I pirati indossavano davvero le bende sugli occhi?

I pirati indossavano davvero le bende sugli occhi?
David Meyer

Nel corso della storia, i pirati sono stati rappresentati come marinai rudi e selvaggi che si facevano strada attraverso i mari con una benda nera su un occhio, un elemento iconico della cultura piratesca che ha spesso confuso le persone.

È facile pensare che avesse a che fare con il nascondersi dalle autorità o con l'essere pronti per la battaglia, ma la verità è un po' più complessa.

La spiegazione più comune del perché i pirati indossassero le bende sugli occhi è l'adattamento al buio.

Quando l'occhio di una persona non è abituato alla luce intensa dopo aver trascorso lunghi periodi al buio, può avvertire disagio e disturbi alla vista. Coprendo un occhio con una benda oculare, è possibile regolare rapidamente la visione da un ambiente buio a uno chiaro o viceversa.

In questo articolo ci addentriamo nella storia dei pirati e delle bende sugli occhi per scoprirne l'origine e lo scopo.

Indice dei contenuti

    Breve storia

    La cattura del pirata Barbanera, 1718

    Jean Leon Gerome Ferris, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    Guarda anche: Il simbolismo delle piume (i 18 principali significati)

    La popolarità della pirateria è stata presente nel corso della storia, con i predoni in mare alla ricerca di navi e città costiere da attaccare.

    I pirati avevano la reputazione di essere terrificanti e spesso sventolavano bandiere con simboli raccapriccianti. Le storie di prigionieri costretti a "camminare sulla tavola" erano probabilmente esagerate, ma le vittime furono molte.

    Esistono fin dall'antichità, come i Vichinghi in Europa e coloro che sequestravano grano e olio d'oliva dalle navi romane.

    Nel XVII e XVIII secolo, durante la cosiddetta "età dell'oro", pirati come Henry Morgan, Calico Jack Rackham, William Kidd, Bartholomew Roberts e Barbanera vagavano per le acque.

    Ancora oggi, in alcune parti del mondo, la pirateria continua ad essere un problema, soprattutto nel Mar Cinese Meridionale. [1]

    I fattori che portano alla pirateria

    A guidare la pirateria è stata spesso una combinazione di fattori economici e politici. Negli ultimi anni, la pirateria è stata spinta da diversi fattori che vanno dalla corruzione del governo alla disuguaglianza economica.

    Molte persone che si dedicano alla pirateria possono ritenere che sia l'unico modo per accedere a media e risorse che altrimenti non sarebbero alla loro portata a causa di barriere finanziarie come il costo o la disponibilità.

    Molte comunità si affidano a questo strumento per rimanere aggiornate sulla cultura popolare, perché hanno bisogno di più infrastrutture o di mezzi per acquistare materiali protetti da copyright.

    Guarda anche: I 7 principali fiori che simboleggiano la purezza

    La pirateria è stata alimentata anche da un accesso limitato ai contenuti a causa di restrizioni geografiche: in alcuni casi, reti specifiche o servizi di streaming possono essere bloccati in alcuni Paesi, rendendo difficile per i cittadini di quei Paesi accedere legalmente ai contenuti.

    Le persone si dedicano alla pirateria per protestare contro governi oppressivi o leggi restrittive sul copyright. [2]

    La storia della benda per gli occhi

    La benda per gli occhi ha un passato lungo e ricco di storia: si ritiene che sia nata presso gli antichi greci, che la usavano in mare per proteggere gli occhi dal riverbero e dalla polvere.

    In seguito, Rahmah Ibn Jabir Al-Jalahimah, un famoso pirata del Golfo Persico, divenne noto per aver indossato una benda sull'occhio dopo esserselo rotto in combattimento.

    Durante la Seconda Guerra Mondiale, la Marina degli Stati Uniti studiò l'uso di una benda per migliorare la visione notturna.

    Attraverso la cultura popolare e la rappresentazione mediatica, la benda sull'occhio è rimasta impressa nella nostra memoria collettiva come simbolo dei pirati [3].

    Due marinai con le gambe amputate, una benda sull'occhio e un amputato

    Vedi pagina per l'autore, CC BY 4.0, via Wikimedia Commons

    Uno strumento per i pirati

    Esiste una lunga tradizione di pirati che indossano bende sugli occhi, ma è necessario che ci sia una chiara prova storica che questo avvenisse davvero.

    La spiegazione più comunemente accettata per l'uso della benda sull'occhio da parte dei pirati è che essa consentiva di mantenere un occhio adattato all'oscurità, permettendo loro di valutare meglio le distanze durante le battaglie notturne o quando abbordavano una nave nemica.

    In piena luce solare, l'occhio adattato al buio poteva adattarsi più rapidamente alla relativa oscurità dell'interno della nave.

    Oltre che per comodità, alcuni ritengono che i pirati indossassero le bende sugli occhi per avere un aspetto intimidatorio e per nascondere eventuali ferite al volto subite in combattimento; potevano anche proteggere un occhio ferito, nascondere un occhio perso o apparire più minacciosi in alto mare.

    È anche possibile che alcuni pirati usassero le bende sugli occhi come travestimento: coprendo solo un occhio, potevano apparire come una persona diversa quando la si guardava dall'altro lato. Questo permetteva loro di eludere facilmente i controlli di sicurezza sulla terraferma e a bordo delle navi per le razzie. [4]

    Simbolismo

    Sebbene il loro scopo principale fosse pratico, le bende sugli occhi avevano anche un significato simbolico.

    Indossare una benda sull'occhio dimostrava coraggio e lealtà alla causa, perché dimostrava che si era disposti a rischiare la vista per il bene dell'equipaggio. Serviva anche a ricordare che la vita nella pirateria poteva essere di breve durata e piena di pericoli.

    Inoltre, indossare una benda sull'occhio aggiungeva un'estetica che faceva appello al romanticismo della cultura piratesca.

    Dava a un pirata un aspetto più temibile e intimidatorio, che poteva essere utile quando si cercava di intimidire o spaventare i nemici. [5]

    Scoprite gli usi moderni dei cerotti per gli occhi

    Mentre le bende per gli occhi ispirate ai pirati non sono più utilizzate per scopi pratici, quelle moderne servono per vari scopi medici.

    Uso funzionale

    I fotorecettori, situati nell'occhio umano e parte del cervello, sono composti da minuscoli canali, detti opsine, che trattengono la retina, una sostanza chimica derivata dalla vitamina A.

    Quando un fotone di luce entra nell'occhio, fa saltare la molecola retinica dalle opsine, facendole cambiare forma. I fotorecettori rilevano la luce e inviano un segnale al cervello, che lo registra.

    Oggi alcune persone indossano bende oculari per trattare una condizione nota come occhio pigro, causata da uno squilibrio nella capacità del cervello di controllare entrambi gli occhi contemporaneamente e che può causare difficoltà di messa a fuoco.

    Bloccare un occhio per settimane o mesi incoraggia l'occhio più debole a diventare più forte. Bloccando l'occhio più forte, quello più debole è costretto a lavorare di più e i suoi fotorecettori diventano più sensibili. Inoltre, incoraggia il cervello a sviluppare la percezione della profondità in entrambi gli occhi.

    Jef Poskanzer da Berkeley, CA, USA, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Accessorio di stile

    Persone di tutte le età hanno iniziato a indossare le bende sugli occhi come dichiarazione di moda: dai punk rocker agli appassionati di gothic, è diventato un accessorio iconico che fa una dichiarazione audace.

    Viene utilizzato anche nei film e nelle serie televisive per aggiungere dramma o mistero all'aspetto dei personaggi.

    Pensieri finali

    Le bende per gli occhi hanno una lunga storia e sono ancora utilizzate per scopi pratici ed estetici.

    Dai pirati di un tempo che li indossavano come strumenti per aiutare a vedere nell'oscurità e per curare gli occhi pigri, sono diventati un simbolo iconico di coraggio, lealtà e mistero.

    Ci ricorda che un semplice accessorio può essere utilizzato in vari modi e che può aggiungere drammaticità e stile a qualsiasi look.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.