I 25 principali simboli buddisti e i loro significati

I 25 principali simboli buddisti e i loro significati
David Meyer

Il buddismo ebbe origine nel VI secolo a.C. quando Siddharta Gautama iniziò a predicare su temi quali il dolore e la sofferenza, l'illuminazione e la rinascita, utilizzando molte immagini e illustrazioni per spiegare i suoi insegnamenti.

Tuttavia, solo tre secoli più tardi l'arte di ispirazione buddista iniziò a comparire in India. Oggi esistono diversi simboli buddisti riconosciuti in tutto il mondo.

Ogni simbolo è unico nel suo genere e porta con sé il proprio significato e la propria importanza. Alcuni, come il fiore di loto e la ruota del dharma, sono antichi, mentre altri sono relativamente più recenti.

Più il buddismo si diffondeva in Asia, più i simboli buddisti iniziavano a guadagnare popolarità. Oggi si può dire che il buddismo ha lasciato il segno non solo in Asia, ma in tutto il mondo.

Di seguito riportiamo l'elenco dei 25 simboli più importanti del buddismo.

Indice dei contenuti

    1. La ruota del Dharma

    La ruota di Dharna è nota anche come "Dharmachakra" o ruota della verità.

    Immagine di Antoine de San Sebastian da Pixabay

    Uno dei simboli buddisti più antichi e conosciuti, la ruota del dharma è il simbolo degli insegnamenti del Buddha. In sanscrito è conosciuta come "Dharmachakra" o ruota della verità/legge. Proprio come la croce rappresenta il cristianesimo, oggi la ruota del dharma può essere vista come una rappresentazione della religione buddista.

    Di solito è composto da otto raggi, che simboleggiano l'Ottuplice sentiero del Buddha, e da tre vortici al centro che simboleggiano i tre gioielli del Buddismo: il Buddha o il maestro, il dharma o l'insegnamento e infine il sangha, che è la comunità.

    Le rappresentazioni più antiche sono state rinvenute su pilastri in India, costruiti dall'imperatore Ashoka (268-232 a.C.) che, essendo un appassionato buddista, fece costruire questi pilastri per far conoscere gli insegnamenti del Buddha nella sua terra.

    2. Il nodo infinito

    Il nodo infinito è un simbolo di nascita, morte e rinascita nel buddismo.

    dinarpoz via Pixabay

    Come suggerisce il nome, il nodo infinito non ha inizio né fine. Questo disegno dettagliato è costituito da linee intrecciate che si attorcigliano l'una all'altra dall'alto e dal basso e si trasformano in uno splendido motivo.

    È noto per essere simbolo di molte cose diverse e ha vari significati: per cominciare, simboleggia la nascita, la morte e la rinascita.

    Oltre a ciò, rappresenta anche l'interconnessione, indicando che ogni cosa è collegata all'altra e che nulla è separato. Si dice che questo bellissimo simbolo abbia avuto origine da un antico simbolo indiano, i due serpenti intrecciati.

    3. Il fiore di loto

    Il fiore di loto è uno dei simboli buddisti più popolari.

    La foto è stata presa da Pexels da Pixabay

    Il fiore di loto è un altro popolare simbolo buddista, spesso presente nei dipinti e nelle scritture buddiste. L'ideologia alla base di questo simbolo è che, crescendo negli stagni, deve attraversare il fango e la sporcizia per raggiungere la superficie.

    Non importa quanto siano torbide le acque, cresce e sboccia comunque nel più bello dei fiori. Per questo motivo, è noto per simboleggiare la purezza del Nirvana, così come la condizione umana, che si risveglia attraverso la sofferenza del Samsara. Nel suo insieme, il fiore può essere visto come una rappresentazione della mente, del corpo e della parola.

    Molti racconti antichi credono anche che quando Buddha nacque, dietro di lui crebbero dei fiori di loto ed è probabilmente a causa di questa credenza che molte volte il Buddha è stato illustrato seduto in cima a un enorme fiore di loto.

    4. Il vaso del tesoro

    Vaso del tesoro

    © Christopher J. Fynn / Wikimedia Commons

    Questo antico oggetto, nato in India molti anni fa, è conosciuto anche come "vaso dei tesori inesauribili". Se vi state chiedendo come si presenta, è un vaso rotondo con un collo corto e sottile, a volte decorato con un gioiello.

    I buddisti ritenevano che il vaso potesse portare felicità, ricchezza e salute, oltre che abbondanza, e che rimanesse sempre pieno indipendentemente da quanto se ne ricavasse.

    Un altro bellissimo simbolismo di questo vaso è che, per quanto si continui a dare agli altri, che si tratti di compassione o altro, gli insegnamenti del Buddha saranno abbondanti e riempiranno il cuore e la mente, facendoci sentire completi.

    5. Due pesci d'oro

    Due pesci d'oro

    Christopher J. Fynn, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Simbolo buddista molto diffuso e variamente rappresentato, i due pesci d'oro sono un maschio e una femmina e sono raffigurati in piedi con la testa rivolta verso l'altro.

    Questo interessante simbolo è emerso prima del Buddismo, quindi si può solo immaginare quanto sia antico. È apparso per la prima volta come rappresentazione di due fiumi sacri dell'India, il Ganga e lo Yamuna, che permettevano alla vita di prosperare sulle sue rive.

    I pesci hanno un alto valore simbolico nel Buddismo: innanzitutto, rappresentano la felicità e la libertà, grazie alla loro completa libertà nell'acqua; inoltre, rappresentano l'abbondanza e la fertilità, poiché si riproducono velocemente.

    A parte questo, sono una rappresentazione del vivere in uno stato di assenza di paura, liberi dalla preoccupazione di affondare nell'oceano della miseria e della sofferenza.

    6. La conchiglia

    La conchiglia simboleggia la verità e il coraggio nel buddismo.

    La foto è stata scattata da Devanath di Pixabay

    Questa bellissima conchiglia bianca ha un grande significato nella tradizione buddista. È uno dei principali simboli buddisti e ha una varietà di significati. Di solito è posta in posizione verticale e ha un nastro di seta intorno.

    Nel Buddismo, questa conchiglia simboleggia l'impavidità di insegnare la verità e di lavorare solo per il bene degli altri. Rappresenta anche la diffusione del credo del Buddha, che si diffonderebbe in ogni direzione proprio come il suono del corno attraverso la conchiglia. Oltre a ciò, questa conchiglia simboleggia anche la parola onesta.

    Secondo le antiche storie indiane, ogni eroe dell'epoca portava con sé una conchiglia bianca che spesso aveva un nome e un potere unico. Fin dall'antichità queste conchiglie sono state utilizzate come corni.

    7. La Campana

    La campana è un simbolo popolare nel buddismo e nel cristianesimo.

    Immagine di Milada Vigerova da Pixabay

    La campana è un simbolo diffuso non solo nel buddismo, ma anche nel cristianesimo. Nel buddismo, però, ha un significato diverso: il suono della campana simboleggia la voce del Buddha e i suoi insegnamenti, oltre a rappresentare la saggezza e l'empatia.

    Si usa per rivolgersi agli esseri superiori per ottenere protezione e tenere lontani gli spiriti maligni. Avrete notato che molti templi hanno delle campane all'ingresso, che bisogna suonare quando si entra.

    Per molto tempo, anche all'epoca del Buddha, le campane sono state utilizzate come mezzo per riunire i monaci alla pratica della meditazione. Il suono delicato prodotto da esse infonde una sensazione di pace e di calma, motivo per cui sono associate alla meditazione.

    8. L'albero della Bodhi

    L'"albero del risveglio" o albero della Bodhi nel Buddismo

    Neil Satyam, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Chiamato anche "albero del risveglio", l'albero di Bodhi è un simbolo sacro del buddismo. Bodhi significa letteralmente "illuminazione" ed è essenzialmente un grande fico sotto il quale Buddha raggiunse il Nirvana o risveglio spirituale.

    Sebbene l'albero originale si trovi a Bodh Gaya, in India, molti templi buddisti in tutta l'Asia hanno alberi di Bodhi, che sono considerati figli dell'albero originale.

    Detto questo, quello originale è un luogo popolare per i pellegrini ed è forse il più importante tra i quattro principali luoghi di pellegrinaggio buddisti.

    Guarda anche: L'occhio di Ra

    9. Gli occhi del Buddha

    Gli occhi di Buddha dipinti su un tempio

    Foto di Prasesh Shiwakoti (Lomash) su Unsplash

    Un simbolo popolare nel Buddismo sono gli occhi del Buddha, che comprendono un paio di occhi, un punto tra gli occhi e una forma a ricciolo. Il simbolismo che sta dietro a questo simbolo è che il Signore guarda sempre e la sua presenza non è limitata.

    I due occhi rappresentano la possibilità di vedere la realtà o il mondo esterno, mentre il punto o terzo occhio simboleggia il risveglio del Buddha, come nell'albero della Bodhi.

    La linea a ricciolo rappresenta l'unità e la connessione di ogni cosa e sottolinea anche che l'unica via per l'illuminazione è l'insegnamento del Buddha.

    10. La ciotola dell'elemosina

    La ciotola dell'elemosina è un simbolo sacro del Buddha.

    Immagine di magicbowls da Pixabay

    La ciotola dell'elemosina è importante per la vita di un monaco buddista. Come funziona, i monaci vivono semplicemente di ciò che viene messo nella ciotola dalla gente comune. Ogni mattina vanno dal monastero al villaggio e ciò che viene dato nella ciotola è tutto ciò di cui vivono.

    Per questo motivo, la ciotola è una rappresentazione della vita dei monaci buddisti: simboleggia una vita che è il risultato degli insegnamenti di Buddha, che scoraggiano la dipendenza dai propri desideri egoistici e incoraggiano invece a vivere una vita semplice.

    11. Lo Stendardo della Vittoria

    Lo Stendardo della Vittoria rappresenta il risveglio e il trionfo della conoscenza nel buddismo.

    © Christopher J. Fynn / Wikimedia Commons

    Lo Stendardo della Vittoria è una bandiera o un segno usato dagli antichi buddisti per simboleggiare il risveglio di Buddha e il trionfo della conoscenza sull'ignoranza.

    Rappresenta anche la vittoria del Buddha sulle illusioni come il desiderio, l'avidità, la paura, la rabbia e l'arroganza. Nell'antichità era un'insegna che veniva usata nelle guerre indiane e mostrava il logo di ogni tribù o clan.

    12. Il Vajra

    Il Vajra rappresenta le proprietà del diamante nel Buddismo.

    Foto di Tenzing Kalsang da Pexels

    Quest'arma è realizzata in ottone o bronzo e presenta alle quattro estremità dei rebbi che formano una sorta di loto e simboleggiano la pace e le quattro nobili verità.

    Per i buddisti, il Vajra è un oggetto simbolico: simboleggia le proprietà di un diamante e di un fulmine. Funziona come un diamante perché ha il potere di superare l'attaccamento, l'ignoranza e il disprezzo di sé.

    Distrugge le influenze ingannevoli delle persone e le loro opinioni sbagliate. Il Vajra ha tre significati principali: durata, splendore e capacità di tagliare. Funziona anche come un fulmine, poiché la sua luce prende il sopravvento sulle tenebre, porta via le opinioni sbagliate e le afflizioni delle persone e fa luce su di loro.

    Il Vajra è utilizzato soprattutto nel buddismo cinese e in quello tibetano, dove viene per lo più abbinato a una campana durante i rituali.

    13. La Perla

    Le perle rappresentano la conoscenza spirituale e la ricchezza nel buddismo.

    James St. John, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Nel Buddismo, la perla rappresenta la conoscenza spirituale e la ricchezza. Con il suo splendore, porta con sé gli insegnamenti del Buddha. Simboleggia i valori dell'empatia e della saggezza, che sono due degli attributi più ricercati.

    La perla è spesso raffigurata come una palla con la punta appuntita e si trova spesso tra le ceneri cremate di molti maestri buddisti.

    14. L'Ensō

    L'Ensō

    Ensō di Nick Raleigh del Progetto Noun

    Questo simbolo sacro, noto anche come "cerchio dell'illuminazione", fa parte del buddismo zen. Il cerchio è disegnato a mano con una o due pennellate.

    Rappresenta un momento in cui il corpo crea liberamente come risultato della mente libera. Può essere disegnato come un cerchio completo o incompleto, a discrezione dell'artista.

    L'Enso simboleggia diverse cose, come la forza, il portamento, il wabi-sabi, ovvero il concetto di bellezza che risiede nell'imperfezione, l'universo, il nostro vero io, l'unità di tutte le cose che ci circondano. È anche il simbolo dello stato meditativo ideale.

    15. Il trono vuoto

    Statua del trono vuoto del Buddha

    Ethan Doyle White su Wikipedia inglese, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

    Il trono simboleggia la regalità spirituale di Buddha, oltre ad essere basato sul fatto che egli era effettivamente un principe. Il vuoto del trono è usato per rappresentare i suoi insegnamenti, che sono raffigurati con decorazioni alla base del trono.

    16. I tre gioielli

    Simbolo del Triratna

    Fred the Oyster, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Il Triratna o i tre gioielli simboleggiano il Dharma, il Sangha e il Buddha, mentre il Dharma rappresenta l'insegnamento e il Sangha la comunità monastica. Il Triratna è uno dei simboli buddisti più antichi e significativi ed è fortemente legato al sentiero del Buddha che le persone dovrebbero seguire.

    17. L'ombrellino

    Chattra / Parasole buddista

    © Christopher J. Fynn / Wikimedia Commons

    Conosciuto anche come "Chatta" in sanscrito, il tradizionale ombrello buddista è solitamente usato solo dai reali per proteggersi dal sole e può quindi essere visto anche come un simbolo di ricchezza e status.

    L'ombrellino è costituito da un'asta di legno lunga e per lo più ornata da un piccolo loto dorato, da un vaso e da un gioiello, da piume di pavone, da catene e da vari altri pendenti.

    Nel buddismo è simbolo di protezione da ogni tipo di malattia, male, difficoltà e danno. La sua cupola rappresenta la saggezza, mentre il resto della cupola rappresenta la compassione. Sono destinati ad essere combinati ed esprimono la combinazione di entrambi questi elementi sacri di saggezza e compassione.

    18. Il Leone

    Leone delle nevi buddista / Il leone rappresenta il Buddha nel buddismo

    Francisco Anzola, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Buddha era spesso raffigurato come un leone, il che non sorprende, visto il suo immenso coraggio e la sua audacia. Era noto per alleviare le sofferenze umane e risvegliare le persone e veniva chiamato "Leone degli Shakyas".

    Il leone può anche essere visto come simbolo di regalità e, dato che era un principe prima di raggiungere l'illuminazione, sembra adattarsi bene. Questo può essere visto nel fatto che i leoni sono raffigurati seduti sullo stesso trono su cui si suppone che Buddha sieda.

    Nella letteratura buddista la voce del Buddha è identificata come il ruggito del leone, una voce potente ma empatica che trasmette a gran voce il Dharma a tutti.

    Proprio per questo simbolismo, all'ingresso di templi e monasteri si trovano spesso statue di leoni, che fungono da guardiani o protettori del Buddha e del Dharma e che in molti casi vengono addirittura utilizzati come cavalcature per i Buddha.

    19. Svastica

    Svastica indiana / La svastica simboleggia la rinascita nel buddismo

    Immagine per gentile concessione: needpix.com

    Uno dei simboli spirituali più antichi e importanti dell'India, la svastica simboleggia il processo di rinascita. Mentre nel mondo occidentale è usata per rappresentare l'ideologia nazista, nel buddismo ha una connotazione completamente diversa.

    Ha quattro rami, ognuno dei quali simboleggia i quattro possibili luoghi di rinascita: il regno animale, il regno infernale, il regno dello spirito e il regno fisico.

    Oltre che nel Buddismo, è utilizzato anche nell'Induismo e nel Giainismo. L'avrete visto molte volte impresso sul corpo delle statue o delle immagini di Buddha. Oggi è anche un simbolo popolare su molti capi di abbigliamento del moderno Buddismo tibetano.

    20. Perline di recitazione

    Monaco con in mano un rosario di preghiera

    Immagine per gentile concessione: Swetha R via Flickr / CC BY-ND 2.0

    I mala o perline di recitazione hanno solitamente 9, 21 o 108 perline su un filo. Sebbene ogni perlina sia collegata alle altre per formare un filo intero, ogni perlina ne rappresenta una.

    Questa è una bellissima simbolizzazione di come ognuno di noi, come individuo, sia un insieme perfetto, eppure siamo collegati gli uni agli altri, che si tratti della nostra famiglia o del resto del mondo. Questa connessione con gli altri e con la vita risuona profondamente con la natura del Buddismo.

    Il mala funziona muovendo una perlina alla volta e concentrandosi su un singolo respiro, su un mantra o anche sul nome di un Buddha. Così facendo, si crea energia positiva intorno a sé.

    21. Il Drago

    Il drago rappresenta l'illuminazione nel Buddismo

    Immagine per gentile concessione: sherisetj via Pixabay

    Nel corso del VI secolo i draghi iniziarono a comparire nell'arte e nella letteratura buddista, quando il buddismo iniziò a diffondersi in Cina. Col tempo, i maestri buddisti e gli artisti cinesi iniziarono a usare il drago per rappresentare l'illuminazione.

    Tuttavia, è interessante notare che non simboleggia solo questo: è anche una rappresentazione del nostro ego e di noi stessi. Nel Buddismo Zen e Chan, il drago è anche usato come metafora per affrontare le paure più profonde.

    22. I quattro re guardiani

    I quattro re guardiani rappresentano la protezione nel Buddismo

    Temple, Richard Carnac, Sir, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    I quattro re guardiani rappresentano la protezione e si trovano solitamente all'ingresso dei templi e dei monasteri.

    I quattro guardiani simboleggiano le quattro direzioni del mondo. Ogni guardiano è vestito con un'armatura da re, ha due mani e si vede sia seduto che in piedi.

    23. L'impronta del Buddha

    L'impronta del Buddha o Buddhapada

    Mulkeet Shah via Pixabay

    Chiamata anche Buddhapada, l'impronta del Buddha è un simbolo sacro del buddismo, infatti è una delle prime rappresentazioni del Buddha presenti nell'arte buddista.

    Il motivo per cui ha un significato così importante è che, nel Buddismo, l'impronta di un piede ricorda semplicemente che qualcuno, in questo caso Buddha, è esistito come essere umano e ha camminato sulla terra.

    Oltre a ciò, è anche un promemoria del fatto che egli non c'è più, evidenziando così l'essenza della religione: il Buddismo non è limitato al solo Buddha, ma riguarda ogni individuo. Si può dire che le impronte simboleggiano il percorso che dobbiamo seguire.

    Guarda anche: Il simbolismo della luce (i 6 principali significati)

    Queste impronte possono essere naturali o create dall'uomo. Quelle naturali si trovano di solito nelle pietre, mentre quelle create dall'uomo sono copie delle sue impronte reali e simboleggiano proprio questo.

    È possibile distinguere ogni impronta dall'altra perché di solito presentano dei segni. Un esempio è la ruota del Dharma, che di solito si trova al centro della suola.

    Alcuni esempi di altri segni che si possono trovare sono il fiore di loto, i tre gioielli o anche la svastica. Alcune impronte sono massicce e ricche di dettagli, mentre altre sono di dimensioni più piccole.

    24. Stupa

    Gli stupa simboleggiano la mente illuminata di Buddha.

    Nandanupadhyay, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Gli Stupa risalgono ai primi tempi del Buddismo, quando iniziarono ad essere costruiti. Sono disponibili in una grande varietà di forme e dimensioni. Gli Stupa simboleggiano la mente illuminata di Buddha e rappresentano cinque elementi diversi, che sono:

    1. La base quadrata simboleggia la terra
    2. La cupola rotonda rappresenta l'acqua
    3. La forma a cono rappresenta il fuoco
    4. Il baldacchino simboleggia l'aria
    5. Il volume dello stupa rappresenta lo spazio circostante

    25. Gli elefanti a sei zanne

    L'Elefante a sei zanne è un simbolo di purezza e santità nel Buddismo.

    Nomu420, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    L'elefante a sei zanne occupa un posto speciale nella tradizione buddista: è un simbolo di purezza e santità. Comunemente chiamato Airavata, è anche simbolo di Buddha stesso. Le sei zanne rappresentano l'inizio del viaggio di Buddha e un segno di concezione divina.

    Sintesi

    Ognuno di questi 25 simboli buddisti è unico e ha un significato significativo, che si aggiunge alla ricca tradizione della religione e la rende ancora più interessante per molte persone in tutto il mondo, anche a distanza di secoli.

    Riferimenti:

    1. //www.salisbury.edu/administration/academic-affairs/cultural-affairs/tibetan-archive/eight-symbols.aspx
    2. //www.buddhistsymbols.org/
    3. //www.ancient-symbols.com/buddhist-symbols.html
    4. //www.zenlightenment.net/what-are-the-symbols-of-buddhism/
    5. //symbolikon.com/meanings/buddhist-symbols-meanings/
    6. //www.tibettravel.org/tibetan-buddhism/8-auspicious-symbols-of-tibetan-buddhism.html
    7. //blog.buddhagroove.com/meaningful-symbols-a-guide-to-sacred-imagery/

    Immagine di testa per gentile concessione: Charles Rondeau via Pixabay




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.