Howard Carter: l'uomo che scoprì la tomba di Re Tut nel 1922

Howard Carter: l'uomo che scoprì la tomba di Re Tut nel 1922
David Meyer

Da quando Howard Carter scoprì la tomba del re Tutankhamon nel 1922, il mondo è stato preso da una mania per l'antico Egitto. Il ritrovamento spinse Howard Carter, un archeologo precedentemente anonimo, a una fama globale, creando il primo archeologo famoso al mondo. Inoltre, la natura sontuosa dei beni funerari inumati con il re Tutankhamon per il suo viaggio nell'aldilà ha fatto sì che la popolarità di questa tomba fosse molto forte.che è diventata ossessionata da tesori e ricchezze piuttosto che sviluppare approfondimenti sull'antico popolo egizio.

Indice dei contenuti

    Fatti su Howard Carter

    • Howard Carter è stato il primo archeologo famoso al mondo grazie alla scoperta della tomba intatta del re bambino Tutankhamon.
    • Carter continuò a lavorare sulla tomba di Tutankhamon per dieci anni dopo il suo ingresso, scavando le sue camere, inventariando i suoi reperti e classificando i suoi manufatti fino al 1932.
    • La scoperta da parte di Carter della tomba del re Tutankhamon e del suo tesoro di ricchezze ha innescato un fascino per la storia dell'antica egittologia che non si è mai sopito.
    • Lo scavo della tomba ha richiesto lo spostamento di 70.000 tonnellate di sabbia, ghiaia e detriti prima di riuscire a liberare la porta sigillata della tomba.
    • Quando Carter aprì una piccola sezione della porta della tomba del re Tutankhamon, Lord Carnarvon gli chiese se poteva vedere qualcosa. La risposta di Carter passò alla storia: "Sì, cose meravigliose".
    • La mummia di Tutankhamon è stata danneggiata mentre veniva scartata e questo danno è stato erroneamente interpretato come prova dell'assassinio di Tutankhamon.
    • Dopo il pensionamento, Carter collezionò antichità
    • Carter morì a 64 anni, nel 1939, a causa di un linfoma. Fu sepolto nel cimitero Putney Vale di Londra.
    • L'intervallo tra l'ingresso iniziale di Carter nella tomba del re Tutankhamon nel 1922 e la sua morte nel 1939 è spesso citato come prova che confuta la validità de "La maledizione della tomba del re Tut".

    I primi anni

    Howard Carter nacque il 9 maggio 1874 a Kensington, Londra. Figlio di Samuel John Carter, un artista, era il più giovane di 11 figli. Bambino malaticcio, Carter fu educato a casa della zia nel Norfolk. Fin da piccolo mostrò doti artistiche.

    Samuel insegnò a Howard a disegnare e a dipingere e Howard osservava spesso il padre mentre dipingeva nella casa di William e Lady Amherst, mecenati di Samuel. Tuttavia, Howard si aggirava spesso nella stanza egizia degli Amherst. Qui forse si gettarono le basi della passione che Carter nutrì per tutta la vita per tutto ciò che riguardava l'antico Egitto.

    Gli Amherst suggerirono a Carter di cercare lavoro in Egitto per risolvere il problema della sua delicata salute e lo presentarono a Percy Newberry, membro dell'Egypt Exploration Fund di Londra, che all'epoca cercava un artista per copiare le tombe per conto del Fondo.

    Nell'ottobre del 1891, Carter si imbarcò per Alessandria d'Egitto, a soli 17 anni, dove assunse il ruolo di tracciatore per l'Egyptian Exploration Fund. Una volta sul sito di scavo, Howard disegnò disegni e diagrammi di importanti manufatti dell'antico Egitto. L'incarico iniziale di Carter fu quello di copiare le scene dipinte sulle pareti delle tombe del Medio Regno (circa 2000 a.C.) di Bani Hassan. Durante il giorno, Carter Howardha lavorato minuziosamente copiando le iscrizioni e dormendo ogni notte nelle tombe con una colonia di pipistrelli come compagnia.

    Carter conosce Flinders Petrie, un famoso archeologo britannico, e tre mesi dopo viene introdotto alle discipline dell'archeologia sul campo. Sotto l'occhio vigile di Petrie, Carter passa da artista a egittologo.

    Sotto la guida di Petrie, Carter esplorò la tomba di Tuthmosis IV, il tempio della regina Hatshepsut, la necropoli tebana e il cimitero delle regine della XVIII dinastia.

    Da lì, la carriera archeologica di Carter prosperò e divenne il principale supervisore e disegnatore del sito di scavo del Tempio Mortuario di Hatshepsut a Deir-el-Bahari, a Luxor. A 25 anni, appena otto anni dopo essere salpato per l'Egitto, Carter fu nominato Ispettore Generale dei Monumenti per l'Alto Egitto da Gaston Maspero, direttore del Servizio Antichità Egiziano.

    In questa importante posizione Carter supervisiona gli scavi archeologici lungo il fiume Nilo e l'esplorazione della Valle dei Re per conto di Theodore David, archeologo e avvocato americano.

    In qualità di primo ispettore, Carter aggiunse le luci a sei tombe. Nel 1903, la sua sede era a Saqqara e fu nominato ispettore del Basso e Medio Egitto. La personalità "testarda" di Carter e le sue opinioni molto individuali sulle metodologie archeologiche lo misero sempre più in contrasto con i funzionari egiziani e con i suoi colleghi archeologi.

    Nel 1905 scoppiò un'aspra disputa tra Carter e alcuni facoltosi turisti francesi, che si lamentarono con le alte autorità egiziane. A Carter fu ordinato di scusarsi, ma si rifiutò. In seguito al suo rifiuto, Carter fu assegnato a compiti meno importanti e si dimise due anni dopo.

    Foto di Howard Carter, 8 maggio 1924.

    Per gentile concessione: National Photo Company Collection (Biblioteca del Congresso) [Dominio pubblico], via Wikimedia Commons

    Il ritrovamento della tomba del re bambino Tutankhamon

    Dopo le dimissioni di Carter, lavorò per diversi anni come artista commerciale e guida turistica. Maspero, tuttavia, non dimenticò Carter: nel 1908 lo presentò a George Herbert, V conte di Carnarvon, al quale il medico aveva prescritto visite annuali in Egitto per curare una malattia polmonare.

    I due uomini svilupparono un rapporto straordinario. L'inflessibile determinazione dell'egittologo era accompagnata dalla fiducia che il suo sponsor riponeva in lui. Lord Carnarvon accettò di finanziare i continui scavi di Carter. La loro produttiva collaborazione portò al più famoso ritrovamento archeologico della storia.

    Carter supervisionò diversi scavi sponsorizzati da Carnarvon, trovando insieme sei tombe a Luxor, sulla riva occidentale del Nilo, e nella Valle dei Re. Questi scavi produssero diverse antichità per la collezione privata di Lord Carnarvon entro il 1914. Tuttavia, il sogno di Carter, che divenne sempre più ossessionato dalla scoperta della tomba del re Tutankhamon, giovane faraone dell'Egitto, fu quello di scoprire la tomba di Tutankhamon.XVIII dinastia, un'epoca in cui l'antico Egitto godeva di grande ricchezza e potere.

    Prima che il nome di Tutankhamon, o Re Tut, entrasse nella cultura popolare, un'iscrizione su una piccola coppa di maiolica ha identificato per la prima volta questo faraone poco conosciuto. Questa coppa, con il nome del re inciso, è stata riportata alla luce nel 1905 da Theodore Davis, un egittologo americano. Davis credeva di aver scoperto la tomba saccheggiata di Tutankhamon dopo aver scoperto una camera vuota, oggi nota come KV58. Questa cameracustodiva un piccolo tesoro d'oro con i nomi di Tutankhamon e Ay, il suo successore.

    Sia Carter che Carnarvon ritenevano che Davies si sbagliasse nell'ipotizzare che la KV58 fosse la tomba di Tutankhamon. Inoltre, nessuna traccia della mummia di Tutankhamon è stata trovata tra i depositi di mummie reali rinvenuti nel 1881 a Deir el Bahari o nella KV35, la tomba di Amenhotep II scoperta per la prima volta nel 1898.

    A loro avviso, la scomparsa della mummia di Tutankhamon indicava che la sua tomba era rimasta indisturbata quando gli antichi sacerdoti egizi avevano riunito le mummie reali per proteggerle a Deir el Bahari. Inoltre, era anche possibile che l'ubicazione della tomba di Tutankhamon fosse stata dimenticata e avesse evitato l'attenzione degli antichi tombaroli.

    Tuttavia, nel 1922, frustrato dalla mancanza di progressi di Carter nella ricerca della tomba di Tutankhamon e con i fondi in esaurimento, Lord Carnarvon lanciò a Carter un ultimatum: se Carter non avesse trovato la tomba di Tutankhamon, il 1922 sarebbe stato l'ultimo anno di finanziamento per Carter.

    Dopo soli tre giorni dall'inizio della stagione di scavo, il 1° novembre 1922, la squadra di Carter scoprì una scala fino ad allora trascurata, nascosta sotto le rovine di capanne di operai risalenti al periodo Ramesside (dal 1189 a.C. al 1077 a.C. circa). Dopo aver rimosso questi antichi detriti, Carter salì su una piattaforma appena scoperta.

    Si trattava del primo gradino di una scala che, dopo un minuzioso lavoro di scavo, condusse l'équipe di Carter a una porta murata con i sigilli reali intatti del re Tutankhamon. Il telegramma che Carter inviò al suo mecenate in Inghilterra recitava: "Finalmente ho fatto una meravigliosa scoperta nella Valle; una magnifica tomba con i sigilli intatti; l'ho ricoperta di nuovo per il vostro arrivo; congratulazioni" Howard Carter ruppeattraverso la porta bloccata della tomba di Tutankhamon il 26 novembre 1922.

    Carter credeva che la tomba di Tutankhamon, se intatta, avrebbe potuto contenere enormi ricchezze, ma non poteva prevedere lo straordinario tesoro che lo attendeva all'interno. Quando Carter guardò per la prima volta attraverso il foro che aveva scavato nella porta della tomba, l'unica luce era una candela solitaria. Carnarvon chiese a Carter se riusciva a vedere qualcosa. Carter rispose notoriamente: "Sì, cose meravigliose", e in seguito osservò cheovunque c'era il luccichio dell'oro.

    Guarda anche: La moda francese degli anni '70

    I detriti che coprivano l'ingresso della tomba possono spiegare perché la tomba di Tutankhamon sia in gran parte sfuggita alle depredazioni degli antichi tombaroli intorno alla fine della XX dinastia, nel periodo del Nuovo Regno (dal 1189 a.C. al 1077 a.C. circa). Tuttavia, ci sono prove che la tomba sia stata depredata e richiusa due volte dopo il suo completamento.

    La vastità del ritrovamento e il valore dei manufatti sigillati nella tomba impedirono alle autorità egiziane di seguire la convenzione consolidata di dividere i reperti tra Egitto e Carnarvon. Il governo egiziano rivendicò il contenuto della tomba.

    L'ultima dimora del re Tutankhamon era la tomba meglio conservata mai scoperta. Al suo interno si trovava una fortuna in manufatti d'oro, insieme ai tre sarcofagi del re Tutankhamon che riposavano indisturbati all'interno della camera funeraria. La scoperta di Carter si sarebbe rivelata una delle più sorprendenti del XX secolo.

    Il contenuto della tomba di Tutankhamon

    La tomba del re Tutankhamon conteneva così tanti tesori che Howard Carter impiegò 10 anni per scavare completamente la tomba, ripulirla dai detriti e catalogare minuziosamente i corredi funerari. La tomba era strettamente imballata con orde di oggetti sparsi in grande disordine, in parte a causa dei due furti, della fretta di completare la tomba e delle sue dimensioni relativamente compatte.

    Il sarcofago di Tutankhamon, scolpito nel granito, conteneva due bare dorate e una bara d'oro massiccio, oltre all'iconica maschera funeraria di Tutankhamon, oggi una delle opere artistiche più conosciute al mondo.

    Guarda anche: Il simbolismo di un elefante con la proboscide alzata

    Quattro santuari in legno dorato circondavano il sarcofago del re nella camera funeraria, al di fuori dei quali si trovavano undici pale per la barca solare di Tutankhamon, statue dorate di Anubi, contenitori per oli preziosi e profumi e lampade con immagini decorative di Hapi, un dio dell'acqua e della fertilità.

    I gioielli di Tutankhamon comprendevano scarabei, amuleti, anelli, bracciali, cavigliere, collari, pettorali, pendenti, collane, orecchini, borchie, bastoni da passeggio e fibbie in ebano, avorio, argento e oro.

    Con Tutankhamon furono sepolti anche sei carri, pugnali, scudi, strumenti musicali, casse, due troni, divani, sedie, poggiatesta e letti, ventagli d'oro e ventagli di struzzo, tavole da gioco in ebano tra cui Senet, 30 vasi di vino, offerte di cibo, attrezzature per la scrittura e abiti di lino pregiato, tra cui 50 capi che vanno da tuniche e kilt a copricapi, sciarpe e guanti.

    Howard Carter Sensazione mediatica

    Sebbene la scoperta di Carter gli abbia conferito uno status di celebrità che gli influencer di Instagram di oggi possono solo sognare, egli non ha apprezzato l'attenzione dei media.

    Sebbene Carter avesse individuato la posizione della tomba all'inizio del novembre 1922, dovette attendere l'arrivo di Lord Carnarvon, suo mecenate e sponsor finanziario, prima di aprirla. Nel giro di un mese dall'apertura della tomba, avvenuta il 26 novembre 1922 alla presenza di Carnarvon e di sua figlia Lady Evelyn, il sito degli scavi attirava flussi di spettatori da tutto il mondo.

    Carnarvon non contestava la decisione del governo egiziano di rivendicare la piena proprietà del contenuto della tomba, tuttavia, oltre a desiderare un ritorno sull'investimento, Carter e il suo team archeologico avevano bisogno di fondi per scavare, conservare e catalogare le migliaia di oggetti della tomba.

    Carnarvon risolse i suoi problemi finanziari vendendo i diritti esclusivi di copertura della tomba al London Times per 5.000 sterline inglesi in anticipo e il 75% dei profitti derivanti dalle vendite mondiali dei loro articoli a editori terzi.

    Questa decisione fece infuriare la stampa mondiale, ma sollevò Carter e la sua squadra di scavo: ora Carter doveva occuparsi solo di un piccolo contingente di stampa presso la tomba, invece di dover affrontare una folla di media, consentendo a lui e alla sua squadra di continuare lo scavo della tomba.

    Molti membri della stampa si attardarono in Egitto sperando in uno scoop. Non dovettero aspettare a lungo: Lord Carnarvon morì al Cairo il 5 aprile 1923, meno di sei mesi dopo l'apertura della tomba. "Era nata la maledizione della mummia".

    La maledizione della mummia

    Agli occhi del mondo esterno, gli antichi Egizi apparivano ossessionati dalla morte e dalla magia. Sebbene il concetto di ma'at e di vita ultraterrena fosse al centro delle credenze religiose dell'antico Egitto, che includevano la magia, essi non facevano largo uso di maledizioni magiche.

    Mentre i passaggi di testi come il Libro dei Morti, i Testi delle Piramidi e i Testi delle Bare contenevano incantesimi per aiutare l'anima a navigare nell'aldilà, le iscrizioni tombali ammonitrici sono semplici avvertimenti per i ladri di tombe su ciò che accade a coloro che disturbano i morti.

    La prevalenza di tombe saccheggiate nell'antichità indica l'inefficacia di queste minacce: nessuna proteggeva una tomba con la stessa efficacia della maledizione creata dall'immaginazione dei media negli anni Venti e nessuna ha raggiunto un livello di fama simile.

    La scoperta della tomba di Tutankhamon da parte di Howard Carter nel 1922 è stata una notizia internazionale, seguita a ruota dalla storia della maledizione della mummia. Faraoni, mummie e tombe avevano attirato un'attenzione significativa prima della scoperta di Carter, ma non hanno raggiunto il livello di influenza nella cultura popolare di cui ha goduto la maledizione della mummia in seguito.

    Riflettere sul passato

    Howard Carter ha raggiunto una fama imperitura come archeologo che ha scoperto la tomba intatta di Tutankhamon nel 1922, ma questo momento di trionfo è stato preceduto da anni di duro e intransigente lavoro sul campo in condizioni calde e primitive, da frustrazioni e fallimenti.

    Immagine di testa per gentile concessione: Harry Burton [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.