsi a questo viaggio. Cleopatra si suicidò poi per il morso di un serpente. Secondo la tradizione, Cleopatra scelse un aspide, anche se gli studiosi contemporanei ritengono più probabile che si trattasse di un cobra egiziano.

    Guarda anche: I 30 più antichi simboli di forza e potere con i loro significati

    Ottaviano fece assassinare il figlio di Cleopatra, Cesarione, e portò i figli superstiti a Roma, dove li allevò la sorella Ottavia, ponendo fine al dominio dinastico tolemaico in Egitto.

    Bellezza o intelligenza e fascino

    Un'incisione che raffigura Cleopatra VII

    Élisabeth Sophie Chéron / Pubblico dominio

    Mentre i resoconti contemporanei su Cleopatra ritraggono la regina come una bellezza favolosa, le testimonianze giunte fino a noi dagli scrittori antichi esaltano costantemente il fascino e la rapida intelligenza di Cleopatra piuttosto che i suoi aspetti fisici.

    Scrittori come Plutarco raccontano che la sua bellezza non era mozzafiato, ma la sua personalità affascinava sia i potenti che gli umili cittadini. Il fascino di Cleopatra si è rivelato irresistibile in numerose occasioni, come hanno potuto testimoniare sia Cesare che Antonio, e la conversazione di Cleopatra ha messo in luce la sua vibrante forza di carattere. Quindi erano la sua intelligenza e i suoi modi piuttosto che il suo aspettoche ha affascinato gli altri e li ha fatti cadere nel suo incantesimo.

    Una regina incapace di invertire il declino storico dell'Egitto

    Gli studiosi hanno sottolineato che Cleopatra VII ha lasciato pochi contributi positivi al sistema economico, militare, politico e sociale dell'antico Egitto. L'antico Egitto stava attraversando un lungo periodo di graduale declino. L'aristocrazia tolemaica, insieme ai membri reali dell'antica società egizia, era fortemente influenzata dalla pervasiva cultura greca importata durante la conquista di Alessandro Magno.del Paese.

    Tuttavia, questi ultimi echi dell'influenza greca e macedone non dominavano più il mondo antico. Al suo posto, l'Impero Romano era emerso come forza dominante sia militarmente che economicamente. Non solo i Romani avevano conquistato l'antica Grecia, ma avevano anche spazzato via gran parte del Medio Oriente e dell'Africa settentrionale sotto il loro controllo quando Cleopatra VII fu incoronata regina d'Egitto. Cleopatra VII ha pienamentesi rese conto che il futuro dell'antico Egitto come Paese indipendente dipendeva dal modo in cui avrebbe gestito le relazioni dell'Egitto con Roma.

    Eredità

    Cleopatra ebbe la sfortuna di governare l'Egitto in un periodo di tumulti e conflitti. I suoi intrecci sentimentali hanno a lungo oscurato i suoi successi come ultimo faraone d'Egitto. Le sue due epiche storie d'amore hanno forgiato un'aura esotica il cui fascino continua ancora oggi. Nei secoli successivi alla sua morte, Cleopatra rimane la regina più famosa dell'antico Egitto. Film e programmi televisivi,libri, opere teatrali e siti web hanno esplorato la vita di Cleopatra, che è stata oggetto di opere d'arte nei secoli successivi fino ai giorni nostri. Anche se le origini di Cleopatra potrebbero essere macedoni-greche, piuttosto che egiziane, Cleopatra è arrivata a incarnare la sontuosità dell'antico Egitto nel nostro immaginario molto più di qualsiasi altro faraone egiziano precedente, tranne forse l'enigmaticoRe Tutankhamon.

    Riflettere sul passato

    La caduta di Cleopatra e il suo eventuale suicidio furono il risultato di un disastroso errore di valutazione nelle sue relazioni personali o l'ascesa di Roma condannò inevitabilmente l'indipendenza sua e dell'Egitto?

    Immagine di testa per gentile concessione: [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.