Chi ha inventato le mutandine: una storia completa

Chi ha inventato le mutandine: una storia completa
David Meyer

Nel corso degli anni, le mutandine si sono evolute da semplici isolanti alle mutandine comode, aderenti e a volte perfino sformate che conosciamo oggi. Ma come siamo arrivati a questo punto? Chi ha inventato le mutandine?

La risposta breve è: molte persone, dai primi egizi alla stessa Amelia Bloomer. Poiché gli abiti si disintegrano nel tempo, è un po' difficile risalire alle loro esatte origini.

Non preoccupatevi: ho fatto molte ricerche su questo particolare capo d'abbigliamento per raccontarvi i fatti. Facciamo un viaggio nella memoria!

>

I primi usi delle mutandine

Le mutande, le mutandine, gli indumenti intimi, i bloomers o semplicemente le mutandine hanno una storia piuttosto lunga. Anche se non esiste una documentazione esatta su chi le abbia utilizzate per primo, sono state trovate diverse civiltà primitive che utilizzavano un'iterazione delle mutandine.

Guarda anche: Il governo nell'Antico Egitto

In questi periodi, lo scopo delle mutandine - o degli indumenti intimi in generale - era quello di riscaldarsi durante la stagione fredda e di evitare che i fluidi corporei rovinassero i vestiti e gli abiti.

I primi Egizi

Un rendering di uomini Mohave che indossano un perizoma.

Balduin Möllhausen, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Uno dei primi usi registrati di indumenti intimi o biancheria intima si può far risalire al 4.400 a.C. in Egitto.

La civiltà di Badari fu tra le prime ad utilizzare capi di abbigliamento intimo che chiamarono perizomi (1).

Tuttavia, a causa delle rigide condizioni climatiche dell'Egitto, era difficile indossare altro che un perizoma, per questo motivo venivano utilizzati anche come indumenti esterni.

Guarda anche: I 15 principali simboli di nobiltà e i loro significati

Alcuni primi egizi indossavano anche un tessuto di lino sotto il perizoma di pelle, come si vede nelle opere d'arte dell'antico Egitto, per proteggersi dall'uso intenso. (2)

Antichi Romani

Le atlete indossano una combinazione di subligaculum e strophium (tessuto per il seno) simile a un bikini.

(Sicilia, circa 300 d.C.)

modifica di AlMare della fotografia scattata da Disdero, CC BY-SA 2.5, via Wikimedia Commons

Gli antichi romani usavano il cosiddetto subligaculum o subligar (3), fatto di lino o di cuoio, che veniva indossato con lo strophium o l'indumento per il seno, da cui il termine bikini di cuoio (4).

Il subligaculum e lo strophium erano solitamente indossati sotto le tuniche e le toghe romane. Indossare solo questi indumenti intimi significava comunemente appartenere a un gruppo sociale inferiore.

Donne medievali

Questa chemise o coprispalle degli anni Trenta del XIX secolo ha maniche lunghe fino al gomito e si indossa sotto un corsetto e una sottoveste.

Francesco Hayez, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Le donne medievali indossavano la cosiddetta "chemise" in Francia e il "shift" in Inghilterra. Si tratta di uno smock, una camicia lunga fino al ginocchio fatta di lino bianco pregiato che le donne indossavano sotto i loro abiti. (5)

Queste camicie non assomigliano molto alle mutandine che conosciamo oggi, ma erano l'unica forma di biancheria intima nell'Ottocento. (6)

Mutandine moderne

Ora che conosciamo la storia delle prime mutandine, passiamo alle mutandine dall'aspetto più moderno: avvicinandoci al XXI secolo, noterete che, oltre alla protezione e all'igiene, le mutandine servono anche a mantenere la modestia e il comfort.

Mutandine dell'inizio del XIX secolo

Nel 1908, il termine "mutandine" era ufficialmente utilizzato per indicare la biancheria intima specifica per le donne (7).

Vi siete mai chiesti perché di solito si dice "un paio di mutandine"? È perché all'inizio del XIX secolo erano disponibili in coppie vere e proprie: due gambe separate che venivano cucite insieme in vita o lasciate aperte. (8)

A questo punto, le mutandine - o cassettiere, come venivano chiamate - cominciarono ad allontanarsi dal semplice design di lino bianco con l'aggiunta di pizzi e fasce. La biancheria intima femminile cominciò ad avere un aspetto più distinto rispetto a quella maschile.

Amelia Bloomer e Bloomers

Disegno dell'abito da riforma di Amelia Bloomer, 1850

//www.kvinfo.dk/kilde.php?kilde=253, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Nel 1849, un'attivista per i diritti delle donne di nome Amelia Bloomer sviluppò una nuova forma di abbigliamento chiamata bloomers (9). Questi assomigliavano a versioni più femminili dei pantaloni larghi da uomo, ma con le caviglie più strette.

I bloomers divennero una famosa alternativa agli abiti del XIX secolo, che di solito non offrivano quasi nessun comfort alle donne e limitavano molto i loro movimenti.

Anche se assomigliano più a dei pantaloni da donna, appartengono al tipo di biancheria intima, poiché venivano ancora indossati sotto gli abiti corti. Questi bloomers sono serviti da apripista per lo sviluppo delle mutandine che conosciamo oggi.

Le mutande nel XX secolo

All'inizio degli anni Venti, le mutandine cominciarono a diventare sempre più corte e si iniziarono ad esplorare materiali diversi, come il nylon e la seta artificiale, invece del solito cotone.

La lunghezza delle mutandine continuò ad accorciarsi con l'avanzare degli anni '50. In questo periodo si cominciò a usare anche l'elastico in vita per le mutandine. (10)

Negli anni '60 si sono diffuse le mutandine con reggiseno abbinato, le mutandine in stile bikini e le mutandine usa e getta. (11)

Nel 1981 è stato introdotto il perizoma, che si è diffuso negli anni '90. Il perizoma è molto simile alle mutandine in stile bikini, ma con una parte posteriore stretta.

Le mutande che conosciamo oggi

Le mutandine che conosciamo oggi sono ancora disponibili in diverse forme, colori, dimensioni e stili. Lo sviluppo delle mutandine ci ha permesso di godere della miriade di stili in cui sono disponibili.

Nel corso del XXI secolo si è assistito anche a un aumento della popolarità di mutandine che assomigliavano molto agli slip da uomo, tipicamente caratterizzate da una fascia alta in vita che spuntava dalla parte superiore dei pantaloni.

Lingerie è un termine spesso usato per classificare gli indumenti intimi femminili con uno stile più lusinghiero. Lo stile della lingerie esiste da sempre, ma di solito era associato all'ipersessualizzazione delle donne.

Le donne hanno rilanciato questa tendenza e l'hanno rivendicata per sé, rendendo la lingerie un elemento di potere e di funzionalità. (12)

Il risultato finale

Il modo in cui le persone del nostro passato usavano le mutandine racconta la loro vita. La storia delle mutandine - anche se piuttosto nebulosa - ci mostra come l'abbigliamento si è sviluppato nel tempo e il ruolo che ha avuto nella società.

Tuttavia, gli indumenti, a differenza delle ossa e degli utensili, non si fossilizzano. Per questo motivo può essere difficile individuare con esattezza chi ha inventato le mutandine. Quello che possiamo fare è attribuirle alle civiltà e ai popoli che ci hanno preceduto.

Riferimenti:

  1. La civiltà badariana e i resti predinastici nei pressi di Badari. British School of Archaeology, Egitto (Libro)
  2. //interactive.archaeology.org/hierakonpolis/field/loincloth.html#:~:text=Tomb%20paintings%20in%20Egypt%2C%20at,Museum%20of%20Fine%20Arts%2C%20Boston.
  3. //web.archive.org/web/20101218131952///www.museumoflondon.org.uk/English/Collections/OnlineResources/Londinium/Lite/classifieds/bikini.htm
  4. //penelope.uchicago.edu/Thayer/E/Roman/Texts/secondary/SMIGRA*/Strophium.html
  5. //web.archive.org/web/20101015005248///www.larsdatter.com/smocks.htm
  6. //web.archive.org/web/20101227201649///larsdatter.com/18c/shifts.html
  7. //www.etymonline.com/word/panties
  8. //localhistories.org/una-storia-dell'intimo/#:~:text=Oggi%20diciamo%20ancora%20una,decorata%20con%20lacci%20e%20fasce.
  9. //archive.org/details/lifeandwritingso028876mbp
  10. //www.independent.co.uk/life-style/fashion/features/a-brief-history-of-pants-why-men-s-smalls-have-always-been-a-subject-of-concern-771772.html
  11. Biancheria intima: la storia della moda. Alison Carter. Londra (Libro)
  12. //audaces.com/it/lingerie-21st-century-and-the-path-to-diversity/



David Meyer
David Meyer
Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.