I 23 simboli greci più antichi con il loro significato

I 23 simboli greci più antichi con il loro significato
David Meyer

Gli antichi greci credevano nel politeismo (l'esistenza di più di un dio), basando le loro ipotesi sulla realtà percepita che esistevano molti dei e dee, insieme a esseri soprannaturali di diverso tipo.

Esisteva una gerarchia di divinità, con Zeus che guidava tutte le altre divinità in quanto era il re di tutti gli dei e aveva il controllo sugli altri, anche se non era considerato onnipotente.

Gli dei erano responsabili di cose diverse sulla Terra; per esempio, Zeus era il dio dei cieli e aveva il potere di inviare tuoni e fulmini, mentre Poseidone era il dio del mare e poteva inviare terremoti sulla Terra.

Numerosi simboli greci antichi si trovano in leggende e miti che si uniscono per giocare su un assortimento di emozioni.

Di seguito troverete i 23 simboli greci più importanti:

Indice dei contenuti

    1. Simbolo del bastone di Asclepio

    Bastone di Asclepio

    Bastone di Asclepio di David dal Progetto Noun

    Conosciuto anche come bastone di Asclepio, il bastone di Asclepio è un antico simbolo della Grecia, oggi riconosciuto come simbolo della medicina in tutto il mondo, che rappresenta un serpente avvolto intorno a un bastone.

    Questo simbolo greco è associato ad Asclepio, semidio greco noto per i suoi poteri curativi e le sue conoscenze mediche.

    Secondo la leggenda, i serpenti avrebbero sussurrato all'orecchio di Asclepio nozioni mediche e si sarebbero liberati della pelle per apparire più grandi, più sani e più lucenti di prima.

    Un particolare tipo di serpente non velenoso veniva utilizzato per la guarigione - il serpente di Esculapio - che veniva lasciato libero negli ospedali e nei dormitori dove venivano ricoverati i malati e i feriti. Nel mondo classico, questi serpenti facevano parte di ogni nuovo tempio di Asclepio.

    A partire dal 300 a.C., il culto di Asclepio acquistò grande popolarità, poiché i pellegrini di tutto il mondo si recavano nei templi di Asclepio per trovare una cura per le loro malattie.

    In caso di sogni o visioni, il supplicante informava il sacerdote, che li interpretava e prescriveva una terapia.

    Alcuni templi di guarigione adottarono anche la pratica di usare i cani sacri per leccare le ferite dei feriti e dei malati.

    2. Simbolo Alfa e Omega

    Un libro di alfabeti greci / vetro colorato sulla finestra della chiesa

    Nheyob, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    La prima e l'ultima lettera dell'alfabeto greco, l'alfa e l'omega, fanno parte anche del Libro dell'Apocalisse come titolo di Cristo e di Dio. Questa coppia fa parte della simbologia cristiana e viene solitamente utilizzata in combinazione con la Croce, il Chi-rho (le prime due lettere di Cristo nella lingua greca) e altri simboli cristiani.

    I simboli dell'alfa e dell'omega sono entrati a far parte del cristianesimo primitivo e si trovano nei dipinti e nelle sculture paleocristiane, soprattutto sui bracci della croce, e persino in alcune croci ingioiellate.

    Nonostante facciano parte della cultura greca, questi simboli si trovano più comunemente nelle pitture e sculture cristiane occidentali che in quelle cristiane ortodosse orientali.

    Appaiono a sinistra e a destra della testa di Cristo, insieme all'aureola, e sono stati utilizzati in sostituzione del cristogramma che si trovava comunemente nei dipinti e nelle sculture ortodosse.

    I simboli dell'alfa e dell'omega ai lati della testa di Cristo indicano che la fine e l'inizio in Cristo sono collegati in un'unica entità.

    3. Labirinto

    Teseo nel labirinto del Minotauro

    Edward Burne-Jones, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Secondo la mitologia greca, il Labirinto fu progettato dal leggendario artefice Dedalo e consisteva in una complessa struttura confusa costruita appositamente per il re Minosse di Creta a Cnosso.

    Dedalo aveva costruito il Labirinto in modo così complicato da impedire a Teseo di uscirne.

    Nella lingua inglese, la parola "labirinto" è usata in modo intercambiabile con labirinto, ma a causa di un'ampia storia del simbolismo unicursale del labirinto greco, studiosi e appassionati hanno proposto una chiara distinzione tra i due termini.

    Mentre il labirinto è un complicato rompicapo multicursale ramificato, con numerosi percorsi e direzioni tra cui scegliere, il labirinto unicursale ha un solo percorso al centro.

    Ciò significa che il labirinto ha una routine dal centro e dal retro ed è più complesso da percorrere rispetto a un labirinto.

    4. Zeus

    Zeus, dio del cielo e del tuono

    Prettysleepy via Pixabay

    Zeus è il "Padre degli dei e degli uomini" per eccellenza, secondo la mitologia greca. Era il sovrano degli Olimpi del Monte Olimpo, proprio come un padre era il sovrano della sua famiglia. Nella mitologia greca, Zeus era famoso come il dio del cielo e del tuono.

    Il corrispettivo romano di Zeus era Giove, mentre quello etrusco era Tinia. Figlio di Crono e di Rea, Zeus era il più giovane della famiglia. La leggenda vuole che fosse sposato con Era, ma per l'oracolo la consorte di Zeus era Dione. Inoltre, nell'Iliade si dice che è il padre di Afrodite da parte di Dione.

    5. Apollo

    Statua del dio greco Apollo

    Dopo Leochares, CC BY 2.5, via Wikimedia Commons

    Una delle più importanti e cruciali divinità dell'Olimpo presenti nella mitologia greca e romana, Apollo, è comunemente conosciuto come il dio della luce e del sole.

    È stato associato alla verità e alla profezia, alla medicina e alla guarigione, alla musica, alla poesia e all'arte, oltre che alla peste. Apollo è figlio di Zeus e Leto, mentre la casta cacciatrice Artemide è la sua sorella gemella.

    6. Minotauro

    Scultura di Teseo che combatte il Minotauro

    Wmpearl, CC0, via Wikimedia Commons

    Nella mitologia greca, il Minotauro era una creatura metà uomo e metà toro che risiedeva proprio al centro del Labirinto, costruito appositamente per il re Minosse (vedi punto 3).

    Figlio della regina cretese Pasifae, il Minotauro era un toro glorioso dalla forma mostruosa e spaventosa, tanto che il re Minosse ordinò la costruzione del Labirinto per ospitare la bestia.

    Costruito dal famoso artigiano Dedalo e da suo figlio Icaro, l'enorme labirinto fu costruito per imprigionare il Minotauro. Nel corso degli anni, il Minotauro ricevette ogni anno offerte di giovani e fanciulle, ma fu poi ucciso da Teseo, l'eroe ateniese.

    Sapevate che esistono numerose monete di Creta che mostrano la struttura del Labirinto sul rovescio? Questo può essere collegato al Labirinto e al Minotauro e potrebbe derivare dall'ammirazione dei cretesi per i tori e per la bellezza e la complessità architettonica dei loro palazzi.

    7. Gorgoni

    Tre Gorgoni su un edificio di Vienna

    Immagine per gentile concessione: it.wikipedia.org / CC BY 3.0

    Nella letteratura greca antica esistono numerose descrizioni delle Gorgoni, ognuna diversa dall'altra, ma nelle prime forme di letteratura greca il simbolo delle Gorgoni era associato a una qualsiasi delle tre sorelle i cui capelli erano fatti di serpenti spaventosi e velenosi e che avevano un'espressione terrificante.

    Le parole più comuni associate alle Gorgoni sono "ruggenti" e "terribili": questi feroci mostri femminili possedevano zanne lunghe e affilate.

    Secondo la leggenda, due delle Gorgoni, Stheno ed Euryale, erano immortali, mentre l'ultima sorella, Medusa, non lo era. Medusa fu sconfitta e uccisa in una battaglia con Perseo, semidio ed eroe.

    Poiché le Gorgoni avevano un'espressione estremamente terrificante, venivano utilizzate come deterrente per i ladri e venivano poste sui crateri del vino nei templi. Una cintura di serpenti e serpenti veniva utilizzata per riunire le Gorgoni in modo che potessero affrontarsi.

    8. Nodo d'Ercole

    Un gioiello con il nodo d'Ercole

    Vassil, CC0, via Wikimedia Commons

    Il nodo di Ercole è conosciuto con diversi nomi, tra cui nodo di Ercole, nodo d'amore e nodo matrimoniale, ed è usato soprattutto come simbolo del matrimonio che rappresenta l'amore eterno e l'impegno imperituro.

    Il simbolo del Nodo di Ercole è costituito da due corde intrecciate che, secondo il mito greco, simboleggiano la fertilità del Dio Ercole.

    È interessante notare che il nodo d'Ercole veniva utilizzato nell'antico Egitto come amuleto di guarigione, ma divenne noto come pegno d'amore tra gli antichi greci e romani, oltre che come amuleto protettivo.

    Inoltre, si dice che l'origine della frase matrimoniale "fare il nodo" sia da associare al nodo d'Ercole.

    9. Ruota di Ecate

    La ruota di Ecate

    Nyo, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Nell'antica religione e mitologia greca, Ecate è una dea che di solito viene raffigurata con in mano un paio di torce o una chiave; in rappresentazioni successive, appare in forma triplice.

    Ecate è stata collegata agli incroci, alle vie d'accesso, alla luce, alla magia, alla stregoneria, ai fantasmi, alla stregoneria, alla negromanzia e alla conoscenza delle erbe e delle piante tossiche.

    Nelle tradizioni wiccane, il simbolo della ruota di Ecate rappresenta tre diversi aspetti della dea, tra cui la madre, la fanciulla e la cuna.

    Secondo le tradizioni femministe, la ruota di Ecate simboleggia il potere della conoscenza e della vita.

    10. Serpente dell'Infinito - Simbolo dell'Uroboro

    Uroboro sulla porta di un cimitero

    Swiertz, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

    Un antico simbolo, l'Uroboro o Uroborus, rappresenta un serpente o un drago che divora la propria coda. Nato nell'antica iconografia egizia, l'Uroboro è entrato a far parte della tradizione occidentale attraverso la tradizione greca ed è stato introdotto come simbolo nello gnosticismo, nell'ermetismo e nell'alchimia.

    Il simbolo è entrato a far parte della magia rinascimentale e del simbolismo moderno attraverso la tradizione alchemica medievale ed è solitamente utilizzato per rappresentare la contemplazione, l'eterno ritorno o la ciclicità, soprattutto per riferirsi a qualcosa che si ricrea continuamente.

    Il simbolo dell'Uroboro viene utilizzato anche per rappresentare il ciclo infinito della natura, la sua infinita creazione, distruzione, vita e, infine, morte.

    11. Croce solare

    Croce solare

    Immagine per gentile concessione: wikimedia.org / CC BY-SA 2.5

    L'antica croce solare viene spesso rinvenuta nelle urne funerarie dell'età del bronzo. Pur essendo presente in numerose culture, la croce solare è poi entrata a far parte del cristianesimo ed è stata associata al crocifisso.

    Il simbolo della croce solare ricorda la famosa croce a quattro braccia: non solo rappresenta il sole, ma è anche una rappresentazione della natura ripetitiva delle quattro stagioni e dei quattro elementi della natura.

    Il culto del sole esiste come concetto fin dall'avvento dell'uomo. Nelle antiche comunità, che erano per lo più agricole e si sostenevano grazie al sole per il loro sostentamento, compreso il cibo e le bevande, non sorprende che il sole rappresentato sulla croce solare sia stato considerato come un dio e quindi venerato.

    Essendo associata al sole, la croce solare ha anche un legame con l'elemento del fuoco: è stata utilizzata nei rituali che fanno del sole il centro del culto ed è stata usata in sostituzione del calore o dell'energia delle fiamme.

    Per gli antichi greci il fuoco era considerato un elemento purificatore con il potere di distruggere, crea e simboleggia la mascolinità e la fertilità del dio. Il simbolo della croce solare è stato utilizzato anche per liberarsi del vecchio o per far rinascere il nuovo nei rituali e come calendario per celebrare i solstizi.

    12. Ruota del Sole

    Un'antica scultura di una ruota solare

    Kinkiniroy2012, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Il termine "ruota solare" deriva dalla "croce solare", un calendario che celebrava i solstizi e gli equinozi in alcune antiche culture europee precristiane.

    Oltre a essere raffigurato come una ruota o una croce, a volte il sole è rappresentato come un semplice cerchio o come un cerchio che ha un punto apparente al centro.

    Il sole è stato per secoli un potente simbolo di magia e divinità. A causa del suo potere, il miele veniva usato come offerta al posto del vino, perché gli antichi greci credevano che fosse pericoloso per l'universo permettere a questa potente divinità di ubriacarsi e ubriacarsi.

    Inoltre, era pratica comune per gli Egizi porre un disco solare sulla testa delle loro divinità per indicare che la divinità era un dio della luce. Immaginate quanto il sole fosse considerato potente in alcune culture!

    È innegabile che nel tempo il sole sia stato associato al fuoco e all'energia maschile.

    13. Ciotola di Hygeia

    Ciotola di Hygeia

    Ciotola di Hygeia di David dal Progetto Noun

    In Europa, la ciotola di Hygeia è un simbolo comune che si trova fuori dalle farmacie, mentre negli Stati Uniti si trova comunemente il simbolo del mortaio e del pestello.

    Questo simbolo è associato alle farmacie fin dal 1796, infatti era presente anche su una moneta coniata per la Società parigina di Farmacia.

    Come suggerisce il nome, Hygeia era conosciuta come la dea greca della salute e dell'igiene, associata ad Asclepio, il cui bastone è oggi un simbolo della cura della salute in tutto il mondo.

    14. Simbolo di Labrys: Ascia bifronte

    Simbolo Labrys / Ascia bifronte

    George Groutas, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Il simbolo di Labrys consiste in un'ascia bifronte usata solitamente nei rituali. "Labrys" deriva da Minoa e condivide la stessa radice delle labbra, ovvero il latino labus.

    La Labrys si trova nelle antiche rappresentazioni minoiche della Dea Madre e, come suggerisce il nome, è stata collegata al labirinto.

    Il simbolo del Labrys veniva utilizzato in epoca medievale su antichi ciondoli per attrarre le donne, mentre oggi è utilizzato come forma di identità e solidarietà.

    15. Omphalos

    Una statua di pietra unica nel suo genere / Omphalos

    Юкатан, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Secondo l'antica leggenda greca, il dio Zeus disse a due aquile di volare attraverso il mondo per incontrarsi al centro dell'universo, più comunemente chiamato "ombelico" del mondo. Da qui deriva il nome della pietra religiosa, Omphalos, che in greco antico significa "ombelico".

    L'Omphalos era ritenuto un oggetto di potere e nella cultura greca era un simbolo della religione ellenica che rappresentava la centralità del mondo.

    16. Mano Fico

    Disegno a matita Mano con segno Mano Fico/fig.

    Illustrazione 75312307 © Imbrestock - Dreamstime.com

    Conosciuto comunemente come il segno del fico, il simbolo della Mano Fico è utilizzato come gesto semi-osceno nelle culture turche e slave, oltre che in alcune altre culture del mondo.

    I significati che si celano dietro il simbolo della Mano Fico sono molteplici, alcuni dei quali hanno una connotazione gergale. Il simbolo rappresenta due dita e un pollice ed è un gesto utilizzato soprattutto per rifiutare qualsiasi tipo di richiesta.

    Tuttavia, in Brasile il gesto della Mano Fico è utilizzato per prevenire il malocchio e la gelosia ed è anche un simbolo comunemente usato su ornamenti e gioielli come portafortuna.

    I primi cristiani si riferivano alla Mano Fico come alla manus obscene, o "mano oscena".

    "Fico" era un termine usato dagli antichi greci per indicare gli organi genitali femminili. Il gesto della Mano Fico è stato quindi utilizzato per simboleggiare un rapporto sessuale. Non è raro che amuleti e ornamenti romani colleghino insieme il fallo e il gesto della Mano Fico.

    17. Nodo di Salomone

    Antico mosaico romano del nodo di Salomone

    G.dallorto assunto (in base alle richieste di copyright)., Attribuzione, via Wikimedia Commons

    Il nodo di Salomone ha diverse interpretazioni simboliche perché è stato utilizzato in diverse culture ed epoche storiche. Poiché il nodo non ha inizio né fine, viene utilizzato per simboleggiare l'immortalità e l'eternità, proprio come il nodo buddista senza fine.

    È comune trovare il nodo di Salomone su lapidi e mausolei, soprattutto nei cimiteri e nelle catacombe ebraiche di diverse culture, perché si ritiene che il nodo di Salomone rappresenti l'eternità e il ciclo della vita.

    In Lettonia il nodo di Salomone è utilizzato anche su tessuti e oggetti in metallo per rappresentare il tempo, il movimento e i poteri delle divinità pagane.

    18. Mano Cornuto

    Mano Cornuto / Segno delle corna

    Segno delle corna di Symbolon dal Progetto Noun

    Il simbolo della Mano Cornuto è presente nella cultura pop moderna ed è associato alla musica rock e alla rappresentazione satanica del diavolo cornuto.

    È interessante notare che la Mano Cornuto ha molteplici significati e rappresentazioni, ognuno diverso a seconda dell'epoca e della regione in cui è stata utilizzata. Nell'antica Grecia il gesto era usato per esprimere il significato di "cornuto".

    Per gli indù il simbolo della Mano Cornuto è il "mudra yogico apana", che rappresenta il leone comunemente presente nelle forme di danza classica indiana. I buddisti credono che il gesto della Mano Cornuto li protegga dagli spiriti maligni.

    Nelle culture pagane e wiccane, la Mano Cornuto è anche associata al Dio Cornuto.

    19. Fasce

    Fasci etruschi

    F l a n k e r / Pubblico dominio

    La parola "fasces" indica il potere, la giustizia e la forza attraverso l'unità. Il fascio romano convenzionale era costituito da una serie di aste di betulla di colore bianco legate insieme da un nastro di cuoio rosso, assumendo la forma di un cilindro.

    I fasci erano accompagnati anche da un'ascia di bronzo che veniva posta a lato del fascio, quasi sporgendo da esso.

    Il fascio era un simbolo della Repubblica Romana e veniva issato al braccio dei civili, quasi come un piatto. Era un oggetto comune a quell'epoca.

    20. Cornucopia

    Cornucopia / Simbolo di Elpis

    Jill Wellington via Pixabay

    Guarda anche: I 10 fiori che simboleggiano la forza

    Chiamata comunemente Corno dell'Abbondanza, la Cornucopia è un antico simbolo greco che rappresenta l'abbondanza del raccolto, la prosperità e il nutrimento.

    È raffigurato come un cesto a forma di corno, a forma di spirale, carico di cereali e frutti che la terra generosa ha magicamente prodotto.

    Le radici della Cornucopia affondano nell'antica mitologia greca, quando il dio Zeus, da piccolo, fu accudito e nutrito con il latte da una capra, Amalthea. Qualche anno dopo, quando Zeus divenne dio, decise di ricompensare Amalthea facendola entrare in cielo come costellazione (il Capricorno).

    Zeus donò alle sue nutrici anche il corno di Amalthea, promettendo loro che avrebbero ricevuto dal corno una fornitura infinita di qualsiasi cosa desiderassero.

    21. Caduceo

    Il Caduceo era il bastone di Ermes nel mito greco.

    OpenClipart-Vectors via Pixabay

    Antico simbolo del commercio e degli scambi, il caduceo è associato alla negoziazione e all'eloquenza ed è anche collegato al dio greco Hermes, furbo e scaltro, che è l'agente di tutti gli dei.

    Guarda anche: Il naufragio di San Paolo

    Ermete è noto per essere il supervisore delle anime nell'aldilà e l'unico e solo protettore dei viaggiatori, dei mercanti e dei pastori. Nella Tradizione Ermetica, il Caduceo è stato utilizzato come simbolo di saggezza e risveglio.

    Il caduceo rappresenta due serpenti avvolti intorno a un bastone alato, ma non deve essere confuso con il simbolo della medicina, il bastone di Asclepio.

    22. Chloris - Flora

    Chloris / Statua della dea greca dei fiori

    Miguel Hermoso Cuesta, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Nella mitologia greca Chloris è conosciuta come la dea dei fiori, mentre nella mitologia romana il suo nome è Flora. Di solito è associata alla stagione della primavera, quando tutti i fiori sbocciano e si illuminano.

    Chloris rappresenta la natura e i fiori, in particolare il fiore di maggio, e nella religione romana è una delle dee della fertilità.

    23. Hebe - Juventas

    Ritratto Ebe, dea della giovinezza

    Ludwig Guttenbrunn, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Figlia di Zeus e di Era, Ebe è la dea della giovinezza ed è conosciuta come Juventas nella mitologia romana. È la coppiera dei numerosi dei e dee del Monte Olimpo.

    Un tempo Ebe forniva nettare e ambrosia alle divinità divine e, una volta cresciuta, andò in sposa a Ercole. Conosciuta anche come dea del perdono o della misericordia, Ebe possiede il potere di convertire i mortali più anziani in quelli più giovani.

    Sintesi

    Numerosi sono i simboli greci antichi che sono stati utilizzati nel corso della storia: alcuni di essi rimangono popolari ancora oggi, mentre altri restano semplici simboli del passato.

    Insieme, tutti questi simboli e mitologie servivano come avvertimenti, racconti cupi e leggende durante quell'epoca.

    Riferimenti:

    • //www.ancient-symbols.com/greek_symbols.html
    • //symbolikon.com/downloads/categoria/greco-mitologia-simboli/

    Immagine di testa per gentile concessione: Couleur da Pixabay




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.