Il faraone Snefru: le sue ambiziose piramidi e i suoi monumenti

Il faraone Snefru: le sue ambiziose piramidi e i suoi monumenti
David Meyer

Snefru (o Sneferu) fu il faraone fondatore della IV dinastia dell'Antico Regno d'Egitto. Dopo la sua morte, i suoi sudditi egiziani lo ricordano come un sovrano buono e giusto. Gli egittologi ritengono che abbia regnato dal 2613 al 2589 a.C. circa.

La quarta dinastia dell'Antico Egitto (dal 2613 al 2494 a.C. circa) è spesso definita "età dell'oro", in quanto vide l'Egitto godere di un periodo di ricchezza e di influenza, grazie anche alla fioritura delle rotte commerciali e a un lungo periodo di pace.

Con la quarta dinastia la costruzione delle piramidi egiziane raggiunse il suo apogeo. La pace relativa con i concorrenti esterni permise ai faraoni della quarta dinastia di esplorare i loro svaghi culturali e artistici. Gli esperimenti costruttivi di Snefru aprirono la strada alla transizione dalle piramidi a gradoni in mattoni di fango delle mastaba alle "vere" piramidi con i lati lisci, dell'altopiano di Giza. Pochi altriLe dinastie hanno potuto eguagliare i risultati della Quarta dinastia in termini di architettura e costruzione.

Indice dei contenuti

    Fatti sullo Snefru

    • Snefru fondò la quarta dinastia dell'Antico Regno d'Egitto.
    • Si stima che il suo regno sia durato 24 anni e che sia stato foriero della costruzione delle prime vere piramidi.
    • Khufu, figlio di Snefru, adottò l'approccio innovativo di Snefru nella costruzione della Grande Piramide di Giza.
    • La piramide di Snefru a Meidum era una piramide a gradoni che in seguito trasformò in una vera e propria piramide.
    • Le piramidi piegate e rosse di Snefru costruite a Dahshur illustrano il processo di apprendimento di Snefru nella costruzione delle piramidi.
    • Gli egittologi non hanno ancora trovato la tomba di Snefru, né la sua mummia.

    Cosa c'è in un nome?

    Il nome di Snefru si traduce con "rendere bello". Snefru è conosciuto anche come Sneferu "Mi ha perfezionato", derivato da "Horus, Signore di Ma'at mi ha perfezionato".

    Il lignaggio della famiglia di Snefru

    Il legame genetico tra i faraoni della Terza dinastia e quelli della Quarta dinastia rimane poco chiaro. L'ultimo re della Terza dinastia fu il faraone Huni, che potrebbe essere stato il padre di Snefru, anche se non sono sopravvissute prove concrete che lo dimostrino. La madre di Snefru, secondo gli egittologi, era Meresankh, e potrebbe essere stata una delle mogli di Huni.

    Snefru sposò la figlia di Huni, Hetepheres. Supponendo che Snefru fosse anche figlio di Huni, ciò implica che egli seguì l'antica tradizione regale egizia e sposò la sorellastra. Questa tradizione aveva lo scopo di consolidare la pretesa al trono del faraone.

    Oltre all'erede finale Khufu, Snefru ebbe diversi altri figli. Alcuni egittologi sostengono che il principe Nefermaat, primo visir di Snefru, fosse anche suo figlio. Gli archeologi hanno scoperto una tomba a mastaba in mattoni di fango appartenente a uno dei figli di Snefru vicino alla sua piramide di Meidum. Simili mastaba appartenenti ai figli di Snefru sono state portate alla luce in diversi cimiteri, consentendo agli egittologi di compilare unelenco dettagliato dei figli di Snefru.

    Guarda anche: I 9 principali fiori che simboleggiano la guarigione

    Il regno prospero di Snefru

    La maggior parte degli egittologi concorda sul fatto che Snefru abbia regnato per almeno 24 anni; altri indicano un periodo di 30 anni, mentre altri ancora sostengono che il regno sia durato 48 anni.

    Durante il suo regno, Snefru lanciò spedizioni militari verso ovest, in Libia, e verso sud, in Nubia, con l'obiettivo di impadronirsi di risorse e bestiame e di ridurre in schiavitù i prigionieri. Oltre a queste spedizioni militari, Snefru incoraggiò il commercio, importando in particolare rame e turchese estratti nel Sinai e cedro dal Libano.

    Gli egittologi indicano nella necessità di finanziare i suoi progetti edilizi e di sostenere una grande forza lavoro la motivazione principale del rinnovato entusiasmo di Snefru per il commercio e per le campagne militari. Il monumentale programma di costruzione di Snefru richiedeva la mobilitazione di un'enorme forza lavoro su base continuativa, rompendo con la tradizione che vedeva i contadini impegnati in progetti edilizi solo quandoQuesta strategia di mobilitazione della forza lavoro ha richiesto l'importazione di ulteriori prodotti alimentari, poiché un numero minore di agricoltori egiziani sarebbe stato disponibile a coltivare le proprie scorte alimentari.

    Il periodo di Snefru sul trono d'Egitto è stato all'insegna della sperimentazione delle tecniche di costruzione e della logistica. Il suo visir impiegò diverse tecniche di costruzione delle piramidi, mentre gli Egizi imparavano a costruire una piramide solida. Gli artisti sperimentarono nuovi approcci per decorare le tombe con scene dipinte. Gli egittologi hanno scoperto tombe con alcune sezioni delle pareti decorate conimmagini dipinte sull'intonaco e alcune pareti ricoperte di iscrizioni scolpite: un tentativo degli artisti antichi di perfezionare un sistema per far durare più a lungo le decorazioni delle loro tombe.

    Le innovazioni di Snefru si estendono a nuovi approcci all'estrazione su larga scala della pietra per i suoi colossali monumenti, insieme a mezzi più efficienti per il trasporto degli enormi blocchi di pietra al sito di costruzione.

    Guarda anche: Chi ha inventato l'alfabeto cirillico?

    Un'agenda ambiziosa per la costruzione

    Durante il suo lungo regno, Snefru costruì almeno tre piramidi e altri monumenti che sono giunti fino a noi. Fu anche il pioniere di importanti innovazioni nella progettazione e nei metodi di costruzione delle piramidi, in particolare nell'approccio dello Stato egiziano all'organizzazione della manodopera e del supporto logistico, che fu adottato dal suo successore, Khufu, nella costruzione della Grande Piramide di Giza.

    Sebbene Snefru abbia portato avanti un ambizioso programma di costruzioni in tutto l'Egitto, i suoi progetti più noti restano i tre complessi piramidali.

    La sua prima piramide fu una grande piramide a gradoni situata a Meidum. Negli ultimi anni del suo regno, Snefru la trasformò in una vera e propria piramide con l'aggiunta di un involucro esterno liscio. Gli egittologi indicano nell'influenza del culto di Ra la motivazione di questa aggiunta tardiva.

    Tutte le piramidi di Snefru comprendevano importanti complessi funerari, tra cui templi, cortili e una piramide di culto o falsa tomba, che serviva come fulcro del culto funerario del faraone.

    Dopo aver deciso di trasferire la sua corte a Dahshur, Snefru costruì le prime due vere piramidi.

    La Piramide Piegata è stata la prima vera piramide di Snefru. I lati originali della piramide erano inclinati di 55 gradi. Tuttavia, la roccia sotto la piramide si è dimostrata instabile, causando la frattura della piramide. Per rinforzare la struttura, Snefru ha costruito un involucro intorno alla base della piramide. Il resto dei lati della piramide ha un'inclinazione di 43 gradi, creando la sua caratteristica forma piegata.

    L'ultima piramide di Snefru fu la Piramide Rossa, il cui nucleo è costruito in calcare rosso, da cui la piramide prende il nome. La struttura interna della Piramide Rossa è meno complessa di quella della Piramide Curva. Oggi alcuni egittologi sospettano che all'interno di entrambe le piramidi vi siano camere non ancora scoperte.

    A tutt'oggi non sono state identificate camere nella tomba di Snefru. La sua mummia e la sua camera funeraria non sono ancora state scoperte. Gli archeologi suggeriscono che Snefru abbia costruito una rete di piccole piramidi nelle province egiziane per fungere da siti per il suo culto funerario.

    Riflettere sul passato

    Il regno di Snefru fu caratterizzato dalla prosperità e dalla ricchezza dell'Egitto e da un lungo periodo di pace comparata. I suoi sudditi lo ricordano come un sovrano benevolo e giusto che ha inaugurato un'"età dell'oro".

    Immagine di testa per gentile concessione: Juan R. Lazaro [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.