I 23 principali simboli dell'acqua e i loro significati

I 23 principali simboli dell'acqua e i loro significati
David Meyer

Nonostante due terzi della superficie terrestre siano ricoperti d'acqua, solo lo 0,5% è disponibile per il nostro fabbisogno. Nel corso della storia umana, la pronta disponibilità di acqua è sempre stata il problema principale che le società hanno lottato per gestire.

Ancora oggi, la maggior parte dell'umanità ha difficoltà ad accedere all'acqua potabile.

Data la sua importanza per la nostra vita quotidiana e per la nostra stessa esistenza, è naturale che noi esseri umani abbiamo attribuito all'acqua diversi simboli.

In questo articolo abbiamo raccolto le I 23 principali simboli dell'acqua nella storia .

Indice dei contenuti

    1.Portatore d'acqua (globale)

    Simbolo zodiacale dell'acqua / simbolo dell'Acquario

    Immagine per gentile concessione: needpix.com

    Il portatore d'acqua è il simbolo zodiacale della costellazione dell'Acquario. Secondo i miti, il portatore d'acqua rappresenta Ganimede, un giovane frigio che si dice fosse così bello che Zeus stesso se ne innamorò e venne personalmente a prenderlo per servirlo come coppiere.

    Un giorno, insoddisfatto del trattamento ricevuto, Ganimede versa tutta l'acqua, il vino e l'ambrosia degli dei, provocando una massiccia inondazione sulla Terra.

    Invece di punirlo, però, Zeus si rende conto del trattamento scortese riservato al ragazzo e lo rende immortale (1).

    2. Salice (Celti)

    Simbolo celtico dell'acqua / Salice piangente

    Immagine per gentile concessione: pxfuel.com

    Nella società celtica il salice era considerato un albero sacro, il cui legno veniva utilizzato in varie cerimonie e rituali.

    L'albero era strettamente associato all'elemento acqua e quindi visto come fonte di energia psichica e intuitiva. (2)

    Era inoltre considerato un aspetto della divinità femminile e legato al ciclo lunare e alla fertilità (3).

    3. Serpente (Vari)

    Serpente simbolo dell'acqua / Serpente verde

    Michael Schwarzenberger via Pixabay

    In diverse culture, il serpente è servito come simbolo dell'acqua, di solito in associazione con la divinità idrica locale.

    È interessante notare che questa associazione sembra essersi sviluppata in modo indipendente in molte regioni, piuttosto che essere il risultato di una diffusione da un'unica fonte culturale.

    In Canaan, il serpente era un simbolo di Yam, il dio del mare, e un rivale di Baal, il dio delle tempeste. Si diceva che Yam stesso assomigliasse a un mostro marino o a un drago. (4) (5)

    Questo racconto potrebbe aver ispirato in seguito i grandi miti dei mostri marini in molte religioni, come la storia del Leviatano nell'ebraismo e nel cristianesimo e del Serpente di Midgard nel norreno (6).

    Più a nord, tra i popoli slavi, il serpente era simbolo di Veles, il dio degli inferi, dell'acqua, dell'inganno (7).

    Nel folklore yoruba, il serpente è un attributo di Mami Wata, uno spirito acquatico benevolo che si dice rapisca le persone mentre navigano e nuotano per poi portarle nel suo regno paradisiaco. (8)

    In Mesoamerica i serpenti erano associati a Chalchiuhtlicue, la divinità azteca dell'acqua e della tempesta (9).

    4. Leonessa (Antico Egitto)

    Simbolo di Tefnut / Leonessa

    SonNy cZ, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    La leonessa era il simbolo principale della dea egizia Tefnut, che letteralmente significa "quell'acqua", responsabile di portare l'umidità nell'aria e di far piovere.

    Secondo i miti, è figlia di Ra, la principale divinità solare, e sorella di Shu, il dio del vento e dell'aria. Lei e suo fratello furono creati dallo starnuto di Ra. (10) (11)

    5. Pasha (Religioni dharmiche)

    Simbolo di Varuna / cappio

    kalhh via Pixabay

    Varuna è una divinità vedica che si dice regni sia sul cielo che sugli oceani. Nell'iconografia indù è spesso raffigurato mentre brandisce un pasha, un tipo di cappio che usa per punire coloro che commettono peccati senza rimorso. (12)

    È anche riconosciuto come un'importante divinità nella scuola buddista Theravada, dove ricopre il ruolo di re dei Deva.

    È venerato anche nella religione scintoista, dove è identificato con il kami supremo giapponese, Ame-no-Minakanushi. (13) (14)

    6. Mušḫuššu (Babilonia)

    Servo di Marduk / Animale della porta di Ishtar

    Dosseman, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Il Mušḫuššu è una creatura simile a un drago presente nei miti dell'Antica Mesopotamia, che si dice sia stato un servitore di Marduk e il suo animale simbolo.

    Marduk era la principale divinità protettrice di Babilonia ed era associato all'acqua, alla creazione e alla magia.

    Marduk prese Mušḫuššu come suo servitore dopo aver sconfitto il suo padrone originario, il dio guerriero Tishpak. (15) (16)

    7. Granchio (globale)

    Simbolo del Cancro / Granchio

    Immagine per gentile concessione: pxfuel.com

    Il granchio è il simbolo zodiacale della costellazione del cancro, che è associata all'elemento acqua.

    Nei miti greco-romani, la costellazione è in realtà il resto morto di un granchio che morse Ercole al piede mentre combatteva contro l'Idra dalle molte teste.

    Infuriato, Ercole lo schiacciò sotto il suo piede, che fu poi posto tra le stelle da Era, sorella e moglie di Zeus. (17)

    8. Pesce (Vari)

    Un simbolo dell'acqua / Scuola di pesci

    Immagine per gentile concessione: pxfuel.com

    Guarda anche: Ma'at: il concetto di equilibrio e armonia

    I pesci sono un altro simbolo comunemente utilizzato per rappresentare l'acqua o le divinità ad essa associate.

    Nell'Antica Grecia era uno dei simboli del grande Titano Oceano, padre primigenio di tutte le divinità acquatiche greche. (18) (19)

    Nella mitologia lituana, il pesce era uno dei simboli di Bangpūtys, una divinità associata al mare e alle tempeste (20).

    Un duo di pesci è anche il simbolo della costellazione dei Pesci: secondo i miti greco-romani, i due pesci rappresentano Venere e suo figlio, Cupido.

    Si dice che si siano trasformati in pesci per sfuggire al mostruoso serpente Tifone (21).

    Guarda anche: Simbolo della Mano del Guaritore (Mano dello Sciamano)

    9. Currach (Irlanda)

    Un simbolo del figlio dei mari / Barca irlandese

    Michealol, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Nei miti irlandesi si dice che Manannán mac Lir, divinità dell'acqua e sovrano degli inferi, possedesse un currach auto-navigante chiamato Wave Sweeper.

    In epoca precristiana, le miniature di barche venivano utilizzate come offerta votiva alla divinità. (22)

    10. Tridente (civiltà greco-romana)

    Simbolo di Poseidone/Nettuno con il suo tridente.

    Chelsea M. via Pixabay

    Il tridente è uno dei simboli principali di Poseidone-Nettuno, il dio greco-romano dei mari e patrono della gente di mare.

    Si dice che il suo tridente fosse un'arma immensamente potente: quando si arrabbiava, il dio colpiva la terra con esso, creando terremoti, inondazioni e violente tempeste. (18)

    Si dice che le punte del suo tridente simboleggiassero le tre proprietà dell'acqua: liquidità, fecondità e potabilità (23).

    11. Icosaedro (Antica Grecia)

    Il simbolo di Platone per l'acqua / Icosaedro

    Tomruen, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    I solidi platonici sono oggetti poligonali 3D in cui ogni faccia è uguale e lo stesso numero di facce si incontra in ogni vertice.

    Gli antichi greci studiarono a fondo questi oggetti, il più importante dei quali fu il filosofo Platone.

    Nel suo dialogo cosmologico, Platone associava ciascuno dei cinque solidi a un elemento, con l'Icosaedro collegato all'elemento acqua.

    Giustificò questa scelta affermando che la forma aveva il maggior numero di lati, come 'piccole palle'. che, una volta raccolto, sgorga dalla mano. (24) (25)

    12. Drago orientale (Asia orientale)

    Simbolo dell'acqua nell'Asia orientale / drago cinese

    Ratna Fitry via Pixabay

    Nella mitologia dell'Asia orientale, i draghi sono esseri soprannaturali potenti ma benevoli che governano il dominio dell'acqua, della pioggia e del tempo.

    Nella mitologia cinese, ci sono quattro divinità drago che governano i quattro mari, le stagioni e le direzioni: (26)

    • Il Azzurro Il Re Drago governa l'Oriente, il Mar Cinese Orientale e la Primavera.
    • Il Rosso Il Re Drago governa il Sud, il Mar Cinese Meridionale e l'Estate.
    • Il Nero Il Re Drago governa il Nord, il Lago Baikal e l'inverno.
    • Il Bianco Il Re Drago governa l'Occidente, il Lago Qinghai e l'Autunno.

    Un'altra figura di spicco del drago è Yinglong, un drago alato che controlla la pioggia. (27)

    Dall'altra parte del mare, in Giappone, c'è Ryujin, un dio drago che regnava sugli oceani e viveva in un vasto palazzo fatto di corallo rosso e bianco (28).

    Tuttavia, non tutte le divinità del drago erano considerate buone. Per esempio, la divinità cinese dell'acqua, Gonggong, era responsabile delle inondazioni e di altri disastri naturali. Alla fine sarebbe stato ucciso da Zhurong, un dio del fuoco. (29)

    13. Orca (Ainu)

    Simbolo Ainu dell'oceano / Orca

    Immagine per gentile concessione: needpix.com

    Gli Ainu sono un antico gruppo di persone e gli abitanti originari delle isole giapponesi.

    A causa della persecuzione storica e della quasi assimilazione nella società giapponese, le informazioni sul loro patrimonio e sul loro folklore sono ancora scarse.

    Da quanto si può dedurre, gli Ainu veneravano una divinità dell'acqua chiamata Repun Kamuy, un dio benevolo dalla natura spensierata e molto generosa.

    Spesso veniva raffigurato sotto forma di orca, considerata un animale particolarmente sacro.

    Era usanza degli Ainu organizzare funerali per le orche arenate o decedute. (30) (31)

    14. Tigre nera (Manipur)

    Simbolo di Wangbren / Tigre nera

    Immagine per gentile concessione: pickpik.com

    Nella mitologia Meitei, Wangbren, localmente conosciuto come Iputhou Khana Chaopa Wang Pulel è una delle nove divinità che fungono da guardiani della direzione Sud.

    Si dice che regni su tutti i corpi idrici, dagli stagni e dai laghi ai vasti oceani.

    Si dice che abbia un aspetto nero, che indossi vesti nere e che cavalchi una tigre nera, che è anche il suo animale simbolo. (32)

    15. Squalo (polinesiano)

    Simbolo della divinità marina / Squalo

    Immagine per gentile concessione: pxhere.com

    Diverse culture polinesiane attribuiscono allo squalo una serie di divinità acquatiche: nelle Fiji, lo squalo è una rappresentazione di Dakuwaqa, patrono dei pescatori e divinità marina protettrice.

    Una rappresentazione simile si trova nella religione hawaiana, dove Kāmohoaliʻi, un'altra divinità del mare, prendeva le sembianze di uno squalo quando guidava le navi arenate, sebbene potesse assumere anche la forma di qualsiasi altro pesce. (33) (34)

    16. Balena (Maori)

    Simbolo di Tangaroa / Balena

    Immagine per gentile concessione: pikrepo.com

    I miti maori ci raccontano la storia di Tangaroa, il grande Atua che, insieme agli altri tre fratelli, causò la separazione forzata dei suoi genitori, Ranginui (Cielo) e Papa (Terra).

    Lui e gli altri vengono attaccati dal loro fratello maggiore, Tāwhiri, l'Atua delle tempeste, che lo costringe a rifugiarsi nel suo regno: il mare.

    In seguito, avrebbe generato un unico figlio di nome Punga, da cui discendono tutte le lucertole e i pesci. Nelle opere d'arte Maori, Tangaroa è tipicamente raffigurato sotto forma di una grande balena. (35) (36)

    17. Luna (Vari)

    Simbolo cosmico dell'oceano / La Luna

    Robert Karkowski via Pixabay

    La luna influenza gli oceani del mondo; la sua attrazione gravitazionale provoca alte e basse maree.

    Fin dall'antichità, le persone hanno osservato questo fenomeno e sono arrivate a collegare la luna con l'oceano. (37)

    La luna è stata anche il simbolo di diverse divinità dell'acqua in varie culture: tra gli Inuit era il simbolo di Alignak, il dio del tempo, dei terremoti e dell'acqua. (38)

    Tra gli Aztechi, la luna era il dominio di Tecciztecatl, figlio di Chalchiuhtlicue, la dea dell'acqua, dei fiumi, del mare e delle tempeste (9).

    18. Calendula messicana (Mesoamerica)

    Simbolo di Tlaloc / fiore di calendula

    Sonamis Paul via Pixabay

    La calendula messicana è un simbolo del dio mesoamericano Tlaloc (39), i cui attributi includono la pioggia, la fertilità terrestre e l'acqua.

    Era temuto e amato dalle popolazioni mesoamericane, in quanto dispensatore e sostenitore della vita e in quanto capace di evocare tempeste e fulmini.

    È una delle divinità più antiche adorate in Mesoamerica; il suo culto ha un grande seguito nelle società azteche, maya e mixteche. (40) (41)

    19. Icona Rubinetto Acqua (Universale)

    Simbolo della fonte d'acqua universale / Icona del rubinetto dell'acqua

    Mudassar Iqbal via Pixabay

    Dalle zone più sviluppate del mondo a quelle più remote, oggi la maggior parte delle persone è in grado di riconoscere facilmente il significato di questo simbolo onnipresente: l'acqua fresca corrente.

    Sorprendentemente, mentre l'impianto idraulico interno esisteva fin dall'antichità e i rubinetti esistevano fin dai tempi dei Romani, l'acqua corrente rimase un lusso riservato solo a pochi eletti fino al XIX secolo. Solo a partire dagli anni '50 del XIX secolo questa situazione cambiò. (42)

    20. Goccia blu (universale)

    Simbolo di goccia d'acqua / lacrima

    Emoji One, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Il simbolo a forma di goccia blu è uno dei simboli più riconosciuti e utilizzati per rappresentare l'acqua.

    Che si tratti di osservare la pioggia o piccole quantità d'acqua da un rubinetto o da un'altra fonte, si è sempre notata la forma particolare che assume una piccola colonna di liquido.

    Questo è il risultato della tensione superficiale, che fa sì che la colonna d'acqua formi un pendente fino a quando non supera una certa dimensione, causando la rottura della tensione superficiale e il distacco della goccia stessa. (43)

    21. Acquamarina (Vari)

    Pietra simbolo dei mari / gemma acquamarina

    Rob Lavinsky, iRocks.com - CC-BY-SA-3.0, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Il termine "acquamarina" deriva da una parola latina che indica l'acqua di mare, ed è facile capire il perché di questo nome.

    Apparse naturalmente in varie tonalità chiare di blu traslucido, le acquemarine sono state fin dall'antichità una gemma molto apprezzata.

    A causa del suo aspetto, molte persone lo associano naturalmente all'acqua o ad aspetti ad essa correlati. Tra i Romani, era considerato un gioiello per marinai, che garantiva alle navi un passaggio sicuro attraverso i mari in tempesta.

    In epoca medievale fu identificata con San Tommaso, che si dice abbia compiuto lunghi viaggi per mare per predicare la religione cristiana in terre lontane.

    In alcune società veniva anche usata nelle cerimonie per portare la pioggia o mandare la siccità nelle terre nemiche. (44)

    22. Conchiglie (Varie)

    Le conchiglie come simbolo dell'acqua / Le conchiglie

    Mabel Amber via Pixabay

    Fin dall'antichità, le conchiglie sono state simbolo dell'acqua, essendo collegate a varie divinità dell'acqua e alle qualità ad essa correlate. (45)

    In effetti, la passione dell'uomo per le conchiglie e l'attribuzione di significati potrebbe essere ancora più antica di noi uomini moderni.

    È stato scoperto che già mezzo milione di anni fa i primi esseri umani utilizzavano le conchiglie non solo come strumenti e decorazioni, ma disegnavano anche i loro simboli, forse proiettandosi nel mondo naturale. (46)

    23. Uccelli marini (Vari)

    Simbolo dei mari / Uccello marino volante

    Immagine per gentile concessione: pxhere.com

    Per la loro stessa natura di vivere vicino alle coste e ad altri ambienti marini, gli uccelli marini sono sempre stati associati ai mari.

    In letteratura, uccelli marini come i gabbiani sono stati spesso utilizzati come metafora per indicare la vicinanza al mare.

    Era inoltre considerato un tabù uccidere alcuni uccelli marini, come l'albatros, in quanto considerati le anime perdute dei marinai morti in mare. (47)

    A voi la parola

    Conoscete altri importanti simboli dell'acqua? Fatecelo sapere nei commenti. Assicuratevi anche di condividere questo articolo con altri se lo avete trovato utile.

    Riferimenti

    1. Il mito dell'Acquario. Dei e mostri . [Online] //www.gods-and-monsters.com/aquarius-myth.html.
    2. Significato celtico: il simbolismo del salice nell'Ogham celtico. Whats-Your-Sign.com. [Online] //www.whats-your-sign.com/celtic-meaning-willow-tree.html.
    3. Simbolismo e significato del salice spiegati [con alcune leggende]. Macchia magica . [Online] //magickalspot.com/willow-tree-symbolism-meaning/.
    4. Smith, Mark. Il ciclo ugaritico di Baal Volume 1 Introduzione con testo, traduzione e commento di KTU 1.1-1.2. 1994.
    5. Day, John. Il conflitto di Dio con il drago e il mare: echi di un mito cananeo nell'Antico Testamento. 1985.
    6. Cirlot. Dizionario dei simboli. 1971.
    7. Antico paganesimo slavo. Rybakov, Boris. 1981.
    8. Drewal, Henry John. Mami Wata: arti per gli spiriti dell'acqua in Africa e nelle sue diaspore. 2008.
    9. Schwartz. Morte materna e morbilità correlata alla gravidanza tra le donne indigene del Messico e dell'America centrale. s.l. : Springer International Publishing, 2018.
    10. Collier. Come leggere i geroglifici egizi. s.l. : British Museum Press, 1999.
    11. Watterson, Barbara. Divinità dell'Antico Egitto. s.l. : Sutton Publishing, 2003.
    12. Williams, George Mason. Manuale di mitologia indù. 2003.
    13. Kodansha. Tokyo Suitengu monogatari. 1985.
    14. Varuna. [Online] Wisdom Library. //www.wisdomlib.org/definition/varuna#buddhism.
    15. Wiggermann. Spiriti protettori mesopotamici: i testi rituali. 1992.
    16. Miti del Leone-Drago. Theodore. s.l. : journal of the American Oriental Society, 1996, Vol. 116.
    17. Condomini. Miti stellari dei Greci e dei Romani: un libro di fonti, contenente le costellazioni dello Pseudo-Eratostene e l'astronomia poetica di Hy. 1997.
    18. Difficile, Robin. Il Manuale Routledge di mitologia greca. s.l. : Psychology Press, 2004.
    19. Oceanus. Mitologia.net . [Online] 11 23, 2016. //mythology.net/greek/titans/oceanus.
    20. Straižys. Dei e dee degli antichi Balti. 1990.
    21. Pesci. Enciclopedia Britannica. [Online] //www.britannica.com/place/Pisces.
    22. O'Duffy. Oidhe Chloinne Tuireann: destino dei figli di Tuireann. s.l. : M.H. Gill & So, 1888.
    23. Brumble, H. David. Miti e leggende classiche nel Medioevo e nel Rinascimento: un dizionario dei significati allegorici. 2013.
    24. Vlastos, Gregory. L'universo di Platone.
    25. Il Timeo di Platone. Stanford Encyclopedia of Philosophy. [Online] 10 25, 2005.
    26. Tom, K. S. Echi della vecchia Cina: vita, leggende e tradizioni del Medio Regno. s.l. : University of Hawaii Press, 1989.
    27. Schiffeler. Le creature leggendarie dello Shan hai ching. 1978.
    28. Gagne. Divinità, eroi e mitologia giapponese. 2018.
    29. al, Yang Lihui &. Manuale di mitologia cinese. s.l. : Oxford University Press, 2005.
    30. Ashkenazy. Manuale di mitologia giapponese. Santa Barbara : s.n., 2003.
    31. Munro. Credo e culto Ainu. s.l. : Columbia University Press, 1995.
    32. Wangbaren . Un omaggio alla religione Manipuri . [Online] //manipuri.itgo.com/the_lais.html#wangbaren.
    33. Mailly, Hugh D. Kamohoalii. Enciclopedia Mitica .
    34. D'Arcy, Paul. Il popolo del mare: ambiente, identità e storia in Oceania.
    35. Fare un tuffo nel Pacifico: miti e leggende di delfini e balene in Oceania. Cressey, Jason. s.l. : The POD-People, Oceans, Dolphins.
    36. Bianco, John. L'antica storia dei Maori, la sua mitologia e le sue tradizioni. Wellington : Government Printer, 1887.
    37. Luna. Università del Michigan . [Online] //umich.edu/~umfandsf/symbolismproject/symbolism.html/M/moon.html.
    38. Alignak. Dio Checker . [Online] //www.godchecker.com/inuit-mythology/ALIGNAK/.
    39. Tagetes lucida - Calendule. Entheology.org. [Online] //www.entheology.org/edoto/anmviewer.asp?a=279.
    40. Andrews. Introduzione al nahuatl classico . s.l. : University of Oklahoma Press, 2003.
    41. Taube, Miller e. Gli dei e i simboli dell'antico Messico e dei Maya: Dizionario illustrato della religione mesoamericana. Londra : Thames & Hudson, 1993.
    42. Chard, Adam. Correre nel tempo: una storia di rubinetti. VictoriaPlum.com. [Online] //victoriaplum.com/blog/posts/history-of-taps.
    43. Rod Run, Hansen e. Uno strumento standard veloce che utilizza l'analisi delle immagini al computer". Colloid and Interface Science. 1991.
    44. Significato, poteri e storia dell'acquamarina. Gioielli per me. [Online] //www.jewelsforme.com/aquamarine-meaning.
    45. Molto in poco: riflessioni sul dono di una conchiglia. Vuuren, Dr. Rex Van. s.l. : Indo-Pacific Journal of Phenomenology, 2003, Vol. 3.
    46. Langlois, Krista. La conchiglia simbolica. [Online] 10 22, 2019. //www.hakaimagazine.com/features/the-symbolic-seashell/.
    47. Seabird Youth Network . [Online] //www.seabirdyouth.org/wp-content/uploads/2012/10/Seabird_cultural.pdf.

    Immagine di testa per gentile concessione: pixy.org




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.