Hathor - Dea Vacca della maternità e delle terre straniere

Hathor - Dea Vacca della maternità e delle terre straniere
David Meyer

Grazie al suo ruolo di dea egizia della gentilezza e dell'amore, Hathor era una delle divinità più popolari, venerata da faraoni e regine fino alla gente comune. Hathor personificava anche la maternità e la gioia, oltre a essere la dea delle terre straniere, della musica e della danza e la dea protettrice dei minatori.

Il suo strumento era il sistro, che usava per ispirare la bontà e scacciare il male dall'Egitto. Le origini del suo culto rimangono sconosciute, tuttavia gli egittologi ritengono che il suo culto sia precedente all'inizio del primo periodo dinastico dell'Egitto.

Indice dei contenuti

    Fatti su Hathor

    • Hathor era la dea della maternità, dell'amore, della gentilezza, delle terre straniere e della musica, oltre ad essere la dea protettrice dei minatori.
    • Gli egiziani di ogni livello sociale, dal faraone al popolano, veneravano Hathor.
    • Hathor era spesso associata ad altre dee, tra cui Sekhmet, una dea guerriera e Iside
    • Gli antichi egizi associavano Hathor anche al Nilo del cielo, il loro nome per la Via Lattea.
    • Hathor era anche chiamata la "Padrona dell'Occidente", poiché gli antichi egizi credevano che Hathor accogliesse i morti nella Tuat
    • Dendera era il centro del culto di Hathor e ospitava il suo tempio più grande.
    • Un'antica mappa stellare, lo Zodiaco di Dendera, è stata scoperta in una cappella del Tempio di Hathor a Dendera.

    Hathor era la popolare dea della fertilità che assisteva le donne durante il parto. Gli Egizi associavano Hathor anche alla Via Lattea, che chiamavano il Nilo del cielo. Un altro nome attribuito a Hathor era quello di "Padrona dell'Occidente", poiché gli antichi Egizi credevano che fosse Hathor ad accogliere i morti nella Tuat.

    Raffigurazioni della dea mucca

    Statua della testa della dea della mucca Hathor

    Museo Metropolitano d'Arte / CC0

    Hathor è tipicamente rappresentata come una donna con la testa e le orecchie di mucca o semplicemente come una mucca divina. Nella sua forma Hesat, Hathor è raffigurata come una mucca bianca e pura che porta un vassoio di cibo sulla testa con le mammelle che scorrono con il latte.

    Hathor è strettamente legata a Mehet-Weret, la mucca divina primordiale. Mehet-Weret, o "Grande Diluvio", era una divinità del cielo ritenuta responsabile dell'inondazione annuale del fiume Nilo, che inondava la terra fertilizzandola e garantendo una stagione abbondante.

    Le iscrizioni che mostrano Hathor la raffigurano di solito come una donna che indossa un copricapo stilizzato, che si è evoluto nel suo simbolo principale. Il copricapo di Hathor aveva due grandi corna di vacca erette con un disco solare circondato da un cobra divino o ureo appoggiato tra di esse. Altre dee, come Iside, che vennero associate ad Hathor, sono di solito raffigurate con questo copricapo.

    Ruolo mitologico

    Il personaggio bovino di Hathor illustra un ruolo svolto da Hathor nella mitologia egizia.

    Secondo un mito, Hathor, in qualità di vacca divina, ha dato vita all'universo e ad alcuni dei. Sono state scoperte iscrizioni egizie che raffigurano Hathor in forma di dea del cielo che sorregge il cielo. In questa manifestazione, i quattro pilastri che sorreggono il cielo erano le gambe di Hathor. Altre leggende raccontano che Hathor era l'occhio di Ra e hanno portato gli antichi egizi a collegare Hathor con Sekhmet, una guerrieradea.

    Questi miti raccontano che Hathor, infuriata per i maltrattamenti subiti da Ra da parte degli Egizi, si trasformò in Sekhmet e iniziò a massacrare il popolo egizio. Gli altri dei di Hathor la ingannarono facendole bere del latte e facendola trasformare nuovamente nella sua forma di Hathor.

    Guarda anche: I 15 principali simboli della pace interiore con i loro significati

    La discendenza di Hathor varia anche a seconda della versione della leggenda che viene raccontata. La mitologia egizia convenzionale la raffigura come madre, moglie e figlia di Ra, mentre altri miti la ritraggono come madre di Horus piuttosto che di Iside. Hathor era anche la consorte di Horus e insieme a Horus e Ihi formava una triade divina.

    Guarda anche: Quanto erano precisi i moschetti?

    Padrona di Dendera

    Gli antichi egizi si riferivano a Hathor come alla "Padrona di Dendera", il centro del suo culto. Dendera era la capitale del 6° Nomo o provincia dell'Alto Egitto. Il suo complesso templare è uno dei meglio conservati dell'Egitto e si estende su 40.000 metri quadrati. Un muro protettivo in mattoni di fango circonda questo grande complesso templare.

    Gli edifici superstiti risalgono alla dinastia tolemaica e al primo periodo romano, ma sono stati rinvenuti anche resti di edifici molto più antichi: alcune grandi fondamenta sono state fatte risalire all'epoca della Grande Piramide e al regno del faraone Khufu.

    Dopo aver rimosso la fuliggine dal soffitto di una delle sale principali, gli archeologi hanno scoperto alcuni dei dipinti più ben conservati dell'antico Egitto.

    Il recinto intorno al tempio di Hathor ha rivelato costruzioni dedicate a molti altri dei e dee, tra cui una serie di cappelle, una delle quali era dedicata a Osiride. Gli archeologi hanno anche scoperto una casa per le nascite nel tempio e una piscina sacra. A Dendera è stata rinvenuta anche una necropoli con sepolture risalenti al primo periodo dinastico e al primo periodo intermedio.

    Zodiaco di Dendera

    Lo Zodiaco di Dendera è una sorprendente scoperta sul soffitto della Cappella di Osiride a Dendera. Questo zodiaco è unico per la sua forma rotonda anziché per la convenzionale disposizione rettangolare. Una mappa del cielo vista dagli antichi egizi, che comprende i segni zodiacali, le costellazioni e due eclissi.

    Gli egittologi fanno risalire lo zodiaco al 50 a.C. circa, in base alle eclissi raffigurate nella mappa, ma alcuni sostengono che sia più antico. Molte delle immagini zodiacali raffigurate sono simili alle versioni greche dello zodiaco. La Bilancia, la bilancia, e il Toro, il toro, sono entrambi raffigurati. Tuttavia, gli antichi egizi sostituirono Hapy, il loro dio del Nilo, con il segno dell'Acquario. Le stelle erano importanti per gli antichi egiziche hanno deciso l'inizio di un nuovo anno utilizzando Sirio, la Stella del Cane.

    Riflettere sul passato

    Il servizio di Hathor ai suoi seguaci era la pietra miliare della sua popolarità: gli archeologi l'hanno trovata raffigurata in testi e iscrizioni che vanno dal primo periodo dinastico dell'Egitto (3150-2613 a.C. circa) fino alla dinastia tolemaica (323-30 a.C.), l'ultima dinastia dell'Egitto.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.