Economia nel Medioevo

Economia nel Medioevo
David Meyer

L'espressione "Medioevo", detta anche "secoli bui", è spesso usata per descrivere i cinque secoli che iniziano con l'invasione dell'Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore e terminano con il Rinascimento nel XIV e XV secolo. Fu un periodo che vide la ripresa dell'economia con il passaggio dalle attività agricole a quelle commerciali.

Prima che Guglielmo il Conquistatore invadesse l'Inghilterra, l'economia del Medioevo consisteva in un'agricoltura di sussistenza e in un sistema di baratto. Nel corso del periodo, si passò lentamente alla vendita di prodotti agricoli in cambio di denaro e, infine, a un'economia basata sul commercio.

I 450 anni di economia del Medioevo videro un aumento del PIL pro capite e un lento miglioramento della vita delle classi contadine. Il periodo non fu privo di sfide, tra cui le invasioni, le crociate e gli effetti devastanti della peste sulle economie.

Indice dei contenuti

    L'economia del Medioevo

    I quattro periodi principali del Medioevo furono:

    1. L'invasione dell'Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore e il primo periodo normanno (1066-1100)
    2. La crescita economica nel Medioevo (1100-1290)
    3. La devastazione economica causata dalla peste nera (1290-1350)
    4. La ripresa economica nell'ultimo periodo (1350-1509)

    L'invasione di Guglielmo il Conquistatore

    Guglielmo il Conquistatore

    Per fornire un contesto all'invasione dell'Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore, la madre di re Edoardo era normanna. Harold Godwinson era il successore naturale di re Edoardo, ma dopo essere stato catturato da Guglielmo il Conquistatore, accettò di rinunciare alle sue pretese in cambio della libertà.

    Harold fece il doppio gioco con Guglielmo e cercò di diventare re dopo la morte di re Edwards.

    Alla notizia del doppio gioco, Guglielmo decise di invadere l'Inghilterra.

    Nella battaglia di Hasting, nell'ottobre 1066, Guglielmo il Conquistatore trionfò su Harold (l'apparente erede al trono) e uccise gran parte della nobiltà inglese.

    Guglielmo e i suoi compari si impadronirono di terre, rubarono donne e si appropriarono di tesori.

    La sua lotta contro il Nord nel 1069/70 fu nota per la sua brutalità e lasciò una scia di sofferenza e carestia.

    Formò un nuovo esercito, che pagò con lo scambio di appezzamenti di terreno concessi agli alleati europei, esigendo in cambio il loro servizio militare.

    L'economia sotto Guglielmo il Conquistatore (1066-1100)

    Prima che Guglielmo conquistasse l'Inghilterra, l'agricoltura di sussistenza era l'attività economica principale, basata su un sistema di baratto.

    I signori e i re locali tassavano i contadini. Poiché le attività agricole erano locali, non si producevano raccolti in eccesso. In genere, il cibo veniva barattato con altri alimenti o beni.

    Guglielmo sconvolse l'intera società inglese, le sue leggi, la sua economia e il suo stile di vita vennero rivisti. Egli commissionò la stesura del Domesday book, che inventariò ogni pezzo di terra, maiali, cavalli e bestiame.

    Sebbene abbia causato immense crudeltà e privazioni, la riscossione delle tasse da parte di Guglielmo il Conquistatore ha fatto sì che l'economia inglese diventasse la più grande d'Europa.

    Questo ha fornito all'economia dell'Inghilterra meridionale molti vantaggi, tra cui:

    1. La produzione locale è stata incrementata per includere il commercio con altre regioni.
    2. Il sistema finanziario si è sviluppato formalmente con legami con il continente europeo.
    3. Tutte le chiese, i monasteri e le altre grandi strutture furono abbattute e ricostruite in stile europeo, creando occupazione e sviluppo di competenze.
    4. Molte città, in particolare Londra, beneficiarono della pratica continentale di ricevere nuovi privilegi, di cui la costruzione della Cattedrale di Durham e della Torre di Londra sono esempi.
    5. Nel 1086, 28.000 persone ridotte in schiavitù furono liberate e la schiavitù fu abolita.

    Al contrario, il Nord si ribellò e fu brutalmente schiacciato da Guglielmo. Di conseguenza, all'economia del Nord, già ostacolata da un clima rigido, fu impedito di entrare nei mercati e di commerciare con il Sud.

    Questo ha creato uno squilibrio di ricchezza tra il Sud e il Nord.

    In questo periodo l'economia è rimasta prevalentemente agricola, con l'utilizzo del territorio come segue:

    Guarda anche: Perché i Vichinghi hanno lasciato il Nord America?
    1. I terreni coltivabili costituivano il 35% della massa terrestre dell'Inghilterra.
    2. Il pascolo ha rappresentato il 25%.
    3. I boschi hanno coperto il 15%.
    4. Le brughiere, le torbiere (zone umide ad accumulo di torba) e le brughiere rappresentano il 25%.

    Le principali coltivazioni sono state:

    1. La coltura più importante era il grano.
    2. Colture come segale, orzo e avena erano ampiamente diffuse.
    3. Nelle zone più fertili dell'Inghilterra si coltivavano legumi e fagioli.

    Le razze inglesi tendevano a essere più piccole di quelle continentali e furono lentamente sostituite.

    Il passaggio dal baratto allo scambio di denaro che rappresenta valori specifici è stato uno sviluppo significativo.

    La crescita economica nel Medioevo (1100-1290)

    Nel periodo successivo si svolsero quattro crociate per conquistare Gerusalemme: le prime ebbero un enorme successo, rendendo gli ordini cavallereschi ricchi e potenti.

    Nonostante le crociate fossero state intraprese per un nobile motivo, la realtà era diversa: si dice che si siano impadroniti di bottini e siano diventati prestatori di denaro.

    Nel 1187 il generale musulmano egiziano Salah-ad-Din (meglio noto come Saladino) sconfisse i crociati e riprese Gerusalemme.

    Ciò fece sì che i templari abbandonassero la Terra Santa nel 1187 e tornassero in Europa, dove la maggior parte di loro divenne banchiere.

    Le crociate ebbero un effetto significativo sulle economie del Medioevo.

    Le città costiere di Venezia, Genova e Pisa si arricchirono fornendo infrastrutture di trasporto e rifornimenti agli eserciti crociati.

    Gli italiani che vivono al Nord hanno ottenuto il maggior incremento di ricchezza fornendo:

    1. Trasporto di uomini e materiali.
    2. Si arricchirono come mercanti.
    3. Finanziarono le spedizioni crociate.

    In questo modo l'Italia settentrionale divenne la capitale bancaria d'Europa e il centro culturale del Rinascimento nel XV secolo.

    La devastazione economica causata dalla peste nera (1290-1350)

    Gli abitanti di Tournai seppelliscono le vittime della peste nera

    Pierart dou Tielt (1340-1360), Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    Nel 600 d.C. la popolazione europea era di circa 14 milioni di persone.

    1. A questo punto, i vichinghi avevano smesso di invadere ed erano diventati cittadini produttivi nei Paesi conquistati.
    2. I Magiari (ungheresi) presero il controllo dell'attuale Ungheria e fermarono i conflitti.
    3. I Saraceni furono contrastati e respinti dai regni dell'Europa meridionale.

    La pace e il miglioramento dei metodi agricoli fecero sì che nel 1300 la popolazione crescesse fino a circa 74 milioni.

    Le economie erano ancora prevalentemente agricole e, grazie alla riduzione dei conflitti, i contadini potevano piantare più colture.

    La domanda di metalli è aumentata e le attività estrattive sono cresciute.

    Mentre la maggior parte delle persone continuò a vivere nell'area in cui era nata, molti migrarono verso città e paesi. I servi della gleba che rimasero lontani dalle fattorie per un anno e un giorno furono legalmente liberati e non ci fu alcuna pressione a tornare.

    Questo ha provocato una crescita significativa delle città, molte delle quali sono aumentate di sei volte nel corso del secolo.

    1. Parigi aveva una popolazione di 200.000 abitanti
    2. Grenada - 150.000 (la più grande città multiculturale della Spagna meridionale)
    3. Londra - 80.000
    4. Venezia - 110.000
    5. Genova - 100.000
    6. Firenze - 95.000
    7. Milano - 100.000

    Nel 1346, la gente sul molo del porto siciliano di Messina vide con orrore che la maggior parte dei marinai delle navi in arrivo erano morti.

    La causa era la morte nera, provocata dal batterio "Yersinia pestis" che si era diffuso dall'Asia.

    La peste si diffondeva attraverso il contatto con i malati e, con l'aumento della popolazione delle città, aveva il terreno perfetto per trasmettersi.

    La morte nera si diffuse rapidamente e uccise più di 20 milioni di persone, ovvero 1/3 della popolazione europea.

    Lo sconvolgimento economico causato dalla peste fu devastante.

    I lavori di costruzione si sono fermati, le miniere sono state chiuse e, in alcune regioni, l'agricoltura è stata ridotta.

    Poiché l'economia ha vacillato dal punto di vista dell'offerta, l'inflazione è dilagata e i prezzi dei beni di provenienza locale e straniera sono aumentati in modo massiccio.

    La manodopera agricola scarseggiava, i contadini (servi della gleba) non erano più legati a un solo padrone e potevano negoziare tra diversi signori.

    Se un servo della gleba lasciava un padrone, gli veniva immediatamente offerto un impiego da un altro, aumentando così la ricchezza della classe contadina.

    L'aumento dei salari ha superato i costi e il tenore di vita ha iniziato a migliorare.

    La ripresa economica nell'ultimo periodo (1350-1509)

    La pace fu interrotta nella prima parte di questo periodo dalla guerra dei 100 anni (1337-1453) tra i regni inglese e francese.

    L'effetto sull'economia fu devastante e furono imposte tasse sempre più alte. Nel 1381 scoppiò la Ribellione di Wat Tyler (la rivolta dei contadini).

    Anche se la rivolta fu repressa, ebbe un impatto duraturo sull'Inghilterra.

    Guarda anche: La moda francese negli anni '60

    Uno degli impatti fu il passaggio da un'economia agraria a una in cui i mercanti e i commercianti aumentarono di importanza.

    Gran parte della ricchezza creata in questo periodo fu sviluppata dai mercanti che esercitavano il loro commercio e si arricchivano, con un cambiamento significativo rispetto ai proprietari terrieri che tassavano i contadini.

    Altre attività hanno incluso:

    1. Allevamento.
    2. Settore bancario
    3. Un'industria navale in piena espansione
    4. Registrazione.
    5. L'estrazione del minerale di ferro per soddisfare il crescente fabbisogno di metallo.
    6. Produzione tessile.
    7. Commercio di pellicce animali.
    8. Fabbricazione della carta.

    Il commercio di stoffe aumentò notevolmente e l'Inghilterra divenne il principale esportatore di stoffe in questo periodo.

    Nel 1447 il commercio di stoffe dall'Inghilterra era salito a 60.000 pezzi.

    In questo periodo crebbe anche il commercio internazionale: la famosa via della seta divenne la principale via di comunicazione tra Europa, Asia centrale e Cina.

    Le classi inferiori iniziarono a sperimentare un aumento della ricchezza, tanto che vennero approvate leggi volte a ridurre i consumi.

    I contadini non potevano acquistare determinati prodotti e non potevano nemmeno indossare gli abiti raffinati dell'alta società. Nonostante ciò, il loro tenore di vita migliorò notevolmente.

    In Italia nacquero prosperi centri commerciali e si gettarono le basi dei moderni sistemi contabili e finanziari.

    La crescita della ricchezza delle città del Nord Italia divenne il trampolino di lancio per la successiva fase storica, il Rinascimento.

    Gli artisti potevano creare i loro capolavori grazie a ricchi benefattori che li finanziavano.

    1. Michele Angelo (1475-1564).
    2. Leonardo da Vinci (1452 -1519.)
    3. Raffaello Santi "Raffaello" (1483 - 1520.)
    4. Hieronymus Bosch (1450-1516.)

    Conclusione

    Il Medioevo è iniziato con l'invasione dell'Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore nell'ottobre del 1066 ed è terminato con l'inizio del Rinascimento nel XIV e XV secolo. Si può sostenere che se non ci fosse stata la crescita dell'economia del Medioevo, anche il Rinascimento sarebbe stato impedito.

    Questo periodo vide un miglioramento della vita delle classi contadine e la creazione di una vasta ricchezza nell'Europa meridionale, in particolare in Italia.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.