La religione nell'antico Egitto

La religione nell'antico Egitto
David Meyer

La religione nell'antico Egitto permeava ogni aspetto della società. La religione egiziana combinava credenze teologiche, cerimonie rituali, pratiche magiche e spiritismo. Il ruolo centrale della religione nella vita quotidiana degli egiziani è dovuto alla loro convinzione che la loro vita terrena rappresentasse solo una tappa del loro viaggio eterno.

Inoltre, ci si aspettava che ognuno sostenesse il concetto di armonia ed equilibrio o ma'at, in quanto le azioni compiute in vita influivano su se stessi, sulle vite degli altri e sul continuo funzionamento dell'universo. In questo modo, gli dei volevano che gli esseri umani fossero felici e godessero del piacere conducendo una vita armoniosa. In questo modo, una persona poteva guadagnarsi il diritto di continuare il proprio viaggio dopo la morte, il defunto dovevavivere una vita degna per guadagnarsi il viaggio nell'aldilà.

Guarda anche: Antichi templi egizi & Elenco di strutture ricche di significato

Onorando il ma'at durante la vita, una persona si schierava a fianco degli dei e delle forze alleate della luce per opporsi alle forze del caos e delle tenebre. Solo grazie a queste azioni un antico egizio poteva ricevere una valutazione favorevole da parte di Osiride, il Signore dei Morti, quando l'anima del defunto veniva pesata nella Sala della Verità dopo la sua morte.

Questo ricco sistema di credenze dell'antico Egitto, con il suo politeismo di base di 8.700 divinità, durò per 3.000 anni, ad eccezione del periodo di Amarna, quando il re Akhenaton introdusse il monoteismo e il culto di Aten.

Indice dei contenuti

    Fatti sulla religione nell'antico Egitto

    • Gli antichi Egizi avevano un sistema di credenze politeiste con 8.700 divinità.
    • Le divinità più popolari dell'Antico Egitto erano Osiride, Iside, Horus, Nu, Re, Anubi e Seth.
    • Animali come falchi, ibis, mucche, leoni, gatti, arieti e coccodrilli erano associati a singole divinità e dee.
    • Heka, il dio della magia, facilitava il rapporto tra gli adoratori e le loro divinità.
    • Gli dei e le dee spesso proteggevano una professione
    • I rituali per l'aldilà includevano il processo di imbalsamazione per fornire un luogo in cui lo spirito potesse risiedere, il rituale dell'"apertura della bocca" per garantire che i sensi potessero essere utilizzati nell'aldilà, l'avvolgimento del corpo in un telo per la mummificazione contenente amuleti e gioielli protettivi e l'apposizione sul viso di una maschera simile a quella del defunto.
    • Le divinità dei villaggi locali erano venerate privatamente nelle case e nei santuari.
    • Il politeismo fu praticato per 3.000 anni e fu interrotto solo brevemente dal faraone eretico Akhenaton, che insediò Aten come unica divinità, creando la prima fede monoteista del mondo.
    • Solo il faraone, la regina, i sacerdoti e le sacerdotesse potevano entrare nei templi, mentre gli egiziani comuni potevano solo avvicinarsi alle porte del tempio.

    Il concetto di Dio

    Gli antichi egizi credevano che i loro dèi fossero i campioni dell'ordine e i signori della creazione. I loro dèi avevano estratto l'ordine dal caos e avevano lasciato in eredità al popolo egizio le terre più ricche della terra. I militari egizi evitavano campagne militari prolungate al di fuori dei loro confini, nel timore di morire su un campo di battaglia straniero e di non ricevere i riti di sepoltura che avrebbero permesso loro di continuare la loro attività.viaggio nell'aldilà.

    Per ragioni simili, i faraoni egiziani rifiutarono di usare le loro figlie come spose politiche per suggellare alleanze con monarchi stranieri. Gli dei egiziani avevano concesso il loro benevolo favore alla terra e in cambio gli egiziani erano tenuti a onorarli di conseguenza.

    Guarda anche: Il faraone Ramses III: stirpe e campionario; cospirazione per omicidio

    Alla base delle strutture religiose egiziane c'era il concetto di heka o magia, personificato dal dio Heka, che era sempre esistito ed era presente all'atto della creazione. Oltre a essere il dio della magia e della medicina, Heka era il potere che permetteva agli dèi di svolgere i loro compiti e ai loro fedeli di entrare in comunione con le loro divinità.

    Heka era onnipresente e infondeva alla vita quotidiana degli egiziani un significato e la magia per preservare il ma'at. I fedeli potevano pregare un dio o una dea per ottenere una specifica manna, ma era Heka a facilitare il rapporto tra i fedeli e i loro dei.

    Ogni dio e dea aveva un dominio. Hathor era la dea dell'amore e della gentilezza dell'antico Egitto, associata alla maternità, alla compassione, alla generosità e alla gratitudine. Esisteva una chiara gerarchia tra le divinità, con il dio del sole Amon Ra e Iside, la dea della vita, che spesso si contendevano la posizione preminente. La popolarità degli dei e delle dee spesso aumentava e diminuiva nel corso dei millenni. Con 8.700 dei e dee, la popolarità di Hathor era molto alta.dee, era inevitabile che molte si evolvessero e che i loro attributi si fondessero per creare nuove divinità.

    Mito e religione

    La natura e i cicli naturali hanno influenzato fortemente questi miti, soprattutto quelli che potevano essere facilmente documentati, come il passaggio del sole durante il giorno, la luna e il suo impatto sulle maree e le inondazioni annuali del Nilo.

    La mitologia ha esercitato un'influenza significativa sull'antica cultura egizia, compresi i suoi rituali religiosi, le feste e i riti sacri. Questi rituali e i riti sono presenti in modo preminente nelle scene raffigurate sulle pareti dei templi, nelle tombe, nella letteratura egizia e persino nei gioielli e negli amuleti protettivi che indossavano.

    Gli antichi egizi consideravano la mitologia come una guida per la loro vita quotidiana, per le loro azioni e come un modo per assicurarsi un posto nell'aldilà.

    Il ruolo centrale dell'aldilà

    L'aspettativa di vita media degli antichi Egizi era di circa 40 anni. Pur amando indubbiamente la vita, gli antichi Egizi volevano che la loro vita continuasse oltre il velo della morte. Credevano fermamente nella conservazione del corpo e nel fornire al defunto tutto ciò di cui avrebbe avuto bisogno nell'aldilà. La morte era un'interruzione breve e intempestiva e le pratiche funerarie sacreSe si seguissero le regole, un defunto potrebbe godere di una vita eterna senza dolore nei Campi di Yalu.

    Tuttavia, per garantire al defunto il diritto di entrare nei Campi di Yalu, il suo cuore doveva essere leggero. Dopo la morte, l'anima arrivava nella Sala della Verità per essere giudicata da Osiride e dai Quarantadue Giudici. Osiride soppesava l'Ab o il cuore del defunto su una bilancia d'oro contro la piuma bianca della verità di Ma'at.

    Se il cuore del defunto risultava più leggero della piuma di Ma'at, il defunto attendeva l'esito della conferenza di Osiride con Thoth, il dio della saggezza, e con i Quarantadue Giudici. Se ritenuto meritevole, al defunto veniva concesso di attraversare la sala per continuare la propria esistenza in paradiso. Se il cuore del defunto era pesante per i misfatti, veniva gettato a terra per essere divorato da Ammut, il ghiottone finale.la propria esistenza.

    Una volta superata la Sala della Verità, il defunto fu guidato alla barca di Hraf-haf, un essere offensivo e scontroso con cui il defunto doveva mostrarsi cortese. Essere gentili con il burbero Hraf-haf dimostrava che il defunto era degno di essere traghettato attraverso il Lago dei Fiori fino al Campo dei Giunchi, un'immagine speculare dell'esistenza terrena senza fame, malattie o morte. Si esisteva quindi, incontrando coloro che avevanopassato prima o in attesa dell'arrivo dei propri cari.

    I faraoni come divinità viventi

    La regalità divina era una caratteristica duratura della vita religiosa dell'antico Egitto. Questa credenza riteneva che il faraone fosse una divinità oltre che il sovrano politico dell'Egitto. I faraoni egiziani erano strettamente associati a Horus, il figlio del Dio Sole Ra.

    In tempi di buoni raccolti, gli antichi egizi interpretavano la loro fortuna come attribuibile al faraone e ai sacerdoti che compiacevano gli dèi, mentre in tempi difficili il faraone e i sacerdoti erano considerati colpevoli di aver irritato gli dèi.

    Culti e templi dell'antico Egitto

    I culti erano sette dedicate al servizio di una divinità. A partire dall'Antico Regno, i sacerdoti erano generalmente dello stesso sesso del loro dio o dea. I sacerdoti e le sacerdotesse potevano sposarsi, avere figli e possedere proprietà e terreni. A parte le osservanze rituali che richiedevano la purificazione prima di officiare i riti, i sacerdoti e le sacerdotesse conducevano una vita regolare.

    I membri del sacerdozio sono stati sottoposti a un lungo periodo di formazione prima di officiare un rituale. I membri del culto si occupavano della manutenzione del tempio e del complesso circostante, eseguivano le osservanze religiose e i rituali sacri, compresi i matrimoni, la benedizione di un campo o di una casa e i funerali. Molti fungevano da guaritori e medici, invocando il dio Heka, nonché da scienziati, astrologi, consulenti matrimoniali.Le sacerdotesse al servizio della dea Serkey fornivano assistenza medica ai medici, ma era Heka a fornire il potere di invocare Serket per guarire i loro assistiti.

    I sacerdoti del tempio benedicevano amuleti per favorire la fertilità o per proteggersi dal male; eseguivano inoltre riti di purificazione ed esorcismi per scacciare le forze del male e i fantasmi. Il compito principale di un culto era quello di servire il proprio dio e i suoi seguaci all'interno della comunità locale e di prendersi cura della statua del dio all'interno del tempio.

    I templi dell'Antico Egitto erano ritenuti le vere e proprie dimore terrene dei loro dei e delle loro dee. Ogni mattina, il sacerdote o la sacerdotessa si purificavano, indossavano lenzuola bianche e sandali puliti, segno della loro carica, prima di recarsi nel cuore del loro tempio e prendersi cura della statua del loro dio, come avrebbero fatto con chiunque fosse affidato alle loro cure.

    Le porte del tempio venivano aperte per inondare la camera con la luce del sole mattutino, prima che la statua del santuario più interno venisse pulita, rivestita e immersa in un olio profumato. In seguito, le porte del santuario interno venivano chiuse e messe in sicurezza. Solo il capo sacerdote godeva di una stretta vicinanza con il dio o la dea. I seguaci erano limitati alle aree esterne del tempio per il culto o per soddisfare le loro necessità.rivolti a sacerdoti di livello inferiore, che accettavano anche le loro offerte.

    I templi accumularono gradualmente un potere sociale e politico che rivaleggiava con quello del faraone stesso. Possedevano terreni agricoli, assicurandosi il proprio approvvigionamento alimentare, e ricevevano una parte del bottino delle campagne militari del faraone. Era anche comune che i faraoni regalassero terre e beni a un tempio o ne pagassero la ristrutturazione e l'ampliamento.

    Alcuni dei complessi templari più estesi si trovavano a Luxor, ad Abu Simbel, al Tempio di Amon a Karnak, al Tempio di Horus a Edfu, a Kom Ombo e al Tempio di Iside a Philae.

    Testi religiosi

    I culti religiosi dell'antico Egitto non avevano "scritture" codificate e standardizzate come le conosciamo noi, ma gli egittologi ritengono che i precetti religiosi fondamentali invocati nel tempio si avvicinassero a quelli delineati nei Testi delle Piramidi, nei Testi del Cofanetto e nel Libro dei Morti egizio.

    I Testi delle Piramidi rimangono i più antichi testi sacri dell'antico Egitto e risalgono al periodo compreso tra il 2400 e il 2300 a.C. I Testi del Sarcofago sono ritenuti posteriori ai Testi delle Piramidi e risalgono al periodo compreso tra il 2134 e il 2040 a.C., mentre il famoso Libro dei Morti, noto agli antichi egizi come il Libro dell'arrivo del giorno, si pensa sia stato scritto per la prima volta tra il 1550 e il 1070 a.C. Il Libro è una raccolta di testi sacri e di testi sacri.Tutte e tre le opere contengono istruzioni dettagliate per aiutare l'anima a superare i numerosi pericoli che la attendono nell'aldilà.

    Il ruolo dei festival religiosi

    Le feste sacre egiziane fondevano la natura sacra dell'onorare gli dei con la vita quotidiana e secolare del popolo egiziano. Le feste religiose mobilitavano i fedeli. Feste elaborate come la Bella Festa del Wadi a celebravano la vita, la comunità e l'interezza onorando il dio Amon. La statua del dio veniva prelevata dal suo santuario interno e trasportata su una nave o in un'arca nelLe strade sfilavano intorno alle famiglie della comunità per partecipare alle celebrazioni prima di essere lanciate sul Nilo. In seguito, i sacerdoti rispondevano alle suppliche dei fedeli, mentre gli oracoli rivelavano la volontà degli dei.

    I fedeli che partecipavano alla Festa del Wadi visitavano il santuario di Amon per pregare per la vitalità fisica e lasciavano offerte votive al loro dio in segno di gratitudine per la loro salute e la loro vita. Molti votivi venivano offerti intatti al dio, mentre in altre occasioni venivano ritualmente frantumati per sottolineare la devozione dei fedeli al loro dio.

    Intere famiglie partecipavano a queste feste, così come coloro che cercavano un partner, le coppie più giovani e gli adolescenti. I membri più anziani della comunità, i poveri e i ricchi, la nobiltà e gli schiavi partecipavano alla vita religiosa della comunità.

    Le loro pratiche religiose e la loro vita quotidiana si mescolavano per creare il quadro sociale dell'antico Egitto, basato sull'armonia e sull'equilibrio, all'interno del quale la vita di un individuo era interconnessa alla salute della società nel suo complesso.

    Il Wepet Renpet o "Apertura dell'anno" era una celebrazione annuale che si teneva per segnare l'inizio di un nuovo anno. La festa assicurava la fertilità dei campi per l'anno successivo. La sua data variava, in quanto era associata alle inondazioni annuali del Nilo, ma di solito si svolgeva in luglio.

    La Festa di Khoiak onorava la morte e la resurrezione di Osiride: quando le piene del Nilo si ritiravano, gli egiziani piantavano semi nei letti di Osiride per assicurarsi che i loro raccolti sarebbero fioriti, proprio come si riteneva avesse fatto Osiride.

    La festa di Sed onorava la regalità del faraone: si svolgeva ogni tre anni durante il regno di un faraone ed era ricca di riti rituali, tra cui l'offerta della colonna vertebrale di un toro, che rappresentava la forza vigorosa del faraone.

    Riflettere sul passato

    Per 3.000 anni, il ricco e complesso insieme di credenze e pratiche religiose dell'antico Egitto ha resistito e si è evoluto. La sua enfasi sulla conduzione di una buona vita e sul contributo individuale all'armonia e all'equilibrio dell'intera società illustra quanto fosse efficace per molti egiziani comuni il richiamo di un passaggio agevole nell'aldilà.

    Immagine di testata per gentile concessione: British Museum [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.