Cibo e bevande dell'Antico Egitto

Cibo e bevande dell'Antico Egitto
David Meyer

Quando pensiamo agli Antichi Egizi raramente ci fermiamo a pensare al loro cibo e alle loro bevande, eppure la loro dieta ci dice molto sulla loro società e civiltà.

Guarda anche: Architettura dell'antico Egitto

L'Egitto può essere una terra calda e arida con vaste distese di sabbia mutevole, ma le inondazioni annuali del fiume Nilo hanno creato la Valle del Nilo, una delle zone più fertili del mondo antico.

Sulle pareti e sui soffitti delle loro tombe, gli antichi Egizi ci hanno lasciato in eredità descrizioni esaurienti dei loro cibi, integrate da offerte di cibo per aiutare i proprietari delle tombe nell'aldilà. Le estese reti commerciali che collegavano l'antico Egitto alla Mesopotamia, all'Asia Minore e alla Siria portavano nuovi alimenti, mentre gli schiavi stranieri importati portavano con sé anche nuovi tipi di cibo, nuove ricette,e nuove tecniche di preparazione degli alimenti.

Le moderne analisi scientifiche del contenuto dei resti di cibo trovati in queste tombe, insieme al confronto tra gli atomi di carbonio e i denti prelevati dalle antiche mummie egiziane, ci hanno dato una buona indicazione di ciò che costituiva la loro dieta.

L'esame dei modelli di usura sui denti delle mummie fornisce indicatori sulla loro dieta. Molti sono appuntiti e consumati. L'appuntitura è dovuta alla presenza di particelle di sabbia fine nel cibo, mentre l'usura è attribuibile ai grani fini della pietra sparsi dai mortai, dai pestelli e dalle aie, che lasciavano frammenti minuti nella farina. I denti dei contadini e dei lavoratori mostrano un'usura molto maggiore rispetto ai dentiappartenenti alle classi più elevate, potevano permettersi un pane preparato con una farina macinata più finemente. Nella maggior parte delle mummie i denti non presentano carie, grazie all'assenza di zuccheri nell'alimentazione.

Le colture principali erano quelle del fango e del limo della Valle del Nilo e consistevano in grano e orzo. Il grano veniva macinato per ottenere il pane, uno dei principali prodotti di base consumato da ricchi e poveri.

Indice dei contenuti

    Fatti sul cibo e sulle bevande dell'Antico Egitto

    • Sappiamo molto dell'alimentazione nell'antico Egitto grazie alle numerose pitture sulle pareti e sui soffitti delle tombe che raffigurano il cibo e le occasioni di ristoro.
    • Le moderne analisi scientifiche dei resti alimentari rinvenuti in queste tombe ci hanno fornito una buona indicazione della loro dieta.
    • I panettieri erano soliti modellare la pasta di pane in varie figure, tra cui animali e uomini.
    • L'antica parola egizia che indicava il pane era la stessa che indicava la vita.

      Gli antichi Egizi soffrivano spesso di una grave erosione dei denti a causa del consumo di farina macinata con strumenti di pietra che lasciavano scaglie di pietra.

    • Le verdure di tutti i giorni comprendevano fagioli, carote, lattuga, spinaci, ravanelli, rape, cipolle, porri, aglio, lenticchie e ceci.
    • Meloni, zucche e cetrioli crescevano in abbondanza sulle rive del Nilo.
    • La frutta comunemente consumata era costituita da prugne, fichi, datteri, uva, persea, giuggiole e il frutto del sicomoro.

    Pane

    L'importanza del pane nella vita quotidiana degli antichi egizi è dimostrata dal fatto che la parola "pane" raddoppia la parola "vita". Nel Medio e Nuovo Regno, gli archeologi hanno scoperto prove della macinazione della farina con mortai e pestelli. Ne sono stati ritrovati a centinaia durante gli scavi archeologici. La farina più fine per i ricchi veniva macinata schiacciando il grano tra due pietre pesanti. Dopo la macinazione, il salee acqua sono stati aggiunti alla farina e l'impasto è stato lavorato a mano.

    La produzione di massa di pasta nelle cucine reali avveniva mettendo l'impasto in grandi barili e poi calpestandolo.

    Il forno di corte di Ramesse III. "Sono mostrate varie forme di pane, tra cui pagnotte a forma di animali". Immagine per gentile concessione di Pietro Isotalo [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    La pasta impastata veniva poi modellata in pani rotondi e piatti e cotta su pietre calde. Il pane lievitato con il lievito arrivò intorno al 1500 a.C.

    Nell'Antico Regno, i ricercatori hanno scoperto riferimenti a 15 forme di pane. Nel Nuovo Regno, il repertorio dei panettieri era aumentato a più di 40 tipi di pane. I ricchi mangiavano pane addolcito con miele, spezie e frutta. Il pane era disponibile in molte forme e dimensioni. Le offerte di pane al tempio erano spesso cosparse di cumino. Il pane usato nei rituali sacri o magici era modellato a forma di animale o di uomo.forma.

    Verdura e frutta

    Gli ortaggi dell'antico Egitto sarebbero stati familiari a noi oggi: forme di fagioli, carote, lattuga, spinaci, ravanelli, rape, cipolle, porri, aglio, lenticchie e ceci facevano parte della loro dieta quotidiana. Meloni, zucche e cetrioli crescevano in abbondanza sulle rive del Nilo.

    Guarda anche: La pizza è italiana o americana?

    Meno familiari a noi oggi sono i bulbi di loto e i rizomi di papiro, che facevano anch'essi parte della dieta egizia. Alcune verdure venivano essiccate al sole e conservate per l'inverno. Le verdure venivano trasformate in insalate e servite con condimenti a base di olio, aceto e sale.

    Bulbi di loto essiccati. Cortesia immagine: Sjschen [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    Tra i frutti più comuni vi erano le prugne, i fichi, i datteri, l'uva, la persea, le giuggiole e i frutti del sicomoro, mentre le noci di cocco erano un lusso prezioso.

    Mele, melograni, piselli e olive fecero la loro comparsa nel Nuovo Regno, mentre gli agrumi furono introdotti solo dopo l'epoca greco-romana.

    Carne

    La carne più diffusa era quella di bue selvatico, ma si mangiavano regolarmente anche capra, montone e antilope, mentre stambecco, gazzella e orice erano carni più esotiche. Le frattaglie, in particolare fegato e milza, erano molto apprezzate.

    Immagine per gentile concessione di Charles J Sharp [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

    Il pollame era ampiamente consumato dagli antichi egizi, in particolare le anatre e le oche domestiche. Le oche selvatiche, insieme a quaglie selvatiche, piccioni, gru e pellicani, venivano catturate in gran numero nelle paludi del Delta del Nilo. Alla fine dell'epoca romana i polli furono aggiunti alla dieta egiziana. Le uova erano abbondanti.

    Pesce

    I pesci facevano parte della dieta contadina e quelli che non si consumavano freschi venivano essiccati o salati. Tra le specie tipiche da tavola vi erano il cefalo, il pesce gatto, lo storione, la carpa, il barbi, la tilapia e l'anguilla.

    Un'antica pesca egiziana.

    Prodotti lattiero-caseari

    Nonostante la mancanza di refrigerazione, il latte, il burro e il formaggio erano ampiamente disponibili. Una varietà di formaggi veniva lavorata con il latte di mucca, capra e pecora. Il formaggio veniva zangolato in pelli di animali e cullato. Latte e formaggio risalenti alla Prima Dinastia sono stati ritrovati nelle tombe di Abydos.

    Geroglifico egiziano di una mucca che viene munta [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    Spezie e condimenti

    Per cucinare, gli antichi Egizi utilizzavano sia il sale rosso che il sale del nord, l'olio di sesamo, di lino, di ben-nut e l'olio d'oliva, la frittura veniva fatta con grasso d'oca e di manzo, il miele chiaro e quello scuro. Tra le spezie c'erano il coriandolo, il cumino, il finocchio, le bacche di ginepro, i semi di papavero e l'anice.

    Spezie e semi.

    Birra

    La birra era bevuta sia dai ricchi che dai poveri. La birra era la bevanda preferita dagli antichi egizi. I documenti indicano che nell'Antico Regno esistevano cinque stili di birra comuni, tra cui rossa, dolce e nera. La birra prodotta a Qede era popolare durante il Nuovo Regno.

    Geroglifici egizi raffiguranti il versamento della birra. Cortesia: [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    L'orzo veniva utilizzato principalmente per la produzione di birra. Combinato con il lievito, l'orzo veniva lavorato a mano per ottenere un impasto che veniva posto in vasi di argilla e in parte cotto in un forno. L'impasto cotto veniva poi sbriciolato in una grande vasca, si aggiungeva l'acqua e si lasciava fermentare il composto prima di aromatizzarlo con miele, succo di melograno o datteri.

    Modello in legno della produzione di birra nell'antico Egitto. Immagine per gentile concessione: E. Michael Smith Chiefio [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

    Vino

    Il vino veniva prodotto con uva, datteri, melograni o fichi. Per speziare il vino si usava spesso miele, succo di melograno e di datteri. Gli scavi della Prima Dinastia hanno portato alla luce giare di vino ancora sigillate con l'argilla. Il vino rosso era popolare nell'Antico Regno, mentre il vino bianco lo aveva superato al tempo del Nuovo Regno.

    Antiche brocche da vino egiziane. Cortesia: Vania Teofilo [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

    La Palestina, la Siria e la Grecia esportavano vino in Egitto. A causa del suo costo, il vino era più popolare tra le classi alte.

    Riflettere sul passato

    Con l'abbondanza di cibo a disposizione, gli antichi egizi mangiavano meglio di molti dei nostri figli con le diete odierne ad alto contenuto di zuccheri, grassi e sale?

    Immagine di testata per gentile concessione: Artista anonimo di tomba egizia [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.