Come erano fatte le case degli antichi egizi; i materiali usati

Come erano fatte le case degli antichi egizi; i materiali usati
David Meyer

Come in altre culture, la casa era il centro della vita sociale. Le abitazioni dell'Antico Egitto erano costruite secondo una pianta generalmente comune, utilizzando una gamma limitata di materiali naturali. La maggior parte delle case dell'Antico Egitto era costruita con materiali facilmente disponibili e abbondanti.

Indice dei contenuti

    Fatti sulle antiche case egizie

    • Le prime case dell'Antico Egitto risalgono al periodo pre-dinastico dell'Età della Pietra, intorno al 6.000 a.C..
    • Le prime case egiziane erano costruite con il wattle and daub, un processo che utilizzava bastoni intrecciati per creare un'intelaiatura per un muro, che veniva poi ricoperto di fango o argilla e lasciato asciugare.
    • Nell'antico Egitto era comune vivere con altre famiglie in una casa a più stanze che condivideva un cortile comune.
    • "Adobe" deriva dall'antica parola egizia "dbe" che significa "mattone di fango".
    • I mattoni di fango Adobe utilizzavano una miscela di fango e argilla inumidita con acqua e cotta al sole.
    • Gli antichi Egizi padroneggiarono la tecnica di produzione in serie di mattoni di fango su scala industriale
    • Che si tratti della casa di un individuo ricco o di una famiglia povera, le antiche abitazioni egiziane presentavano layout e planimetrie simili.

    Il materiale più comunemente utilizzato per la costruzione delle antiche case egizie era il mattone di fango cotto al sole. Tra le élite più ricche, la pietra veniva occasionalmente utilizzata per costruire le loro case più imponenti e sostanzialmente più grandi. A differenza della maggior parte delle altre civiltà, il legno era scarso e costoso a causa del clima desertico dell'Egitto, per cui il suo uso era limitato ai supporti strutturali, alle porte e alle porte di ingresso.soffitti delle abitazioni.

    Materiali da costruzione completamente naturali

    Il clima arido e il sole intenso dell'antico Egitto hanno influenzato in modo significativo il modo in cui gli antichi egizi progettavano e costruivano le loro case. I primi esempi di case egiziane erano costruite con un misto di papiro e fango. Tuttavia, le inondazioni annuali del Nilo, che inondavano l'area circostante per tre mesi all'anno, causavano danni sostanziali alle abitazioni e spazzavano via molte case.

    Sperimentando, gli antichi Egizi impararono a intrappolare il calore del sole per cuocere mattoni di fango resistenti. Utilizzando una miscela di fango e argilla scavata dalla riva del Nilo e inumidita con acqua per formare un impasto denso, alla fine padroneggiarono la tecnica di produzione di mattoni di fango in serie su scala industriale.

    Gli antichi Egizi spalmavano questo impasto in banchi di stampi di legno preformati a forma di mattoni; gli stampi riempiti venivano poi messi all'aperto e lasciati asciugare sotto il cocente sole egiziano.

    Guarda anche: La storia della moda francese in una linea del tempo

    A causa del grado di lavoro altamente ripetitivo richiesto per produrre mattoni di fango in massa, il compito era solitamente delegato a bambini e schiavi.

    Guarda anche: I 30 più antichi simboli di forza e potere con i loro significati

    Ogni giorno questa forza lavoro coscritta trasportava il fango e l'argilla, riempiva gli stampi, li metteva ad asciugare prima di trasportare i mattoni di fango finiti al cantiere.

    Gli antichi Egizi scoprirono che i mattoni di fango erano materiali da costruzione molto resistenti e di gran lunga più robusti del fango e del papiro. Tuttavia, pur essendo robusti, nel corso degli anni il vento e la pioggia hanno eroso anche le costruzioni in mattoni di fango più robuste, creando i dolci tumuli che vediamo oggi nei siti archeologici egiziani.

    Progetti di case standard nell'Antico Egitto

    La maggior parte delle planimetrie delle case dell'antico Egitto era in gran parte determinata dalla ricchezza della famiglia, sia che vivesse in una zona rurale o in città.

    Gli archeologi hanno scoperto che la maggior parte delle case dell'antico Egitto erano costruite con un tetto piatto. Questa caratteristica semplificava la costruzione in un'epoca in cui tutto era fatto a mano, offrendo al contempo un gradito rifugio dal cocente sole egiziano. Nell'antichità le famiglie spesso mangiavano, si rilassavano, si riunivano e dormivano sul tetto.

    La vita domestica dell'antico Egitto

    La famiglia era al centro dell'unità sociale degli antichi egizi, con ruoli e compiti specifici assegnati a uomini e donne. Gli uomini lavoravano tipicamente all'aperto, nell'agricoltura o nell'edilizia.

    Spesso le donne dovevano aiutare i mariti nei campi, ma gran parte del loro tempo era dedicato alla gestione della casa, alla cucina, alla tessitura, alla filatura e al cucito.

    L'età media del matrimonio per gli uomini era compresa tra i 16 e i 20 anni, quando ci si aspettava che si fossero già avviati alla carriera. Le donne, invece, si sposavano di solito all'inizio dell'adolescenza e spesso anche più giovani.

    Case della classe operaia

    Gli antichi egizi più poveri vivevano spesso in case con una sola stanza, utilizzata per dormire durante il giorno per sfuggire al caldo torrido e per riporre le provviste. L'interno della stanza era arredato con stuoie intrecciate di paglia o canne, sgabelli di legno e, a volte, un letto di legno sostenuto da una base di corda fatta di peli di animali filati ed erba lunga.

    L'accesso all'importantissimo tetto piatto avveniva tramite una scala, una rampa o occasionalmente una scalinata. Di notte il tetto si trasformava in una zona notte, in quanto era tipicamente più fresco della singola stanza sottostante. Tetti intrecciati di canne fornivano ombra durante il giorno.

    Per evitare che mosche, sabbia, polvere e calore entrassero in casa, ogni finestra e porta era dotata di schermi di canne. Una caratteristica comune di queste antiche abitazioni era la posizione della soglia della porta a un metro e mezzo da terra, nel tentativo di tenere lontani serpenti velenosi, scorpioni e l'immancabile sabbia che soffiava. Una bassa rampa consentiva l'accesso alla porta.

    Il piano terra si apriva su un cortile recintato, dove gli occupanti spesso filavano il lino per farne biancheria, curavano piccoli orti e cucinavano il cibo. Non era raro che il bestiame della famiglia, galline e capre, vagasse liberamente nel cortile.

    L'impianto idraulico non esisteva, quindi non c'erano bagni in queste misere abitazioni. Gli abitanti avevano un numero limitato di opzioni se volevano usare il bagno: scavare un buco all'esterno del muro della casa, camminare fino al confine del villaggio, svuotare i loro rifiuti nel fiume Nilo o avere un vaso da notte nella stanza. Alcune case hanno costruito una dependance nel cortile.

    Oltre alla mancanza di impianti idraulici, queste semplici case erano prive di acqua corrente. Gli schiavi o i bambini venivano mandati nel villaggio a riempire d'acqua brocche o pelli che dovevano soddisfare le esigenze quotidiane di bere, cucinare e lavarsi.

    Se la famiglia viveva in città o in paese, queste semplici case erano spesso costruite a stretto contatto su due piani. L'uso di un muro comune riduceva efficacemente i costi di costruzione e il tempo necessario per terminare la casa. Il piano inferiore era spesso utilizzato per scopi commerciali, come un'officina o un panificio, mentre la stanza al piano superiore era la zona familiare.

    Nelle città vicine ai luoghi di costruzione delle piramidi e di altri grandi monumenti, gli artigiani e i manovali venivano dotati di case.

    Case di classe superiore

    I ricchi preferivano costruire le loro case sulle rive del fiume Nilo. L'esterno delle case era dipinto di bianco per riflettere il sole e il calore, contribuendo a raffreddare l'interno durante il giorno. Nel caso dei molto ricchi, le pareti esterne erano rivestite di pietra calcarea, che faceva scintillare le case al sole, creando un piacevole effetto estetico a complemento del raffreddamento.Le pareti interne delle case dei ricchi erano dipinte con colori pastello brillanti, che davano alle stanze un aspetto pulito e fresco.

    Mentre la classe operaia e i membri più poveri della società si accontentavano di un solo strato di mattoni di fango per le loro case, gli egiziani ricchi spesso impiegavano due o tre strati di mattoni di fango nelle loro abitazioni.

    Gli egizi più ricchi costruivano le loro case in pietra e molte di esse avevano porte di granito che potevano essere chiuse dall'interno. Gli archeologi hanno scoperto antiche chiavi risalenti al 1550 a.C..

    Gli egittologi hanno scoperto case dell'élite ricca egiziana con fino a 30 stanze nelle loro case tentacolari. Molte di queste stanze erano magazzini per prodotti alimentari, olio e vino conservati in vasi sigillati.

    Alcune stanze erano destinate agli ospiti o erano di esclusivo dominio dei bambini. Alcune case dei ricchi disponevano anche di bagni, sebbene anch'essi non avessero l'acqua corrente. Le planimetrie delle case progettate per la nobiltà spesso presentavano una suite padronale situata dietro il soggiorno, dotata di un proprio bagno.

    Queste grandi case tentacolari avevano spesso porte sul davanti e sul retro, mentre le finestre erano dotate di sbarre per impedire l'ingresso di ladri e animali selvatici.

    Al centro di queste case benestanti c'era una piattaforma sopraelevata che, con lo scopo di tenere lontana la sabbia, costituiva la zona giorno principale: qui, nel cuore della casa, era più fresca nei mesi estivi e calda durante l'inverno.

    Come era prevedibile, gli archeologi hanno scoperto che i ricchi avevano a disposizione un maggior numero di arredi e di beni personali, tra cui letti, specchi, utensili da cucina, pentole, scaffali, riscaldamento e illuminazione. Le camere da letto contenevano vasetti di profumo, cosmetici e set di vestiti puliti di ricambio.

    I giardini e i cortili di queste ricche dimore erano decorati in modo sfarzoso: fontane, vasche e ampi giardini caratterizzavano i loro allestimenti. Molte di queste vasche erano riempite di pesci dai colori vivaci, mentre gli elaborati giardini aggiungevano un tocco di colore con margherite e fiordalisi. I disegni di questi giardini sono visibili nei dipinti delle tombe. Alcune case di rilievo vantavano persino piscine interne.

    Riflettere sul passato

    Gli Antichi Egizi hanno imparato a costruire case perfettamente adatte al loro ambiente severo, utilizzando materiali abbondanti e facilmente reperibili. Che si tratti di persone ricche o povere, la casa egizia era il centro della vita sociale e la pietra miliare della società.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.