I 24 simboli più antichi della conoscenza e della saggezza con i loro significati

I 24 simboli più antichi della conoscenza e della saggezza con i loro significati
David Meyer

Nel corso della storia, il simbolismo è stato utilizzato come mezzo per trasmettere un significato e infondere emozioni in un modo che una spiegazione vera e propria non può raggiungere.

In tutte le culture antiche, possiamo trovare una grande quantità di impegno nel simbolismo, anche nella rappresentazione e nei mezzi per acquisire la saggezza.

Di seguito sono presentati alcuni dei più noti e importanti simboli antichi di saggezza.

Indice dei contenuti

    1. Tyet (Antico Egitto)

    Tyet rappresentato in forma di simbolo.

    Museo del Louvre / CC BY

    Il Tyet è un simbolo egizio associato alla dea Iside, nota per i poteri magici che possedeva e per la sua grande conoscenza.

    Iside è stata descritta come "più intelligente di un milione di dèi" (1). Il Tyet rappresenta un nodo di stoffa e ha una forma simile al geroglifico egiziano ampiamente riconosciuto, l'ankh, che simboleggia la vita.

    Guarda anche: Perché i Vichinghi hanno lasciato il Nord America?

    Nel Nuovo Regno egizio era pratica comune che le mummie fossero sepolte con un amuleto Tyet (2).

    2. Ibis di Thoth (Antico Egitto)

    Gruppo statuario di Thoth-ibis e devoto su base iscritta per il Padihorsiese

    Museo Metropolitano d'Arte / CC0

    Insieme alla dea Seshat, Thoth era l'antico dio egizio della saggezza, della conoscenza e della scrittura.

    Nella mitologia egizia ha svolto molti ruoli di rilievo, come la manutenzione dell'universo, il giudizio dei morti e la funzione di scriba degli dei. (3)

    Essendo un dio della luna, in origine era rappresentato da un disco lunare, ma la sua rappresentazione simbolica cambiò in quella di un Ibis, un uccello considerato sacro nella religione dell'antico Egitto e già simbolo degli scribi. (4)

    3. Civetta di Atena (Antica Grecia)

    Simbolo greco della saggezza impresso su una moneta d'argento.

    Xuan Che via flickr.com / CC BY 2.0

    Nella mitologia greca, una civetta è solitamente raffigurata mentre accompagna Atena, la dea della saggezza e della guerra.

    Il motivo non è chiaro, anche se alcuni studiosi ritengono che la capacità del gufo di vedere nel buio serva come analogia della conoscenza, permettendoci di vedere attraverso l'oscurità dell'ignoranza invece di essere accecati dalla nostra prospettiva. (5)

    Tuttavia, grazie a questa associazione, è diventato un simbolo di saggezza, conoscenza e perspicacia nel mondo occidentale.

    Forse è anche il motivo per cui i gufi, in generale, sono considerati uccelli saggi in molte culture occidentali.

    4. Mandala Cerchio esterno (buddismo)

    Pittura mandala - Cerchio di fuoco

    Museo d'arte Rubin / Pubblico dominio

    Nel Buddismo, il cerchio del Mandala (uno schema geometrico che rappresenta l'universo) simboleggia il fuoco e la saggezza.

    Nel suo contesto, sia il fuoco che la saggezza sono usati per indicare l'essenza dell'impermanenza. (6)

    Un fuoco, per quanto grande sia, alla fine si spegne e così è per la vita stessa.

    La saggezza sta nel rendersi conto e apprezzare questo stato di impermanenza.

    Il fuoco brucia anche le impurità e quindi, muovendosi nel cerchio di fuoco, si brucia l'impurità dell'ignoranza.

    Guarda anche: I 15 principali simboli degli anni '80 con il loro significato

    5. Corvo (norreno)

    Okimono a forma di corvo.

    Museo Metropolitano d'Arte / CC0

    Ad accompagnare il Dio norreno Odino sono due corvi, Huginn e Muninn, che si dice volino ogni giorno per tutta Midgard (la Terra) e gli riportino tutte le notizie che vedono e sentono.

    La loro associazione con Odino è antica, risale a prima dell'epoca vichinga.

    Uno dei motivi potrebbe essere che, in quanto uccelli carogne, sarebbero sempre stati presenti all'indomani di una battaglia: la morte, la guerra e la vittoria erano il regno di Odino.

    I corvi sono uccelli estremamente intelligenti e Odino era noto per essere un dio eccezionalmente intelligente.

    I corvi Huginn e Muninn simboleggiavano rispettivamente il "pensiero" e la "memoria".

    Si può quindi affermare che essi costituiscono una rappresentazione fisica delle capacità intellettuali/spirituali del dio norreno. (7)

    6. La testa di Mímir (norreno)

    La pietra di Snaptun, raffigurante Loki.

    Bloodofox / Pubblico dominio

    Nella mitologia norrena, Mímir è una figura famosa per la sua conoscenza e saggezza, ma fu decapitata durante la guerra Æsir-Vanir e la sua testa fu inviata ad Asgard a Odino.

    Il dio norreno lo imbalsamò con delle erbe e lo rivestì di magia per impedirgli di marcire e gli diede il potere di parlare di nuovo.

    Da quel momento, la testa mozzata di Mímir fornì consigli a Odino e gli rivelò i segreti dell'universo.

    La testa di Mímir era quindi diventata il simbolo di una fonte di saggezza e conoscenza.

    7. Serpente (Africa occidentale)

    Scultura in pietra del serpente.

    Graham Hobster / Pixabay

    Fin dall'antichità, il serpente simboleggia la saggezza in Africa occidentale.

    Forse è dovuto al modo in cui il serpente si muove prima di colpire la preda, dando l'impressione di riflettere sulle proprie azioni.

    In molte culture dell'Africa occidentale i guaritori spirituali imitano il movimento di un serpente nel rivelare una profezia (8).

    8. Ragno (Africa occidentale)

    Simbolo del ragno

    Nel folklore Akan, il simbolo del ragno rappresenta il dio Anansi, che spesso assume la forma di un ragno umanoide in molte favole. (9)

    È noto per essere un abile imbroglione e per possedere un'immensa conoscenza.

    Nel Nuovo Mondo è stato usato anche come simbolo di sopravvivenza e di resistenza degli schiavi, perché è stato in grado di ribaltare le sorti dei suoi oppressori usando i suoi trucchi e la sua astuzia - un modello da seguire per i molti schiavi che lavorano nei confini della loro prigionia. (10)

    9. Albero di quercia (Paganesimo europeo)

    Albero di quercia

    Andreas Glöckner / Pixabay

    Le querce sono note per le loro dimensioni, la loro longevità e la loro forza.

    In tutta l'Europa antica, molti popoli veneravano e adoravano la quercia, che può vivere da diverse centinaia a oltre mille anni.

    Poiché la vecchiaia è associata alla saggezza, la quercia antica è stata associata allo stesso modo.

    È anche il motivo per cui molte culture, dai Celti agli Slavi, si riunivano vicino alle querce per prendere decisioni importanti, sperando che la saggezza del grande albero li aiutasse in questo senso. (11)

    10. Capricorno (Sumer)

    Chimera capra-pesce

    CC0 Pubblico dominio

    Enki era il dio sumero della vita, dell'acqua, della magia e della saggezza.

    Si dice che sia un co-creatore del Cosmo e custode dei poteri divini e che sia stato incaricato di fecondare le terre e di far nascere la civiltà.

    Un simbolo comunemente associato a lui è il pesce-capra del Capricorno. (12)

    11. Fiore di loto (religioni orientali)

    Fiore di loto in fiore

    Il simbolo del fiore di loto ha un significato importante in molte religioni orientali, è associato alla purezza, alla consapevolezza, alla pace e alla saggezza.

    Nel buddismo e nell'induismo, lo sbocciare del fiore di loto simboleggia il cammino di un individuo verso il raggiungimento dell'illuminazione.

    Proprio come il loto inizia a crescere nelle acque scure e stagnanti, ma riesce a emergere in superficie per produrre un risultato perfetto, anche il nostro viaggio può essere simile.

    Attraverso il pozzo dell'ignoranza, abbiamo il potenziale per strisciare fuori e raggiungere il più alto stato di coscienza. (13)

    12. Lo spaventapasseri (Giappone antico)

    Spaventapasseri in Giappone

    Makara sc / CC BY-SA

    Kuebiko è la divinità shintoista della conoscenza, dell'erudizione e dell'agricoltura.

    Si dice che faccia la guardia ai campi della fattoria e che, sebbene "le sue gambe non camminino... sappia tutto" (14).

    Per questo motivo, è raffigurato da uno spaventapasseri, anch'esso fermo tutto il giorno, che osserva tutto.

    13. Simbolo di Saraswati (India)

    Simbolo di Saraswati - simbolo indiano di saggezza

    Saraswati è la dea indù della conoscenza, della saggezza, delle arti e dell'apprendimento.

    Questi quattro aspetti sono simbolicamente rappresentati dalle quattro mani che reggono oggetti specifici, ovvero il Pustaka (libro), il mala (ghirlanda), la veena (strumento musicale) e il Matka (vaso d'acqua).

    I suoi aspetti di conoscenza e saggezza sono rappresentati anche da un simbolo molto distinto che comprende una metà di triangoli a punta verticale verso l'alto che costituiscono Purusha (mente) e un'altra metà di Prakriti (natura).

    Il triangolo di base rappresenta un'osservazione/conoscenza da cui emergono molti altri triangoli che simboleggiano la contemplazione.

    Al culmine, i triangoli smettono di moltiplicarsi e da ciascuno di essi scaturisce un flusso, che insieme rappresenta l'emergere finale della saggezza. (15)

    14. Nyansapo (Africa occidentale)

    Simbolo Adinkra della saggezza

    Nyansapo significa "nodo della saggezza" ed è un adinkra (simbolo Akan) che rappresenta i concetti di saggezza, intelligenza, ingegno e pazienza.

    Simbolo particolarmente venerato dagli Akan, viene spesso utilizzato per trasmettere la convinzione che se una persona è saggia, allora ha la capacità di scegliere il mezzo migliore per raggiungere il proprio obiettivo.

    La parola "saggio" nell'idea è usata in un contesto molto specifico, che implica "ampie conoscenze, apprendimento ed esperienza, e la capacità di applicare tali facoltà a fini pratici" (16).

    15. Albero della Bodhi (buddismo)

    Il santuario dell'albero di Buddha

    Foto Dharma da Sadao, Thailandia / CC BY

    Bodhi era un antico albero di fico situato nel Bihar, in India, sotto il quale un principe nepalese di nome Siddharta Gautama mediò ed è noto per aver raggiunto l'illuminazione. (17)

    Così come Gautama divenne noto come Buddha, l'albero divenne noto come albero della Bodhi (l'albero del risveglio). (18)

    Nell'iconografia religiosa, spesso si distingue per la presenza di foglie a forma di cuore o per il fatto che la sua intera forma è quella di un cuore.

    16. Bagua (Cina antica)

    Simbolo Pa Kua

    Vedi pagina per l'autore / CC BY-SA

    Tao è una parola cinese che significa "via".

    Rappresenta sia l'ordine naturale del Cosmo, il cui carattere la mente di una persona deve discernere per realizzare il vero potenziale di saggezza individuale, sia il viaggio che si intraprende per perseguire tale obiettivo.

    Il concetto di Toa è tipicamente rappresentato dal Bagua - otto caratteri, ognuno dei quali rappresenta un principio della realtà attorno al simbolo dello Ying-yang, la dualità cosmica di due forze opposte che governano l'universo (19).

    17. Diya (India)

    Lampada a olio, simbolo indiano di saggezza

    Shivam Vyas / Pexels

    L'accensione di una piccola lampada due volte al giorno durante la festa di Diwali è una pratica indiana che può essere fatta risalire a tempi antichi.

    È di natura molto simbolica e rappresenta la vittoria finale del bene sul male.

    L'olio rappresenta i peccati e lo stoppino l'Ātman (sé).

    Nel processo di raggiungimento dell'illuminazione (luce), il sé deve liberarsi delle passioni mondane, come uno stoppino acceso brucia l'olio (20).

    18. Occhi della saggezza (buddismo)

    Occhi di Buddha o occhi di Stupa

    Cortesia immagine: libreshot.com

    In molti stupa, si incontrano spesso coppie di occhi giganti che guardano verso il basso, come in uno stato di mediazione, disegnati o scolpiti sui quattro lati della torre.

    Tra gli occhi è raffigurato un simbolo a forma di punto interrogativo e un simbolo a goccia, rispettivamente sopra e sotto.

    Il primo comprende l'unità di tutte le cose del mondo, mentre il secondo rappresenta l'occhio interiore (urna) che vede nel mondo del Dhamma (spiritualità).

    L'insieme di tutto ciò simboleggia la saggezza onniveggente del Buddha. (21) (22)

    19. Trishula (Religioni orientali)

    Il tridente di Shiva - Principale simbolo indù

    Frater5 / CC BY-SA

    Il Trishula (tridente) è un simbolo comune nell'induismo e nel buddismo.

    Le tre punte della Trishula hanno diversi significati, rappresentando comunemente varie trinità a seconda del contesto in cui vengono viste.

    Nell'Induismo, se visti in associazione con Shiva, il dio indù della distruzione, rappresentano i suoi tre aspetti: creazione, conservazione e distruzione.

    Nel suo contesto indipendente, viene tipicamente utilizzato per simboleggiare i tre poteri - volontà, azione e saggezza.

    Nel Buddismo, un Trishula posto in cima a una ruota della legge simboleggia le tre virtù: saggezza, purezza e compassione. (23)

    20. Jnana Mudra (India)

    Gesto indiano della mano della Saggezza

    liz west via flickr / CC BY 2.0

    Alcune divinità indù, o i loro aspetti, possono essere spesso raffigurate con le dita della mano destra piegate a toccare la punta del pollice.

    Questo gesto della mano è noto come Jnana Mudra, simbolo di conoscenza e saggezza.

    L'indice rappresenta il sé e il pollice rappresenta Brahman, la realtà cosmica ultima.

    Il resto delle tre dita rappresenta i tre guna (passione, ottusità e purezza).

    Per connettersi con la realtà ultima, il sé deve trascendere i tre guna (24).

    21. Biwa (Giappone antico)

    Biwa - simbolo giapponese di saggezza

    Cortesia immagine: rawpixel.com

    Benzaiten è la dea giapponese di tutto ciò che scorre, come l'acqua, la musica, le parole e la conoscenza.

    Così, in tutto il Giappone, è arrivata a rappresentare la personificazione della saggezza.

    Di solito viene raffigurata con in mano un Biwa, un tipo di flauto giapponese che, grazie alla sua associazione con la divinità, è diventato simbolo di saggezza e conoscenza. (25)

    22. Carta e penna (Antica Mesopotamia)

    Il simbolo di Nabu - Simbolo di alfabetizzazione

    Christine Sponchia via Pixabay

    Oggi, in tutto il mondo, la penna e la carta sono diventate simbolo di letteratura, saggezza e scienza.

    Eppure, si tratta di un'associazione molto antica che risale ai tempi delle prime civiltà.

    Le antiche culture di Sumer, Assiria e Babilonia veneravano Nabu, il dio protettore di questi tre aspetti, oltre a quello della vegetazione e della scrittura.

    Uno dei suoi simboli era lo stilo e la tavoletta d'argilla.

    È da questa rappresentazione originale che la relazione strumento di scrittura e mezzo di scrittura è arrivata a simboleggiare universalmente questi aspetti in tutta la cultura eurasiatica e attraverso i secoli. (26)

    23. Gamayun (slavo)

    L'uccello Gamayun / L'uccello profetico - simbolo slavo della conoscenza

    Viktor Mikhailovich Vasnetsov / Pubblico dominio

    Nel folklore slavo, il Gamayun è un uccello profetico e una divinità con la testa di donna che si dice viva su un'isola nel mitico est e che trasmetta messaggi divini e profezie.

    Come la sua controparte, l'Alkonost, è probabile che si sia ispirata ai miti greci, in particolare a quello delle Sirene.

    A causa del suo ruolo e del fatto che si dice che conosca tutto di tutte le creazioni, la Gamayun è stata spesso usata come simbolo di saggezza e conoscenza. (27)

    24. Stelo di grano (Sumer)

    Gambo di grano / Simbolo di Nisaba - Simbolo della conoscenza dei Sumeri

    Immagine per gentile concessione: pexels.com

    Nelle antiche città sumere di Umma ed Eres, Nisaba era venerata come dea del grano.

    Tuttavia, man mano che la scrittura diventava sempre più importante per documentare il commercio del grano e di altri prodotti di base, alla fine è stata associata anche alla scrittura, alla letteratura, alla conoscenza e alla contabilità. (28)

    Spesso è simboleggiata da un singolo stelo di grano, che per estensione simboleggia anche i suoi aspetti. (29)

    Nota conclusiva

    Quale antico simbolo di saggezza avete trovato più affascinante? Ditecelo nei commenti qui sotto.

    Ci auguriamo che questo articolo sia stato letto con interesse.

    Assicuratevi di condividerlo con altre persone della vostra cerchia che potrebbero leggerlo con piacere.

    Vedi anche: I 7 principali fiori che simboleggiano la saggezza

    Riferimenti

    1. Vita quotidiana degli dèi egizi [libro aut.] Christine Dimitri Favard-Meeks. 1996, p. 98.
    2. Medio egiziano: introduzione alla lingua e alla cultura dei geroglifici. [autore del libro] James P. Allen. pp. 44-45.
    3. Gli dei degli Egizi Vol. 1. [autore del libro] E. A. Wallis Budge. 1961, p. 400.
    4. The Complete Gods and Goddesses of Ancient Egypt (Gli dei e le dee dell'Antico Egitto) [autore del libro] Richard H Wilkinson. 2003.
    5. Gufi. [autore del libro] Cynthia Berger. 2005.
    6. Julie O'Donnell, Pennie White, Rilla Oellien e Evelin Halls. Monografia su un dipinto Vajrayogini Thanka. [Online] 8 13, 2003.
    7. HUGIN E MUNIN. Mitologia norrena per persone intelligenti. [Online] //norse-mythology.org/gods-and-creatures/others/hugin-and-munin/.
    8. Simbolismo del serpente. Tracce di serpente. [Online] 10 15, 2019. //www.snaketracks.com/snake-symbolism/.
    9. //yen.com.gh/34207-feature-ananse-ghanas-amazing-spider-man.html [Online] Ananse - L'incredibile Uomo Ragno del Ghana
    10. Marshall, Emily Zobel. Il viaggio di Anansi: una storia di resistenza culturale giamaicana. 2012.
    11. Gli alberi degli dei: adorare la quercia possente. Histroy Daily . [Online] 8 11, 2019. //historydaily.org/tree-gods-worshiping-mighty-oak-trees.
    12. Busby, Jesse. Enki. Arte antica . [Online] 3 12, 15. //ancientart.as.ua.edu/enki/.
    13. Il significato simbolico del fiore di loto. Università di Binghamton.
    14. Il Kojiki: i registri delle cose antiche. [autore del libro] Basil Hall Chamberlain. 1919, p. 103.
    15. Kinsley, David. Hindu Goddesses: Vision of the divine feminine in the Hindu religious traditions. 1998. pp. 55-56.
    16. Okrah, K. Asafo-Agyei. Nyansapo (il nodo della saggezza). 2003.
    17. Gopal, Madan. L'India attraverso i secoli. s.l. : Ministero dell'Informazione e della Radiodiffusione, Governo dell'India, 1990.
    18. Che cos'è un albero della Bodhi? Significato, simbolismo e storia. Study.com. [Online] //study.com/academy/lesson/what-is-a-bodhi-tree-meaning-symbolism-history.html.
    19. Zai, J. Taoismo e scienza. s.l. : Ultravisum, 2015.
    20. Una Diya o una lampada di terra è sinonimo del festival di Deepavali o Diwali. Drishti Magazine . [Online] //drishtimagazine.com/lifestyle-lifestyle/2014/10/a-diya-or-an-earthen-lamp-is-synonymous-to-the-festival-of-deepavali-or-diwali/.
    21. Occhi onnipotenti di Buddha. Asian Arts. [Online] //www.burmese-art.com/blog/omnipotent-of-buddha-eyes.
    22. Occhi del Buddha. Asian Arts . [Online] //www.buddha-heads.com/buddha-head-statues/eye-of-the-buddha/.
    23. La Trishula. Antichi simboli. [Online] //www.ancient-symbols.com/symbols-directory/the-trishula.html.
    24. Jnana Mudra - Il gesto della saggezza. Stile di vita yogico. [Online] //www.yogicwayoflife.com/jnana-mudra-the-gesture-of-wisdom/.
    25. Japanese Journal of Religious Studies. s.l. : Nanzan Institute for Religion and Culture, 1997.
    26. Green, Tamara M. La città del dio della luna: le tradizioni religiose di Harran. 1992.
    27. Boguslawski, Alexander. Religioso Lubok. 1999.
    28. Shlain, L. The Alphabet Versus the Goddess: The conflict between word and image. s.l. : Penguin , 1999.
    29. Mark, Joshua J. Nisaba. Enciclopedia di storia antica [Online] //www.ancient.eu/Nisaba/.

    Immagine di testa: un gufo scolpito nella pietra




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.