Il simbolismo della luce (i 6 principali significati)

Il simbolismo della luce (i 6 principali significati)
David Meyer

La capacità di creare luce artificiale è stata una delle più grandi conquiste dell'umanità. Quando il fuoco fu accidentalmente creato nell'età della pietra, i nostri antenati ottennero molto di più di una semplice fonte di calore per cucinare il cibo.

Con lo sviluppo dell'elettricità, la luce è diventata ancora più facile da creare e oggi la diamo per scontata.

Tuttavia, la luce non è sempre stata così facilmente disponibile. Ha avuto un'importanza mistica e quasi divina per le società di tutto il mondo. È stata usata come simbolo per molte ragioni diverse. In questo articolo ci immergiamo nel suo simbolismo.

La luce simboleggia: un segno di divinità, vita, positività, celebrazione, guida e fonte di conoscenza.

Indice dei contenuti

    1. Un segno della Divinità

    Foto di NEOSiAM 2021

    Una caratteristica della luce comune a quasi tutte le società è che è stata incorporata nella religione e vista come un attributo del potere superiore. Le società del passato avevano un dio dedicato alla luce o un dio che governava qualche tipo di fonte luminosa, come il sole o il fuoco.

    Molte religioni considerano Dio stesso una fonte di luce o la luce che lo guida. Anche i messaggeri, gli angeli e altre creature strettamente legate a Dio sono intesi e raffigurati come esseri che emettono luce o sono essi stessi luce.

    Guarda anche: 9 modi in cui il Nilo ha plasmato l'Antico Egitto

    Assomiglia alla divinità: seguire la luce è considerato come seguire la strada consigliata da Dio.

    In quasi tutte le società, la luce e la sua presenza sono state associate a un potere superiore. Anche in società relativamente recenti, l'oscurità era considerata l'assenza di bene o di positività, ad esempio nei secoli bui in Europa dopo la caduta dell'Impero romano.

    2. Rappresenta la vita

    Secondo la scienza moderna, tutto ciò che esiste è nato grazie al Big Bang e alla lunga catena evolutiva che ne è seguita. Tuttavia, questa esplosione iniziale ha creato un'incredibile quantità di luce, le cui onde si espandono ancora oggi.

    In diverse religioni, vediamo che la luce riflette il punto di partenza della vita. Nel cristianesimo, ad esempio, Dio ha creato per primo la luce e l'ha usata come base per tutte le altre forme di vita.

    Nel mondo fisico, la luce è una componente essenziale della vita: le piante sono alla base dell'intera catena alimentare e hanno bisogno della luce per la fotosintesi, che è il processo chiave che le mantiene in vita. In questo modo, possiamo dire che il sole, e la luce che fornisce, danno vita e nutrono tutte le forme di vita sul nostro pianeta.

    Nell'antichità, quando non c'era la luce artificiale, tutto doveva essere fatto di giorno. Appena il sole tramontava, era il momento di ritirarsi nel proprio alloggio e di tenersi al sicuro fino all'alba successiva. La luce era quindi un campo di forza che teneva lontano il pericolo e aiutava a dare/mantenere la vita.

    3. Un simbolo di positività

    Foto di Klub Boks

    In molte religioni e culture, la luce è vista come energia positiva, mentre l'oscurità è associata alla negatività. Quando si dice che qualcuno ha "trovato la luce", si intende dire che la persona ha trovato la strada giusta o il modo migliore di fare qualcosa.

    Indica anche apertura, verità e trasparenza: le cose sono chiaramente visibili sotto la luce della luce e l'apertura, la trasparenza e la chiarezza sono considerate caratteristiche positive nella nostra società.

    Nella cultura cinese, il simbolo dello Yin e dello Yang è un ottimo esempio di come la luce sia una forza positiva, mentre l'oscurità è negativa.

    4. Celebrazione

    La luce gioca un ruolo importante anche nelle celebrazioni e nelle feste: anche nell'era moderna, feste come il Diwali, l'Hanukkah, la Festa delle Lanterne, il Loy Krathong e molte altre feste sono caratterizzate dalla luce.

    A Capodanno o nel Giorno dell'Indipendenza si festeggia con i petardi e si decorano le case con i colori nazionali.

    Nel cristianesimo, le celebrazioni natalizie sono incomplete senza l'accensione dell'albero di Natale [3]. I cristiani credono anche che Gesù sia la "luce del mondo".

    La luce segna la celebrazione perché, senza di essa, i colori non esistono e abbiamo solo l'oscurità, e i colori scuri non sono molto festosi nella maggior parte delle società.

    Senza la luce, queste celebrazioni non sarebbero ciò che sono: la sua presenza connota sentimenti di felicità, positività, comunità e speranza.

    5. Orientamento

    Foto di Luis Dalvan

    La luce è spesso vista come un principio guida in un contesto religioso e spirituale. Infatti, i credenti e gli studenti della fede lavorano "verso" la luce, il percorso prescritto. La guida da parte di alte potenze è considerata una luce in un mondo altrimenti buio.

    Quando guardiamo alla conoscenza come a una luce, capiamo che è qui per informarci meglio e guidarci verso il raggiungimento degli obiettivi desiderati, che si tratti di un lavoro, di una scuola o di un traguardo religioso.

    In senso fisico, usiamo la luce per avere un senso di direzione e per orientarci verso la nostra destinazione. In passato, le persone usavano la luce del sole per leggere l'ora attraverso le meridiane, la posizione del sole per distinguere l'est dall'ovest e le stelle luminose nel cielo notturno per orientarsi nel mondo.

    Allo stesso modo, oggi usiamo le luci per illuminare le nostre città, i veicoli sono dotati di luci per vedere di notte e abbiamo anche visori notturni che utilizzano sistemi sofisticati per dare visibilità alle persone in condizioni di scarsa illuminazione.

    6. Una fonte di conoscenza

    Oggi, con il progresso della tecnologia, abbiamo un'istruzione di facile accesso e innumerevoli fonti di informazione. In passato, però, la conoscenza era difficile da ottenere e chi la possedeva non voleva condividerla con nessun altro se non con la propria tribù.

    Senza informazioni sufficienti, trovare la strada è impossibile (in altre parole, lasciate che la luce vi guidi).

    Guarda anche: Osiride: Dio egizio dell'Oltretomba e giudice dei morti.

    In questo senso, la luce implica la conoscenza, poiché la conoscenza stessa è una forza guida. Le biblioteche, le scuole e le strutture educative sono spesso chiamate "fonti di luce". Anche il termine "illuminazione" si riferisce a qualcuno che ha raggiunto un livello superiore di comprensione grazie alla "luce". La luce simboleggia sia la conoscenza che la saggezza.

    Conclusione

    La luce occupa una posizione importante nelle religioni e nelle culture di tutto il mondo fin dall'inizio dei tempi.

    Nel corso degli anni, è diventata sinonimo di bontà e saggezza, mentre le tenebre sono diventate sinonimo di malvagità e mancanza di conoscenza. La luce, ancora oggi, viene indicata come simbolo di speranza e positività e il portatore di fiaccole è visto come portatore di buone notizie.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.