Grande Piramide di Giza

Grande Piramide di Giza
David Meyer

Chiunque abbia ammirato la Grande Piramide di Giza (nota anche come Piramide di Khufu o di Cheope) non può che rimanere a bocca aperta di fronte all'incredibile opera dei suoi costruttori: dal faraone della Quarta Dinastia Khufu al suo architetto, il visir del faraone Hemiunu, fino alla squadra di circa 20.000 operai e artigiani specializzati che hanno lavorato per vent'anni per completare la piramide.visione e ingegno.

La Grande Piramide di Giza, la più antica delle sette meraviglie del mondo e l'unica rimasta relativamente intatta, è stata l'edificio costruito dall'uomo più alto del mondo per oltre 3.800 anni, fino al 1311 d.C., quando fu completata la guglia della Cattedrale di Lincoln.

Anche con l'avanzata tecnologia computerizzata e i macchinari per il sollevamento di carichi pesanti di oggi, sarebbe difficile riprodurre la precisione della costruzione della piramide o replicare la forza adesiva della malta che lega insieme i suoi massicci blocchi di pietra.

Indice dei contenuti

    Fatti sulla Grande Piramide di Giza

      • La Grande Piramide è una delle sette meraviglie del mondo più antiche e l'unica relativamente intatta.
      • Fu costruito per il faraone Khufu della quarta dinastia.
      • Le testimonianze indicano che per la sua costruzione sono stati necessari 20.000 lavoratori e un immenso supporto logistico.
      • I lavoratori e gli artigiani sono stati pagati per il loro lavoro di costruzione.
      • La Grande Piramide fu completata intorno al 2560 a.C. e richiese 20 anni per essere costruita.
      • Fa parte di un complesso di 3 grandi piramidi nella necropoli di Giza.
      • I suoi lati misurano 230,4 metri (755,9 piedi) quadrati
      • La Grande Piramide svetta per 146,5 metri (480,6 piedi) nel cielo di Gaza
      • Si stima che la piramide pesi circa 5,9 milioni di tonnellate.
      • La sua superficie copre circa 55.000 metri quadrati (592.000 piedi quadrati).
      • La Grande Piramide è stata costruita con circa 2,3 milioni di blocchi di pietra estratti.
      • Si stima che ogni blocco pesi almeno 2 tonnellate.
      • Le fughe tra i blocchi di pietra sono larghe appena 0,5 millimetri (1/50 di pollice).

    Dibattito furioso

    Mentre l'ingegneria della Grande Piramide di Giza è leggendaria, l'intento di Khufu nella costruzione della piramide è sempre stato oggetto di un dibattito acceso e spesso controverso tra egittologi, storici, ingegneri e scienziati popolari.

    Sebbene molte piramidi si siano rivelate tombe, le opinioni divergono sullo scopo della Grande Piramide: la posizione dei suoi pozzi interni, l'allineamento della Grande Piramide con la costellazione delle tre stelle di Orione, il complesso di piramidi più piccole e l'assenza di prove che qualcuno sia mai stato sepolto nella piramide, suggeriscono che potrebbe essere stata progettata con uno scopo alternativo.Inoltre, i lati della piramide sono allineati quasi esattamente con i punti cardinali della bussola.

    La Grande Piramide di Giza si trova anche al centro della terra. L'incrocio dei paralleli nord/sud ed est/ovest avviene solo in due punti della Terra, uno dei quali è il sito della Grande Piramide di Giza.

    I lati lisci, angolati e scintillanti di calcare bianco della Grande Piramide simboleggiavano i raggi del sole ed erano progettati per aiutare l'anima del re ad ascendere al cielo per unirsi alle divinità celesti, in particolare a Ra, il dio del sole egizio.

    Altri commentatori sostengono che la Grande Piramide fu costruita per altri scopi:

    1. Le piramidi erano in realtà enormi centrali elettriche antiche
    2. Le piramidi furono progettate per immagazzinare il grano in caso di carestia catastrofica.
    3. Le piramidi sono un faro di navigazione per le navi aliene
    4. Le piramidi ospitano una biblioteca dell'antichità non ancora scoperta.
    5. Le piramidi sono l'alloggiamento di gigantesche pompe per l'acqua
    6. Ricercatori russi e tedeschi hanno scoperto che la Grande Piramide concentra l'energia elettromagnetica nel suo sottosuolo.
    7. La piramide si comporta come un risonatore, oscillando a frequenze prestabilite, attirando e amplificando le onde radio.
    8. I ricercatori hanno scoperto che la Grande Piramide interagisce con i suoi blocchi di calcare, accumulando energia nella "camera del re" e dirigendola verso il punto sotto la sua base, dove si trova la terza delle quattro camere.

    Design brillante

    Costruita tra il 2589 e il 2504 a.C. circa, la maggior parte degli egittologi ritiene che la Grande Piramide di Giza sia stata costruita come tomba del faraone Khufu. Si ritiene che il visir del faraone Hemiunu sia stato sia l'architetto principale che il supervisore della costruzione con il labirinto di supporto logistico necessario durante la costruzione della piramide.

    Nel corso del tempo, la Grande Piramide di Giza si è effettivamente rimpicciolita, poiché ha gradualmente perso il suo strato protettivo esterno di pietre calcaree di rivestimento, insieme agli effetti cumulativi dei terremoti e delle forze ambientali, come l'erosione dovuta al vento e alla pioggia.

    Anche utilizzando gli standard contemporanei, la precisione con cui è stata costruita la Grande Piramide è sorprendente: la base della piramide varia di soli 15 millimetri (0,6 pollici) dal piano orizzontale, mentre i lati di ciascuna base sono uguali su tutti i lati per un massimo di 58 millimetri. L'imponente struttura è inoltre allineata su un asse nord-sud reale, con un margine di errore minuscolo di 3/60 gradi.

    Le stime attuali sui tempi di costruzione della Grande Piramide variano da dieci anni a 20. Supponendo che la costruzione sia durata 20 anni, sarebbe stato necessario posare e cementare circa 12 blocchi all'ora o 800 tonnellate di blocchi di pietra al giorno, 24 ore su 24, sette giorni su sette. Si stima che i 2,3 milioni di blocchi della Grande Piramide pesino da due a addirittura 30 tonnellate ciascuno, mentre iIl tetto della camera del re è costruito con nove lastre di pietra del peso complessivo di circa 400 tonnellate.

    La Grande Piramide è in realtà una struttura a otto lati, ma non a quattro: ognuno dei quattro lati della piramide presenta sottili rientranze concave, visibili solo dall'alto, che corrispondono alla curvatura della terra.

    Per sostenere una struttura così colossale sono necessarie fondamenta estremamente stabili e robuste. L'altopiano su cui sorge la Grande Piramide è costituito da un solido basamento di granito. Inoltre, le fondamenta delle pietre angolari della piramide sono state costruite incorporando una forma di costruzione a sfera e a zoccolo, che consente alla Grande Piramide di Giza di resistere ai terremoti e alle notevoli fluttuazioni di temperatura, mantenendo inalterato il suo aspetto.integrità strutturale essenziale.

    Mentre gli ingegneri chimici sono riusciti a identificare la composizione chimica della malta utilizzata nella Grande Piramide, gli scienziati moderni non hanno avuto successo nel tentativo di riprodurla in laboratorio. È interessante notare che la malta si è dimostrata più forte delle pietre che lega e continua a tenere saldamente i blocchi di pietra al loro posto.

    Secondo recenti testimonianze, le piramidi sono state costruite utilizzando una forza lavoro volontaria composta da migliaia di artigiani specializzati e manovali non qualificati. Ogni anno, quando i vasti campi agricoli dell'Egitto venivano inondati dalle piene del Nilo, il faraone mobilitava questa forza lavoro per lavorare ai suoi monumentali progetti di costruzione. Alcune stime indicano che per la costruzione delle piramidi sono stati impiegati fino a 200.000 manovali specializzati.costruzione della piramide di Giza.

    Solo tre piramidi sono state dotate di una porta girevole. La Grande Piramide è una di queste. La porta pesava quasi 20 tonnellate, ma era così finemente bilanciata che poteva essere facilmente aperta dall'interno. L'incastro esterno della porta era così perfetto che era impossibile identificarla dall'esterno. Anche quando la sua posizione è stata scoperta, la sua superficie esterna liscia mancava di un appiglio per raggiungere la porta.Le piramidi del padre e del nonno di Khufu sono le uniche altre due piramidi che nascondono porte girevoli.

    Un bianco accecante sotto il sole

    Quando è stata completata, la Grande Piramide di Giza aveva uno strato di 144.000 pietre di calcare bianco di rivestimento. Queste pietre erano estremamente riflettenti e quindi brillavano alla luce del sole. Composte da calcare di Tura altamente levigato, le loro facce inclinate riflettevano la luce del sole. Alcuni egittologi hanno persino suggerito che la Grande Piramide potesse essere visibile anche dallo spazio. Non c'è da stupirsi quindi cheche gli antichi egizi chiamavano la Grande Piramide "Ikhet" o luce gloriosa.

    Le pietre di rivestimento della piramide sono state posate in uno schema a incastro stretto e legate insieme con pietre di legatura. La costruzione protettiva delle pietre di rivestimento era così precisa che una lama sottile non poteva entrare nella fessura. Queste pietre di rivestimento hanno contribuito all'integrità strutturale della piramide, oltre a fornire una finitura protettiva alla struttura esterna della Grande Piramide.

    Guarda anche: I 24 più antichi simboli di Dio e il loro significato

    Nel 1303 d.C. un forte terremoto allentò lo strato di pietre di rivestimento della Grande Piramide, staccando molti dei blocchi, che vennero poi saccheggiati per la costruzione di templi e, in seguito, di moschee. Queste depredazioni hanno privato la Grande Piramide della sua elegante finitura esterna e l'hanno lasciata aperta alle intemperie.

    Il layout interno della Grande Piramide

    L'interno della Grande Piramide di Giza è molto più labirintico rispetto alle altre piramidi e comprende tre camere principali: una superiore, oggi nota come camera del re, una camera della regina, situata al centro della piramide, e una camera inferiore, non ancora terminata, alla base.

    Sopra la camera del re si trovano cinque camere compatte, grezze e incompiute. Alcuni egittologi ipotizzano che queste camere avessero lo scopo di proteggere la camera del re in caso di crollo del tetto. Questa possibilità è data dal fatto che una parete della camera del re è fatta di calcare, una roccia relativamente morbida.

    Guarda anche: I 15 principali simboli della solitudine con i loro significati

    L'accesso alla piramide è possibile attraverso un ingresso fuori terra situato a 17 metri di altezza. Corridoi lunghi e in forte pendenza collegano queste camere. Piccole anticamere e porte decorative dividono questi corridoi a intervalli.

    Grazie al volume dei blocchi di pietra, l'interno della Grande Piramide oscilla costantemente a 20 gradi Celsius (68 gradi Fahrenheit), apparentemente immune dal torrido ambiente desertico estivo dell'altopiano di Giza.

    Quando furono scoperti, si pensava che i pozzi interni della Grande Piramide servissero principalmente per la ventilazione. Tuttavia, ricerche contemporanee hanno dimostrato che questi pozzi erano allineati con precisione verso le singole stelle della costellazione di Orione. Robert Bauval, un ingegnere egiziano, ha scoperto che il gruppo di tre piramidi di Giza era allineato con le tre stelle della Cintura di Orione. AltroAlcuni astronomi hanno indicato l'orientamento di questi pozzi come prova che erano stati progettati per consentire all'anima del faraone di viaggiare verso queste stelle dopo la sua morte, consentendo la sua trasformazione finale in un dio celeste.

    La camera del re contiene un forziere ricavato da un blocco di granito massiccio. Come gli antichi egizi siano riusciti a scavare un blocco di granito così massiccio rimane un mistero. Il forziere non può passare attraverso i passaggi ristretti della Grande Piramide, il che suggerisce che sia stato collocato durante la costruzione della piramide stessa. Allo stesso modo, mentre gli egittologi sostengono che la Grande Piramide doveva fungere daNella tomba del faraone non è stata scoperta alcuna prova che qualcuno sia mai stato sepolto nel forziere.

    Quando è stata esplorata inizialmente, non sono stati trovati geroglifici all'interno della piramide. In seguito sono stati scoperti segni che indicano una squadra di lavoro. Nel 2011 il Progetto Djedi ha annunciato di aver trovato geroglifici dipinti di rosso in una stanza che conduceva a un pozzo dalla camera della regina, inclinato verso l'alto, in direzione della camera del re. Waynman Dixon, un ingegnere britannico, ha trovato una palla di diorite nera e un utensile di bronzo in una di queste stanze.Sebbene lo scopo di questi oggetti rimanga oscuro, un'ipotesi suggerisce che siano stati associati a dei pozzi.

    Sebbene il ruolo di entrambi i reperti non sia chiaro, è possibile che siano stati associati a un rito sacro, "l'apertura della bocca": in questa cerimonia, eseguita dal figlio del faraone, il figlio apriva la bocca del padre defunto per assicurarsi che quest'ultimo potesse bere e mangiare nell'aldilà e per riportare in vita il padre defunto. Questa cerimonia veniva di solito eseguita utilizzando un adze sacro, un attrezzo modellatodal ferro meteorico, estremamente raro a quei tempi.

    Riflettere sul passato

    La Grande Piramide di Giza è stata costruita per durare in eterno. Costruita dal faraone Khufu circa 4.500 anni fa, il modo e il motivo per cui è stata costruita ha lasciato perplessi egittologi, ingegneri e visitatori da allora.

    Immagine di testa per gentile concessione: Nina su Wikipedia in lingua norvegese bokmål [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.