I principali 8 simboli della Pasqua con i loro significati

I principali 8 simboli della Pasqua con i loro significati
David Meyer

I simboli che rappresentano la Pasqua sono: le uova di Pasqua, i pretzel morbidi, gli alberi di corniolo, il coniglio pasquale, la farfalla, le caramelle pasquali, i pulcini e i gigli pasquali.

La Pasqua è un'importante festa celebrata dai cristiani di tutto il mondo. I simboli della Pasqua possono essere fondamentali per voi, per la vostra famiglia e per la vostra comunità. Vi siete mai chiesti da dove provengano questi simboli e quale sia la loro importanza nel contesto di questa meravigliosa festa? Beh, abbiamo la guida che fa per voi!

La Pasqua è importante per la Chiesa cristiana perché celebra la resurrezione di Gesù Cristo e arriva la prima domenica di primavera dopo la prima luna piena. Anche se non siete particolarmente religiosi, potreste comunque avere molte tradizioni familiari sulla Pasqua che includono alcuni simboli popolari della Pasqua.

Potrebbe trattarsi di uova di Pasqua decorate o di cestini lasciati fuori per essere riempiti dai coniglietti pasquali o semplicemente di famiglie sedute insieme a mangiare cibi tradizionali.

Tutti devono essere consapevoli delle proprie radici, il che significa comprendere i simboli della Pasqua, la loro storia e la loro evoluzione nel corso degli anni. Molti di questi simboli esistono da secoli, mentre altri sono diventati popolari solo negli ultimi anni.

Diamo un'occhiata qui!

Indice dei contenuti

    1. Uova di Pasqua

    Cestino con uova di Pasqua

    Se si guarda più da vicino alla storia, si noterà che le uova sono state utilizzate per secoli come parte delle feste primaverili. Rappresentano la nascita, la vita, il rinnovamento e i nuovi inizi, proprio come la primavera. In Mesopotamia, i primi cristiani hanno iniziato a utilizzare uova tinte dopo la Pasqua. Questa pratica è diventata comune nelle chiese ortodosse e ha continuato a diffondersi in tutta l'Europa occidentale. Questa antica tradizione è orasinonimo di Pasqua.

    I cristiani digiunano durante la Quaresima, quando Gesù trascorse un po' di tempo nel deserto. Le uova erano uno dei pochi alimenti che potevano mangiare. Per questo motivo, le uova la domenica di Pasqua erano una grande delizia anche per loro.

    Anche la storia delinea molte superstizioni e tradizioni sull'uso delle uova a Pasqua: si credeva che le uova deposte il Venerdì Santo si sarebbero trasformate in diamanti se conservate per un secolo.

    Alcuni credevano che, cucinando delle uova il Venerdì Santo e consumandole a Pasqua, si sarebbe evitato il rischio di morte improvvisa e si sarebbe migliorata la fertilità. Le persone si facevano anche benedire le uova prima di mangiarle. Un'altra superstizione prevedeva che si sarebbe presto diventati ricchi se l'uovo avesse avuto due tuorli.

    In tempi moderni, continuano le tradizioni pasquali con le uova, studiate appositamente per far partecipare i bambini alla festa, come la caccia all'uovo e il rotolamento. Anche la Casa Bianca in America organizza l'annuale White House Easter Egg Roll.

    Si tratta di una gara in cui i bambini spingono uova sode e decorate attraverso il prato della Casa Bianca. La prima edizione risale al 1878, quando Rutherford B Hayes era presidente degli Stati Uniti.

    Anche se l'evento non ha alcun significato religioso, molti credono che la cerimonia di rotolamento delle uova sia simbolica della pietra usata per bloccare la tomba di Gesù, che sarebbe poi stata rimossa e avrebbe portato alla sua resurrezione.

    2. Pretzel morbidi

    Pretzel marroni

    Immagine di planet_fox da Pixabay

    La forma del pretzel è una rappresentazione delle persone che pregano Dio con le braccia incrociate sulle spalle opposte, come si pregava di solito nel Medioevo. Nel Medioevo, i pretzel al forno erano una ricompensa comune per i giovani studenti.

    Alcuni storici ritengono che i tre fori del pretzel rappresentino anche il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo della Santissima Trinità.

    I pretzel sono rimasti uno spuntino popolare durante la Quaresima: i cattolici dovevano evitare i latticini e la carne, quindi i pretzel offrivano uno spuntino spirituale e saziante che permetteva ai cristiani a digiuno di rimanere soddisfatti.

    Gli storici sono giunti alla conclusione che, nel corso del 600, i bretzel morbidi furono creati da un monaco e furono dati alla gente come qualcosa da mangiare nel mese di Quaresima. Per fare i bretzel occorrono acqua, sale e farina, in modo che i credenti possano consumarli.

    3. Alberi di corniolo

    Albero di corniolo rosa in fiore

    //www.ForestWander.com, CC BY-SA 3.0 US, via Wikimedia Commons

    Le regioni meridionali hanno spesso tradizioni cristiane che sottolineano come i fiori del corniolo contengano le cicatrici della crocifissione di Gesù e tendono a fiorire quando arriva la primavera; da qui il loro legame con la Pasqua.

    Guarda anche: I 14 principali simboli della calma con i loro significati

    Questo paragone deriva dal fatto che i petali hanno le punte color sangue, mentre il fiore stesso ha una forma a croce con quattro fiori. Il centro del fiore è paragonato alla corona del trono sul capo di Gesù.

    Si ritiene inoltre che il corniolo sia stato usato per costruire la croce su cui morì Gesù. Si dice che Dio abbia fatto nodare e torcere i rami e il tronco dell'albero in modo che non venisse mai più usato per fare croci.

    4. Coniglietto di Pasqua

    Coniglietti di Pasqua che escono dalle uova

    Immagine per gentile concessione: Piqsels

    Il cristianesimo non ha un coniglio mitico che consegna le uova di Pasqua ai bambini, quindi da dove viene questo simbolo della Pasqua? Ebbene, la relazione del coniglio con la Pasqua deriva da un antico rituale pagano della Festa di Eostre.

    Si trattava di una tradizione annuale in onore della dea pagana della primavera e della fertilità, il cui simbolo era un coniglio. I conigli sono collegati alla fertilità perché sono noti per i loro alti tassi di riproduzione.

    Il personaggio del coniglietto di Pasqua è arrivato in America nel 1700, quando la Pennsylvania iniziò ad accogliere gli immigrati tedeschi, che si credeva avessero portato con sé l'Oschter Haws o Osterhase, una lepre che deponeva le uova.

    Secondo la leggenda, il coniglio deponeva uova colorate per regalare ai bambini che si erano comportati bene. Si sa che i bambini costruivano nidi per il coniglio in modo che lasciasse uova per loro; lasciavano anche delle carote per il coniglio.

    Questa usanza ha iniziato a diffondersi in tutta la nazione come tradizione pasquale, passando dalle sole uova ai giocattoli e ai cioccolatini.

    5. La farfalla

    Farfalle blu

    Immagine di Stergo da Pixabay

    Il ciclo di vita della farfalla, dalla nascita del bruco al bozzolo fino alla farfalla, può simboleggiare la vita, la morte e la risurrezione di Gesù. Il bruco rappresenta la prima vita di Gesù come uomo.

    Guarda anche: Simboli aztechi di forza e loro significato

    Il bozzolo può rappresentare il modo in cui Gesù è stato ucciso e sepolto in una tomba. L'ultima parte in cui la farfalla esce rappresenta la resurrezione di Gesù e la sua vittoria dalla morte.

    Si ritiene che la mattina di Pasqua siano stati trovati i vestiti di Gesù stesi sulla lastra, mentre il cadavere non è stato trovato, come la crisalide viene lasciata vuota dalla farfalla che è volata via.

    6. Caramelle di Pasqua

    Gelatine di Pasqua

    Immagine di Jill Wellington da Pixabay

    Le uova di cioccolato sono un simbolo onnipresente della Pasqua e sono anche la più antica tradizione di dolciumi, nata nel XIX secolo in Germania. Anche la Quaresima ha avuto un ruolo nella diffusione dei dolci pasquali.

    I cristiani dovevano rinunciare a dolci e caramelle durante la Quaresima, quindi Pasqua era il primo giorno in cui potevano consumare cioccolato.

    Una caramella molto popolare a Pasqua è la gelatina, che dagli anni '30 è stata associata alla Pasqua, ma che risale all'epoca biblica, quando le delizie turche divennero popolari. La National Confectioners Association ha riferito che ogni anno vengono prodotti più di 16 miliardi di gelatine per la Pasqua.

    Negli anni 2000, il marshmallow Peep era la caramella non di cioccolato più venduta durante la Pasqua. Questo confetto di zucchero dai colori pastello iniziò a diventare popolare negli anni '50 dopo che un produttore di caramelle della Pennsylvania lo introdusse al pubblico.

    In origine, i Peeps avevano la forma di pulcini gialli ed erano delizie artigianali al gusto di marshmallow. Nel corso degli anni, questa caramella ha adottato molte forme diverse.

    I dolci pasquali sono una tradizione comune anche per i non cristiani, poiché possono essere legati alla stagione della primavera. I dolci pasquali hanno spesso la forma di simboli primaverili comuni, come fiori e uccelli.

    7. Pulcini

    Tre pulcini in giardino

    Immagine di Alexas_Fotos da Pixabays

    Come illustrano le caramelle marshmallow Peeps, i pulcini sono anche un simbolo della Pasqua: poiché la nascita dei pulcini avviene dalla schiusa di un uovo, i piccoli sono diventati il simbolo della fertilità e della nuova vita.

    Per questo motivo, oggi sono associati alla stagione primaverile, oltre che alla Pasqua. Anche altri piccoli animali, come cuccioli e cuccioloni, sono diventati simboli della Pasqua.

    8. Gigli di Pasqua

    Un bellissimo giglio bianco

    Philip Wels via Pixabay

    I gigli bianchi di Pasqua simboleggiano la purezza di Gesù Cristo per i suoi seguaci: la leggenda narra infatti che i gigli bianchi siano cresciuti nell'area in cui Gesù trascorse le sue ultime ore quando fu crocifisso sulla croce.

    Numerose storie affermano che da ogni punto in cui cadeva il suo sudore spuntava un giglio. Per questo motivo, nel corso degli anni, i gigli bianchi di Pasqua sono diventati un simbolo di purezza e di nuova vita, oltre a simboleggiare la promessa di una vita senza fine e la resurrezione di Gesù.

    Per questo motivo, nel periodo pasquale, si trovano molte case e chiese decorate con gigli bianchi.

    Poiché questi fiori crescono da bulbi dormienti sottoterra, sono anche simbolo di rinascita. I gigli sono stati introdotti in Inghilterra nel 1777 e sono originari del Giappone.

    Oggi i gigli bianchi sono diventati il fiore non ufficiale della Pasqua negli Stati Uniti.

    Riferimenti:

    1. //www.english-heritage.org.uk/visit/inspire-me/blog/articles/why-do-we-have-easter-eggs/
    2. //www.mashed.com/819687/why-we-eat-pretzels-on-easter/
    3. //www.thegleaner.com/story/news/2017/04/11/legend-dogwoods-easter-story/100226982/
    4. //www.goodhousekeeping.com/holidays/easter-ideas/a31226078/easter-bunny-origins-history/
    5. //www.trinitywestseneca.com/2017/04/the-easter-butterfly/
    6. //www.abdallahcandies.com/information/easter-candy-history/
    7. //www.whyeaster.com/customs/eggs.shtml
    8. //extension.unr.edu/publication.aspx?PubID=2140



    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.