Il clero nel Medioevo

Il clero nel Medioevo
David Meyer

Che cosa faceva il clero nel Medioevo e perché era così importante? Non si può studiare il Medioevo senza studiare l'importanza del clero e della chiesa in questo periodo. Ma perché era così centrale e cosa rendeva il clero così importante nel Medioevo?

Il clero, composto dal papa, dai vescovi, dai sacerdoti, dai monaci e dalle monache, svolgeva un ruolo fondamentale nella società del Medioevo. Il papa aveva un potere pari, se non superiore, a quello della famiglia reale. La Chiesa cattolica era probabilmente l'istituzione più ricca dell'epoca e deteneva il maggior potere.

Ho studiato l'importanza e le funzioni della Chiesa cattolica romana nel Medioevo e condividerò i fatti più importanti su di essa. Se avete domande sul clero nel Medioevo, troverete le risposte qui sotto.

Indice dei contenuti

    Qual era il ruolo del clero nel Medioevo?

    Nel Medioevo il clero aveva un ruolo innegabile: il papa, capo della Chiesa cattolica, era considerato il servitore di Dio sulla terra. Tutte le decisioni riguardanti il popolo, il Paese e la politica dovevano essere approvate dal clero dell'epoca.

    Il clero aveva un potere pari a quello della famiglia reale e spesso si considerava più importante di essa, oltre a considerarsi al di sopra della legge, il che causò problemi verso la fine del Medioevo.

    Ma qual era esattamente il ruolo del clero? Il ruolo del clero era quello di vigilare sulla pietà religiosa del popolo e di mantenere la fede cristiana. Il clero era una delle tre "case" del Medioevo. Le altre case erano quelle che combattevano (cavalieri e nobili) e quelle che lavoravano (operai e contadini) [3].

    I membri del clero avevano diversi compiti quotidiani ed erano parte integrante della società e delle comunità locali. I membri del clero erano spesso le uniche persone alfabetizzate in una comunità, il che li rendeva responsabili dei manoscritti, della comunicazione e della tenuta dei registri [2].

    I membri del clero avevano il compito di consigliare i monarchi, di prendersi cura dei poveri, degli anziani e degli orfani, di copiare la Bibbia e di occuparsi della Chiesa e di tutti i suoi seguaci. Nel Medioevo esistevano diversi membri del clero e ogni fazione aveva i propri ruoli. Il clero era composto da cinque fazioni: il papa, i cardinali, i vescovi, i sacerdoti e gli ordini monastici [4].

    1. Il Papa

    Il papa era il capo della Chiesa cattolica romana e si diceva che fosse il leader nominato da Dio. C'era un solo papa nominato alla volta. Il papa risiedeva principalmente a Roma, ma alcuni papi vivevano anche in Francia. Il papa era il decisore ultimo della Chiesa e tutti gli altri membri del clero erano soggetti a lui.

    2. Cardinali

    Dopo il papa venivano i cardinali, che erano gli amministratori del papa e spesso comunicavano con i vescovi in merito agli affari locali. I cardinali si occupavano di fare in modo che la volontà del papa e, per estensione, la volontà di Dio, venisse eseguita in ogni chiesa.

    3. Vescovi

    I vescovi erano nominati leader regionali della Chiesa cattolica e controllavano l'area più vasta. I vescovi erano spesso ricchi come i nobili e conducevano una vita lussuosa. Acquistavano anche terreni dalla Chiesa, che li arricchiva ulteriormente. Inoltre, i vescovi assicuravano che la volontà del papa fosse eseguita nella loro regione e che la comunità rimanesse fedele alla volontà di Dio.

    4. Sacerdoti

    I sacerdoti erano alle dipendenze dei vescovi, conducevano una vita molto più semplice e spesso risiedevano vicino alla chiesa. Il sacerdote celebrava la messa e le funzioni religiose per il popolo, ascoltava le confessioni e si occupava della cura dei terreni della chiesa. I sacerdoti erano molto coinvolti nella vita delle persone nelle loro comunità, in quanto conducevano matrimoni, funerali e battesimi.

    Inoltre, visitavano i malati e ascoltavano le loro ultime confessioni prima della morte. Infine, i sacerdoti potevano aiutare le persone ad essere assolte dai loro peccati dando loro ordini di pentimento e contrizione [4].

    5. Gli ordini monastici

    L'ultima fazione del clero era l'ordine monastico, che può essere diviso in due fazioni: i monaci e le monache. Il capo dei monaci era un abate, mentre il capo delle monache era la badessa.

    I monaci vivevano insieme nei monasteri, dove si occupavano di copiare la Bibbia e altri manoscritti. I monaci dipingevano e fabbricavano reliquie cristiane per le chiese, visitavano i poveri e distribuivano cibo e vestiti. I monaci svolgevano lavori pesanti e spesso coltivavano la terra per mantenersi.

    Alcuni figli nobili entravano in monastero per un periodo di tempo per imparare dai monaci e vi venivano mandati per onorare le loro famiglie e ottenere la grazia di Dio [1]. I monaci vivevano una vita molto più semplice dei sacerdoti e raramente mangiavano carne o cucina raffinata.

    Le monache vivevano in conventi, concentrandosi sulla preghiera e sulla cura dei deboli. Spesso prestavano servizio come suore negli ospedali, curando i malati. Erano anche responsabili di orfanotrofi e portavano cibo ai poveri e agli affamati. Le monache vivevano una vita semplice, proprio come i monaci.

    Alcune monache erano alfabetizzate e svolgevano mansioni di trascrizione, ma lo scopo principale delle monache era quello di pregare e prendersi cura dei deboli. Spesso le ragazze si univano ai conventi per prestare servizio in chiesa. Era più comune che le ragazze contadine si unissero all'ordine monastico rispetto a quelle nobili.

    I monaci e le monache, in genere, non erano considerati parte del clero stesso, ma piuttosto una sua estensione. Tuttavia, gli abati o le badesse dei monasteri o dei conventi erano visti come parte del clero, e dialogavano principalmente con i sacerdoti e i vescovi da cui ricevevano gli incarichi.

    Qual era il rango del clero nel Medioevo?

    Come si può intuire dalla sezione precedente, nel Medioevo il clero occupava una posizione di rilievo. Il clero era coinvolto in un modo o nell'altro in ogni classe sociale. Il papa aveva spesso molta influenza sulla monarchia ed era coinvolto in tutte le sue decisioni [1].

    I vescovi avevano la stessa influenza su nobili e funzionari di alto rango. Spesso socializzavano con questi gruppi per raccogliere fondi per la chiesa o per le proprie tasche. Alcuni vescovi minacciavano i nobili ricchi di andare in purgatorio per convincerli a fare ingenti donazioni alla chiesa [4].

    I sacerdoti, come già detto, erano fortemente coinvolti nella vita dei poveri e dei ricchi, in quanto si assicuravano che le anime delle loro comunità fossero al sicuro. Alcuni sacerdoti usavano anche occasionalmente l'idea del purgatorio o della scomunica per promuovere la loro causa e farsi strada.

    I monaci vivevano per lo più separati dalla società, ma erano l'unica fonte di alfabetizzazione in molte comunità, il che li rendeva una parte essenziale della comunità. Le monache svolgevano un ruolo altrettanto importante, poiché si prendevano cura dei malati, degli orfani e dei poveri. Le monache erano molto più coinvolte nella vita quotidiana della comunità rispetto ai monaci e molte condividevano un rapporto stretto con la gente.

    In generale, il clero aveva la stessa importanza dei monarchi: mentre la famiglia reale si considerava al di sopra della Chiesa, il clero si considerava al di sopra di tutto, in quanto nominato direttamente da Dio per compiere la sua opera.

    Guarda anche: Esplorare il simbolismo del sole (9 significati principali)

    Anche la popolazione generale accettava l'importanza del clero. Nel Medioevo, l'unica religione accettata era il cristianesimo, sostenuto dalla Chiesa cattolica romana, che non doveva essere messa in discussione o sfidata e che poteva portare alla scomunica e al rifiuto [4].

    La società accettava il ruolo del clero tra di loro e faceva ciò che la chiesa richiedeva senza fare domande. Ciò significava che la chiesa pretendeva le sue tasse in decime, che il popolo dava volentieri come parte della sua salvezza.

    Durante il Medioevo, alcune persone sfidarono la Chiesa perché corrotta ed egoista, ma vennero scomunicate e bandite prima che potessero influenzare la popolazione. Il clero rimase al potere scomunicando coloro che mettevano in discussione i costumi della Chiesa. Inoltre, inviò un avvertimento a coloro che osavano differire da loro.

    Guarda anche: Simboli dei sette peccati capitali con significato

    Fin dall'inizio del Medioevo, il clero occupava un posto innegabilmente importante nella società, che non sarebbe stato facilmente sostituito per diversi secoli. Ma cosa ha causato il declino del potere del clero durante il Medioevo?

    Cosa ha causato il declino del potere del clero nel Medioevo?

    All'inizio del Medioevo, il clero ricopriva uno dei ruoli più essenziali della società, ma alla fine del Medioevo il suo ruolo era molto diverso.

    Molti fattori contribuirono al declino del potere del clero, ma nessuno ne danneggiò la posizione come la peste bubbonica del 1347-1352 [4]. Molte persone ritennero che la Chiesa non fosse riuscita a proteggerle e a curarle durante la pandemia di peste nera.

    I sacerdoti e le suore non sapevano nulla di questo virus e potevano offrire poco sollievo ai sofferenti. Di conseguenza, la popolazione iniziò a mettere in dubbio l'efficacia del clero nel salvarli e il clero perse molta della fede cieca che aveva prima.

    Altri fattori che causarono il declino della fiducia del popolo nel potere del clero furono le crociate, le guerre e le siccità in tutta Europa, che causarono sofferenze e perdite. Il colpo finale che privò il clero della sua posizione nella società fu la Riforma protestante, avvenuta tra il 1517 e il 1648 [4].

    La riforma protestante ha portato a un nuovo modo di pensare, che ha fatto sì che il clero perdesse il suo totale potere nella società. Ancora oggi, la Chiesa cattolica romana non ha recuperato il potere che aveva all'inizio del Medioevo. In quel periodo, il clero era il più forte e probabilmente lo sarà mai.

    Conclusione

    Nel Medioevo il clero occupava una posizione innegabilmente potente. I membri del clero erano coinvolti praticamente in tutti i settori della società. Cinque fazioni all'interno del clero rafforzavano la chiesa e servivano il popolo.

    Il declino del potere del clero avvenne quando non riuscì a salvare il popolo dalla morte nera, e il colpo finale al suo potere arrivò con la Riforma protestante verso la fine del Medioevo.

    Riferimenti

    1. //englishhistory.net/middle-ages/life-of-clergy-in-the-middle-ages/
    2. //prezi.com/n2jz_gk4a_zu/il-clero-nel-medioevo/
    3. //www.abdn.ac.uk/sll/disciplines/english/lion/church.shtml
    4. //www.worldhistory.org/Medieval_Church/

    Immagine di testa per gentile concessione: picryl.com




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.