La moda francese degli anni '70

La moda francese degli anni '70
David Meyer

Gli anni Settanta sono stati un decennio selvaggio, pieno di mode e tendenze: l'Alta Moda stava perdendo la sua influenza e la sua domanda, mentre i marchi Pret-a-porter iniziavano il loro regno.

Dalle camicette alla contadina, ai revival di stile e alle scarpe con plateau, la moda degli anni Settanta è stata criticata per la sua mancanza di direzione, ma è stata una celebrazione dell'individualità e del gusto.

>

La moda torna nelle mani del popolo

Prima che lo stilista di origine britannica Charles Frederick Worth prendesse le redini della moda e la mettesse nelle mani di pochi designer, le donne commissionavano modelli basati esclusivamente sui loro desideri.

La moda era dettata da chi la indossava e lo stilista aveva un controllo creativo limitato. La House of Worth ha cambiato questa situazione introducendo le proprie collezioni limitate. Da allora, le collezioni stagionali limitate degli stilisti hanno dettato le regole della moda ogni anno e, in una certa misura, lo fanno ancora.

Per la prima volta nella storia, però, i marchi dell'alta moda hanno copiato lo street style e non il contrario.

Questa emancipazione ha portato all'esplosione di molti stili, mode, tendenze e sottoculture di moda in tutto il mondo. La moda era comoda, pratica e personalizzata e diventava un'espressione della propria personalità.

Alcuni marchi della moda di lusso non sapevano cosa fare, mentre marchi come Yves Saint Laurent erano all'avanguardia, lanciando il loro marchio Pret-a-Porter all'inizio degli anni '70. Questi abiti erano pronti da indossare e meno costosi dell'alta moda.

Guarda anche: Qual è la pietra di nascita del 5 gennaio?

Anche se ancora molto costosi, erano più convenienti per la vita frenetica degli uomini e delle donne parigini negli anni '70. Non avevano tempo di aspettare settimane per i loro abiti.

Le prospettive economiche e politiche del decennio erano difficili, e per far fronte a ciò le persone si sono affidate alle tendenze della moda. Molte tendenze di moda hanno dominato la scena contemporaneamente in questo decennio.

La battaglia di Versailles e la moda americana

La vista frontale della Reggia di Versailles / La sfilata della Battaglia di Versailles

Immagine di Sophie Louisnard da Pexels

Il chiodo finale della Haute Couture come autorità della moda fu piantato durante la leggendaria sfilata di Versailles del 1973.

La reggia di Versailles, costruita da Luigi XIV, era ormai fatiscente e il governo francese non era in grado di pagarne il restauro: la somma necessaria era di oltre sessanta milioni.

La pubblicista di moda americana Eleanor Lambert propose una soluzione vincente: una gara tra i cinque migliori stilisti di haute couture dell'epoca, Marc Bohan per Christian Dior, Emanuel Ungaro, Yves Saint Laurent, Hubert de Givenchy e Pierre Cardin, che avrebbero dovuto confrontarsi con i loro omologhi americani.

Questo concorso metterebbe di fronte al mondo stilisti americani come Bill Blass, Stephen Burrows, Oscar de la Renta, Halston e Anne Klein.

La lista degli invitati era ricca di celebrità, personaggi mondani e persino reali. A rendere la serata così memorabile non è stata solo la prestigiosa lista degli invitati.

La storia della moda è stata fatta e la moda americana è salita ai vertici dell'industria della moda.

I francesi hanno aperto lo spettacolo con una presentazione di due ore e mezza con musica dal vivo e fondali elaborati, con esibizioni coreografiche e serie.

In confronto, gli americani avevano trenta minuti, una cassetta per la musica e nessuna scenografia. Hanno riso durante la loro esibizione e hanno comunque rubato lo spettacolo.

Si potrebbe pensare che il pubblico, principalmente francese, favorisca solo la squadra di casa, ma è stato il primo a riconoscere come i suoi stilisti fossero rigidi e obsoleti di fronte all'elegante semplicità dell'abbigliamento americano.

Mentre i francesi esponevano i loro collaudati modelli sartoriali e rifiniti, gli americani mostravano abiti che fluttuavano e si muovevano con il corpo.

Gli americani si sono portati a casa il trofeo e l'evento ha permesso di raccogliere i fondi per riparare il palazzo. Questi abiti che si muovevano con il corpo hanno affascinato il pubblico e hanno acceso un fuoco nel mondo della moda.

Uno degli stilisti americani, Stephen Burrows, ha inventato l'orlo a lattuga, che ha esposto anche alla sfilata, e che è diventato un'enorme tendenza ancora oggi.

Delle trentasei modelle americane, dieci erano di colore, cosa mai vista nel mondo della moda francese. Infatti, dopo questa sfilata, gli stilisti francesi sono andati alla ricerca di modelle e muse di colore.

Guarda anche: Chi ha inventato l'alfabeto cirillico?

Tendenze anni '70 che si sono distinte

Negli anni '70 sono passate innumerevoli tendenze e mode, ma alcune di esse hanno lasciato un segno nella storia: pur mantenendo la loro essenza francese, molte donne hanno scelto di indossare le tendenze occidentali insieme a quelle francesi.

Pantaloni

Se negli anni '60 i pantaloni sulle donne erano ancora una mossa coraggiosa, gli anni '70 li hanno accolti completamente sulle donne. Sono diventati un punto fermo del guardaroba femminile. Quando le donne hanno iniziato a indossare regolarmente i pantaloni fuori casa, hanno influenzato il loro aspetto anche sugli uomini.

Pantaloni a campana

I jeans con fondo a campana sono la quintessenza del look anni '70. Più ampio è il risvolto o, più decorato, meglio è. Sia gli uomini che le donne indossavano sempre jeans e pantaloni con fondo a campana.

Pantaloni da sera

Un'altra tendenza indossata sia da uomini che da donne era quella dei pantaloni flapper, pantaloni larghi e fluenti che allungavano il corpo, particolarmente belli se indossati dalle donne con i tailleur.

Pantaloni in poliestere

I pantaloni in poliestere dai colori pastello erano di gran moda. Di solito venivano indossati con giacche di colore simile per un effetto finto tailleur. Il poliestere era un'alternativa economica ad altri tessuti, quindi molte donne della classe operaia sceglievano di indossarli.

Tute e tute

Gli anni '70 hanno dato il via all'era delle tute per uomo e donna, aderenti sul busto e con i pantaloni che si svasano lentamente. Le abbiamo viste su icone come David Bowie, Cher, Elvis e Michael Jackson.

Le tute sono diventate molto colorate quando sono arrivate sul mercato al dettaglio, ed è per questo che ne vediamo alcune ridicole nelle foto. I marchi più alti di Pret-a-Porter si sono concentrati maggiormente su strisce e fantasie invece che su colori vivaci. Le tute non sono mai passate di moda dagli anni '70.

Tailleur pantalone

Una donna che indossa un abito

Immagine di Евгений Горман da Pexels

Le donne hanno iniziato a indossare sempre più spesso abiti casual e strutturati. La tendenza è iniziata negli anni '60 ma è decollata negli anni '70. Ogni donna possedeva almeno un tailleur pantalone.

L'accettazione generale delle donne in tailleur pantalone era dovuta al successo dei movimenti femministi: molte donne lavoravano e diventavano sempre più indipendenti dal punto di vista economico.

I tailleur pantalone da donna variavano da modelli larghi, fluidi e romantici a modelli sartoriali più rigidi.

Abito da contadino o revival edoardiano

Erano di tendenza gli abiti larghi, ornati da molti pizzi e con lacci in vita, spesso chiamati abiti da contadina perché incorporavano una camicetta da contadina.

Questi abiti sono caratterizzati da qualità romantiche come le maniche a balze o i colletti a pan di spillo. Principalmente in bianco o in tonalità neutre, è possibile trovarne anche con stampe eclettiche.

Romanticismo gitano

Gli anni '60 sono stati all'insegna delle minigonne, che hanno continuato a prevalere per tutti gli anni '70. A queste si è affiancata la tendenza delle romantiche maxi gonne gitane a pieghe.

La gonna di ispirazione gitana è stata indossata con una camicia da poeta o di seta e una bandana.

Alcune donne indossavano grandi orecchini e pesanti collane di perline. Ognuno aveva il suo modo creativo di appropriarsi della tendenza.

Alcune donne indossavano addirittura un turbante al posto della bandana, con l'idea di apparire romantiche e morbide, con abiti fluidi dall'allure esotica e gitana.

Art Deco Revival o Old Hollywood

Un'altra tendenza revival, il movimento art déco, è iniziato alla fine degli anni '60 e si è lentamente trasformato in una tendenza più glamour incentrata su Old-Hollywood.

Le donne si sono vestite con splendide stampe e silhouette ispirate all'Art Déco, mentre sono tornati di moda i cappelli a tesa larga, i lussuosi cappotti di velluto e il trucco audace degli anni Venti.

Abito a portafoglio in jersey

Mentre gli abiti a portafoglio erano popolari negli anni '40, l'abito a portafoglio in jersey fu un grande successo negli anni '70. Tutti ne possedevano uno e alcuni indossavano esclusivamente abiti a portafoglio.

Il tessuto in jersey super confortevole è stato scelto come materiale perfetto per un abito avvolgente. Questo abito è stato uno dei modelli della parte americana presentati nella sfilata della battaglia di Versailles.

Vivere in denim

Sebbene la Francia non fosse ossessionata dal denim come il resto del mondo, la popolarità dei jeans crebbe enormemente per le giovani generazioni.

Per le strade di Parigi sono stati avvistati anche alcuni abiti in denim su denim, espressione attenuata della favolosa mania del denim degli anni '70.

Alcuni giovani hanno iniziato a indossare semplici t-shirt con jeans di jeans e a chiamarle così. Si potrebbe quasi pensare che siano negli anni '90, ma erano solo in anticipo sui tempi.

Moda punk

La moda punk, che comprendeva abbigliamento fetish, pelle, disegni grafici, tessuti strappati e spille da balia, era di gran moda a Londra, ma arrivò a Parigi solo negli anni '80. Tuttavia, i colori e la silhouette punk lo fecero.

A differenza di altre scene musicali in cui la Francia è arrivata in ritardo, la scena punk ha avuto una forte presenza nella cultura francese. Negli anni '70 a Parigi c'erano diversi gruppi punk rock.

Queste band e i loro fan indossavano camicie attillate e jeans appropriandosi della silhouette e della palette della moda punk londinese, senza le borchie e gli abbellimenti. Una sorta di moda pre-punk era di tendenza a Parigi.

Discoteca

Una palla da discoteca con sfondo blu

Immagine di NEOSiAM da Pexels

Tutti volevano indossare abiti lunghi con paillettes e vestiti colorati e luccicanti per un minuto di caldo.

John Travolta ha dato il via alla tendenza dell'abito bianco da uomo a falda larga, che ancora oggi è associato alla discoteca.

Sebbene il periodo della disco dance sia stato di breve durata, le sue tendenze non si sono estinte troppo presto. I frequentatori delle discoteche parigine prendevano in prestito la moda della notte. Gli abiti scintillanti che catturavano la luce della palla da discoteca sono ancora di moda.

Scarpe con plateau

Non potevamo lasciarvi senza parlarvi della fantastica tendenza delle scarpe con plateau: sia gli uomini che le donne hanno indossato scarpe drammatiche con tacchi spessi ed erano incredibili.

Alcune scarpe offrivano agli uomini più di cinque centimetri di altezza. Le scarpe con plateau sono arrivate dopo la tendenza dei tacchi a zeppa all'inizio degli anni '70. Facevano parte della moda punk, che era molto più diffusa tra il pubblico.

Conclusione

La cultura di molte tendenze che si affiancano l'una all'altra e che dominano a loro volta è iniziata negli anni '70. Molti look iconici degli anni '70 vengono ricreati ancora oggi, e alcune delle tendenze create allora rimangono dei punti fermi dell'armadio senza tempo.

Le donne non si vergognano di indossare gli abiti della madre con un tocco di modernità. Possiamo dire con certezza che la moda francese come la conosciamo oggi è stata forgiata durante questo periodo colorato.

Immagine di testa per gentile concessione: Foto di Nik Korba su Unsplash




David Meyer
David Meyer
Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.