I 22 principali simboli dell'antica Roma e il loro significato

I 22 principali simboli dell'antica Roma e il loro significato
David Meyer

Roma è una città nota per la sua ricca storia e per i suoi diversi simboli, la maggior parte dei quali sono rilevanti per la vita quotidiana.

Dalla lupa, famigerata per aver banchettato con i suoi superiori, di nome Remo e Romolo, all'aquila sparpagliata, nota come simbolo dei numerosi territori di Roma, alcuni dei simboli hanno attraversato il tempo.

Sono sopravvissuti a centinaia di anni per poi diventare immortali e far parte delle immagini e dell'arte di oggi.

Ripercorriamo la storia e scopriamo i 22 simboli più famosi del passato di questo Impero, facendo luce sul significato, gli usi e le origini.

Senza ulteriori indugi, entriamo subito nel vivo.

Indice dei contenuti

    Animali

    Diversi tipi di animali sono stati utilizzati come simboli nella cultura romana e anche in altre culture. Le loro caratteristiche ricordano alcuni tratti umani, come l'essere come astuto come la volpe o stabile come un cavallo .

    Le rappresentazioni romane di alcuni animali che conosciamo e amiamo sono le seguenti.

    1. Cani

    Mosaico "Cave canem" (attenzione al cane).

    Da Pompei ( un'antica città italiana ), Casa di Orfeo (VII-VI secolo a.C.)

    Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    I cani non sono solo i migliori amici dell'uomo, ma erano una parte importante dell'antica cultura romana. I cani sono noti per rappresentare l'appagamento e la felicità.

    Da leggende probabilmente acquisite da usi e costumi greci e persino mesopotamici, i cani compaiono in dipinti su tela, in figure e sculture e in esposizioni di ingegneria etrusca.

    Un esempio è rappresentato dai famosi Cani di Pompei, noti per essere rappresentanti di fiducia e presagi di catastrofi. Allo stesso modo, i cani non incatenati erano noti per mettere in guardia gli individui, mentre quelli incatenati servivano anche a tenere lontani gli estranei e a proteggere i loro proprietari dai pericoli.

    2. Capre

    Opera d'arte di capra. Antica ciotola di terracotta (circa 520 a.C.)

    Metropolitan Museum of Art, CC BY 2.5, via Wikimedia Commons

    Nell'antica cultura romana, le capre erano considerate un segno di successo, di abilità e anche di insoddisfazione. Le capre presenti nei dipinti romani ricordavano il bene che si può trovare in un essere umano.

    A quei tempi prevalevano molte usanze e rituali, in cui il sangue e la pelle di una capra venivano usati per i sacrifici e per "tenere lontani gli spiriti maligni"; altri rituali includevano la fustigazione della pelle di capra e l'intero processo veniva sorvegliato da persone.

    3. Serpenti

    Affresco romano raffigurante Lares & scena di sacrificio con coppia di serpenti; da Pompei

    Museo Archeologico di Napoli, Napoli, Italia.

    Immagine per gentile concessione: flickr.com

    La bacchetta di Asclepio è un esempio perfetto di serpente nella simbologia romana: Mercurio, il dio romano della salute e del benessere, impugnava questa bacchetta, che in realtà ha la forma di un serpente.

    La bacchetta rappresenta la guarigione e viene utilizzata anche oggi come simbolo dei medici, della medicina e della guarigione. Il serpente è stato utilizzato come simbolo di guarigione anche in altri luoghi, come sulle monete d'argento su cui la dea Salus, una guaritrice, è impressa con dei serpenti. Queste monete sono state prodotte intorno al 210 a.C..

    Contrariamente a quanto si crede, però, i serpenti non sono tutti cattivi: anche se di solito vengono rappresentati come simbolo del male, i serpenti sono noti anche per rappresentare attributi curativi e medicinali, il superamento delle avversità e delle situazioni difficili della vita.

    4. Cavalli

    Statuetta in bronzo di un cavallo romano (II secolo d.C.)

    Fotografato al Metropolitan Museum of Art di New York, New York.

    Immagine per gentile concessione: flickr.com

    I cavalli sono un simbolo di lealtà, fiducia, forza e libertà. Molti registi e creatori di cartoni animati per bambini hanno utilizzato i cavalli in film come Spirito: Stallone del Cimarron e Mulan perché rappresentano la libertà e la fedeltà.

    Nell'antica Roma i cavalli erano considerati un segno di fortuna: alcune persone tagliavano un cavallo a metà e lo distribuivano uniformemente tra i membri della famiglia, aspettandosi che il sangue, le ossa, la coda o la pelle del cavallo portassero loro fortuna.

    Chi possedeva un cavallo aveva uno status sociale più elevato rispetto a chi non lo possedeva. Troverete anche dipinti e sculture presso la Tomba di Tarquinia di Francesca Giustiniani, dove si può vedere il rapporto quotidiano tra cavalli e romani.

    5. Lei Lupo

    Replica della lupa romana, Romolo e Remo

    Dalla National Gallery of Art di Washington, D.C. XV o XVI secolo.

    EastTN, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    La lupa è nota sia per la sua calma che per la sua rabbia ed è un perfetto esempio di come venivano gestite le cose dai Romani.

    La leggenda della lupa si rifà alla storia dei gemelli Remo e Romolo: quando il loro nonno, Numitore il Re, fu rimosso dal suo posto dal fratello, l'usurpatore di nome Amulio ordinò di gettare i piccoli (Remo e Romolo) nel fiume Tiberio.

    Come ci si aspetta da simili colpi di scena, l'uomo a cui viene chiesto di uccidere i bambini non va fino in fondo: invece di annegare i gemelli, li abbandona nelle vicinanze.

    In seguito, il primo degli dei del fiume, Tiberio, li salvò, affidandoli alle cure di una lupa che, "casualmente", era presente sul posto.

    Cresciuti nella sua caverna, i due gemelli vengono allattati dalla loro lupa salvatrice fino a quando qualcuno, un pastore di nome Faustulus, scopre i bambini e li porta a casa dalla sua sposa.

    A quel punto, il pastore e sua moglie si presero cura di loro finché entrambi non furono abbastanza maturi per tornare da dove erano venuti. Alla fine contribuirono a riportare il nonno al suo posto e a ristabilire Roma.

    A parte questo, i lupi viaggiano in branco e hanno una lealtà e un ordine tra di loro a dir poco encomiabili. È giusto inserire i lupi in questo elenco, dato che i Romani, nei loro libri, hanno spesso attribuito la lealtà umana a quella dei lupi.

    6. Aquila

    Ornamento con aquila romana, realizzato con oro romano (100-200 d.C.)

    Mostra al Cleveland Museum of Art, Cleveland, Ohio, USA.

    Daderot, CC0, via Wikimedia Commons

    Niente personifica Roma come l'aquila: con le sue ali spiegate e la sua abilità nei cieli e nella caccia, l'aquila è il simbolo per eccellenza della diffusione dell'Impero Romano.

    Prima della sconfitta di Roma nella battaglia di Arausio e dell'estrema presa di potere di Gaio Mario sull'esercito romano nel 104 a.C., l'aquila aveva come simboli sorelle la lupa, il cavallino, il maiale e un toro dalla testa umana.

    Alle aquile sono associate alcune rappresentazioni e rappresentazioni errate. Per i Romani erano simboli di leadership e potere, rappresentavano imperi e re.

    In seguito, però, si è creduto che rappresentassero anche la loro natura più vera: il dominio predatorio e l'invincibilità. Le aquile sono anche interpretate come simbolo del superamento della lotta (perché possono volare in alto).

    Pianeti

    I pianeti e le galassie sono concetti che impariamo a scuola e che, quando non riusciamo a trovare un modo per utilizzarli, dimentichiamo nel corso della vita.

    Siamo sicuri che conoscete i nomi di almeno 8 pianeti, ma sapete perché si chiamano così, cosa sono e il loro legame con la mitologia romana.

    Approfondiamo ora i pianeti, che ne dite?

    7. Venere

    Pianeta Venere

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Venere è il secondo pianeta più vicino al sole e ha fatto parte della storia dei Babilonesi. Questo successivo sarebbe stato poi chiamato o indicato come Venere nella lingua inglese, dal nome della dea della femminilità e della bellezza del Pantheon degli dei romani.

    Una potenziale giustificazione per il suo nome potrebbe essere dovuta alla lucentezza e alla brillantezza del pianeta e al suo aspetto attraente.

    Tra le divinità romane, Venere era quella dell'amore e della bellezza. Concepita dopo la castrazione di Saturno, Vulcano era il marito di Venere, che provava anche sentimenti per Marte ed era la madre del dio dell'amore, Cupido.

    Venere è nota per essere la controparte romana dell'Afrodite greca e per essere il pianeta della femminilità e della donna.

    Per quanto belle possano essere le rappresentazioni del pianeta, dal cielo di Venere piove acido e il pianeta è estremamente inabitabile. È anche definito il pianeta della femminilità e della donna.

    8. Marte

    Pianeta Marte

    Tris1606, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Marte è l'equivalente romano di Ares, il dio greco della guerra. Conosciuto come il secondo dio importante del Pantheon di Roma, subito dopo Giove, Marte era noto per trascorrere il suo tempo con le Legioni di Roma.

    Sebbene sappiamo che Ares e Marte dovevano avere tratti simili, Marte è stato anche attribuito a Saturno come dio dell'agricoltura.

    Il nome di Marte deriva da un dio, ma anche dal colore rosso del pianeta, spesso interpretato come rabbia, morte e guerra, caratteristiche attribuite sia ad Ares che a Marte.

    9. Saturno

    Pianeta Saturno

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Saturno viene dopo Giove in termini di dimensioni.

    Saturno è stato generato da Giove, quindi i pianeti sono stati chiamati così, in onore di padre e figlio. Saturno prende il nome dal dio Saturno, noto per aver portato l'agricoltura a Roma in Italia.

    Saturno non è solo il dio dell'agricoltura, ma è stato anche attribuito a Crono, il titano greco che Giove/Zeus aveva spodestato.

    Oltre all'agricoltura, esistono altri simboli del pianeta: gli anelli di Saturno sono noti per significare potere e influenza.

    10. Urano

    Pianeta Urano

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Urano è il settimo pianeta del sistema solare, che prende il nome da Urano, il dio romano dei cieli, ed è il corrispettivo del greco Ouranos.

    Quando le vicende mitologiche dell'antica Grecia e di Roma vennero successivamente confuse, si narra che Urano fu detronizzato da Saturno. Per questo motivo Urano è noto come simbolo del superamento delle avversità.

    11. Terra

    Pianeta Terra

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    La Terra è stata considerata un pianeta solo dopo il XVI secolo d.C. e l'intervento di Nicolas Copernico. Fino ad allora, diversi ricercatori avevano cercato di capire la Terra, senza riuscirci.

    La Terra è l'unico pianeta del nostro sistema solare a non aver preso il nome da una divinità romana, ma si dice spesso che il suo nome derivi da Gaia, la dea greca.

    Il termine "terra" deriva dalla lingua germanica del Medio Inglese e simboleggia l'intimità e l'amore per la casa. tornare al nostro posto Viene spesso rappresentato come un pianeta materno, poiché è la nostra casa.

    12. Mercurio

    Pianeta Mercurio

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Mercurio era già stato scoperto dagli astronomi babilonesi molto prima che Roma salisse al potere, ma prese il nome di Mercurio molto più tardi.

    Mercurio percorre la sua distanza intorno al sole molto più velocemente degli altri pianeti e forse è per questo che viene chiamato Mercurio .

    Nell'antica Roma, Mercurio era una divinità importante, attribuita come dio della mente e signore del commercio e della comunicazione. Mercurio era visto come il figlio di Giove e Maia, e la mitologia del dio è spesso collegata a quella del dio greco Ermes.

    13. Nettuno

    Pianeta Nettuno

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Guarda anche: 24 importanti simboli di pace e armonia con i loro significati

    Nettuno è l'ultimo pianeta della Galassia della Via Lattea, trovato da uno scienziato dove un altro aveva previsto che si trovasse. In un primo momento, il pianeta aveva ovviamente preso il nome dello scienziato che lo aveva scoperto.

    Ma quando i nomi mitologici sono stati messi insieme, l'idea di chiamarlo Le Verrerier non ha riscosso molto favore e sono stati proposti Giano (dio romano con due teste) e Oceano (dio della Terra che circonda il fiume).

    In seguito, a causa del colore blu simile all'oceano del pianeta, si decise di chiamarlo Nettuno, come il dio romano del mare, equivalente del greco Poseidone.

    14. Nani

    Pianeta nano Plutone

    Pablo Carlos Budassi, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Nel nostro sistema solare esistono diversi pianeti nani e ne sono stati identificati solo una settantina. In questa sede ne citeremo solo alcuni.

    A cominciare da Cerere. Poiché si sa che la nana ha una consistenza verde-fangosa, le è stato assegnato il nome di Cerere, attribuito alla dea romana del verde e dell'agricoltura.

    Poi c'è Plutone, che prende il nome dal dio romano degli inferi, l'equivalente di Ade.

    Haumea è un pianeta nano poco conosciuto: scoperto nella fascia di Kuiper all'inizio del 2004, non prende il nome da un dio o una dea romana o greca, ma dalla dea hawaiana della maternità e del lavoro.

    Varie

    Oltre agli animali e ai pianeti, il simbolismo romano si ritrova soprattutto nella mitologia romana. Ecco la nostra carrellata dei principali simboli romani vari.

    15. Minotauro

    Scultura di Teseo che combatte il Minotauro

    Wmpearl, CC0, via Wikimedia Commons

    Il Minotauro Verde della mitologia greca era un animale metà uomo, dalla vita in giù, e metà toro, dalla vita in su.

    Si trovava in un luogo chiamato Labirinto, un'opera complessa del re di Creta, il re Minosse, realizzata però da divinità distinte, alle quali era stato chiesto di costruirlo per contenere il Minotauro.

    Il sito cronachistico di Cnosso è tipicamente riconosciuto come il luogo in cui fu costruito il labirinto. Il Minotauro fu poi giustiziato da Teseo.

    Il Minotauro rappresenta il male e viene definito il tirapiedi del male o lo strumento del male, per questo lo vediamo svolgere ruoli simili in TV e nei film.

    16. La bacchetta di Asclepio

    Bastone di Asclepio

    Bastone di Asclepio di David dal Progetto Noun

    Questa bacchetta è un antico simbolo greco legato all'indovinello, al rammendo e alla guarigione. Il bastone di Asclepio rappresenta la guarigione attraverso l'unione del serpente, che in realtà si sta liberando della sua pelle.

    Questa immagine di resurrezione e di ricchezza è un'immagine di potenza che si addice alla guarigione e al recupero.

    Grazie a queste rappresentazioni della Bacchetta di Asclepio, la maggior parte dei marchi medici di oggi si associa al suo simbolismo e spesso sceglie questa bacchetta come logo.

    17. Fasce

    Fasci etruschi

    F l a n k e r / Pubblico dominio

    Guarda anche: Abydos: durante l'Antico Egitto

    La fascia è un oggetto costituito da un fascio di aste, dalla cui sommità spesso spuntano una o più asce.

    I fasci romani convenzionali comprendono un mucchio di barre di betulla di colore bianco, integrate con un laccio di pelle di vitello rosso e una camera, compresa un'ascia di bronzo (o talvolta due asce) tra i pali, la cui lama sporge dall'interno del gruppo.

    È stata utilizzata come immagine della stessa Repubblica romana.

    18. Gorgone

    Tre Gorgoni su un edificio di Vienna

    Immagine per gentile concessione: it.wikipedia.org / CC BY 3.0

    Nella mitologia greca, la Gorgone era un'orribile bestia femminile con denti affilati, i cui poteri le permettevano di trasformare gli uomini in pietra; tutto ciò che dovevano fare era guardarla negli occhi.

    Per questo motivo la maggior parte dei dipinti e delle sculture ritrovate della Gorgone contengono uomini trasformati in pietra. La Gorgone indossava una cintura di serpenti che si intrecciavano come una corona di trecce, l'una di fronte all'altra.

    Erano in tre: Medusa, Stheno ed Euryale. Solo Medusa era mortale; le altre due sono dee. Ma Medusa è più famosa delle altre due.

    19. Labrys

    Simbolo Labrys / Ascia bifronte

    George Groutas, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Con questo termine si indicava un'ascia bifronte che i Greci chiamavano Pelekys. Conosciuta anche come Sagaris.

    Questo strumento mitico simile a un'arma e il suo simbolismo si ritrovano in molte religioni, come quella bizantina, tracia, minoica e greca.

    Questa Labrys si trova nell'arte e nella letteratura mitologica fino al Medioevo e oggi rappresenta la libertà LGBT, il lesbismo e il rovesciamento del patriarcato.

    20. Croce solare

    Croce solare

    Immagine per gentile concessione: wikimedia.org / CC BY-SA 2.5

    Si tratta di un cerchio che circonda una croce, da cui il nome Croce solare Ha fatto parte di diverse religioni, in particolare di quella giapponese, e si è fatto strada non troppo tardi nell'iconografia cristiana. Viene utilizzato in numerosi rituali e cerimonie religiose.

    21. Omphalos

    Una statua di pietra unica nel suo genere / Omphalos

    Юкатан, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    L'Omphalos è una pietra o un manufatto religioso noto anche come Baetylus, il cui termine è stato tradotto dalla parola greca "ombelico".

    Come indicato dagli antichi greci, i disegni su questa pietra raccontano la storia di come Zeus inviò due falchi a librarsi in volo attraverso il globo per esplorare nuovi territori che il dio avrebbe potuto conquistare.

    22. Cimarutas

    Raffigurazione di un amuleto Cimaruta

    Frederick Thomas Elworthy, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Antico ornamento italiano, la Cimaruta è un medaglione da portare al collo o da appendere sopra il letto del bambino, che si ritiene protegga dal malocchio e dalla sfortuna.

    Il medaglione è disegnato in modo da rappresentare Diana Triformis, dea della luna, signora, madre e donna anziana.

    Realizzato in argento e accuratamente modellato come un ramoscello con tre rami fondamentali, che rappresentano la triplice parte di Diana Triformis, dea della luna, come signora, madre e megera.

    Alcune altre manifestazioni di questo medaglione rappresentano la ricchezza, l'abbondanza, l'allontanamento del male e la protezione. In un'altra delle sue forme, in cui presenta una falce di luna, tali lune sono note per essere le corna di un dio.

    Nota conclusiva

    Questi sono i nostri 23 simboli romani più importanti.

    Quale simbolo romano vi è piaciuto di più? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

    Assicuratevi di condividere questo articolo con altre persone della vostra cerchia che amano le culture antiche.

    Riferimenti

    1. //www.walksinsiderome.com/blog/about-rome/the-symbols-of-roman-history/
    2. //classroom.synonym.com/were-themes-egyptian-art-8655120.html

    Immagine di testa per gentile concessione: isogood, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.