Città importanti nel Medioevo

Città importanti nel Medioevo
David Meyer

Il Medioevo si riferisce al periodo che va dalla caduta dell'Impero Romano nel V secolo all'inizio del Rinascimento nel XV secolo.

Sebbene l'Estremo Oriente fosse il luogo in cui si concentravano la cultura e il commercio, gli studi sul Medioevo sono solitamente limitati alla storia dell'Europa. Mentre la città più grande del mondo in quel periodo si trovava in Cina, abbiamo puntato i riflettori sulle città importanti dell'Europa durante il Medioevo.

Durante l'Alto Medioevo, in Europa non esistevano Paesi autogestiti e la Chiesa svolgeva un ruolo fondamentale nella regione: ad esempio, nell'800 il Papa nominò Carlo Magno capo del Sacro Romano Impero.

Man mano che i territori venivano conquistati, venivano fondate città che diventavano importanti centri di commercio, mentre alcune antiche città si sgretolavano e decadevano.

Abbiamo individuato sei città importanti durante il Medioevo.

Indice dei contenuti

Guarda anche: I 20 più famosi dei dell'Antico Egitto

    1. Costantinopoli

    Assalto finale e caduta di Costantinopoli nel 1453, catturata da Mehmet. Diorama al Museo Askeri, Istanbul, Turchia

    Originariamente l'antica città di Bisanzio, Costantinopoli prese il nome dall'imperatore romano Costantino e fu la capitale di imperi successivi, tra cui quello romano, latino, bizantino e ottomano.

    Considerata la culla della cristianità, la città era rinomata per le sue magnifiche chiese, palazzi, cupole e altri capolavori architettonici, oltre che per le sue massicce fortificazioni difensive.

    Porta d'accesso tra Europa e Asia e tra il Mar Nero e il Mediterraneo, Costantinopoli raggiunse una grande prosperità e rimase incontrastata per secoli durante il Medioevo, nonostante gli sforzi di molti eserciti.

    Nel 1204, però, cadde in mano ai Crociati, che devastarono la città e avviarono un declino che durò fino a quando Costantinopoli passò sotto il controllo dell'Impero Ottomano nel 1453, verso la fine del Medioevo.

    Guarda anche: Simboli italiani di forza con significato

    2. Venezia

    Venezia, con la sua rete di isole e lagune, è nata solo dopo la caduta dell'Impero Romano. Per gran parte della sua storia iniziale, la città ospitava solo una piccola popolazione, che però crebbe quando, nel VI secolo, molte persone in fuga dagli attacchi dei Longobardi cercarono rifugio qui. Venezia divenne una città-stato, una repubblica indipendente, e per secoli fu la più ricca e la piùcentro influente in Europa.

    La Repubblica di Venezia comprendeva la Venezia delle isole e delle lagune, l'espansione della città fino a comprendere una striscia della terraferma e poi, con la sua forza navale indipendente, la maggior parte della costa dalmata, Corfù, alcune isole dell'Egeo e l'isola di Creta.

    Situata all'estremità settentrionale dell'Adriatico, Venezia controllava il commercio verso est, verso l'India e l'Asia, e con gli arabi a est. La via delle spezie, il commercio degli schiavi e il controllo commerciale su gran parte dell'impero bizantino crearono un'enorme ricchezza tra i nobili di Venezia, che raggiunse il suo apice nell'Alto Medioevo.

    Oltre a essere un centro commerciale, di scambio e finanziario, Venezia era famosa anche per la produzione di vetro, che aveva sede nella zona di Murano a partire dal XIII secolo. Inoltre, verso la fine del Medioevo, Venezia divenne il centro dell'industria serica europea, aumentando la ricchezza della città e il suo ruolo di importante centro dell'Europa medievale.

    3. Firenze

    Firenze nel 1493.

    Michel Wolgemut, Wilhelm Pleydenwurff (Testo: Hartmann Schedel), Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    Da fiorente capitale di provincia durante l'Impero Romano, Firenze ha vissuto secoli di occupazione da parte di stranieri, tra cui i Bizantini e i Longobardi, prima di emergere come prospero centro culturale e commerciale nel X secolo.

    Nel XII e XIII secolo Firenze divenne una delle città più ricche e influenti d'Europa, sia dal punto di vista economico che politico. Nonostante le lotte politiche all'interno della città tra le famiglie più potenti, la città continuò a crescere e fu sede di numerose banche, tra cui quella della potente famiglia Medici.

    Firenze coniò anche le proprie monete d'oro e d'argento, che furono ampiamente accettate come moneta forte e furono fondamentali per il controllo del commercio nella regione. La moneta inglese, il florin, deriva il suo nome dalla moneta di Firenze.

    Firenze aveva anche una fiorente industria laniera e, in questo periodo della sua storia, più di un terzo della popolazione era impegnata nella produzione di tessuti di lana. Le corporazioni laniere erano le più forti a Firenze e, insieme ad altre corporazioni, controllavano gli affari civici della città. Questa forma teoricamente democratica di governo locale era unica in un'Europa altrimenti feudale, ma alla fine fuvietata nel XVI secolo.

    4. Parigi

    Mappa di Parigi pubblicata nel 1553 da Olivier Truschet e Germain Hoyau, che documenta la crescita di Parigi all'interno delle mura medievali e dei faubourgs al di là delle mura.

    Olivier Truschet, incisore (?)Germain Hoyau, disegnatore (?), Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    Fino al X secolo, Parigi era una città di provincia di scarsa importanza, ma sotto Luigi V e Luigi VI divenne la dimora dei re e crebbe in statura e importanza, diventando la città più popolosa dell'Europa occidentale.

    Grazie alla sua posizione geografica, alla confluenza dei fiumi Senna, Marna e Oise, la città si riforniva di cibo in abbondanza dalle zone circostanti ed era in grado di stabilire rotte commerciali attive con altre città, oltre che con la Germania e la Spagna.

    Essendo una città fortificata nel Medioevo, Parigi ha offerto una casa sicura a molti immigrati dal resto della Francia e da altri paesi. Essendo anche la sede del governo, la città aveva molti funzionari, avvocati e amministratori, che hanno portato alla creazione di centri di apprendimento, collegi e università.

    Gran parte dell'arte dell'Europa medievale era incentrata sulla comunità parigina di scultori, artisti e specialisti nella creazione di opere in vetro colorato, utilizzate nelle cattedrali e nei palazzi dell'epoca.

    La nobiltà fu attratta dalla corte reale e costruì le proprie sontuose dimore in città, creando un grande mercato di beni di lusso e una domanda di servizi bancari, finanziari e di usurai.

    La Chiesa cattolica svolgeva un ruolo molto importante nella società parigina, possedeva gran parte dei terreni ed era strettamente legata al re e al governo. La Chiesa costruì l'Università di Parigi e l'originale cattedrale di Notre Dame fu costruita durante il Medioevo. Anche l'ordine dei Domenicani e i Cavalieri Templari furono fondati e centrarono le loro attività a Parigi.

    A metà del XIV secolo, Parigi fu devastata da due eventi: la peste bubbonica, che colpì la città quattro volte in vent'anni, uccidendo il 10% della popolazione, e la guerra dei 100 anni con l'Inghilterra, durante la quale Parigi fu occupata dagli inglesi. Gran parte della popolazione lasciò Parigi e la città iniziò a riprendersi solo dopo il Medioevo e l'inizio del Rinascimento.

    5. Gand

    Gand fu fondata nel 630 d.C. alla confluenza di due fiumi, il Lys e la Schelda, come sede di un'abbazia.

    Nell'Alto Medioevo, Gand era una piccola città incentrata su due abbazie, con una sezione commerciale, ma fu saccheggiata dai Vichinghi nel IX secolo, riprendendosi solo nell'XI secolo. Tuttavia, per duecento anni, fiorì. Nel XIII secolo Gand, ora città-stato, era cresciuta fino a diventare la seconda città più grande a nord delle Alpi (dopo Parigi) e più grande di Londra.

    Per molti anni Gand fu governata dalle sue ricche famiglie di mercanti, ma le corporazioni commerciali divennero sempre più potenti e, nel XIV secolo, un'autorità più democratica ebbe il potere nello Stato.

    La regione era ideale per l'allevamento di pecore e la produzione di tessuti di lana divenne una fonte di prosperità per la città, tanto che Gand aveva la prima zona industrializzata in Europa e importava materie prime dalla Scozia e dall'Inghilterra per soddisfare la domanda dei suoi prodotti.

    Durante la Guerra dei Cento Anni, Gand si schierò con gli inglesi per proteggere i loro rifornimenti, ma questo creò un conflitto all'interno della città, costringendola a cambiare fedeltà e a schierarsi con i francesi. Sebbene la città continuasse a essere un centro tessile, l'apice della sua importanza era stato raggiunto e Anversa e Bruxelles divennero le principali città del Paese.

    6. Cordoba

    Per tre secoli nel Medioevo, Cordova è stata considerata la più grande città d'Europa. La sua vitalità e la sua unicità derivavano dalla diversità della sua popolazione - musulmani, cristiani ed ebrei vivevano armoniosamente in una città di oltre 100.000 abitanti. Era la capitale della Spagna islamica, con la Grande Moschea costruita in parte nel IX secolo e ampliata nel X secolo, rispecchiando lacrescita di Cordoba.

    Cordoba attirava persone da tutta Europa per vari motivi: consultazioni mediche, apprendimento da parte dei suoi studiosi e ammirazione delle sue sontuose ville e palazzi. La città vantava strade asfaltate, lampioni, spazi pubblici curati nei minimi dettagli, patii ombreggiati e fontane.

    L'economia ebbe un boom nel X secolo, con abili artigiani che producevano lavori di qualità in pelle, metallo, piastrelle e tessuti. L'economia agricola era incredibilmente diversificata, con frutta di tutti i tipi, erbe e spezie, cotone, lino e seta introdotti dai Mori. La medicina, la matematica e le altre scienze erano molto più avanzate rispetto al resto d'Europa, consolidando la posizione di Cordova come centro diapprendimento.

    Purtroppo, il potere di Cordova crollò nell'XI secolo a causa di lotte politiche e la città cadde infine sotto le forze cristiane invasori nel 1236. La sua diversità fu distrutta e cadde lentamente in una decadenza che si è invertita solo in epoca moderna.

    Altre città del Medioevo

    Qualsiasi discussione sulle città importanti nel Medioevo includerà una gamma diversa di città. Abbiamo selezionato le sei sopra citate per il loro ruolo unico ma importante. Alcune, come Londra, avevano un significato regionale nel Medioevo ma hanno raggiunto la loro posizione più importante nell'era moderna. Altre, come Roma, erano già in decadenza nel Medioevo. Mentre il loro significato storico non puònon si può negare che fossero meno importanti di città di più recente fondazione.

    Risorse

    • //it.wikipedia.org/wiki/Costantinopoli
    • //www.britannica.com/place/Venice/History
    • //www.medievalists.net/2021/09/most
    • //www.quora.com/What-is-the-history-of-Cordoba-during-the-Middle-Ages

    Immagine di testa per gentile concessione: Michel Wolgemut, Wilhelm Pleydenwurff (testo: Hartmann Schedel), dominio pubblico, via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.