Geb: Dio egizio della Terra

Geb: Dio egizio della Terra
David Meyer

Geb era l'antico dio egizio della terra, nonché una delle seconde generazioni delle nove divinità che formavano l'Enneade di Eliopoli. Conosciuto anche come Gebb, Kebb, Keb o Seb, Geb fu il terzo faraone divino. Regnò dopo essere succeduto a Shu, suo padre, e prima che Osiride salisse al trono. Geb sostenne la pretesa di Horus al trono dopo l'uccisione di Osiride.

Gli Egizi credevano che il loro faraone fosse l'incarnazione vivente di Horus, per cui uno dei suoi numerosi titoli era "Erede di Geb".

Indice dei contenuti

    Fatti su Geb

    • Geb era il dio della Terra e il padre degli dei Osiriani.
    • Si ritiene che il culto di Geb abbia avuto origine nel periodo pre-dinastico dell'Egitto.
    • In alcune iscrizioni Geb è raffigurato come bisessuale. Nel suo tempio, a Bata a Eliopoli, pose il Grande Uovo che simboleggiava il rinnovamento e la rinascita. Il dio Sole emerse dal Grande Uovo sotto forma di un uccello sacro ben ben.
    • L'animale sacro di Geb era un'oca ed era chiamato "Il grande chioccia" per il suo richiamo celebrativo dopo la deposizione del Grande Uovo.
    • I faraoni venivano talvolta chiamati "eredi di Geb".

    Stirpe divina

    Il nonno di Geb era il dio creatore Atum, suo padre era il dio egizio dell'aria Shu e sua madre era la dea dell'umidità Tefnut. Geb e Nut, sua sorella-moglie e dea del cielo, generarono quattro figli Osiride, Iside, Nefti e Seth.

    Guarda anche: I 15 principali simboli di uguaglianza con i loro significati

    Miti della creazione

    In un antico mito egizio della creazione, Ra, il dio del sole e nonno di Nut e Geb, si arrabbiò perché Geb e Nut erano avvinghiati in un abbraccio eterno. Ra ordinò a Shu di separarli. Shu ottenne questo risultato stando su Geb e sollevando Nut in alto nel cielo, creando così l'atmosfera dividendo la terra dal cielo.

    Geb pianse per essere stato separato da Nut, creando così i grandi oceani del mondo. Tuttavia, a quel punto Nut era incinta e partorì Osiride, Iside, Nefti, Horus il Vecchio e Seth.

    Guarda anche: Significato spirituale dell'arcobaleno (14 interpretazioni principali)

    La stele Phakussa della dinastia tolemaica racconta l'ossessione di Geb per la madre Tefnut. Shu, il padre di Geb, combatté contro i fedeli di Apep, il serpente. Shu era molto esausto dopo questa schermaglia e si ritirò nella pianura celeste per riprendersi. Durante l'assenza di Shu, Geb cercò sua madre e alla fine la violentò. A questo atto criminale seguirono nove giorni turbolenti di tempeste e di oscurità. Geb cercò di soppiantareIl padre si era fatto nominare faraone durante la sua assenza, ma quando toccò l'ureo o cobra sulla corona di Re, questo individuò la colpa di Geb e reagì al suo crimine uccidendo tutti i suoi confederati e ferendo gravemente Geb. Solo applicando una ciocca di capelli di Ra, Geb si salvò da morte certa. Nonostante questi passi falsi, Geb si dimostrò un grande re che salvaguardò l'Egitto e i suoi sudditi.

    Raffigurazione e culto di Geb

    Geb era tipicamente raffigurato in forma umana con indosso le corone combinate della corona bianca dell'Alto Egitto faraonico e della corona di Atef del Basso Egitto. Geb era anche comunemente raffigurato sotto forma di oca, o con la testa di un'oca. L'oca era l'animale sacro di Geb e il geroglifico del suo nome.

    Quando Geb è raffigurato in forma umana, di solito è sdraiato, per personificare la terra. A volte era anche dipinto di verde e raffigurato con vegetazione che spuntava dal suo corpo. Gli antichi egizi sostenevano che l'orzo crescesse sulle sue costole. Come dio del raccolto, Geb era occasionalmente visto come il coniuge della dea cobra Renenutet, mentre come incarnazione della Terra Geb è spesso raffigurato sdraiato.Si appoggia con disinvoltura su un gomito e piega un ginocchio verso l'alto, simulando il profilo di una valle tra due montagne.

    Gli egittologi ritengono che il culto di Geb abbia avuto inizio durante il periodo pre-dinastico, nell'area circostante Iunu o Eliopoli. Tuttavia, esistono prove a sostegno dell'idea che il culto di Geb abbia seguito quello del culto di Aker, un altro dio della terra. Durante la dinastia tolemaica, Geb venne identificato con Kronos, il dio greco del tempo.

    La maggior parte delle culture dell'epoca associava la terra al potere femminile. Gli antichi egizi ritenevano che Geb fosse bisessuale, quindi Geb era un raro dio della terra di sesso maschile. All'interno del suo tempio, a Bata a Eliopoli, Geb depose il Grande Uovo che simboleggiava il rinnovamento e la rinascita. Il dio Sole emerse dal Grande Uovo sotto forma di un uccello sacro ben ben. Geb era chiamato "Il Grande Gracidatore" in riferimento all'uccellochiamata che avrebbe fatto dopo aver deposto l'uovo.

    Gli antichi egizi ritenevano che i terremoti fossero la risata di Geb. Geb era anche un dio delle grotte e delle miniere, che creava le pietre preziose e i minerali estratti dalla terra. Il cartiglio usato per indicare il suo nome è stato collegato alla rigogliosa terra coltivabile e alla vegetazione del Nilo.

    Geb rivendicava il dominio sulle tombe sepolte nella terra e assisteva al rituale della pesatura del cuore del defunto nelle Sale di Ma'at. Geb intrappolava nella terra o negli inferi i defunti il cui cuore era giudicato gravato da colpa. Geb era quindi una divinità sia benevola che malevola, che imprigionava i defunti nel suo corpo. Una rappresentazione di Geb era spesso dipinta sualla base di un sarcofago, a dimostrazione della sua protezione dei morti giustificati.

    Ruolo nel rituale di adesione del faraone

    Nell'antico Libro dei Morti egizio, il Faraone afferma: "Sono stato decretato erede, signore della terra di Geb. Ho avuto rapporti con le donne, Geb mi ha rinfrancato e mi ha fatto salire sul suo trono".

    Un rituale per segnare la successione di un nuovo re prevedeva la liberazione di quattro oche selvatiche, ognuna delle quali volava verso i quattro angoli del cielo, con l'intento di portare fortuna al nuovo faraone.

    Riflettere sul passato

    La ricca diversità del mito di Geb illustra quanto sfaccettate potessero essere le credenze degli antichi egizi riguardo agli dei e come le divinità fossero immaginate con famiglie, vite sociali complesse e desideri liberi, proprio come i loro adoratori.

    Immagine di testata: kairoinfo4u [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.