Gioielli dell'antico Egitto

Gioielli dell'antico Egitto
David Meyer

Le prime testimonianze della produzione di gioielli nell'antico Egitto risalgono al 4000 a.C. Oggi, l'antica gioielleria egiziana ci ha regalato alcuni degli esempi più rari e sublimi di artigianato antico finora scoperti.

Sia gli uomini che le donne dell'antico Egitto si dimostrarono grandi estimatori dei gioielli, adornandosi con una profusione di gingilli nella vita quotidiana e nelle sepolture.

I gioielli indicavano status e ricchezza e offrivano protezione contro il male e le maledizioni. Questa protezione era estesa sia ai morti che ai vivi e si credeva che portasse prosperità nel presente e nell'aldilà.

Indice dei contenuti

    Fatti sui gioielli dell'antico Egitto

    • Le prime testimonianze dell'antica gioielleria egiziana risalgono al 4000 a.C.
    • I gioielli dell'antico Egitto sono considerati tra i più belli del mondo antico.
    • Nell'antico Egitto sia gli uomini che le donne indossavano gioielli.
    • Nella vita di tutti i giorni e nelle sepolture indossavano una profusione di gingilli.
    • I gioielli indicavano status e ricchezza e offrivano protezione contro il male e le maledizioni.
    • La protezione era estesa sia ai morti che ai vivi.
    • Si pensava che i gioielli favorissero la prosperità in vita e nell'aldilà.
    • La pietra semipreziosa più popolare nell'antico Egitto era il Lapislazzuli, importato dall'Afghanistan.
    • Grazie al simbolo della rinascita e al suo presunto potere magico, lo scarabeo è l'animale più comune, presente nella gioielleria egizia, ma raramente appare nel suo nero naturale.
    • I bambini venivano spesso dotati di ciondoli protettivi per allontanare gli spiriti maligni a causa dell'alto tasso di mortalità infantile.
    • Nei gioielli dell'antico Egitto l'oro simboleggiava la carne degli dei.

    Mettere il personale nell'ornamento

    Orecchini d'oro del Nuovo Regno egiziano.

    Maksim Sokolov (maxergon.com) / CC BY-SA

    Forse il momento che più tardi definirà l'emergere del design e dell'artigianato dei gioielli egiziani è stata la scoperta dell'oro.

    Le miniere d'oro permisero agli egiziani di accumulare grandi quantità del metallo prezioso, che fece da sfondo alla creazione di gioielli squisitamente intricati.

    Gli antichi Egizi amavano molto l'ornamento personale e per questo i gioielli adornavano sia le donne che gli uomini di tutte le classi sociali.

    Le statue egizie degli dei e dei faraoni erano impreziosite da sontuose decorazioni di gioielli; allo stesso modo, i morti venivano sepolti con i loro gioielli per aiutarli nel loro viaggio nell'aldilà.

    I loro ornamenti personali non si limitavano ad anelli e collane: cavigliere, bracciali, braccialetti elaborati, amuleti, diademi, pettorali e collari; pendenti, collane, orecchini delicati e una profusione di anelli erano una caratteristica abituale dell'abbigliamento egiziano.

    Anche nelle sepolture, i più poveri venivano inumati con anelli, un semplice braccialetto o un filo di perline.

    I gioielli d'oro si affermarono rapidamente come status symbol nel periodo pre-dinastico dell'Egitto: l'oro divenne simbolo di potere, religione e status sociale.

    L'oro divenne un elemento di spicco per le famiglie della nobiltà e per i reali, come mezzo per differenziarsi dal resto della popolazione. Lo status dell'oro generò un'enorme domanda di gioielli elaborati.

    Maestri del loro mestiere

    Intaglio di corniola - gemma semipreziosa. Raffigura una regina tolemaica che regge uno scettro.

    © Marie-Lan Nguyen / Wikimedia Commons / CC-BY 2.5

    Purtroppo molte delle antiche tecniche egizie di taglio e lucidatura delle gemme preziose e semipreziose sono andate perdute, ma la qualità duratura delle loro creazioni ci accompagna ancora oggi.

    Sebbene gli antichi Egizi avessero accesso a una gamma vertiginosa di gemme preziose, spesso sceglievano di lavorare con gemme più morbide e semipreziose come turchese, corniola, lapislazzuli, quarzo, diaspro e malachite.

    Il lapislazzuli veniva importato dal lontano Afghanistan.

    Un materiale comunemente usato e dal costo mozzafiato era il vetro colorato, costosissimo a causa della sua rarità; i gioiellieri egiziani usavano creativamente il vetro colorato per rappresentare le piume squisitamente dettagliate dei loro disegni di uccelli.

    Oltre alle miniere d'oro e alle altre materie prime disponibili all'interno dei confini egiziani, i maestri gioiellieri egiziani importarono una serie di altri materiali, come il lapislazzuli, una pietra semipreziosa molto diffusa e ampiamente utilizzata nei gioielli a scarabeo.

    Gli squisiti gioielli egizi sono diventati un oggetto commerciale molto ambito in tutto il mondo antico, tanto che i gioielli egizi sono stati rinvenuti in regioni lontane come Roma, Grecia, Persia e l'attuale Turchia.

    I nobili egizi avevano una passione per i gioielli che raffiguravano scarabei, antilopi, uccelli alati, sciacalli, tigri e pergamene dai dettagli intricati. I nobili portavano i loro costosi gioielli anche nelle loro tombe.

    Grazie alla tradizione egizia di nascondere le sepolture in luoghi inaccessibili, gli archeologi hanno trovato grandi quantità di questi capolavori perfettamente conservati.

    Simbolismo spirituale

    Ciondolo ritrovato nella tomba della principessa Sit-Hathor Yunet, figlia del faraone Senusret II e realizzato con oro di corniola, feldspato, granato, turchese e lapislazzuli.

    tutincommon (John Campana) / CC BY

    Il colore delle gemme e dei gioielli era importante per gli antichi Egizi: si credeva che certi colori portassero fortuna e proteggessero dal male.

    In numerose culture antiche, il colore blu rappresentava la regalità, in particolare nell'antica società egizia. Quindi, il colore blu rappresenta la regalità, lapislazzuli con la sua intensa tonalità di blu era una delle gemme più preziose.

    Colori, disegni ornamentali e materiali specifici erano collegati a divinità soprannaturali e poteri invisibili. Il colore di ogni pietra preziosa aveva un significato diverso tra gli antichi egizi.

    I gioielli di colore verde simboleggiavano la fertilità e il successo delle colture appena piantate. Un individuo appena deceduto veniva sepolto con una collana di colore rosso intorno alla gola per placare la presunta sete di sangue di Iside.

    Gli antichi Egizi indossavano i gioielli ornamentali come talismani per proteggersi dalle entità ostili. Questi talismani erano realizzati in pietra.

    Turchese, corniola e lapislazzuli rappresentavano tutti una sfaccettatura della natura, come il verde per la primavera, l'arancione per la sabbia del deserto o il blu per il cielo.

    Nei gioielli degli antichi Egizi l'oro rappresentava la carne degli dei, la maestà eterna del sole, il fuoco e la costanza eterna.

    Le conchiglie e i molluschi d'acqua dolce erano protagonisti nella creazione di collane e bracciali sia da uomo che da donna. Per gli antichi egizi, la conchiglia di cowrie assomigliava alla fessura di un occhio e credevano che proteggesse chi la indossava dal malocchio.

    La società egizia era molto tradizionale e conservatrice nelle sue credenze. I gioiellieri seguivano regole severe che regolavano gli attributi mistici dei loro disegni di gioielli, che potevano essere letti come una narrazione da un osservatore informato.

    Materiali per gioielli

    Anello di smeraldo raffigurante il dio Ptah, risalente al periodo tardo dell'antico Egitto.

    Museo d'arte Walters / Pubblico dominio

    Lo smeraldo era la gemma preferita dalla regina Cleopatra, che faceva intagliare ai suoi gioiellieri smeraldi a sua immagine e somiglianza, che regalava alle personalità straniere. Nell'antichità gli smeraldi venivano estratti localmente, vicino al Mar Rosso.

    L'Egitto ha monopolizzato il commercio degli smeraldi fino al XVI secolo e alla scoperta dell'America centrale e meridionale. Gli antichi egizi equiparavano gli smeraldi ai loro concetti di fertilità e ringiovanimento, immortalità ed eterna primavera.

    Pochi egiziani potevano permettersi splendide gemme di smeraldo e così, per fornire materiali più economici che soddisfacessero la domanda di gioielli delle classi più basse, gli artigiani egiziani inventarono gemme false.

    Gli antichi artigiani divennero così abili nel creare facsimili di perle di vetro di pietre preziose o semipreziose che distinguere la gemma vera dal falso in vetro era piuttosto difficile.

    Oltre all'oro utilizzato per i gioielli destinati ai reali e alla nobiltà, il rame era ampiamente utilizzato per la gioielleria comune. L'oro e il rame erano entrambi abbondanti grazie alle miniere del deserto nubiano dell'Egitto.

    L'argento non era generalmente disponibile per gli artigiani egiziani e raramente si incontra negli scavi archeologici. L'argento utilizzato era tutto importato e il suo costo aumentava.

    Per ottenere colori diversi nelle loro creazioni in oro, i gioiellieri usavano tinte diverse, che andavano dal marrone rossastro e dal rosa alle sfumature di grigio. La miscelazione di rame, ferro o argento con l'oro creava questa variazione di tinte.

    Pietre preziose e semipreziose

    Maschera funeraria del re Tutankhamon.

    Mark Fischer / CC BY-SA

    Gli esempi più lussuosi di gioielli egizi erano intarsiati con una serie di gemme preziose e semipreziose.

    Guarda anche: Le case nel Medioevo

    Il lapislazzuli era la pietra più preziosa, mentre smeraldi, perle, granati, corniole, ossidiana e cristallo di rocca erano le pietre più utilizzate in Egitto.

    La maschera funeraria d'oro del re Tutankhamon, famosa in tutto il mondo, era intarsiata con lapislazzuli, turchesi e corniole delicatamente intagliati.

    Gli Egizi erano anche abili nella produzione di maioliche per i loro gioielli, ottenute macinando il quarzo e mescolandolo con un colorante.

    La miscela risultante veniva poi riscaldata e modellata per imitare gemme più costose. La tonalità più popolare di faience era una tinta blu-verde che imitava da vicino il turchese.

    Forme popolari di gioielli

    Collana a collare largo del Nuovo Regno egiziano.

    Per gentile concessione: Metropolitan Museum of Art

    Mentre gli oggetti e gli indumenti di uso quotidiano potevano essere relativamente semplici, i gioielli egizi erano invece smaccatamente ornati. Indipendentemente dalla classe o dal sesso, ogni antico egizio possedeva almeno qualche gioiello.

    Gli oggetti di gioielleria più popolari comprendevano portafortuna, braccialetti, collane di perline, scarabei a cuore e anelli. I nobili egizi, come i faraoni e le regine, apprezzavano gioielli realizzati con un mix di metalli preziosi, pietre preziose e vetro colorato.

    La classe bassa egiziana indossava prevalentemente gioielli fatti di conchiglie, rocce, denti di animali, ossa e argilla.

    Collana a colletto largo della XII dinastia egizia.

    //www.flickr.com/photos/unforth/ / CC BY-SA

    Uno degli ornamenti più iconici che ci sono giunti dall'antico Egitto è l'ampia collana del colletto, tipicamente formata da file di perline a forma di animali e fiori, che si estendeva su chi la indossava dalla clavicola al seno.

    Sia gli uomini che le donne indossavano orecchini, mentre gli anelli erano molto diffusi sia tra gli uomini che tra le donne. Anche i ciondoli con un amuleto protettivo erano comunemente infilati in collane di perline.

    Amuleti protettivi

    Amuleto del periodo tolemaico egiziano, realizzato in oro con intarsi di lapislazzuli, turchese e steatite.

    Museo d'arte della contea di Los Angeles / Pubblico dominio

    Gli amuleti protettivi egiziani erano spesso incorporati nei gioielli, ma potevano anche essere indossati come oggetti indipendenti. Questi ciondoli o amuleti erano talismani che si pensava proteggessero chi li indossava.

    Gli amuleti venivano scolpiti in una serie di forme diverse, tra cui uomini, animali, simboli e rappresentazioni degli dei, e conferivano protezione sia ai vivi che ai morti.

    Gli amuleti erano importanti nell'aldilà e molti esempi sono stati creati come gioielli commemorativi specifici per l'aldilà, seguendo l'antica usanza egizia di lasciare beni funerari per accompagnare l'anima defunta nell'aldilà.

    Gli iconici scarabei egiziani

    Ricreazione di una collana in stile egizio con scarabei

    Museo d'arte Walters / Pubblico dominio

    Lo scarabeo egizio ha avuto un ruolo importante nella mitologia e, di conseguenza, sia i ricchi che i poveri hanno adottato lo scarabeo come portafortuna e amuleto.

    Si pensava che i gioielli a forma di scarabeo possedessero forti poteri magici e divini; inoltre, l'umile scarabeo era un simbolo egizio di rinascita.

    Anello di scarabeo di Tuthmosis III, della XVIII dinastia.

    Geni / CC BY-SA

    Il nome del proprietario veniva inciso sulla base dello scarabeo per garantire la protezione a chi lo indossava.

    I gioielli a forma di scarabeo, sotto forma di collane, pendenti, anelli e bracciali, sono stati creati con pietre preziose o semipreziose, tra cui lapislazzuli, turchese e corniola.

    Scarabei del cuore

    Scarabeo a cuore in oro e pietra verde della XVIII dinastia, rinvenuto nella tomba di Ramose e Hatnofer.

    Hans Ollermann / CC BY

    Uno degli amuleti funerari egizi più comuni era lo scarabeo del cuore, che a volte era a forma di cuore o ovale, ma di solito manteneva la sua caratteristica forma di scarabeo.

    Guarda anche: La Grande Sfinge di Giza

    Il loro nome deriva dalla pratica di porre un amuleto sul cuore prima della sepoltura.

    Gli antichi egizi ritenevano che compensasse la separazione del cuore dal corpo durante l'aldilà. Secondo la mitologia egizia, il cuore raccontava le azioni compiute dall'anima in vita.

    Così, alla loro morte, il dio Anubi avrebbe pesato i cuori delle anime defunte con la Piuma della Verità.

    Collane con perline

    Collana di Sithathoryunet del periodo del Medio Regno.

    Museo Metropolitano d'Arte / CC0

    Le collane di perline erano tra gli articoli di gioielleria egizia più popolari all'epoca. In genere, le collane di perline incorporavano spesso amuleti e ciondoli, nei loro intricati disegni di perline di forme e dimensioni diverse.

    Le perle stesse potevano essere realizzate con pietre semipreziose, vetro, minerali e argilla.

    Anelli di tenuta

    Anello di sigillo con il nome di Akhenaton.

    Museo d'arte Walters / Pubblico dominio

    Nell'antico Egitto l'anello di un uomo era uno strumento legale e amministrativo, oltre che ornamentale: tutti i documenti ufficiali erano formalmente sigillati, come forma di autenticazione.

    I poveri usavano come sigillo un semplice anello di rame o d'argento, mentre i ricchi spesso usavano come sigillo un'elaborata gemma preziosa incastonata in un anello.

    Anello con sigillo con l'iscrizione "Ptah Grande con amore".

    Museo del Louvre / CC BY-SA 2.0 FR

    L'anello veniva inciso con l'emblema personale del proprietario, come un falco, un bue, un leone o uno scorpione.

    Riflettere sul passato

    I gioielli dell'antico Egitto sono tra i manufatti culturali più straordinariamente decorati mai ritrovati. Ogni pezzo racconta una storia unica: alcuni sono manufatti dal potere mistico, altri contengono talismani che proteggono chi li indossa dalla magia maligna e dalle maledizioni oscure.

    Immagine di testata per gentile concessione: Walters Art Museum [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.