I sacerdoti nel Medioevo

I sacerdoti nel Medioevo
David Meyer

Gli storici definiscono il Medioevo come il periodo che va dalla fine dell'Impero romano nel 476 d.C. all'inizio del Rinascimento nel XV secolo. Durante questo periodo, la Chiesa cattolica era letteralmente il potere dietro il trono, nominava i governanti, controllava i governi e agiva come guardiano morale delle nazioni. Di conseguenza, i sacerdoti nel Medioevo erano attori centrali nella società.

I sacerdoti, nominati dal re direttamente o tramite i suoi vescovi, erano spesso equiparati alla nobiltà per il ruolo che ricoprivano. Nella società feudale medievale, la struttura di classe era molto rigida e coloro che appartenevano alla classe inferiore, i contadini e i servi della gleba, erano condannati a rimanere senza istruzione e poveri.

Si dice che la società medievale fosse composta da coloro che pregavano, coloro che combattevano e coloro che lavoravano: i contadini erano i lavoratori, mentre i cavalieri, i cavallerizzi e i fanti combattevano e il clero, compresi i vescovi e i sacerdoti, pregava ed era considerato il più vicino a Dio.

>

I sacerdoti nel Medioevo

Anche la Chiesa aveva una sua gerarchia nel Medioevo: mentre alcuni ecclesiastici erano estremamente ricchi e politicamente potenti, altri, all'altro capo della scala, erano analfabeti e poveri.

I sacerdoti e la gerarchia ecclesiastica

Come già accennato, la Chiesa cattolica divenne il centro del potere e del controllo dopo la caduta dell'Impero romano. Il papa era forse la figura più potente dell'Europa medievale: era in grado di nominare i sovrani, detronizzare i re, emanare e far rispettare le leggi e influenzare ogni aspetto della società.

Al di sotto del papa, in termini di anzianità nella Chiesa, c'erano i cardinali e poi gli arcivescovi e i vescovi, spesso estremamente ricchi, proprietari di magnifiche dimore e datori di lavoro degli abitanti dei villaggi e dei servi della gleba nella loro diocesi. I sacerdoti erano nominati dal re, che agiva attraverso i vescovi, e si trovavano al livello successivo nella gerarchia ecclesiastica.

Erano gli ecclesiastici più pubblici, se non addirittura i più influenti dal punto di vista politico, e svolgevano un ruolo diretto nella vita quotidiana del villaggio o della parrocchia in cui vivevano. Al di sotto dei sacerdoti c'erano i diaconi, che assistevano i sacerdoti durante la messa e nel funzionamento della Chiesa. Infine, i monaci e le monache costituivano il gradino più basso del clero, vivendo nei monasteri e nei conventi in povertà e in un'atmosfera di pace.castità e dedita a una vita di preghiera.

I doveri dei sacerdoti nel Medioevo

Papa Urbano II predica al Concilio di Clermont

Jean Colombe, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Poiché i sacerdoti svolgevano un ruolo di primo piano nella società del Medioevo, erano esentati dal pagamento delle tasse e, pur non facendo parte della struttura di classe in senso stretto, erano considerati parte della nobiltà.

Non si sottolineerà mai abbastanza il ruolo della Chiesa nell'Europa medievale: grazie alla sua influenza e al suo controllo sulla monarchia, era di fatto il pilastro centrale del governo. I vescovi possedevano porzioni considerevoli di terra concesse in feudo dal re e i sacerdoti erano, di fatto, i loro rappresentanti nelle parrocchie e nei villaggi della diocesi.

Per questo motivo, i sacerdoti possono essere considerati i primi funzionari pubblici e avevano molti ruoli da svolgere: i loro compiti erano fondamentali per il benessere di ogni membro della comunità, dalla nascita alla morte e oltre:

  • La celebrazione della Messa ogni domenica per i parrocchiani: nelle comunità medievali era un servizio a cui tutti partecipavano per l'elevazione religiosa ma anche per l'interazione sociale.
  • Battesimi di bambini appena nati, battesimo e successivamente cresima
  • Matrimoni di parrocchiani
  • Dare l'estrema unzione e presiedere a servizi funebri
  • Garantire il compimento della volontà dell'anima defunta senza dover ricorrere a un avvocato.

Al di là delle funzioni religiose, i compiti del sacerdote si estendevano a tutti gli altri aspetti della vita del villaggio, in particolare fornendo un certo livello di istruzione alla comunità.

Battesimo del principe Vladimir.

Viktor Mikhailovich Vasnetsov, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

Mentre i sacerdoti dei villaggi locali spesso avevano essi stessi solo un'istruzione di base e nel migliore dei casi erano solo parzialmente alfabetizzati, i parroci potevano essere meglio equipaggiati per insegnare. Tutti i sacerdoti, tuttavia, erano tenuti a istituire scuole per cercare di elevare la popolazione locale insegnando loro le capacità rudimentali di lettura e scrittura.

I sacerdoti, in quanto leader della comunità e probabilmente i più alfabetizzati, dovevano anche fungere da amministratori per il signore del maniero, occupandosi della duplicazione degli atti di proprietà e della tenuta dei registri e della contabilità degli affari del governo locale del villaggio.

Nell'ambito di questi compiti amministrativi, il sacerdote era obbligato a riscuotere le tasse dal popolo, il che, considerando che non era tenuto a pagare lui stesso le tasse, lo rendeva una figura impopolare nella comunità. Ma poiché era il più vicino a Dio, ascoltava le confessioni, guidava il comportamento morale degli abitanti ed era in grado di assolvere le persone dai loro peccati, il sacerdote era anche tenuto in grande considerazione.

Come venivano nominati i sacerdoti nel Medioevo?

Mentre i sacerdoti di oggi hanno ricevuto una formazione nei seminari e si presume che abbiano un profondo impegno nei confronti del loro credo, nel Medioevo non era così: il clero era visto come una professione degna piuttosto che come una vocazione religiosa, e sia i reali che i nobili spesso nominavano membri delle loro famiglie a posizioni di rilievo nella Chiesa nelle aree da loro controllate.

Questo era spesso il caso dei secondogeniti, che non potevano ereditare il titolo e le proprietà dal padre e venivano compensati con queste cariche ecclesiastiche di alto livello.

Un altro aspetto interessante relativo alle modalità di ordinazione dei sacerdoti è che per un periodo, tra il X e l'XI secolo, ai sacerdoti fu permesso di sposarsi e di avere figli. A seguito di questo atteggiamento liberale, il sacerdozio di una determinata parrocchia poteva essere ereditato dal figlio del sacerdote attuale.

Anche quando il matrimonio fu vietato ai sacerdoti cattolici, essi continuarono a ignorare le restrizioni sul celibato imposte loro e ad avere figli con "governanti" o concubine. Persino i loro figli illegittimi potevano essere ordinati sacerdoti dopo aver ottenuto una speciale dispensa dalla Chiesa.

Il sacerdozio era aperto anche ai membri delle classi inferiori, semplicemente per il numero di sacerdoti necessari in una diocesi: un contadino sufficientemente determinato poteva rivolgersi al signore del maniero o al parroco e ottenere l'ingresso nella Chiesa, eventualmente come diacono, e successivamente diventare sacerdote - l'istruzione non era un prerequisito.

Il metodo di nomina dei sacerdoti portava alla corruzione, in quanto i nobili ricchi "compravano" una particolare parrocchia per il potere politico e inserivano come parroco la persona di loro scelta, indipendentemente dalla sua capacità di svolgere il lavoro.

Cosa indossava un sacerdote nel Medioevo?

Sacerdote europeo con un libro e un rosario in mano.

Vedi pagina per l'autore, CC BY 4.0, via Wikimedia Commons

Nell'Alto Medioevo, l'abito dei sacerdoti era uguale a quello dei laici; con l'aumento della loro influenza nelle comunità, la situazione è cambiata e la Chiesa ha ritenuto necessario che i sacerdoti fossero riconoscibili dal loro abbigliamento.

Nel VI secolo, la Chiesa iniziò a regolamentare il modo di vestire dei sacerdoti e decretò che essi dovessero indossare una tunica che coprisse le gambe, a differenza dei laici. Questa tunica era nota come albetto, che veniva poi coperto con un indumento esterno, una tunica o un mantello, quando si celebrava la Messa. Anche un lungo scialle che copriva le spalle faceva parte dell'"uniforme" richiesta.

Nel XIII secolo, in Inghilterra i sacerdoti dovevano indossare un mantello con cappuccio chiamato cappa clausa per essere ulteriormente identificati come ecclesiastici.

Come si guadagnavano da vivere i sacerdoti nel Medioevo?

La decima era la principale forma di tassazione dei poveri, istituita nell'VIII secolo dalla Chiesa, che ne affidò la riscossione al sacerdote locale. Un decimo del prodotto dei contadini o dei commercianti doveva essere versato al sacerdote, che aveva diritto a trattenere un terzo della somma raccolta per il proprio sostentamento.

Guarda anche: Regine dell'antico Egitto

Il saldo veniva versato al vescovo della diocesi e veniva utilizzato in parte per la Chiesa e in parte per sostenere i poveri. Poiché le decime erano solitamente in natura piuttosto che in denaro, venivano conservate in un granaio delle decime fino al momento della distribuzione.

La vita dei sacerdoti nel tardo Medioevo

I parroci e il loro popolo nel Medioevo in Inghilterra.

Internet Archive Book Images, Senza restrizioni, via Wikimedia Commons

Anche se alcuni sacerdoti delle parrocchie più grandi potevano aver accumulato qualche ricchezza, di solito non era così: a parte la parte di decima a cui avevano diritto, i sacerdoti di solito ricevevano un piccolo stipendio dal signore del maniero in cambio di un lavoro di segreteria. Per mantenersi, alcuni sacerdoti si dedicavano all'agricoltura per integrare il loro magro reddito.

Mentre nelle parrocchie più grandi la canonica del sacerdote era una sostanziosa casa in pietra e poteva anche avere un servitore che lo aiutava nelle faccende domestiche, molti sacerdoti vivevano in povertà, in capanne di legno simili a quelle dei servi della gleba e dei contadini; tenevano maiali e galline su un piccolo pezzo di terra e conducevano una vita molto diversa dal ricco clero anziano che servivano.

Guarda anche: 6 splendidi fiori che significano che mi manchi

Poiché molti sacerdoti conducevano questo tipo di vita, anche loro, come i loro compagni di parrocchia, frequentavano le stesse taverne e, nonostante il mandato di celibato del XII secolo, avevano incontri sessuali, generavano figli illegittimi ed erano tutt'altro che cittadini morali e integerrimi.

La qualità dei sacerdoti era generalmente scarsa verso la fine del Medioevo e, sebbene la Chiesa continuasse a svolgere un ruolo centrale nella società medievale, la mancanza di moralità evidente a tutti i livelli, dal papato al sacerdozio, portò alla disillusione della popolazione sempre più consapevole e alla nascita del Rinascimento.

Conclusione

Nel Medioevo i sacerdoti avevano un ruolo centrale nella vita dei loro parrocchiani, soprattutto grazie all'enorme influenza della Chiesa in ogni livello della società europea dopo la caduta dell'Impero romano. Quando questo controllo cominciò a venir meno, cambiò anche la posizione dei sacerdoti nella loro comunità. La loro vita, pur non essendo mai stata molto privilegiata, perse molta importanza in un mondo sempre più secolare.

Riferimenti

  1. //about-history.com/priests-and-their-role-in-the-middle-ages/
  2. //moodbelle.com/cosa-indossavano i sacerdoti nel medioevo
  3. //www.historydefined.net/what-was-a-priests-role-during-the-middle-ages/
  4. //www.reddit.com/r/AskHistorians/comments/4992r0/could_medieval_peasants_join_the_clergy
  5. //www.hierarchystructure.com/medieval-church-hierarchy

Immagine di testata per gentile concessione: Internet Archive Book Images, Senza restrizioni, via Wikimedia Commons




David Meyer
David Meyer
Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.