I nobili nel Medioevo

I nobili nel Medioevo
David Meyer

Il Medioevo, noto anche come Medioevo, è un periodo della storia compreso tra il crollo della civiltà romana e l'inizio del Rinascimento.

Di seguito vi parlerò dei nobili del Medioevo, spiegandovi come si diventava nobili, quali erano i loro doveri e la loro vita quotidiana.

I nobili nel Medioevo potevano essere chiunque possedesse sufficienti ricchezze, potere o fosse nominato da un re, e questi requisiti sarebbero cambiati nel tempo. Poiché i nobili detenevano il potere in questo periodo, spesso erano i "custodi" di un'area di terra e avevano compiti come finanziare e prendere decisioni.

La nobiltà, la vita dei nobili e i doveri di un nobile o di una nobildonna sono cambiati molto durante il Medioevo, ma non è sempre facile separare la realtà dalla finzione in questo periodo.

Sebbene oggi si possano trovare molti documenti sulla nobiltà e su come diventarlo, è essenziale ricordare che questi processi sono cambiati, come spiegherò anche in seguito.

Indice dei contenuti

    Come si diventava nobili nel Medioevo

    Il modo in cui si diventava nobili varia sostanzialmente a seconda dell'epoca e del luogo in cui ci si trovava durante il Medioevo. All'inizio del Medioevo, le regole e i regolamenti per diventare nobili erano molto meno numerosi, motivo per cui alcuni ritengono che chi disponeva di una ricchezza o di un potere sufficienti potesse diventare nobile [1].

    Con l'avanzare del tempo nel Medioevo, i nobili divennero essenzialmente la classe media della società, con una responsabilità molto maggiore nei confronti della loro terra e delle persone che soggiornavano e lavoravano nell'area da loro designata.

    Per questo motivo, è probabile che, con lo sviluppo del sistema nobiliare, le persone abbiano ricevuto la nobiltà in eredità o siano state nominate tali dal re o da altri reali.[2]

    Sebbene la nobiltà sia cambiata con il passare del tempo, è essenziale sapere che alla fine del Medioevo c'erano molte più regole su chi era o non era un nobile. A molte persone veniva tolto lo status di nobiltà se non vivevano una "vita nobile".

    Molti ritengono che durante il Medioevo, in particolare nell'Alto Medioevo, la nobiltà dovesse essere dimostrata attraverso una cronologia documentata.[3]

    All'inizio del Medioevo, ad esempio, chiunque avesse abbastanza denaro per essere ben addestrato e permettersi l'equipaggiamento necessario poteva diventare cavaliere.

    Tuttavia, nell'Alto Medioevo, il cavalierato non solo poteva essere acquistato, ma richiedeva anche di poter dimostrare che i propri antenati erano cavalieri.

    Può darsi che il cavalierato sia diventato più regolamentato perché migliorava il rango nella società e rendeva il cavaliere un nobile di classe inferiore. Al contrario, prima di questo periodo, i cavalieri non erano sempre nobili.

    Il modo apparentemente più semplice per diventare un nobile sarebbe quello di essere un discendente di una linea di sangue nobile. All'inizio del Medioevo, alcuni credevano che la linea di sangue nobile potesse essere portata dai discendenti della madre o del padre.

    Tuttavia, nell'Alto Medioevo, la maggior parte dei cittadini accettò che solo l'ascendenza paterna contasse e permettesse di ereditare nobiltà e terre. [4]

    Le responsabilità e la vita di un nobile nel Medioevo

    Come già detto, la nobiltà e il possesso di terre andavano di pari passo e spesso erano proprio queste terre a permettere ai nobili di finanziare la propria famiglia e la propria vita.

    A seconda del tipo o del rango, alcuni nobili possedevano terreni per contribuire a generare un reddito e un diritto sulle terre circostanti la loro proprietà, che spesso venivano "affittate" alla classe operaia dell'epoca.

    Anche se qualcuno può essere un nobile durante il Medioevo, è importante notare che la nobiltà è cambiata e che si doveva vivere la vita di un nobile per mantenere il proprio status familiare.[5]

    Vivere una vita da nobile significava che i nobili dovevano mostrare ricchezza e status e competere con gli altri nobili in una certa misura, ma non potevano fare lavori specifici come essere un mercante o intraprendere un mestiere manuale.

    Poiché i nobili si limitavano a lavorare nella loro tenuta e a svolgere lavori "nobili", la nobiltà cambiava spesso e il rango di nobiltà poteva essere tolto a chiunque non vivesse secondo le regole.

    Tuttavia, le restrizioni su ciò che un nobile poteva fare per generare fondi influivano anche sullo status della nobiltà, poiché alcuni nobili dovevano indebitarsi per mantenere il loro stile di vita e il loro status veniva rimosso se non potevano pagare il debito.

    Oltre alla vita quotidiana di mantenimento di una tenuta, un nobile aveva altre responsabilità nei confronti del proprio territorio e dei reali. [6] Oltre a garantire che la propria terra fosse tenuta in ordine, i nobili dovevano anche dedicare molto tempo all'addestramento al combattimento, poiché una delle aspettative di un nobile era quella di combattere per il proprio re in caso di necessità.

    Oltre a essere ben addestrati, i nobili potevano anche avere la necessità di rifornire i reali di cavalieri, soprattutto all'inizio del Medioevo: rifornire i reali di cavalieri significava che i nobili di una zona dovevano addestrare e rifornire se stessi e altri giovani combattenti.

    Guarda anche: I 10 simboli cristiani dimenticati

    Se i nobili avevano una notevole quantità di responsabilità durante il Medioevo, lo stesso valeva per le nobildonne dell'epoca, che di solito avevano giornate di eventi e riunioni destinate ad aumentare o mantenere la posizione sociale della famiglia.

    Tuttavia, quando i nobili della zona si assentavano dalle loro tenute, non importa per quale motivo, la nobildonna era tenuta a prenderne il posto e a gestire e mantenere l'area fino al ritorno dei nobili.

    Questa responsabilità implicava che le nobildonne gestissero a volte ogni aspetto della tenuta, comprese le finanze e la classe operaia della zona, chiamata anche servi della gleba.

    Come si può dimostrare di essere nobili?

    Sebbene all'inizio del Medioevo il titolo, la portata e il modo in cui si diventava nobili fossero più vagamente definiti, nel 1300, noto anche come Alto Medioevo, la nobiltà e il titolo nobiliare erano quasi impossibili da ottenere.

    Poiché nell'Alto Medioevo la nobiltà veniva principalmente ereditata, la nobiltà divenne un gruppo più chiuso di famiglie nobili e dimostrare la propria nobiltà attraverso una discendenza nobile divenne molto più comune e ricercato.

    Tuttavia, fino a questo momento, non c'era la necessità di dimostrare il proprio retaggio, il che rendeva difficile dimostrare la propria nobiltà all'epoca.[3]

    È grazie ai nobili del Medioevo che oggi usiamo i cognomi per indicare la famiglia di appartenenza, dato che prima di allora le persone avevano un solo nome. Il nome della famiglia spesso derivava dai suoi beni, come il castello preferito o il più prestigioso posseduto e gestito dalla famiglia.

    Oltre all'uso di cognomi in grado di provare l'eredità e la linea di nobiltà, molte famiglie nobili svilupparono anche stemmi o armi.

    Lo stemma di una famiglia era una rappresentazione visiva della famiglia stessa, delle sue specialità e del suo rango, che veniva stampata su uno scudo o su una bandiera. Lo stemma divenne anche un modo per dimostrare la propria nobiltà, ed è per questo che veniva esibito nel modo indicato sopra.

    I cavalieri erano nobili?

    Come accennato in precedenza, un tempo era dovere dei nobili combattere nelle guerre con i loro re e fornire ai reali cavalieri per lo stesso scopo.

    Tuttavia, con il passare del tempo, l'essere cavaliere era considerato anche nobile e chi veniva nominato cavaliere diventava nobile e poteva ricevere un pezzo di terra insieme al nuovo titolo.

    Nel corso del Medioevo, i ruoli dei cavalieri cambiarono molto: dapprima erano persone con un certo addestramento e l'equipaggiamento necessario, spesso fornito dai nobili, e poi divennero un gruppo di persone che stabilivano uno standard e dovevano seguire una serie di regole.[8]

    Uno dei modi in cui si diventava cavalieri era quello di essere ricompensati con il titolo nobiliare come compenso per i servizi resi ai reali. Tuttavia, è essenziale notare che i cavalieri in questo periodo non appartenevano all'alta nobiltà, ma alla bassa nobiltà.

    Uno dei motivi per cui i cavalieri sono considerati di nobiltà inferiore è che, pur possedendo terre, spesso non hanno i fondi per mantenere le loro aree, dovendo continuare a servire i reali e il re per i salari necessari a mantenere le terre che hanno ricevuto.

    Guarda anche: Dado - Dea del cielo egiziana

    Conclusione

    Il Medioevo è un periodo storico che ha introdotto concetti ancora in uso oggi, come i nomi di famiglia. Anche se alcuni aspetti e la vita dei nobili di questo periodo ci sembrano strani, è interessante conoscere la vita dei nobili e come hanno ricevuto e mantenuto i loro titoli.

    È anche interessante vedere che, sebbene la vita dei nobili fosse migliore, non era meno complicata di quella dei popolani.

    Riferimenti:

    1. //www.quora.com/How-did-people-became-nobles-in-medieval-times
    2. //www.thefinertimes.com/nobles-in-the-middle-ages
    3. //www.wondriumdaily.com/becoming-a-noble-medieval-europes-most-exclusive-club/#:~:text=Q%3A%20Chi%20potrebbe%20diventare%20uno,dei%20nobili%20erano%20guerrieri.
    4. //www.britannica.com/topic/history-of-Europe/Growth-and-innovation
    5. //www.encyclopedia.com/history/news-wires-white-papers-and-books/nobility
    6. //www.thefinertimes.com/nobles-in-the-middle-ages
    7. //www.gutenberg.org/files/10940/10940-h/10940-h.htm#ch01
    8. //www.metmuseum.org/toah/hd/feud/hd_feud.htm

    Immagine di testa per gentile concessione: Jan Matejko, dominio pubblico, via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.