I 24 più antichi simboli di Dio e il loro significato

I 24 più antichi simboli di Dio e il loro significato
David Meyer

Fin dagli albori della civiltà, gli esseri umani hanno ragionato sull'esistenza di Dio. Di conseguenza, molte tradizioni religiose nel corso della storia hanno nozioni diverse sul concetto di Dio, sul potere che attribuiscono a questo essere divino e sulla mitologia che lo circonda.

La maggior parte delle idee che circondano Dio si basano su descrizioni metafisiche di spiriti venerati, esseri divini o anche idee spirituali, impiegando simbolismo e iconografia per catturare la vera essenza della natura di Dio.

Considerando la frequenza con cui questi simboli compaiono nei testi, nelle rune e nelle scritture di varie tradizioni religiose, ne esaminiamo alcuni tra i più importanti e riflettiamo sul loro significato.

Di seguito sono riportati 24 dei più importanti simboli di Dio nella storia antica:

Indice dei contenuti

    1.Djed - Osiride (Antico Egitto)

    Amuleto Djed

    Metropolitan Museum of Art, CC0, via Wikimedia Commons

    Osiride era una delle cinque divinità originarie dell'antico pantheon egizio. A Osiride si attribuisce il merito di aver portato la civiltà al popolo dell'antico Egitto, facendolo diventare un paradiso con struttura, organizzazione e prosperità. [1]

    Il simbolo del Djed associato a Osiride rappresenta la reincarnazione e il ringiovanimento.

    I reperti ritrovati lo raffigurano come un pilastro da cui fuoriescono sezioni che rappresentano la colonna vertebrale di Osiride.

    Statua di Osiride

    Rama, CC BY-SA 3.0 FR, via Wikimedia Commons

    Secondo la mitologia egizia, la colonna vertebrale di Osiride fu usata per resuscitarlo dopo che era stato ucciso dal dispettoso Dio Seth. In seguito, servì come Dio degli Inferi. [1] [2]

    Il simbolo è stato trasformato in un amuleto e utilizzato durante i riti funebri per rappresentare il viaggio di rinascita nell'aldilà.

    2. Sole - Inti (mitologia Inca)

    Inti sulla bandiera del Perù

    Utente:Orionist, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Nella mitologia incaica, Inti è considerato un antenato del popolo inca e il loro Dio del sole [3].

    Il sole era considerato una manifestazione di Inti, che governava gli affari del mondo, mostrando la sua benevolenza verso il suo popolo.

    Gli Inca credevano che le eclissi solari fossero il risultato della rabbia di Inti, che richiedeva sacrifici rituali per placarlo. [4]

    Le raffigurazioni di Inti mostrano il sole come personificazione di Inti, con i tratti del viso su un disco rotondo da cui fuoriescono raggi di luce.

    I sacerdoti e i re inca si adornavano di maschere fatte di oro (considerato il sudore di Inti), che mostravano raffigurazioni simili e svolgevano il culto.

    Il simbolo può essere visto ancora oggi in molte feste e bandiere, in rappresentanza della cultura sudamericana. [3]

    3. Om - Ganesha (mitologia indù)

    Simbolo Om

    Consorzio Unicode, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    Conosciuto come il Dio degli intellettuali, Ganesha - o Ganesh - è un Dio molto venerato nella religione indù.

    Descritto come una figura dalla testa di elefante, le proprietà fisiche di Ganesha sono ricche di diverse forme di simbolismo.

    Ad esempio, il veicolo scelto da Ganesha è spesso descritto come un ratto che, combinato con la sua testa di elefante, indica che il Dio è un rimuovitore di ostacoli. [5]

    Dio Ganesha

    Immagine di SUMITKUMAR SAHARE da Pixabay

    In termini di sacro aum ( conosciuto anche come om), Ganesha è conosciuto come l'incarnazione di questo simbolo.

    Nella maggior parte delle scritture si ritiene che l'aum sia il primo suono creato con l'inizio dell'universo [6].

    Nella mitologia popolare, si ritiene che Ganesha sia direttamente collegato a questo simbolo.

    Nella maggior parte della letteratura, sono stati fatti collegamenti tra la forma della testa di Ganesha - il simbolo, quando è invertito, ha una somiglianza pazzesca con la forma del Dio dalla testa di elefante.

    4. Ragno - Anansi (Folklore africano)

    Simbolo del ragno.

    Come Loki, Anansi è un dio imbroglione, ma è radicato nelle tradizioni dell'Africa occidentale del popolo Ashanti. È il figlio del dio del cielo Nyame, il dio supremo [7].

    È noto per aver compiuto le sue azioni maliziose sotto forma di ragno, influenzando figure di spicco del folklore africano e facendo loro degli scherzi.

    La sua natura astuta e scaltra non è rappresentata in modo negativo, ma serve come mezzo per impartire saggezza alle persone.

    Secondo il folklore africano, Anansi fece un patto con suo padre per rilasciare storie al mondo, in cambio gli avrebbe portato quattro creature.

    Usò il suo inganno per usare la forza delle creature contro di loro e intrappolarle per suo padre, e portare l'arte della narrazione nel mondo. [8]

    5. Tridente - Poseidone (Antica Grecia)

    Poseidone con il suo tridente.

    Chelsea M. via Pixabay

    Nella mitologia greca, Poseidone è il fratello di Zeus e il dio dei mari e dei fiumi, uno dei fratelli di Zeus liberato da lui dal ventre di Crono. [9]

    I Ciclopi inventarono anche un tridente per Poseidone, un'arma simile a una lancia con tre punte. Dopo aver vinto la Titanomachia, Poseidone fu posto a capo dei mari dove risiedeva in splendidi palazzi.

    Secondo le credenze greche, Poseidone era responsabile delle calamità naturali e il movimento del suo tridente era alla base di terremoti, tempeste e inondazioni [10].

    Per onorare Poseidone, gli abitanti dell'antica Grecia organizzavano i giochi istmici, una festa di giochi e musica per ottenere protezione dalle calamità e un buon raccolto.

    Guarda anche: Storia dell'arte egizia antica

    Il suo simbolo, il tridente, è visibile sulle monete dell'epoca e nelle statue che lo raffigurano. [11]

    6. Luna - Diana (mitologia romana)

    Diana come personificazione della notte

    Anton Raphael Mengs, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Diana era la dea cacciatrice del Pantheon romano, ispirandosi alla sua controparte greca, Artemide.

    L'etimologia del suo nome deriva dalle parole latine "cielo" e "luce del giorno" e significa "dea della luce" [12].

    La sua associazione con la Luna, considerandola come la Luna stessa, era essenziale per ciò che rappresentava: la caccia.

    La luce durante la notte era considerata cruciale per il successo della caccia, in quanto forniva luce e aiutava i cani da traccia a riconoscere gli odori [13].

    7. Veena - Saraswati (mitologia indù)

    Una donna che suona la veena Saraswati

    Immagine per gentile concessione: pixahive.com

    La veena è uno degli strumenti più antichi del subcontinente indiano.

    È apprezzato per essere uno strumento finito: le corde dello strumento sono progettate per coprire tutte le componenti della musica classica.

    La letteratura vedica traccia la sua progressione nelle forme che ha assunto in precedenza [14].

    La veena è strettamente associata alla dea Saraswati, tanto che spesso viene chiamata Saraswati Veena.

    Dea Saraswati

    Immagine per gentile concessione: flickr.com

    Saraswati è raffigurata come la dea della saggezza e delle arti ed è conosciuta come la consorte del Signore Brahma.

    Saraswati riveste un'importanza significativa nella religione indù, tanto che il culto annuale di questa dea è una festa importante nei mesi di febbraio/marzo.

    Nella maggior parte delle raffigurazioni della Dea, Saraswati tiene in mano una veena. [14] [15]

    Si dice che quando il veena viene suonato, la conoscenza si diffonde in ogni direzione. La musica di questo strumento è paragonabile alla voce umana e le corde rappresentano le emozioni e i sentimenti umani.

    Si dice che la conoscenza debba essere suddivisa in modo simile a come si suona questo strumento - con abilità e grazia [15].

    8. Colibrì - Huitzilopochtli (mitologia azteca)

    Colibrì

    Immagine di Domenic Hoffmann da Pixabay

    Il dio del sole e della guerra, Huitzilopochtli, era considerato la divinità suprema del pantheon azteco.

    Il Dio Sole era venerato dagli Aztechi, che offrivano sacrifici umani come fonte di sostentamento e di successo in battaglia [16].

    Dio Huitzilopochtli

    Eddo, CC0, via Wikimedia Commons

    La maggior parte delle rappresentazioni di Huitzilopochtli lo raffigura come un colibrì o come un guerriero che porta le sue piume nell'elmo.

    La sua associazione con il colibrì deriva dal significato del suo nome, il colibrì del sud.

    Gli Aztechi credevano che quando i guerrieri morivano in battaglia, erano considerati di sua proprietà e si sarebbero reincarnati in colibrì, entrando a far parte del suo seguito [17].

    9. Gatto - Bastet (Antico Egitto)

    Dea Bastet, raffigurata in forma di gatto

    Immagine di Gabriele M. Reinhardt da Pixabay

    Figlia del dio del sole Ra, Bastet ha guadagnato popolarità come dea aggressiva ma giusta.

    È una delle tante divinità del pantheon egizio raffigurate con la testa di gatto e il corpo umano.

    Era il centro della venerazione del popolo di Bubastis, nell'Egitto meridionale. [18]

    La maggior parte delle sue raffigurazioni la mostrano come un gatto di casa circondato da una cucciolata di gattini come simbolo di protezione.

    In suo onore si tenevano feste in cui veniva venerata come simbolo di fertilità tra le donne, che le libera dalle costrizioni sociali.

    La gente accorreva a queste feste portando i corpi dei propri gatti domestici per farli mummificare e seppellire in città come forma di culto e di rispetto [19].

    10. Fulmine - Zeus (mitologia greca)

    Zeus con in mano un fulmine

    Immagine di Jim Cooper da Pixabay

    Nella mitologia greca, Zeus era considerato il dio degli dei olimpici. La sua associazione con il fulmine ha origine dalla Titanomachia - una grande guerra tra i Titani e gli dei olimpici. [9]

    Tra i Titani c'era anche Crono, padre di Zeus, che avrebbe mangiato la sua prole per evitare ribellioni in futuro. La madre di Zeus, Rea, nel tentativo di proteggere il figlio, offrì a Crono una pietra al suo posto.

    Quando Zeus divenne maggiorenne, liberò i suoi fratelli che stavano crescendo dentro Cronos e combatté i Titani nella Titanomachia.

    Gli dei olimpici riuscirono a sconfiggere i Titani per ottenere il controllo del mondo [20].

    Durante la guerra, Zeus si recò nel Tartaro, il pozzo più profondo degli inferi, per liberare i Ciclopi e altri esseri in cambio di aiuto per sconfiggere i Titani.

    Il Ciclope creò il fulmine come arma che divenne un'arma fondamentale per vincere la guerra.

    In seguito, Zeus guidò gli altri dei olimpici e fu considerato il controllore del tempo e del cielo. [9]

    11. Rete/web - Loki (mitologia norrena)

    L'associazione di una rete o di una ragnatela a Loki non deriva da un simbolo fisico, ma è stata oggetto di studio intorno al nome e alla natura di Loki.

    Nella mitologia norrena, Loki è descritto come un dio dispettoso le cui buffonate causano problemi a gran parte degli altri dei del pantheon norreno [21].

    Studiosi hanno cercato di individuare il significato del nome di Loki, elaborando teorie che servono a simboleggiare il nome stesso di Loki.

    Alcuni testi dell'epoca vichinga raccontano che Loki costruisce nodi e grovigli in una ragnatela che rappresenta la sua natura intrigante di autoconservazione e interesse personale.

    I racconti più importanti lo ritraggono come un ostacolo per gli dei, tanto da indurlo a fuggire da Asgard. Quando gli dei vennero a catturarlo, egli gettò la sua rete da pesca nel fuoco.

    Gli dèi crearono allora una rete per catturare Loki, che aveva assunto la forma di un salmone. Alla fine fu catturato e intrappolato.

    Al momento del Ragnarok, Loki è destinato a fuggire e guiderà i giganti per porre fine al mondo degli uomini e degli dei. [22]

    12. Lotus - Varie divinità indù (mitologia indù)

    Fiore di loto

    Immagine di Sirawich Rungsimanop da Pixabay

    Il fiore di loto ha un immenso significato religioso per i fedeli indù.

    Il Signore Brahma, il Dio induista della creazione, è nato da un fiore di loto sull'ombelico del Signore Vishnu ed è spesso raffigurato mentre medita su un fiore di loto [23].

    È uno degli elementi divini raffigurati in altre divinità indù come Parwati, Saraswati, Krishna e Ganesha.

    Il fiore simboleggia l'energia vitale e il risveglio della coscienza spirituale [23].

    13. Cerbero - Ade (Antica Grecia)

    Cerbero

    Illustrazione 164417081 © Insima

    L'arte trovata sugli antichi vasi greci raffigura Ade, il Dio degli Inferi, e una creatura chiamata Cerbero.

    Gli studiosi greci forniscono resoconti contrastanti sul numero di teste di Cerbero; tuttavia, nella maggior parte delle rappresentazioni, è raffigurato con tre teste. [24] [25]

    Dopo la Titanomachia, ad Ade fu affidato il controllo dell'oltretomba. Per aiutarlo a governare gli inferi, Ade mise a guardia il suo mastino per impedire ai morti di uscire. [9]

    Secondo la leggenda di Ercole, figlio di Zeus, la cattura di Cerbero fu la sua ultima e più ardua fatica.

    Ade lo permise a condizione che Ercole lo sconfiggesse a mani nude e, pur essendo stato morso, riuscì a sottomettere Cerbero, portandolo da Euristeo.

    In seguito, Cerbero fu riportato nell'Ade e riprese il suo ruolo di vigile guardiano delle porte degli inferi. [24]

    14. Disco solare - Ra (Antico Egitto)

    Raffigurazione di Ra-Horakhty, divinità combinata di Horus e Ra.

    Immagine per gentile concessione di Jeff Dahl [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

    Molte civiltà consideravano il sole come portatore di vita e anche gli antichi Egizi gli attribuivano una grande importanza, come testimoniano le raffigurazioni del loro Dio Ra, il creatore del mondo [26].

    I manufatti egizi raffigurano Ra con la testa di falco e un corpo umano con un disco solare sulla testa.

    Ra era considerato il più grande di tutti gli dei, che sovrintendeva alla sua creazione assumendo la forma del sole durante il giorno e nutrendola con la sua luce.

    Di notte, assume la sua forma originale per navigare attraverso il mondo sotterraneo per proteggere la sua creazione da coloro che cercano di distruggerla. [27]

    15. Lancia di Marte - Marte (mitologia romana)

    Simbolo della Lancia di Marte

    Immagine per gentile concessione: commons.wikimedia.org / CC BY-SA 3.0

    Indicato come il dio della guerra - o, in altre letterature, il protettore di Roma - Marte è secondo solo a Giove in termini di importanza nella gerarchia sacra.

    I miti che circondano questo particolare Dio sono abbastanza simili a quelli del Dio greco Ares [28].

    Tuttavia, Marte è molto stimato e venerato nella cultura romana: l'inizio e la fine di molte campagne militari sono spesso associati a un attributo a Marte.

    Ritratto di Adriano come dio Marte

    Museo del Louvre, CC BY 2.5, via Wikimedia Commons

    Uno di questi casi riguarda le lance di Marte, dove un comandante, prima di partire per la battaglia, agitava le lance sacre conservate nella Regia per aiutare l'esercito a ottenere una facile vittoria. [29]

    In tempi più recenti, il simbolo delle lance di Marte viene utilizzato per rappresentare il genere maschile, il pianeta Marte e come simbolo alchemico del ferro. [30]

    16. Rama - Arco e freccia (mitologia indù)

    Rama con arco e freccia

    Autore, Attribuzione, via Wikimedia Commons

    Rama, indicato come un'incarnazione di Vishnu, compare all'inizio del secolo d.C. Tuttavia, è solo nel XIV e XV secolo che Rama diventa il destinatario più popolare dell'adorazione del gruppo Bhakti.

    La popolarità di Rama è stata notevolmente accresciuta dalle innumerevoli rielaborazioni epiche e da forme d'arte come i drammi di danza [31].

    L'incarnazione di Rama come Vishnu indica l'incarnazione di tutte le qualità divine nella vita umana.

    È adornato con ornamenti che simboleggiano le qualità divine in forma corporea. L'arma scelta da Rama è l'arco e la freccia.

    In un caso particolare in cui Janaka chiede a Rama di tendere l'arco di Shiva, egli non solo tende la freccia ma la spezza anche, simboleggiando la sua grande forza.

    Durante la battaglia tra Rama e Ravana, la freccia di Rama neutralizza e devia tutte le armi malvagie, simboleggiando la sua bontà, il suo valore e le sue origini divine. [32]

    17. Gye Nyame - Nyame (Folklore africano)

    Simbolo di Gye Nyame

    Yellowfiver su Wikipedia inglese, CC0, via Wikimedia Commons

    Nyame è il Dio del cielo e definisce il concetto di Dio all'interno del popolo Akan del Ghana.

    Come le nozioni monoteistiche di Dio, anche Nyame è un rappresentante ideale dell'onnipotenza e della natura effimera di Dio, piuttosto che della sua manifestazione fisica [33].

    Il Gye Nyame è un simbolo associato a una parola che significa nient'altro che Dio ed è usata in molti contesti per descrivere la natura onnipotente di Dio.

    È un simbolo dell'Akan che dà forza alle persone in situazioni difficili e serve a mostrare la propria fede in Nyame. [34]

    18. Lancia - Atena (Antica Grecia)

    Colonna Atena, con lancia in mano

    Leonida DrosisYair Haklai, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Secondo la tradizione greca, Zeus partorì una figlia senza madre, Atena, che emerse dalla sua fronte.

    Era considerata la figlia prediletta di Zeus; di conseguenza, ottenne un ruolo e un potere di primo piano nel pantheon degli dei olimpici. [35] [36]

    Uno dei suoi compiti era quello di sorvegliare i conflitti degli uomini ed è per questo che la lancia fa parte di molte delle sue raffigurazioni nell'arte greca.

    Era considerata la dea della guerra, ma più per la saggezza e le strategie che essa comportava che per la natura guerrafondaia associata ad Ares, altro dio della guerra e fratello di Atena. [37]

    Gli uomini dell'antica Grecia la pregavano spesso prima di andare in battaglia e riflettevano su ciò che rappresentava nella mitologia greca: una protettrice e un'aiutante di importanti eroi greci come Perseo ed Ercole. [38]

    19. Wadjet - Horus (Antico Egitto)

    Occhio di Horus (Wadjet)

    Immagine per gentile concessione: ID 42734969 © Christianm

    Horus era il figlio di Osiride ed è considerato una figura di spicco nella mitologia egizia.

    Dopo che Seth prese il potere sull'Egitto uccidendo Osiride e portando il caos, Horus, sua madre Iside, sua zia Nefti e suo cugino Anubi intrapresero un viaggio per raccogliere le parti del corpo di Osiride per una corretta sepoltura e il passaggio agli inferi. [2] [39]

    Horus raffigurato con un'armatura dorata.

    Immagine di Wolfgang Eckert da Pixabay

    Dopo una missione di successo, Horus riuscì a sconfiggere Seth in battaglia, a costo di perdere l'occhio.

    Dopo l'evento, l'occhio di Horus fu restaurato da Hathor, da cui divenne un simbolo di guarigione e restauro, proprio come Horus fu in grado di ottenere il controllo dell'Egitto, riportando l'ordine nella regione [39].

    20. Valknut - Odino (mitologia norrena)

    Il simbolo Valknut

    Nyo e Liftarn, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Il Valknut è un simbolo che risale a tempi antichi ed è associato al culto dei morti.

    Il simbolo è costituito da tre triangoli intrecciati e compare facilmente nelle raffigurazioni di Odino, la divinità principale della mitologia norrena.

    Inoltre, il simbolo appare anche con gli animali associati a Odino, il lupo, il cavallo e il corvo. [40]

    Non si sa cosa rappresenti questo simbolo, ma la maggior parte delle rune e delle lapidi lo associano alla natura di Dio della guerra di Odino e alla sua abilità magica.

    Raffigurazione di Odino

    Victor villalobos, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Come possibile spiegazione, gli storici hanno ipotizzato che ciò indichi la capacità di Odino di usare la magia come mezzo per vincolare la mente dei soldati in battaglia.

    Al contrario, un'altra spiegazione indica la liberazione della mente del guerriero dalla paura e dall'ansia, quando i nodi vengono sciolti dall'ispirazione di Odino [41].

    21. Conchiglia - Vishnu (mitologia indù)

    Uno shankha intagliato

    Jean-Pierre Dalbéra da Parigi, Francia, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Vishnu è una delle divinità più venerate nella mitologia indù, tanto che una pratica monoteistica, il Vaishnavismo, è ancora oggi praticata.

    Secondo i testi sacri e l'epica dell'Induismo, Vishnu ha molte incarnazioni e agisce come protettore dell'Universo e come consigliere di altre divinità [42].

    Un dipinto di Vishnu

    Università di Toronto, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Le raffigurazioni di Vishnu lo mostrano con la pelle blu e le braccia multiple; in una delle mani tiene una conchiglia (shankha).

    Ci sono testimonianze contrastanti su cosa rappresenti la conchiglia: alcune lo descrivono come una tromba da guerra, ma il suono che emette ha un significato di suono primordiale della creazione.

    La conchiglia aperta viene soffiata durante il culto e utilizzata in molti rituali indù che indicano la profetizzata ultima incarnazione di Vishnu, dove tornerà per proteggere il mondo e liberarlo dal male. [43] [44]

    22. Rosa - Venere (mitologia romana)

    Bella rosa rossa

    Angelynn, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Conosciuta come la controparte dell'Afrodite greca, la dea Venere è associata alla rosa per il suo simbolismo di amore, bellezza, fertilità e passione [45].

    L'associazione della rosa rossa a Venere deriva da un attentato contro il suo amante, Adone.

    Mentre correva attraverso un cespuglio di spine per avvertirlo, si tagliò alle caviglie, provocando un'emorragia e trasformando il suo sangue in rose rosse in fiore. [46] [47]

    Guarda anche: I 15 principali simboli dell'amore di sé con i loro significati La nascita di Venere - Pittura

    Sandro Botticelli, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    In epoca romana, le statue di Venere venivano adornate di rose rosse in segno di rispetto verso la Dea e per tenere fede ai doveri morali che gravano su mariti e mogli.

    Oggi la rosa rossa è diventata una popolare espressione di amore e passione tra gli innamorati.

    Non si può negare l'esuberante bellezza della rosa, che offre un'esperienza multisensoriale di vista, olfatto e tatto [48].

    23. Martello - Thor (mitologia norrena)

    Disegno di un pendente Mjölnir in argento dorato di epoca vichinga rinvenuto in Svezia (martello di Thor).

    Prof. Magnus Petersen / Herr Steffensen / Arnaud Ramey / Pubblico dominio

    Di tutti i simboli norreni, il martello di Thor, Mjolnir, è forse il più conosciuto oggi.

    Il martello ha un grande significato nel mito norreno: si dice che sia stato forgiato dai nani, che erano artigiani esemplari.

    Il martello serviva a Thor per il suo ruolo di protezione di Asgard (il regno degli dei norreni) e come controllore dei fulmini e dei tuoni [49].

    Rappresentazione di Thor

    Immagine per gentile concessione: pxfuel.com

    Il martello ha assunto un'importanza simbolica nelle esibizioni rituali e cerimoniali durante i funerali, i matrimoni e i periodi di guerra per ricevere la benedizione di Thor.

    Inoltre, veniva usato come strumento di protezione, per allontanare il caos di Utangard (il disordine del cosmo) e portare qualcosa o qualcuno nei confini dell'ordine [50].

    24. Croce latina (Pagano & Cristianesimo)

    Particolare di un antico crocifisso d'argento e di un rosario con grani di legno. Su un tavolo di legno con una vecchia Bibbia sacra

    La croce latina è nota anche come crocifisso e si dice che sia una rappresentazione della crocifissione di Gesù Cristo. Prima dell'avvento del cristianesimo, la croce era utilizzata come simbolo pagano nelle regioni africane e asiatiche e poteva simboleggiare quattro cose: la fertilità, la fortuna, la vita stessa e il collegamento tra la terra e il cielo.

    Dopo la crocifissione di Gesù di Nazareth, la croce latina assunse un nuovo significato, iniziando a simboleggiare l'altruismo di Gesù Cristo e la sua devozione al suo popolo. [51]

    Prima dell'epoca dell'imperatore Costantino, nel IV secolo, i cristiani esitavano a raffigurare apertamente la croce nel timore di essere esposti o perseguitati. Dopo la conversione di Costantino al cristianesimo, la crocifissione come pena di morte fu abolita e la religione cristiana fu promossa. La croce divenne anche simbolo del nome di Gesù Cristo.

    Il simbolo della croce latina divenne estremamente popolare nell'arte cristiana a partire dal 350 circa. Dopo l'epoca di Costantino, la devozione cristiana per il simbolo della croce continuò, rappresentando il concetto di vittoria di Cristo sulle potenze del male.[52]

    Riferimenti

    1. [Online]. Disponibile: //www.worldhistory.org/osiris/#:~:text=Osiris%20è%20il%20Signore%20egiziano,potente'%20o%20'potente'.//www.brooklynmuseum.org/opencollection/objects/117868.
    2. [Disponibile: //archaeologicalmuseum.jhu.edu/the-collection/object-stories/ancient-egyptian-amulets/djed-pillars/.
    3. [Disponibile: //www.worldhistory.org/Inti/.
    4. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Inti-Inca-Sun-god.
    5. [Disponibile: //www.newworldencyclopedia.org/entry/Ganesha.
    6. [Disponibile: //www.exoticindiaart.com/article/ganesha/.
    7. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Ananse.
    8. [Disponibile: //mythology.net/mythical-creatures/anansi/.
    9. E. Spagnuolo, "The Olympian Gods and the Titanomachy" 7 6 2020. [Online]. Disponibile: //sites.psu.edu/academy/2020/07/07/the-olympian-gods-and-the-titanomachy/. [Accesso 29 4 2021].
    10. [Disponibile: //www.worldhistory.org/poseidon/.
    11. [Disponibile: //www.britannica.com/sports/Isthmian-Games.
    12. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Diana-Roman-religion.
    13. [Disponibile: //commons.mtholyoke.edu/arth310rdiana/the-moon/.
    14. [Disponibile: //www.thestatesman.com/supplements/8thday/saraswati-beyond-myths-legends-1502736101.html/amp.
    15. [Disponibile: //www.jayanthikumaresh.com/about-the-veena/.
    16. [Online]. Disponibile: //www.worldhistory.org/Huitzilopochtli/#:~:text=Huitzilopochtli%20(pron.,egli%20era%20il%20dio%20superiore.&text=A differenza%20di%20molti%20altri%20dei%20Aztechi%20, equivalenti%20delle%20culture%20mesoamericane%20precedenti.
    17. [Disponibile: //curioushistorian.com/the-most-powerful-aztec-god-had-the-hummingbird-as-his-spirit-animal.
    18. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Bastet.
    19. [Disponibile: //www.worldhistory.org/Bastet/.
    20. [Disponibile: //www.greekboston.com/culture/mythology/zeus-lightening-bolt/.
    21. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Loki.
    22. [Disponibile: //norse-mythology.org/tales/loki-bound/#:~:text=Skadi%20placed%20a%20poisonous%20snake,mouth%20to%20catch%20the%20poison.//www.britannica.com/topic/Loki.
    23. [Disponibile: //www.hinduismfacts.org/hindu-symbols/lotus-flower/.
    24. [Disponibile: //www.perseus.tufts.edu/Herakles/cerberus.html.
    25. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Cerberus.
    26. [Disponibile: //www.arce.org/resource/ra-creator-god-ancient-egypt.
    27. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Re.
    28. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Mars-Roman-god.
    29. [Disponibile: //www.worldhistory.org/Mars/.
    30. [Disponibile: //www.newworldencyclopedia.org/entry/Mars_(mitologia).
    31. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Rama-Hindu-deity.
    32. [Online]. Disponibile: //www.litcharts.com/lit/the-ramayana/symbols/bows-and-arrows#:~:text=Come%20such%2C%20archi%20e%20frecce, simbolici%20della%20grande%20forza%20di%20Rama.&text=Rama%20non%20solo%20le%20corde,%2C%20degnità%2C%20e%20divine%20origini.
    33. [Disponibile: //sk.sagepub.com/reference/africanreligion/n291.xml.
    34. [Disponibile: //www.adinkrasymbols.org/symbols/gye-nyame/.
    35. [Disponibile: //www.greekmythology.com/Olympians/Athena/athena.html.
    36. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Athena-Greek-mythology.
    37. [Disponibile: //www.perseus.tufts.edu/Herakles/athena.html.
    38. [Disponibile: //www.perseus.tufts.edu/Herakles/athena.html.
    39. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Eye-of-Horus.
    40. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Odin-Norse-deity.
    41. [Disponibile: //norse-mythology.org/symbols/the-valknut/.
    42. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/Vishnu.
    43. [Online]. Disponibile: //www.bbc.co.uk/religion/religions/hinduism/deities/vishnu.shtml#:~:text=Vishnu%20è%20il%20secondo%20dio,e%20Shiva%20è%20il%20distruttore....
    44. [Disponibile: //www.philamuseum.org/collections/permanent/95885.html.
    45. [Disponibile: //greekgodsandgoddesses.net/goddesses/venus/.
    46. [Disponibile: //www.charentonmacerations.com/2014/10/29/mythological-rose/.
    47. [Disponibile: //www.thursd.com/articles/the-meaning-of-red-roses/.
    48. [Disponibile: //www.chrismaser.com/venus.htm.
    49. [Disponibile: //mythology.net/norse/norse-concepts/mjolnir/#:~:text=Mj%C3%B6lnir%20(pronunciato%20Miol%2Dneer),ordine%20di%20afferrare%20l'albero%20.
    50. [Disponibile: //norse-mythology.org/symbols/thors-hammer/.
    51. [Disponibile: //www.nps.gov/afbg/learn/historyculture/latin-cross.htm
    52. [Disponibile: //www.britannica.com/topic/cross-religious-symbol



    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.