Le rane nell'Antico Egitto

Le rane nell'Antico Egitto
David Meyer

Le rane appartengono alla categoria degli "anfibi", animali a sangue freddo che vanno in letargo d'inverno e che nel corso del loro ciclo vitale subiscono diverse trasformazioni.

Questo inizia con l'accoppiamento, la deposizione delle uova, la crescita in girini nelle uova e poi in giovani rane senza coda. Per questo motivo le rane sono state collegate alle mitologie della creazione nell'antico Egitto.

Dal caos all'esistenza, da un mondo di disordine a un mondo di ordine, la rana ha visto tutto.

Nell'antico Egitto, alla rana sono stati collegati dei e dee come Heqet, Ptah, Heh, Hauhet, Kek, Nun e Amun.

Anche la tendenza a indossare amuleti a forma di rana è stata popolare per favorire la fertilità e venivano seppelliti accanto ai morti per aiutarli a proteggersi e a rinascere.

Era infatti pratica comune che le rane venissero mummificate insieme ai morti: questi amuleti erano considerati magici e divini e si credeva che assicurassero la rinascita.

Amuleto a forma di rana / Egitto, Nuovo Regno, tarda Dinastia 18

Museo d'arte di Cleveland / CC0

Immagini di rane erano raffigurate sulle bacchette apotropaiche (bacchette per il parto) perché le rane erano viste come protettrici della casa e guardiane delle donne incinte.

Quando il cristianesimo arrivò in Egitto nel IV secolo d.C., la rana continuò a essere considerata un simbolo copto di resurrezione e rinascita.

Amuleto della rana / Egitto, Periodo tardo, Saite, dinastia 26 / Realizzato in lega di rame

Museo Metropolitano d'Arte / CC0

Inoltre, la rana è una delle prime creature a essere raffigurata sugli amuleti durante il periodo predinastico.

Gli Egizi chiamavano le rane con il termine onomatopeico "kerer" e le idee egiziane sulla rigenerazione erano associate alle uova di rana.

In effetti, il geroglifico di un girino equivaleva al numero 100.000. Immagini di rane sono apparse accanto ad animali più spaventosi su diverse piattaforme, come ad esempio sull'avorio del Medio Regno e sulle zanne da parto.

Esempi vivi di questi sono disponibili al Museo di Manchester.

Amuleto a forma di rana, forse raffigurante una rana arborea / Egitto, Nuovo Regno, dinastia 18-20

Museo Metropolitano d'Arte / CC0

Su diversi oggetti, come i beccucci, sono presenti immagini di rane, per suggerire un collegamento con l'inondazione del Nilo e l'acqua che trabocca.

Le rane sono state protagoniste dell'iconografia faraonica e appaiono come simboli della resurrezione cristiana in epoca copta: le lampade di terracotta raffigurano spesso immagini di queste rane.

Indice dei contenuti

    Il ciclo di vita delle rane nell'antico Egitto

    Si sa che le rane vivevano in gran numero nelle paludi del Nilo. L'inondazione del Nilo era un evento cruciale per l'agricoltura, poiché forniva acqua a molti campi lontani.

    Le rane crescevano nelle acque fangose lasciate dalle onde che si ritiravano e per questo sono diventate simbolo di abbondanza.

    Sono diventati un simbolo per il numero "hefnu", che si riferiva a 100.00 o a un numero enorme.

    Il ciclo di vita di una rana inizia con l'accoppiamento: una coppia di rane adulte si impegna nel plesso mentre la femmina depone le uova.

    I girini iniziano a crescere all'interno delle uova per poi metamorfosare in rane giovani.

    Le rane sviluppano le zampe posteriori e gli arti anteriori, ma non si trasformano ancora in rane adulte.

    I girini hanno la coda, ma quando maturano e diventano una giovane rana, la perdono.

    Secondo il mito, prima che esistesse la terra, la Terra era una massa acquosa di nulla oscuro e senza direzione.

    All'interno di questo caos vivevano solo quattro divinità rana e quattro divinità serpente: Nun e Naunet, Amun e Amaunet, Heh e Hauhet, Kek e Kauket.

    La fertilità delle rane, unita all'associazione con l'acqua, essenziale per la vita umana, portò gli antichi Egizi a considerarle come simboli potenti e positivi.

    Le rane e il fiume Nilo

    Immagine per gentile concessione: pikist.com

    L'acqua è essenziale per l'esistenza dell'uomo, senza la quale l'uomo non può sopravvivere. Poiché gli Egizi erano religiosi, le loro credenze culturali derivavano dall'acqua.

    Il Delta del Nilo e il fiume Nilo in Egitto sono alcune delle terre agricole più antiche del mondo.

    Poiché l'Egitto ha un clima arido, con alti tassi di evaporazione e pochissime precipitazioni, l'acqua del fiume Nilo rimane sempre fresca.

    Inoltre, in quest'area non è possibile lo sviluppo naturale del suolo e quindi il fiume Nilo è stato utilizzato solo per l'agricoltura, l'industria e l'uso domestico.

    Il sole e il fiume erano importanti per gli antichi Egizi, poiché i raggi vivificanti del sole aiutavano le colture a crescere, ma anche a ridursi e a morire.

    D'altra parte, il fiume rendeva il terreno fertile e distruggeva tutto ciò che si trovava sul suo cammino. La sua assenza poteva portare carestia nelle terre.

    Il sole e il fiume condividevano insieme il ciclo di morte e rinascita; ogni giorno il sole moriva all'orizzonte occidentale e ogni giorno rinasceva nel cielo orientale.

    Inoltre, alla morte della terra seguiva ogni anno la rinascita delle colture, in correlazione con le piene annuali del fiume.

    La rinascita era quindi un tema importante nella cultura egizia: era vista come un evento naturale dopo la morte e rafforzava la convinzione egizia della vita dopo la morte.

    Gli Egizi, come il sole e i raccolti, si sentivano sicuri che sarebbero risorti per vivere una seconda vita dopo la fine della prima.

    La rana era considerata un simbolo di vita e fertilità perché, dopo l'inondazione annuale del fiume Nilo, ne spuntavano milioni.

    Poiché le rane prosperavano nelle acque fangose lasciate dalle onde del Nilo che si ritiravano, è facile capire perché siano diventate simbolo di abbondanza.

    Nella mitologia egizia, Hapi era la divinità dell'inondazione annuale del fiume Nilo, decorato con piante di papiro e circondato da centinaia di rane.

    Simboli della creazione

    Figura di Ptah-Sokar-Osiris / Egitto, periodo tolemaico

    Museo Metropolitano d'Arte / CC0

    Il dio con la testa di rana, Ptah, si trasformò per diventare l'apritore del mondo inferiore. Il suo vestito era un indumento aderente simile agli involucri delle mummie.

    Ha evidenziato il suo ruolo a favore delle anime che risiedono nel mondo sotterraneo.

    Ptah era conosciuto come il dio della creazione perché era l'unico dio che creava il mondo nell'antico Egitto usando il cuore e la lingua.

    In parole povere, il mondo fu creato in base al potere della sua parola e del suo comando. A tutti gli dèi che seguirono fu dato lavoro in base a ciò che il cuore di Ptah ideò e la sua lingua comandò.

    Poiché la rana è una creatura la cui lingua è fissata sulla punta della bocca, a differenza di altri animali che hanno la lingua in gola, la lingua è una caratteristica distintiva sia per Ptah che per la rana.

    Forze del Caos

    Gli dei hhw, kkw, nnnw e Imn erano visti come personificazioni delle antiche forze del caos.

    Questi quattro maschi degli otto dei dell'Ogdoade di Ermopoli erano raffigurati come rane, mentre le quattro femmine erano raffigurate come serpenti che nuotavano nel fango e nella melma del caos.

    Simboli di rinascita

    Gli antichi Egizi usavano il segno della rana per scrivere i nomi dei defunti.

    Il termine augurale utilizzato recitava "vivere di nuovo" e, poiché la rana era un simbolo di rinascita, mostrava il suo ruolo nella resurrezione.

    Le rane erano associate alla resurrezione perché, durante il periodo di ibernazione invernale, interrompevano tutte le loro attività e si nascondevano tra le pietre.

    Rimangono ferme nelle pozze o sulle rive dei fiumi fino all'alba della primavera. Queste rane in letargo non hanno bisogno di cibo per mantenersi in vita. Sembra quasi che siano morte.

    Quando arrivava la primavera, queste rane saltavano fuori dal fango e dalla melma e tornavano a essere attive.

    Per questo motivo, nell'antica cultura egizia sono stati visti come simboli di resurrezione e di nascita.

    Simboli copti di rinascita

    Con la diffusione del cristianesimo nel IV secolo d.C., la rana iniziò a essere considerata un simbolo copto di rinascita.

    Le lampade trovate in Egitto raffigurano rane disegnate sulla parte superiore.

    Una di queste lampade recita "Io sono la resurrezione"; la lampada raffigura il sole che sorge e la rana su di essa è Ptah, noto per la sua vita nella mitologia egizia.

    Dea Heqet

    Heqet raffigurato su una tavola.

    Mistrfanda14 / CC BY-SA

    Nell'Antico Egitto, le rane erano note anche come simbolo di fertilità e di acqua: la dea dell'acqua, Heqet, rappresentava il corpo di una donna con la testa di rana ed era associata alle ultime fasi del travaglio.

    Heqet era famosa per essere la compagna di Khnum, il signore delle inondazioni; insieme ad altre divinità, era responsabile della creazione del bambino nel grembo materno ed era presente alla sua nascita come levatrice.

    Nota anche come dea del parto, della creazione e della germinazione del grano, Heqet era la dea della fertilità.

    Il titolo di "Serve di Heqet" era applicato alle sacerdotesse addestrate come levatrici per aiutare la dea nella sua missione.

    Quando Khnum divenne un vasaio, alla dea Heqet fu affidata la responsabilità di fornire la vita agli dei e agli uomini creati dal tornio.

    Grazie ai suoi poteri vitali, Heqet partecipava anche alle cerimonie di sepoltura ad Abydos.

    Le bare rispecchiavano l'immagine di Heqet come divinità protettrice dei morti.

    Durante il parto, le donne indossavano amuleti di Heqet come protezione. Il rituale del Medio Regno prevedeva l'uso di coltelli d'avorio e batacchio (un tipo di strumento musicale) che raffiguravano il suo nome o la sua immagine come simbolo di protezione all'interno della casa.

    Per saperne di più sulla Dea Heqet

    Khnum

    Amuleto di Khnum / Egitto, periodo tardo-tolemaico

    Museo Metropolitano d'Arte / CC0

    Khnum è una delle prime divinità egizie, con la testa di rana e le corna, ma con il corpo di un uomo. In origine era il dio delle sorgenti del fiume Nilo.

    Guarda anche: I 18 principali simboli di famiglia nella storia

    A causa delle inondazioni annuali del Nilo, il limo, l'argilla e l'acqua affluivano nelle terre e le rane ricomparivano portando la vita nell'ambiente circostante.

    Guarda anche: Storia degli stilisti francesi

    Per questo motivo, Khnum era considerato il creatore dei corpi dei bambini umani.

    Questi bambini umani sono stati creati al tornio con l'argilla e, dopo essere stati modellati e realizzati, sono stati messi nel grembo delle loro madri.

    Si dice che Khnum abbia plasmato anche altre divinità e che sia conosciuto come il Divino Vasaio e Signore.

    Heh e Hauhet

    Heh era il dio e Hauhet la dea dell'infinito, del tempo, della lunga vita e dell'eternità. Heh era raffigurato come una rana e Hauhet come un serpente.

    I loro nomi significavano "infinito" ed erano entrambi gli dei originari di Ogdoad.

    Heh, noto anche come dio dell'informe, era raffigurato come un uomo accovacciato che teneva in mano due palme, ognuna delle quali terminava con un girino e un anello shen.

    L'anello shen era un simbolo dell'infinito, mentre le costole della palma simboleggiavano il passare del tempo; erano presenti anche nei templi per registrare i cicli temporali.

    Nun e Naunet

    Nun era l'incarnazione delle antiche acque che esistevano nel caos prima della creazione della Terra.

    Un altro mito afferma che fu Thoth a essere creato da Nun e che gli dei di Ogdoad continuarono il suo canto per garantire che il sole continuasse a viaggiare nel cielo.

    La Monaca era rappresentata come un uomo con la testa di rana, oppure come un uomo barbuto, verde o blu, che portava in testa una fronda di palma, simbolo della sua lunga vita, e ne teneva un'altra in mano.

    Nun è stato anche raffigurato mentre emerge da uno specchio d'acqua e allunga le mani per reggere la barca solare.

    Il dio del caos, Nun, non aveva un sacerdozio, non sono stati trovati templi con il suo nome e non è mai stato venerato come un dio personificato.

    Invece, diversi laghi lo simboleggiavano nei templi, mostrando le acque caotiche prima della nascita della Terra.

    Naunet è stata vista come la donna dalla testa di serpente che viveva nel caos acquatico insieme alla sua compagna, Nun.

    Il suo nome era lo stesso di Monache con l'aggiunta di una desinenza femminile: più che una vera e propria dea, Naunet era la versione femminile di Monaca.

    Era più una dualità e una versione astratta di una dea.

    Kek e Kauket

    Kek significa oscurità, era il dio delle tenebre del caos prima della nascita della Terra.

    Dio dell'oscurità, Kek era sempre nascosto tra le tenebre, che gli Egizi consideravano come la notte, un tempo senza la luce del sole e un riflesso di Kek.

    Dio della notte, Kek è anche associato al giorno e viene chiamato "portatore di luce".

    Ciò significa che era responsabile del tempo della notte che arrivava subito prima dell'alba, il dio delle ore prima che il giorno sorgesse sulla terra d'Egitto.

    Kauket era una donna dalla testa di serpente che governava le tenebre insieme al suo compagno. Come Naunet, anche Kauket era la versione femminile di Kek e rappresentava la dualità più che una vera e propria dea. Era un'entità astratta.

    Le rane fanno parte della cultura umana da innumerevoli secoli e hanno assunto ruoli diversi, dal diavolo alla madre dell'universo.

    Gli esseri umani hanno trasformato rospi e rane in personaggi principali di diverse storie per spiegare lo svolgersi del mondo.

    Vi siete mai chiesti chi popolerà le nostre mitologie quando queste creature non esisteranno più?

    Riferimenti:

    1. //www.exploratorium.edu/frogs/folklore/folklore_4.html
    2. //egyptmanchester.wordpress.com/2012/11/25/frogs-in-ancient-egypt/
    3. //jguaa.journals.ekb.eg/article_2800_403dfdefe3fc7a9f2856535f8e290e70.pdf
    4. //blogs.ucl.ac.uk/researchers-in-museums/tag/egyptian-mythology/

    Immagine di testata per gentile concessione: //www.pexels.com/




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.