Libro egizio dei morti

Libro egizio dei morti
David Meyer

Sicuramente uno dei titoli più evocativi attribuiti a un testo antico, il Libro egizio dei morti è un antico testo funerario egiziano, creato intorno all'inizio del Nuovo Regno egiziano e rimasto in uso fino al 50 a.C. circa.

Scritto da una successione di sacerdoti nell'arco di circa 1.000 anni, il Libro dei Morti faceva parte di una serie di manuali sacri che servivano agli spiriti delle élite defunte per prosperare nell'aldilà. Il testo non è un libro, come lo intendiamo oggi, ma piuttosto una raccolta di incantesimi destinati ad aiutare un'anima appena defunta a superare i pericoli che gli Egizi associavano alla morte.la loro Duat o vita ultraterrena.

Indice dei contenuti

    Fatti sul Libro dei Morti

    • Il Libro dei Morti è una raccolta di testi funerari dell'antico Egitto piuttosto che un libro vero e proprio.
    • Fu creato intorno all'inizio del Nuovo Regno egiziano.
    • Scritto da una successione di sacerdoti nell'arco di circa 1.000 anni, il testo fu utilizzato attivamente fino a circa il 50 a.C.
    • Uno dei manuali sacri che servono a soddisfare le esigenze degli spiriti delle persone decedute durante il loro viaggio nell'aldilà.
    • Il suo testo contiene incantesimi, formule mistiche, preghiere e inni.
    • La sua raccolta di incantesimi aveva lo scopo di aiutare un'anima appena defunta a navigare tra i pericoli dell'aldilà.
    • Il Libro dei Morti non è mai stato standardizzato in un'unica edizione coerente: non ci sono due libri uguali, perché ognuno è stato scritto specificamente per un individuo.
    • Si conoscono circa 200 copie attualmente conservate di diversi periodi della cultura dell'antico Egitto.
    • Una delle sue sezioni più importanti descrive il rito della "pesatura del cuore", in cui l'anima del nuovo defunto veniva pesata con la piuma della verità di Ma'at per giudicare il comportamento del defunto durante la sua vita.

    Una ricca tradizione funeraria

    Il Libro dei Morti continuava una lunga tradizione egizia di testi funerari, che comprendeva i precedenti Testi delle Piramidi e Testi delle Bare. Questi testi erano inizialmente dipinti sulle pareti delle tombe e sugli oggetti funerari piuttosto che sul papiro. Alcuni incantesimi del libro possono essere datati al III millennio a.C. Altri incantesimi sono stati composti più tardi e risalgono al Terzo Periodo Intermedio egiziano (ca. XI secolo).Molti degli incantesimi tratti dal Libro dei Morti erano iscritti sui sarcofagi e dipinti sulle pareti delle tombe, mentre il libro stesso era solitamente collocato nella camera di sepoltura del defunto o nel suo sarcofago.

    Il titolo originale egiziano del testo, "rw nw prt m hrw", si traduce all'incirca come il Libro dell'arrivo del giorno. Due traduzioni alternative sono Incantesimi per l'arrivo del giorno e il Libro dell'emergere alla luce. Gli studiosi occidentali del XIX secolo hanno dato al testo il titolo attuale.

    Il mito dell'antica Bibbia egizia

    Quando gli egittologi tradussero per la prima volta il Libro dei Morti, esso si impose nell'immaginario popolare: molti lo considerarono la Bibbia degli antichi egizi. Tuttavia, sebbene entrambe le opere presentino alcune somiglianze di superficie, essendo raccolte arcaiche di opere scritte da mani diverse in periodi di tempo diversi e successivamente riunite, il Libro dei Morti non era il libro sacro degli antichi egizi.

    Guarda anche: 23 importanti simboli della natura con i loro significati

    Il Libro dei Morti non fu mai sistematizzato e classificato in un'unica edizione, non esistevano due libri uguali, ma erano scritti specificamente per un individuo. Il defunto doveva disporre di ingenti ricchezze per potersi permettere di commissionare un manuale di istruzioni personalizzato con gli incantesimi necessari per aiutarlo nel suo precario viaggio nell'aldilà.

    La concezione egizia dell'aldilà

    Gli antichi Egizi consideravano l'aldilà come un prolungamento della vita terrena. Dopo aver superato con successo il giudizio, soppesando il proprio cuore con la piuma della verità all'interno della Sala della Verità, l'anima defunta entrava in un'esistenza che rispecchiava perfettamente la vita terrena del defunto. Una volta giudicata nella Sala della Verità, l'anima passava oltre, attraversando infine il Lago dei Gigli per risiedereQui l'anima avrebbe scoperto tutti i piaceri di cui aveva goduto durante la sua vita e sarebbe stata libera di godere dei piaceri di questo paradiso per tutta l'eternità.

    Tuttavia, affinché l'anima raggiungesse il paradiso celeste, doveva capire quale percorso intraprendere, quali parole pronunciare in risposta alle domande in momenti specifici del suo viaggio e come rivolgersi agli dei. In sostanza, il Libro dei Morti era la guida al comportamento dell'anima defunta nell'oltretomba.

    Storia e origini

    Il Libro dei Morti egizio si è formato a partire da concetti raffigurati in iscrizioni e pitture tombali risalenti alla Terza dinastia egizia (circa 2670-2613 a.C.). All'epoca della XII dinastia egizia (circa 1991-1802 a.C.) questi incantesimi, insieme alle relative illustrazioni, erano stati trascritti su papiro. Questi testi scritti venivano collocati nel sarcofago insieme al defunto.

    Nel 1600 a.C. la raccolta di incantesimi era ormai strutturata in capitoli. Intorno al Nuovo Regno (1570-1069 a.C. circa), il libro era diventato estremamente popolare tra le classi più abbienti. Scribi esperti venivano ingaggiati per redigere libri di incantesimi personalizzati per un cliente o per la sua famiglia. Lo scriba anticipava il viaggio che il defunto poteva aspettarsi di affrontare dopo la sua morte, attraversocapire che tipo di vita ha vissuto la persona in vita.

    Prima del Nuovo Regno, solo i reali e le élite potevano permettersi una copia del Libro dei Morti. La crescente popolarità del mito di Osiride durante il Nuovo Regno incoraggiò la convinzione che la raccolta di incantesimi fosse essenziale a causa del ruolo di Osiride nel giudicare l'anima nella Sala della Verità. Poiché un numero sempre maggiore di persone chiedeva a gran voce la propria copia personale del Libro dei Morti, gli scribi soddisfacevano cheLa domanda è aumentata, con il risultato che il libro è stato ampiamente mercificato.

    Le copie personalizzate furono sostituite da "pacchetti" che i potenziali clienti potevano scegliere. Il numero di incantesimi contenuti nel libro era regolato dal loro budget. Questo sistema di produzione durò fino alla dinastia tolemaica (323-30 a.C. circa). Durante questo periodo, il Libro dei Morti variò ampiamente in termini di dimensioni e forma fino al 650 a.C. circa. Intorno a questo periodo, gli scribi lo fissarono a 190 incantesimi comuni. L'unicoL'incantesimo che quasi tutte le copie conosciute del Libro dei Morti contengono, tuttavia, sembra essere l'Incantesimo 125.

    Incantesimo 125

    Forse l'incantesimo più frequente, tra i tanti che si trovano nel Libro dei Morti, è l'incantesimo 125. Questo incantesimo racconta come Osiride e le altre divinità nella Sala della Verità giudicano il cuore del defunto. Se l'anima non supera questa prova critica non può entrare in paradiso. In questa cerimonia, il cuore viene pesato con la piuma della verità. Quindi, comprendendo quale sia la forma della cerimoniae le parole richieste quando l'anima si trovava al cospetto di Osiride, Anubi, Thoth e dei Quarantadue Giudici era ritenuta l'informazione più critica con cui l'anima poteva arrivare nella Sala.

    L'incantesimo 125 inizia con un'introduzione all'anima: "Che cosa si deve dire quando si arriva in questa Sala di Giustizia, purgando [il nome dell'anima] da tutto il male che ha fatto e vedendo i volti degli dei". Dopo questo preambolo, il defunto recita la Confessione Negativa. Osiride, Anubi e Thoth e i Quarantadue Giudici interrogano quindi l'anima. Sono necessarie informazioni precise per giustificare la propriaL'anima supplicante doveva essere in grado di recitare i nomi degli dei e le loro responsabilità; doveva inoltre saper recitare il nome di ogni porta che conduceva fuori dalla stanza e il nome del pavimento che l'anima attraversava. Quando l'anima rispondeva correttamente ad ogni dio e ad ogni oggetto dell'aldilà, le veniva detto: "Tu ci conosci, passa da noi" e "Non è vero".Così il viaggio dell'anima continuò.

    Guarda anche: I 9 principali fiori che simboleggiano la ricchezza

    Al termine della cerimonia, lo scriba che ha iscritto l'incantesimo elogia la sua abilità nell'aver fatto bene il suo lavoro e rassicura il lettore. Scrivendo ciascuno degli incantesimi, si credeva che lo scriba fosse entrato a far parte del mondo sotterraneo. Questo gli assicurava un saluto propizio nell'aldilà al momento della propria morte e un passaggio sicuro verso il Campo di Canne egiziano.

    Se un'anima rispondeva correttamente a tutte le domande, possedeva un cuore più leggero della piuma della verità e si comportava con gentilezza nei confronti dell'arcigno traghettatore divino che aveva il compito di remare ogni anima attraverso il Lago dei Gigli, l'anima si ritrovava nel Campo dei Giunchi.

    Il viaggio tra l'ingresso dell'anima nella Sala della Verità e il successivo viaggio in barca verso il Campo dei Giunchi era irto di possibili errori. Il Libro dei Morti conteneva incantesimi per aiutare l'anima ad affrontare queste sfide, ma non era mai garantito che l'anima sopravvivesse a ogni svolta del mondo sotterraneo.

    In alcuni periodi della lunga storia egiziana, il Libro dei Morti è stato semplicemente ritoccato; in altri, invece, si credeva che l'aldilà fosse un passaggio insidioso verso un paradiso effimero e sono state apportate modifiche significative al suo testo. Allo stesso modo, in alcune epoche il cammino verso il paradiso è stato semplice, una volta che l'anima è stata giudicata da Osiride e dagli altri dèi, mentre in altri periodi è stato possibile raggiungere il paradiso in modo semplice e veloce.volte, i demoni potevano spuntare all'improvviso per abbindolare o aggredire le loro vittime, mentre i coccodrilli potevano manifestarsi per ostacolare l'anima nel suo viaggio.

    Gli incantesimi comunemente inclusi nelle edizioni sopravvissute del testo sono: "Per non morire di nuovo nel regno dei morti", "Per respingere un coccodrillo che viene a portar via", "Per non essere mangiati da un serpente nel regno dei morti", "Per essere trasformati in un falco divino", "Per essereQuesti incantesimi di trasformazione erano efficaci solo nell'aldilà e mai sulla Terra. L'affermazione che il Libro dei Morti fosse un testo per stregoni è errata e infondata.

    Confronto con il Libro tibetano dei morti

    Anche il Libro egizio dei morti viene spesso paragonato al Libro tibetano dei morti, ma anche in questo caso le finalità sono diverse. Il Libro tibetano dei morti ha come titolo formale "Grande liberazione attraverso l'udito" e raccoglie una serie di testi da leggere ad alta voce a una persona la cui vita sta scemando o che è morta di recente, consigliando all'anima ciò che le sta accadendo.

    Il punto di intersezione tra i due testi antichi è che entrambi hanno lo scopo di dare conforto all'anima, guidarla fuori dal corpo e assisterla nel suo viaggio verso l'aldilà.

    La concezione tibetana del cosmo e il loro sistema di credenze sono totalmente diversi da quelli degli antichi Egizi, ma la differenza fondamentale tra i due testi è che il Libro tibetano dei morti è stato scritto per essere letto ad alta voce da chi è ancora in vita ai defunti, mentre il Libro dei morti è un libro di incantesimi che i defunti devono ripetere personalmente durante il loro viaggio nell'aldilà.I libri rappresentano complessi artefatti culturali volti a garantire che la morte sia uno stato più facilmente trattabile.

    Gli incantesimi raccolti nel Libro dei Morti, indipendentemente dall'epoca in cui sono stati creati o raccolti, promettevano all'anima una continuità nella sua esperienza dopo la morte. Come nella vita, ci sarebbero state prove e tribolazioni, con trappole da schivare, sfide inaspettate da affrontare e territori pericolosi da attraversare. Lungo il cammino, ci sarebbero stati alleati e amici da curare.ma alla fine l'anima poteva sperare in una ricompensa per aver condotto una vita di virtù e pietà.

    Per le persone care che l'anima si lasciava alle spalle, questi incantesimi venivano scritti in modo che i vivi potessero leggerli, ricordare i loro defunti, pensare a loro durante il viaggio nell'aldilà ed essere rassicurati sul fatto che avessero percorso il loro cammino in modo sicuro, attraverso molte curve e svolte, prima di raggiungere il loro paradiso eterno che li attendeva al Campo dei Giunchi.

    Riflettere sul passato

    Il Libro egizio dei morti è una straordinaria raccolta di incantesimi antichi, che riflette sia la complessa immaginazione che caratterizza l'aldilà egiziano, sia le risposte commerciali degli artigiani all'aumento della domanda, anche nell'antichità!

    Immagine di testata per gentile concessione: British Museum free image service [Public domain], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.