Com'era la vita in una città medievale?

Com'era la vita in una città medievale?
David Meyer

Il periodo medievale della storia umana, tra il 476 e il 1453 d.C., è una delle epoche più intriganti per le giovani menti e gli studiosi.

A quell'epoca esistevano diversi tipi di insediamenti, dai villaggi alle grandi città, e la vita dei contadini all'interno di questi poteva variare in modo sostanziale.

Di seguito spiegherò ciò che so sulla vita all'interno di una città medievale, tra cui il lavoro, la sistemazione abitativa e altre cose.

A seconda del ceto di appartenenza, la vita in una città medievale poteva consistere nello svegliarsi, lavorare e mangiare nella stessa stanza, oppure poteva comportare qualcosa di più se si possedeva un'attività di successo. Se si produceva qualcosa in casa, probabilmente si usciva solo per vendere o comprare beni, a meno che non ci fosse un evento sociale.

La vita in una città medievale potrebbe essere molto diversa per le diverse classi, e la quantità di denaro che si guadagna con il commercio influenzerà probabilmente il modo in cui si vive.

Guarda anche: Simbolismo della pioggia (Top 11 significati)

Una parte significativa delle classi più basse alloggiava in case terribili, spesso dotate di una sola stanza per un'intera famiglia, mentre i mercanti che guadagnavano di più potevano permettersi case molto più belle, in grado di ospitare le loro famiglie e le loro attività.

Indice dei contenuti

    La vita di una persona ricca in una città medievale

    Essere un contadino ricco nel Medioevo significava molto probabilmente essere un contadino della classe dei "liberi", il che significava che non si era legati o indebitati con un signore o un nobile[1].

    I liberti erano la classe contadina che aveva maggiori probabilità di diventare ricca e spesso svolgevano lavori come mercanti, artigiani o altro, perché potevano viaggiare di più non essendo vincolati a un'area da un nobile.

    Anche se questo non è l'unico modo in cui sono nati i mercanti[2], è probabile che i contadini e le altre persone che risiedevano nei villaggi si servissero di liberti per vendere i loro raccolti o le loro merci in cambio di un compenso, ed è così che sono diventati mercanti.

    Nelle città i mercanti avevano spesso alloggi migliori rispetto ai contadini e ai commercianti; molti ritenevano che alcune case potessero essere a due piani, con il piano terra dove si svolgeva l'attività commerciale e il piano superiore dove si trovava l'abitazione per la famiglia.

    La vita dei contadini più benestanti nel Medioevo avrebbe probabilmente avuto molto più movimento di quella di un contadino di classe inferiore o più povero.

    Ad esempio, i mercanti dell'epoca commerciavano spesso tra mercati e città diverse da quella in cui soggiornavano e quindi trascorrevano spesso lunghi periodi in viaggio tra città diverse o alla ricerca di maggiori opportunità commerciali[3].

    Le donne di questa classe, tuttavia, avevano più probabilità di vivere una vita simile a quella dei contadini che avevano meno soldi, e spesso passavano la maggior parte del loro tempo in casa e nei dintorni.

    Guarda anche: Il simbolismo dei draghi (21 simboli)

    Le donne dell'epoca avevano qualche opportunità di lavoro: alcune facevano le commesse per i mariti mercanti o si occupavano di altre attività, come la confezione e la vendita di abiti.[4]

    Tuttavia, era molto più probabile che le donne di una casa fossero ancora responsabili della gestione della casa, compresa la cucina, la pulizia e alcuni altri lavori.

    Supponiamo che un bambino di una famiglia benestante sia sopravvissuto all'alto tasso di mortalità infantile all'inizio del periodo medievale: in questo caso, è probabile che anch'egli sia rimasto a casa per la maggior parte del tempo, anche se i genitori potevano più facilmente permettersi di comprare loro giocattoli e di farli giocare.

    Alla fine, il bambino sarebbe cresciuto e avrebbe dovuto imparare i lavori domestici come una ragazza o trovare un mestiere come un ragazzo.

    Più tardi, nel periodo medievale, intorno al 1100 d.C., c'erano più opportunità di istruzione per i bambini, nel qual caso i ragazzi delle famiglie più ricche venivano scolarizzati in un monastero o in altre istituzioni, mentre le ragazze avevano più probabilità di ricevere un'istruzione di base a casa[5].

    Un figlio maschio di un mercante probabilmente imparerà il mestiere e diventerà anch'egli un mercante.

    La vita di una persona meno abbiente in una città medievale

    Anche se la vita di un contadino benestante in una città medievale può sembrare non troppo male, se la vostra famiglia non era ricca, la vita probabilmente non era molto piacevole.

    È probabile che le famiglie più povere delle città medievali dovessero vivere in una o due stanze di una casa, con alcune case che ospitavano più di una famiglia alla volta. È anche probabile che queste famiglie rimanessero nelle loro stanze per la maggior parte del tempo, dato che è lì che lavoravano, mangiavano e dormivano.[6]

    Come le famiglie più ricche, gli uomini delle famiglie a basso reddito erano ancora i primi a procurarsi il pane, facendo di tutto per guadagnare abbastanza denaro per aiutare le loro famiglie a sopravvivere. Questi uomini probabilmente facevano lavori come il fabbro, la falegnameria o la sartoria; sebbene questi lavori fossero importanti, non erano i più ben pagati [7].

    Un'altra somiglianza tra le famiglie più ricche e quelle meno ricche è che la donna di una famiglia probabilmente si occupava delle faccende domestiche, come la cura dei bambini, la cucina e le pulizie. Tuttavia, per le donne di queste famiglie c'erano ancora meno opportunità di ottenere altri lavori che le avrebbero aiutate a salire nella scala sociale.

    Se una donna non faceva parte di un nucleo familiare, cosa non rara perché alcuni genitori volevano risparmiare lasciando che le figlie si arrangiassero da sole, c'era la possibilità che vivesse in un convento di suore.[8]

    Le donne che vivevano in un convento potevano ricevere un piccolo compenso per lavare i panni o fare altre faccende, ricevendo un letto e del cibo.

    È anche probabile che i figli di una famiglia meno ricca abbiano poche prospettive di vita e poche possibilità di ricevere un'istruzione. Come nelle famiglie più ricche, i ragazzi spesso prendono esempio dai padri e imparano lo stesso mestiere, mentre alle ragazze possono essere insegnate le mansioni primarie della casalinga.

    Tuttavia, sebbene ai bambini di tutte le famiglie fosse concesso un po' di tempo per giocare e avere un'infanzia "normale", i bambini delle famiglie meno abbienti avevano meno probabilità di ricevere regali o giocattoli.

    I passatempi della gente in una città medievale

    Nonostante alcuni contadini delle città medievali vivessero una vita piuttosto terribile, c'erano alcune attività e passatempi che le persone potevano ancora praticare. Anche nelle città medievali, i pub e le birrerie erano abbastanza familiari, il che significa che alcune persone si affollavano naturalmente in questi luoghi per rilassarsi, divertirsi e bere qualche drink.

    C'erano anche molti giochi che sarebbero diventati popolari tra adulti e bambini, e c'era anche un certo grado di gioco d'azzardo.

    Con la crescita della popolarità del cristianesimo durante il Medioevo, c'erano anche molti giorni in cui i contadini non lavoravano e celebravano le festività o andavano a eventi sociali. Anche le feste erano piuttosto comuni, ed è probabile che un giorno di festa si mangi, si beva, si balli e si giochi.

    Esistevano anche altre forme di intrattenimento, dato che gli artisti itineranti non erano troppo fuori luogo in questo periodo: viaggiavano da una città all'altra e si esibivano in cambio di denaro, cibo o un posto dove dormire[9].

    Condizioni di vita e malattie nelle città medievali

    Quando si parla della vita all'interno delle città medievali, non si parla solo delle persone, ma anche di cose come la salute, le condizioni di vita e le malattie che giocavano un ruolo importante nella vita di quei tempi. Poiché le città diventavano più estese e più popolate, molti problemi riguardavano la vita in una città medievale, alcuni dei quali erano terribili.

    Sebbene nelle città medievali esistesse una divisione tra i contadini ricchi e quelli meno ricchi, può essere difficile capire quanto questo abbia influito sulle condizioni di vita.

    Per le famiglie a basso reddito, è probabile che le loro case siano state costruite con pavimenti in terra battuta, il che a sua volta non è stato un bene per la salute della famiglia[10].

    D'altra parte, le famiglie più ricche potevano permettersi case a più piani, nelle quali di solito era presente una pavimentazione.

    Dovrei menzionare lo smaltimento dei rifiuti in questo periodo; l'impianto idraulico e lo smaltimento dei rifiuti non erano standard in questo periodo, il che significa che le strade già affollate e strette delle città medievali erano pericolose e piuttosto disgustose da percorrere.

    Era una pratica comune che i rifiuti della casa venissero gettati all'esterno, in strada o in un fiume vicino. Questa pratica significava che le strade erano sporche e disseminate di ritagli di carne, feci umane e qualsiasi altra cosa fosse considerata un rifiuto all'epoca. Questa norma antigienica provocava il diffondersi di malattie e parassiti nelle città medievali.[11]

    Queste strade sporche significavano anche che molte persone si ammalavano, il che influenzava il tasso di mortalità e la bassa aspettativa di vita delle persone che vivevano nelle città medievali. Tuttavia, a meno che la famiglia non fosse abbastanza ricca da potersi permettere cure mediche, c'era anche la possibilità che queste condizioni di vita potessero causare la morte di alcuni contadini.

    Tuttavia, il fatto che questa fosse la norma non significa che gli abitanti delle città medievali fossero contenti di vivere in condizioni così terribili e puzzolenti. Ci sono testimonianze di persone che si lamentano di questo, anche se sono pochi i casi in cui queste lamentele hanno portato ad azioni da parte delle alte sfere della città.

    Conclusione

    La vita all'interno delle mura di una città medievale era molto più complicata di quanto si possa pensare a prima vista: con opportunità limitate, strade sporche e alcune persone che dormivano in case con pavimenti in terra battuta, è giusto dire che la vita era piuttosto dura per questa gente.

    Tuttavia, sebbene questo fosse un periodo particolarmente sporco, è interessante vedere come le cose siano cambiate anche nelle città di quel periodo, come Londra.

    Riferimenti:

    1. //www.historyhit.com/life-of-medieval-peasants/
    2. //study.com/academy/lesson/merchant-class-in-the-renaissance-definition-lesson-quiz.html
    3. //www.historyextra.com/period/medieval/middle-ages-facts-what-customs-writers-knights-serfs-marriage-travel/
    4. //www.bbc.co.uk/bitesize/topics/zbn7jsg/articles/zwyh6g8
    5. //www.representingchildhood.pitt.edu/medieval_child.htm
    6. //www.english-online.at/history/middle-ages/life-in-the-middle-ages.htm
    7. //www.medievalists.net/2021/11/most-common-jobs-medieval-city/
    8. //www.nzdl.org/cgi-bin/library.cgi?e=d-00000-00—off-0whist–00-0—-0-10-0—0—0direct-10—4——-0-1l–11-en-50—20-about—00-0-1-00-0-0-11-1-0utfZz-8-00&a=d&f=1&c=whist&cl=CL1.14&d=HASH4ce93dcb4b65b3181701d6
    9. //www.atlasobscura.com/articles/how-did-peasants-have-fun
    10. //www.learner.org/wp-content/interactive/middleages/homes.html
    11. //www.bbc.co.uk/bitesize/topics/zbn7jsg/articles/zwyh6g8#:~:text=Le%20città%20erano%20spesso%20non%20igieniche%20perché%20nella%20strada%20o%20nel%20fiume%20erano%20in%20modo%20di%20essere%20in%20mano.



    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.