Il faraone Ramses II

Il faraone Ramses II
David Meyer

Ramses II (1279-1213 a.C. circa) fu il terzo faraone della XIX dinastia egizia (1292-1186 a.C. circa). Gli egittologi riconoscono spesso in Ramses II il faraone forse più celebre, più potente e più grande dell'antico impero egizio. Il rispetto con cui i suoi successori consideravano il suo posto nella storia è dimostrato dal fatto che le generazioni successive si riferiscono a lui come al "Grande Antenato".

Ramses II adottò diverse grafie del suo nome, tra cui Ramses e Ramses. I suoi sudditi egiziani si riferivano a lui come "Userma'atre'setepenre", che si traduce come "Custode dell'armonia e dell'equilibrio, forte nel diritto, eletto di Ra". Ramses fu chiamato anche Ramesse il Grande e Ozymandias.

Ramses cementò la leggenda che circondava il suo governo con la rivendicazione di una vittoria fondamentale durante la battaglia di Kadesh contro gli Ittiti. Questo trionfo accrebbe la reputazione di Ramses II come abile condottiero.

Sebbene Kadesh si sia rivelata più un pareggio che una vittoria definitiva per gli Egizi o gli Ittiti, ha lasciato in eredità il primo trattato di pace al mondo, nel 1258 a.C. circa. Inoltre, mentre la storia del Libro dell'Esodo nella Bibbia è strettamente associata al faraone, non è mai stata trovata alcuna prova archeologica a sostegno di questo collegamento.

Indice dei contenuti

Guarda anche: Ihy: il Dio dell'infanzia, della musica e della gioia

    Fatti su Ramses II

    • Ramses II (1279-1213 a.C. circa) fu il terzo faraone della XIX dinastia egiziana.
    • Le generazioni successive si riferirono a lui come al "Grande Antenato". Tale era la sua aura che nove faraoni successivi presero il suo nome.
    • I suoi sudditi lo chiamavano "Userma'atre'setepenre" o "Custode dell'armonia e dell'equilibrio, forte nel diritto, eletto di Ra".
    • Ramses cementò la sua leggenda con la vittoria rivendicata durante la battaglia di Kadesh contro gli Ittiti.
    • Le analisi della mummia di Ramses il Grande hanno rivelato che aveva i capelli rossi. Nell'antico Egitto si riteneva che le persone con i capelli rossi fossero adepti del dio Seth.
    • Verso la fine della sua vita, Ramses II soffrì di gravi problemi di salute, tra cui una schiena ingobbita dovuta all'artrite e un dente cariato.
    • Ramses II sopravvisse a quasi tutta la sua famiglia e gli successe sul trono Merenptah o Merneptah, il suo tredicesimo figlio.
    • Al momento della sua morte, Ramses II aveva più di 100 figli dalle sue numerose mogli.

    La discendenza di Khufu

    Il padre di Ramses era Seti I e la madre era la regina Tuya. Durante il regno di Seti I, egli nominò il principe ereditario Ramses come reggente. Allo stesso modo, Ramses fu nominato capitano dell'esercito a soli 10 anni, il che gli permise di acquisire una vasta esperienza nel governo e nell'esercito prima di salire al trono.

    In modo straordinario per il suo tempo, Ramses II visse fino alla matura età di 96 anni, ebbe più di 200 mogli e concubine, dalle quali nacquero 96 figli e 60 figlie. Il regno di Ramses fu così lungo che tra i suoi sudditi si scatenò il panico, tra la diffusa preoccupazione che il loro mondo stesse per finire dopo la morte del re.

    I primi anni e le campagne militari

    A soli 14 anni, Ramses padre portava spesso con sé Ramses nelle sue campagne militari che si estendevano in Palestina e in Libia. A 22 anni, Ramses conduceva campagne militari in Nubia accompagnato da Khaemweset e Amunhirwenemef, due dei suoi stessi figli.

    Sotto la guida del padre, Ramses costruì un palazzo ad Avaris e avviò una serie di enormi progetti di restauro. Le relazioni degli Egizi con il regno ittita, nell'odierna Asia Minore, erano state a lungo difficili. L'Egitto aveva perso diversi centri commerciali cruciali in Canaan e in Siria a favore di Suppiluliuma I (1344-1322 a.C. circa), l'assertivo re ittita. Seti I reclamò Kadesh, un'importante città di Kadesh.Dopo la morte di Seti I, avvenuta nel 1290 a.C., Ramses salì al trono e iniziò subito una serie di campagne militari per proteggere i confini tradizionali dell'Egitto, assicurare le sue rotte commerciali e recuperare il territorio occupato dall'impero ittita, che Ramses riteneva fosse un diritto dell'Egitto.

    Nel suo secondo anno di regno, in una battaglia navale al largo della costa del Delta del Nilo, Ramses sconfisse i temibili Popoli del Mare. Ramses tese un'imboscata ai Popoli del Mare posizionando una piccola flottiglia navale al largo della foce del Nilo come esca per indurre la flotta dei Popoli del Mare ad attaccarli. Una volta che i Popoli del Mare furono impegnati, Ramses li avvolse con la sua flotta da battaglia, distruggendo la loro flotta. Sia i Popoli del Mare che la flotta di Ramses furono sconfitti.L'etnia e l'origine geografica dei popoli rimangono oscure, ma Ramses li dipinge come alleati degli Ittiti, evidenziando così il suo rapporto con gli Ittiti in questo periodo.

    Poco prima del 1275 a.C. circa, Ramses iniziò a costruire la sua città monumentale di Per-Ramses o "Casa di Ramses", situata nell'area del Delta orientale dell'Egitto. Per-Ramses divenne la capitale di Ramses e rimase un centro urbano influente durante il periodo ramesside. Combinava uno sfarzoso palazzo di piacere con le caratteristiche più austere di una base militare. Da Per-Ramses, Ramses lanciò le grandi opere diIl Per-Ramses, dotato di un vasto campo di addestramento, di un'armeria e di scuderie per la cavalleria, era progettato in modo così elegante da rivaleggiare con l'antica Tebe in quanto a magnificenza.

    Ramses schierò il suo esercito in Canaan, da sempre stato sottomesso agli Ittiti. La campagna si rivelò un successo e Ramses tornò in patria con prigionieri reali cananei e bottino.

    La decisione forse più importante di Ramses fu quella di preparare le sue forze verso la fine del 1275 a.C., per marciare su Kadesh. Nel 1274 a.C., Ramses guidò un esercito di ventimila uomini dalla loro base di Per-Ramses e si mise in marcia verso la battaglia. Il suo esercito era organizzato in quattro divisioni chiamate in onore degli dei: Amun, Ra, Ptah e Set. Ramses comandava personalmente la divisione Amun alla testa del suo esercito.

    L'epica battaglia di Kadesh

    La battaglia di Kadesh è raccontata nei due resoconti di Ramses, Il bollettino e Il poema di Pentaur. Qui Ramses descrive come gli Ittiti abbiano sopraffatto la divisione di Amon. Gli attacchi della cavalleria ittita stavano decimando la fanteria egiziana di Ramses, con molti sopravvissuti in fuga verso il santuario del loro accampamento. Ramses invocò Amon e contrattaccò. Le sorti egiziane nella battaglia stavano cambiando quando l'egizianoLa divisione Ptah si unì alla battaglia e Ramses costrinse gli Ittiti a tornare verso il fiume Oronte, infliggendo loro gravi perdite, mentre innumerevoli altri annegarono nel tentativo di fuggire.

    A questo punto Ramses si trovò intrappolato tra i resti dell'esercito ittita e il fiume Oronte. Se il re ittita Muwatalli II avesse impegnato le sue forze di riserva nella battaglia, Ramses e l'esercito egiziano avrebbero potuto essere distrutti. Tuttavia, Muwatalli II non lo fece, consentendo a Ramses di radunare il suo esercito e di cacciare trionfalmente dal campo le rimanenti forze ittite.

    Ramses rivendicò una magnifica vittoria nella battaglia di Kadesh, mentre Muwatalli II rivendicò la vittoria, dato che gli egiziani non avevano conquistato Kadesh. Tuttavia, la battaglia fu combattuta e per poco non risultò in una sconfitta egiziana e nella morte di Ramses.

    La battaglia di Kadesh portò al primo trattato di pace internazionale al mondo, firmato da Ramses II e Hattusili III, successore di Muwatalli II al trono ittita.

    Dopo la battaglia di Kadesh, Ramses commissionò progetti di costruzione monumentali per commemorare la sua vittoria, concentrandosi anche sul rafforzamento delle infrastrutture dell'Egitto e sulle fortificazioni di confine.

    Progetti di costruzione monumentale della regina Nefertari e di Ramses

    Ramses diresse la costruzione dell'enorme complesso tombale del Ramesseum a Tebe, avviò il suo complesso di Abydos, costruì i colossali templi di Abu Simbel, realizzò la stupefacente sala di Karnak e completò innumerevoli templi, monumenti, edifici amministrativi e militari.

    Molti egittologi e storici ritengono che l'arte e la cultura egizia abbiano raggiunto il loro apogeo durante il regno di Ramses. La favolosa tomba di Nefertari, decorata in stile sfarzoso, con le sue suggestive illustrazioni murali e le sue iscrizioni, è spesso citata a sostegno di questa convinzione. Nefertari, prima moglie di Ramses, era la sua regina preferita. La sua immagine è raffigurata nella statuaria e nei templi di tutto l'Egitto durante il periodo del suo regno.Si pensa che Nefertari sia morta molto presto durante il parto. La tomba di Nefertari è stata costruita con eleganza e decorata in modo sontuoso.

    Dopo la morte di Nefertari, Ramses promosse Isetnefret, la sua seconda moglie, a regnare con lui come regina. Tuttavia, sembra che il ricordo di Nefertari sia rimasto impresso nella sua mente, dato che Ramses fece incidere la sua immagine su statue ed edifici anche molto tempo dopo aver sposato altre mogli. Ramses sembra aver trattato tutti i suoi figli con le mogli successive con lo stesso rispetto. Nefertari fu i suoi figli Ramses emadre di Amunhirwenemef, mentre Isetnefret partorì Rases Khaemwaset.

    Guarda anche: Che aspetto aveva Attila l'Unno?

    Ramses e l'esodo

    Sebbene Ramses sia stato collegato nella pubblicistica al faraone descritto nel Libro dell'Esodo della Bibbia, non sono mai state scoperte prove a sostegno di questa associazione. Le rappresentazioni cinematografiche della storia biblica hanno seguito questa finzione nonostante l'assenza di conferme storiche o archeologiche. Esodo 1:11 e 12:37 insieme a Numeri 33:3 e 33:5 nominano Per-Ramses come uno deiPer-Ramses è stata identificata come la città da cui fuggirono dall'Egitto. Non è mai stata trovata alcuna prova di una migrazione di massa da Per-Ramses, né è stata trovata alcuna prova archeologica di un grande movimento di popolazione in qualsiasi altra città egizia. Allo stesso modo, nulla nell'archeologia di Per-Ramses suggerisce che sia stata costruita usando gli schiavi.lavoro.

    L'eredità duratura di Ramses II

    Tra gli egittologi, il regno di Ramses II ha acquisito un'aria controversa. Alcuni studiosi sostengono che Ramses sia stato più un abile propagandista che un re efficace. Le testimonianze superstiti del suo regno, sia scritte che fisiche raccolte da monumenti e templi risalenti a questo periodo, indicano un regno sicuro e ricco.

    Ramses fu uno dei pochissimi faraoni egiziani che regnò abbastanza a lungo da partecipare a due feste Heb Sed, che venivano organizzate ogni trent'anni per rivitalizzare il re.

    Ramses II assicurò i confini dell'Egitto, ne accrebbe la ricchezza e l'influenza e ne ampliò le rotte commerciali. Se nei suoi monumenti e nelle iscrizioni si vantava delle numerose conquiste ottenute durante il suo lungo regno, era perché aveva molto di cui essere orgoglioso. Inoltre, ogni monarca di successo deve essere un abile propagandista!

    La mummia di Ramses il Grande rivela che era alto più di un metro e ottanta, aveva una mascella solida e un naso sottile. Probabilmente soffriva di una grave artrite, di un indurimento delle arterie e di problemi dentali. Molto probabilmente morì per insufficienza cardiaca o semplicemente per vecchiaia.

    Venerato dagli egizi successivi come il loro "Grande Antenato", molti faraoni lo onorarono adottando il suo nome. Gli storici e gli egittologi possono considerare alcuni, come Ramses III, come faraoni più efficaci, ma nessuno ha superato le conquiste di Ramses nel cuore e nella mente dei suoi sudditi egizi.

    Riflettere sul passato

    Ramses era davvero il brillante e impavido condottiero militare che amava dipingersi o era semplicemente un abile propagandista?

    Immagine di testa per gentile concessione della New York Public Library La serie di battaglie e di conquiste di Ramses II




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.