La pizza è italiana o americana?

La pizza è italiana o americana?
David Meyer

La pizza è originaria di Napoli, in Italia. Ha una storia lunga e interessante e oggi è saldamente inserito nella cultura americana. Varianti di questo cibo si trovano in quasi tutti i paesi.

La pizza, solo uno dei prodotti della categoria fast food, rappresenta un'industria da 30 miliardi di dollari all'anno [1]. È estremamente diffusa nel mondo occidentale, in particolare in America e in Europa.

Dalla pizza molto economica in stile street-food alla costosa pizza gourmet, ci sono diverse opzioni tra cui scegliere.

Indice dei contenuti

Guarda anche: Le classi sociali nel Medioevo

    La pizza originale

    La pizza nasce a Napoli come cibo di strada semplice ed economico, ma molto diverso da quello moderno: era una focaccia con olio d'oliva ed erbe aromatiche [2], perché nella Napoli del XVI secolo non c'era il pomodoro.

    In seguito, quando gli spagnoli portarono in Italia i pomodori dalle Americhe, questi vennero aggiunti alle pizze e gradualmente si sviluppò il concetto di salsa o passata di pomodoro. Inoltre, all'inizio del XVI secolo in Italia non si aggiungeva ancora il formaggio alle pizze.

    Era considerato un cibo per poveri ed era comunemente disponibile attraverso i venditori ambulanti che lo vendevano nei carretti. Non aveva nemmeno una ricetta definita fino a molto tempo dopo.

    Un altro fatto interessante è che la pizza originale era per lo più un prodotto dolce [3], non un piatto salato. In seguito, con l'introduzione del pomodoro, del formaggio e di altri condimenti, è diventata più tipica come piatto salato.

    Un uomo che prepara la pizza intorno all'anno 1830

    Civica Raccolta delle Stampe " Achille Bertarelli " 1830, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    Guarda anche: I 15 principali simboli dell'avidità e il loro significato

    La pizza si trasferisce in America

    Quando alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo gli immigrati italiani ed europei si sono trasferiti in America in cerca di lavoro, hanno portato con sé anche il loro patrimonio culinario [4].

    Tuttavia, non è diventata popolare da un giorno all'altro: ci sono voluti diversi decenni perché l'umile pizza entrasse a far parte della dieta e della cultura americana.

    Poiché la maggior parte dei coloni europei arrivò sulla costa orientale, le prime pizzerie si trovavano lì. A New York si trova quella che è considerata la più antica pizzeria d'America: Lombardi's [5]. Una delle pizze più popolari in America è la pizza in stile York (anche se la pizza al salame piccante è un secondo posto).

    Nei primi anni del 1900, la pizza era disponibile solo nei quartieri italiani e, proprio come in Italia, veniva servita nei carretti per strada ed era considerata un cibo economico. Tuttavia, le cose cominciarono a cambiare negli anni '40 e '50, quando iniziarono ad aprire le pizzerie e i ristoranti italiani cominciarono a proporre la pizza come piatto fisso.

    In seguito, quando la pizza prodotta in serie divenne più comune sotto forma di pizza surgelata, un numero maggiore di persone ebbe accesso a questa delizia europea unica nel suo genere e si diffuse in altre parti d'America, anche dove il cibo italiano non era molto comune.

    Quando è arrivata negli Stati Uniti e la cucina italiana ha iniziato a evolversi e a trasformarsi nella moderna cucina italiana americanizzata che conosciamo oggi, anche la pizza si è trasformata in qualcosa di molto diverso da ciò che si gustava tradizionalmente in Italia.

    Ancora oggi esistono differenze significative tra la pizza degli Stati Uniti e quella italiana: la più evidente è l'uso di vari condimenti.

    In genere, la pizza americana è disponibile con un'ampia varietà e una forte dose di condimenti, mentre la pizza italiana originale ha pochi e leggeri condimenti. Le pizze americane preferite, come la York Pizza, sono una buona combinazione di idee di pizza italiana e americana.

    Il personale della Casa Bianca partecipa a un incontro di degustazione di pizza il 10 aprile 2009, nella Roosevelt Room della Casa Bianca.

    Pete Souza, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Popolarità in America

    La pizza era accessibile, unica e offerta in un'ampia varietà, qualcosa che poteva essere gustato come spuntino o come pasto completo.

    Con il frenetico stile di vita americano, questo piatto è diventato rapidamente un prodotto di prima scelta, perché comodo e delizioso. È un prodotto fantastico da gustare durante una partita o una festa, mentre si sta in piedi e si socializza con le persone.

    Inoltre, man mano che l'America attirava sempre più persone da altre parti del mondo, che non sapevano bene da dove venisse la pizza, la associavano alla cultura americana.

    Negli anni '60 e '70, la pizza si era ormai consolidata nella cultura americana e oggi la si può trovare anche nelle più remote città statunitensi, nelle stazioni di servizio e nei ristoranti di lusso.

    Riconoscimento globale

    Poiché l'America e la sua cultura dominavano i media mondiali, la pizza è stata ampiamente promossa come uno dei principali fast food americani, insieme ad hamburger, pollo fritto, frullati e altri prodotti.

    A partire dagli anni Cinquanta, quando la cultura americana si diffondeva in tutto il mondo, la pizza si è infiltrata anche in altri Paesi e culture.

    Oggi è considerato un alimento di base che si può trovare quasi ovunque. Molte catene multinazionali di fast food (ad esempio Pizza Hut) basano la loro intera attività su questo prodotto e operano in decine di Paesi in tutto il mondo.

    Pizza americana e italiana

    Ancora oggi, gli italiani che amano la pizza tradizionale non accettano la pizza americana come quella vera, ma chiedono un'autentica pizza napoletana o una regina Margherita.

    Pizza Margherita

    stu_spivack, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

    Una delle principali differenze è la salsa: la pizza italiana tradizionale è fatta con una semplice passata di pomodoro con aglio, mentre la pizza americana è fatta con una salsa di pomodoro a cottura lenta che contiene molti più ingredienti.

    Pizza in stile newyorkese

    Hungrydudes, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    La pizza italiana originale è una pizza a crosta sottile, mentre quella americana può avere una crosta sottile, media o molto spessa. L'autentica pizza italiana, come detto, mantiene i condimenti al minimo (come la pizza Margherita, che assomiglia anche alla bandiera italiana) e la carne utilizzata è affettata molto sottile. La pizza americana può contenere uno strato pesante di molti condimenti diversi.

    Anche la pizza italiana tradizionale è esclusivamente a base di mozzarella, mentre la pizza americana può contenere qualsiasi tipo di formaggio (il formaggio cheddar è una scelta popolare).

    Conclusione

    La pizza è nata in Italia ed è un pilastro centrale dell'autentica cucina italiana, ma questo non significa che gli americani non l'abbiano fatta propria. Sia l'autentica pizza italiana che le innumerevoli versioni americane hanno qualcosa di unico da offrire.

    Oggi esistono molte varianti della pizza e in ogni regione e cultura del mondo le persone hanno dato il loro gusto e il loro stile. Che vi piaccia la pizza leggera, quella pesante o anche quella dolce, c'è qualcosa che soddisfa le vostre papille gustative.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.