Gilgamesh era reale?

Gilgamesh era reale?
David Meyer

Sono molti i poemi sumerici che raccontano l'epopea di Gilgamesh, raffigurandolo come un potente protagonista. Il più popolare di questi poemi è il Epopea di Gilgamesh .

Guarda anche: Tutankhamon

La più antica versione esistente del poema epico babilonese è stata scritta intorno al 2.000 a.C. [1], precede di oltre 1.200 anni l'opera di Omero ed è considerata la più antica opera epica della letteratura mondiale.

Ma Gilgamesh era un uomo reale o un personaggio immaginario? Secondo molti storici, Gilgamesh è stato un vero e proprio re storico. [2]. In questo articolo parleremo ancora di lui.

Indice dei contenuti

    Gilgamesh come re storico reale

    Molti storici ritengono che Gilgamesh sia stato un re realmente esistito che ha governato una città sumera chiamata Uruk intorno al 2.700 a.C..

    Gilgamesh

    Samantha dall'Indonesia, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Secondo Stephanie Dalley, famosa studiosa del Vicino Oriente antico, non è possibile identificare le date precise della sua vita, ma visse tra il 2800 e il 2500 a.C. [3].

    Inoltre, anche l'iscrizione di Tummal, un testo storiografico lungo 34 righe, menziona Gilgamesh e racconta che egli ricostruì un antico santuario situato nella città di Nippur [4]. Si ritiene che questo testo sia stato scritto tra il 1953 e il 1920 a.C., durante il regno di Ishbi-Erra.

    Testimonianze storiche trovate in antiche iscrizioni suggeriscono anche che Gilgamesh costruì le grandi mura di Uruk, che oggi è l'area dell'odierno Iraq [5].

    Il suo nome è presente anche nell'elenco dei re sumeri; inoltre, anche un noto personaggio storico, il re Enmebaragesi di Kish, ha citato Gilgamesh.

    Non era un essere divino o soprannaturale, come lo dipingono le storie e i racconti; era un uomo reale, secondo le testimonianze storiche.

    Storie del re/eroe Gilgamesh

    Durante gli ultimi periodi della prima era dinastica, i Sumeri veneravano Gilgamesh come un dio [6]. Un re di Uruk, Utu-Hengal, nel XXI secolo a.C., affermò che Gilgamesh era la sua divinità protettrice.

    Inoltre, molti re durante la Terza Dinastia di Ur lo chiamavano amico e fratello divino. Le preghiere incise su tavolette di argilla si rivolgono a lui come a un dio che sarà il giudice dei morti [7].

    Tutte queste prove dimostrano che Gilgamesh era qualcosa di più di un semplice re per i Sumeri. Ci sono diversi poemi sumeri che narrano le sue imprese leggendarie.

    Epopea di Gilgamesh

    L'epopea babilonese di Gilgamesh è un poema molto lungo che inizia con la rappresentazione di un re crudele. Gli dei decidono di dargli una lezione e creano un potente uomo selvaggio chiamato Enkidu.

    Gilgamesh e Enkidu si scontrano e Gilgamesh vince, ma il coraggio e la forza di Enkidu lo impressionano, così i due diventano amici e iniziano a vivere insieme diverse avventure.

    Gilgamesh chiede a Enkidu di uccidere Humbaba, un'entità soprannaturale che protegge la Foresta dei Cedri, per diventare immortale. I due si recano nella foresta e sconfiggono Humbaba, che chiede pietà, ma Gilgamesh lo decapita e torna a Uruk con Enkidu.

    Gilgamesh indossa i suoi abiti più belli per festeggiare la vittoria, attirando così l'attenzione di Ishtar, che lo desidera, ma lo respinge e chiede al Toro del Cielo, suo cognato, di uccidere Gilgamesh.

    Tuttavia, i due amici lo uccidono, facendo infuriare gli dèi, che dichiarano che uno dei due amici deve morire. Gli dèi scelgono Enkidu, che presto si ammala. Dopo alcuni giorni, muore, facendo cadere Gilgamesh in un profondo dolore. Egli abbandona il suo orgoglio e il suo nome e si mette alla ricerca del significato della vita.

    Tavoletta V dell'Epopea di Gilgamesh appena scoperta, periodo antico-babilonese, 2003-1595 a.C.

    Osama Shukir Muhammed Amin FRCP(Glasg), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Gilgamesh, Enkidu e l'oltretomba

    La narrazione di questo poema inizia con un albero di Huluppu [8], che la dea Inanna trasferisce nel suo giardino di Uruk per scolpirlo in un trono, ma scopre che nell'albero vive un demone mesopotamico che la rende triste.

    Guarda anche: I 23 principali simboli di fiducia e il loro significato

    In questo poema, Gilgamesh è rappresentato come il fratello di Inanna. Egli uccide il demone e crea un trono e un letto con il legno dell'albero per la sorella. Inanna dà poi un pikku e un mikku (un tamburo e una bacchetta) a Gilgamesh, che accidentalmente li perde.

    Per trovare il pikku e il mikku, Enkidu scende nell'oltretomba ma non obbedisce alle sue severe leggi e viene catturato per l'eternità. L'ultima parte del poema è un dialogo tra Gilgamesh e l'ombra di Enkidu.

    Racconti accadici di Gilgamesh

    Oltre alle composizioni sumeriche, esistono molte altre storie di Gilgamesh scritte da giovani scribi e autori delle scuole dell'Antica Babilonia.

    Tavoletta di argilla neo-assira. Epopea di Gilgamesh, tavoletta 11. Storia del diluvio.

    British Museum, CC0, via Wikimedia Commons

    Una di queste storie popolari si chiama "Superare tutti gli altri re", una storia accadica di Gilgamesh.

    Solo alcune parti di questa storia sono sopravvissute, il che ci dice che il racconto aggiunge la narrazione sumera su Gilgamesh al racconto accadico.

    È importante notare che Nippur e molte altre regioni della Mesopotamia meridionale furono abbandonate con il crollo dell'economia.

    Di conseguenza, molte accademie scribali vennero definitivamente chiuse e sotto le nuove dinastie babilonesi in ascesa si verificò un drammatico cambiamento nella cultura e nel potere politico.

    Quindi, i racconti accadici sono piuttosto diversi da quelli originali scritti dai Sumeri, poiché entrambe le versioni riflettono le preoccupazioni locali delle rispettive aree.

    Parole finali

    Gilgamesh era un re leggendario degli antichi Sumeri, descritto nell'Epopea di Gilgamesh e in molti altri poemi e racconti. L'epopea lo descrive come un semidio dotato di forza e coraggio sovrumani, che costruì le mura della città di Uruk per proteggere il suo popolo.

    Esistono prove della sua esistenza e si ritiene che abbia regnato intorno al 2700 a.C. Tuttavia, non si sa fino a che punto i racconti leggendari della sua vita e delle sue gesta siano basati su fatti storici.

    Molti degli eventi e delle storie descritte nell'epopea sono chiaramente mitici e il personaggio di Gilgamesh è probabilmente una miscela di elementi storici e leggendari.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.