Come è morto Claudio?

Come è morto Claudio?
David Meyer

Dopo una vita caratterizzata da salute cagionevole, lavoro eccessivo, gola, goffaggine e aspetto poco attraente, Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico (o Claudio) morì il 13 ottobre 54 d.C., all'età di 64 anni.

Claudio morì molto probabilmente a causa di funghi avvelenati, o meno probabilmente per una piuma avvelenata.

Si ritiene che Tiberio Claudio Nerone Germanico, o Claudio, imperatore dell'Impero Romano, sia morto per avvelenamento per mano della moglie Agrippina, ma esistono anche altre teorie sulla sua morte.

Continuate a leggere per conoscere la risposta a questa domanda.

>

Breve storia di Claudio

Ecco una breve storia di Claudio prima di vedere come morì.

La prima vita

1517 illustrazione di una moneta di Druso

Andrea Fulvio, Giovanni Battista Palumba, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Nato nel 10 a.C. a Lugdunum, in Gallia, da Antonia Minore e Druso, Tiberio Claudio Druso fu il primo imperatore nato fuori dall'Italia.

La nonna materna era Ottavia Minore, il che lo rendeva pronipote dell'imperatore Augusto. Aveva due fratelli maggiori, Germanico e Livilla. Suo padre e Germanico avevano un'ottima reputazione militare.

Sebbene fosse un membro della famiglia imperiale, il suo aspetto poco attraente e la sua disabilità fisica fecero sì che la sua famiglia lo tenesse lontano da qualsiasi apparizione pubblica nei primi anni di vita. Grazie ai suoi studi, Claudio approfondì la legge e divenne un notevole storico. [3]

Quarto in linea di successione dopo la scomparsa di Augusto nel 14 d.C., fu preceduto da Tiberio, Germanico e Caligola. Dopo pochi anni di regno, Tiberio morì e Caligola gli succedette come nuovo imperatore.

Nel 37 d.C., Caligola nominò Claudio suo co-console; si trattava della sua prima carica pubblica. Dopo quattro anni del suo terribile governo, l'imperatore Caligola fu assassinato nel 41 d.C. Il caos che seguì l'omicidio fece fuggire Claudio nel palazzo imperiale per nascondersi.

Una volta trovato e messo sotto protezione, fu infine proclamato imperatore dalla Guardia Pretoriana.

Come imperatore

Nonostante la mancanza di esperienza politica, Claudio dimostrò le sue capacità nell'Impero romano come degno amministratore.

Tuttavia, a causa della sua ascesa, si preoccupò di compiacere il Senato romano, che intendeva rimodellare in un organo più efficiente e rappresentativo, causando l'ostilità di molti.

Proclamazione di Claudio imperatore

Lawrence Alma-Tadema, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Sottoposto a pressioni per migliorare la sua immagine militare e politica, durante il suo regno intraprese molte opere pubbliche, sia nella capitale che nelle province, costruendo strade e canali e utilizzando il porto di Ostia per far fronte alla carenza di grano di Roma durante l'inverno.

Durante il suo regno di 13 anni, Claudio visitò la Britannia per 16 giorni e conquistò la Britannia. Questa fu la prima espansione significativa del dominio romano dal regno di Augusto. Venne sviluppata la funzione pubblica imperiale e i liberti furono utilizzati per la gestione quotidiana dell'Impero. [4]

Fu creato un gabinetto di liberti per sovrintendere a vari rami dell'amministrazione, ai quali egli conferì onorificenze. Ciò non piacque ai senatori, che si scandalizzarono per essere stati messi nelle mani di persone già schiavizzate e di "noti eunuchi".

Migliorò il sistema giudiziario e favorì un'estensione moderata della cittadinanza romana attraverso concessioni individuali e collettive; incoraggiò inoltre l'urbanizzazione e impiantò diverse colonie.

Nella sua politica religiosa, rispettò la tradizione e fece rivivere le antiche cerimonie religiose, ripristinando i giorni di festa perduti ed eliminando molte celebrazioni estranee aggiunte da Caligola.

Poiché Claudio era appassionato di giochi, si tenevano incontri tra gladiatori, giochi annuali in onore della sua successione e giochi che si tenevano il giorno del suo compleanno in onore del padre. Si celebravano i Giochi Secolari (tre giorni e tre notti di giochi e sacrifici), per commemorare l'800° anniversario della fondazione di Roma.

Vita personale

Claudio si sposò quattro volte: prima con Plautia Urgulanilla, poi con Aelia Paetina, Valeria Messalina e infine con Giulia Agrippina. Ognuno dei suoi primi tre matrimoni finì con un divorzio. [4]

A 58 anni sposò Agrippina la Giovane (al suo quarto matrimonio), sua nipote e una delle poche discendenti di Augusto. Claudio adottò il figlio dodicenne di lei - il futuro imperatore Nerone, Lucio Domizio Ahenobarbo (che fu uno degli ultimi maschi della famiglia imperiale).

Essendo già in possesso di poteri coniugali ancor prima di sposarsi, Agrippina manipolò Claudio facendogli adottare suo figlio. [2]

Poiché il suo matrimonio con la nipote, avvenuto nel 49 d.C., era considerato altamente immorale, egli cambiò la legge e il Senato approvò un decreto speciale che autorizzava questa unione altrimenti illegale.

Guarda anche: I migliori 8 fiori che simboleggiano figli e figlie Claudio come Giove. Musei Vaticani, Città del Vaticano, Roma, Italia.

Gary Todd di Xinzheng, Cina, proprietario del PDM, via Wikimedia Commons

Cosa causò la morte di Claudio?

La maggior parte degli storici antichi è concorde nel ritenere che la morte di Claudio fu dovuta a un avvelenamento, forse una piuma o dei funghi avvelenati. Morì il 13 ottobre 54, molto probabilmente nelle prime ore del mattino.

Negli ultimi mesi prima della sua morte, Claudio e Agrippina litigarono spesso: Agrippina desiderava ardentemente che il figlio Nerone succedesse all'imperatore Claudio piuttosto che Britannico, che si stava avvicinando alla maggiore età.

Il suo scopo era quello di assicurare la successione di Nerone prima che Britannico prendesse il potere.

Funghi

L'imperatore romano Claudio, 64 anni, partecipò a un banchetto il 12 ottobre 54. Era presente anche il suo assaggiatore, l'eunuco Alotus. [1]

La causa della morte di Claudio è da ricercarsi in funghi avvelenati, come affermano gli storici antichi Cassio Dio, Svetonio e Tacito. Scrivendo nel III secolo, Dio racconta che Agrippina condivise con il marito un piatto di funghi (di cui uno avvelenato).

Essendo a conoscenza del suo amore per i funghi, si dice che si sia rivolta alla famigerata avvelenatrice della Gallia, Locusta, per ottenere del veleno, che Agrippina utilizzò sui funghi che offrì a Claudio.

Mentre alcuni sostengono che il veleno contenuto nella cena abbia portato a sofferenze prolungate e alla morte, un'altra teoria dice che si sia ripreso e sia stato avvelenato di nuovo.

Altri veleni

Nel II secolo, lo storico Tacito afferma che il medico personale di Claudio, Senofonte, gli somministrò una piuma avvelenata, provocandone la morte. Claudio aveva una piuma che veniva usata per indurre il vomito [1].

Una delle teorie diffuse è che, dopo aver mangiato i funghi avvelenati e aver usato la piuma avvelenata, si ammalò e morì.

Tuttavia, poiché Senofonte era stato generosamente ricompensato per il suo fedele servizio, non è molto credibile che abbia contribuito a commettere l'omicidio. È più probabile che il medico stesse testando i riflessi del suo paziente morente.

Claudius Jacquand - Il conte di Comminges che riconosce Adélaide

Claudius Jacquand, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Guarda anche: I 10 fiori che simboleggiano la libertà

La morte

Dato che Claudio era vecchio e malato, alcuni storici attribuiscono a questo fatto la causa della sua morte, piuttosto che credere che sia stato assassinato. La sua ingordigia, le gravi malattie degli ultimi anni, la vecchiaia e Alotus (il suo assaggiatore), che aveva servito a lungo sotto Nerone nello stesso ruolo, forniscono prove contro il suo assassinio. [1]

Inoltre, Alotus continuò a mantenere la sua posizione anche quando Nerone succedette come imperatore, dimostrando che nessuno voleva sbarazzarsi di lui come testimone della morte dell'imperatore o come complice.

Nell'Apocolocyntosis di Seneca il Giovane (scritta nel dicembre del 54), una satira poco lusinghiera sulla divinizzazione dell'imperatore, Claudio sarebbe morto mentre veniva intrattenuto da un gruppo di attori comici, il che indica che la sua ultima malattia è sopraggiunta rapidamente e, per motivi di sicurezza, la sua morte è stata annunciata solo il giorno successivo.

A quanto pare, Agrippina ritardò l'annuncio della morte di Claudio, aspettando un momento astrologico favorevole, fino a quando la notizia fu inviata alla Guardia Pretoriana.

Aveva un tempio a lui dedicato a Camulodunum. Quando era in vita era venerato come un dio in Britannia. Alla sua morte, Nerone e il Senato divinizzarono Claudio.

Conclusione

Sebbene la causa esatta della morte di Claudio non sia definitiva, stando alla maggior parte dei resoconti degli storici, l'avvelenamento uccise Claudio, forse per mano della sua quarta moglie, Agrippina.

C'è anche una possibilità altrettanto buona che sia morto improvvisamente a causa di una malattia cerebrovascolare, comune all'epoca dei Romani. Claudio si ammalò gravemente verso la fine del 52 d.C. e parlò di morte prossima all'età di 62 anni.




David Meyer
David Meyer
Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.