Ma'at: il concetto di equilibrio e armonia

Ma'at: il concetto di equilibrio e armonia
David Meyer

Ma'at o Maat è un concetto che simboleggia le idee degli antichi egizi sull'equilibrio, l'armonia, la moralità, la legge, l'ordine, la verità e la giustizia. Ma'at assumeva anche la forma di una dea che personificava questi concetti essenziali. La dea governava anche le stagioni e le stelle. Gli antichi egizi ritenevano che la dea esercitasse anche un'influenza su quelle divinità che collaboravano per imporre l'ordine sul caos al momento della morte.L'opposto divino di Ma'at era Isfet, la dea del caos, della violenza, del male e dell'ingiustizia.

Ma'at è apparsa inizialmente durante l'Antico Regno (2613 - 2181 a.C. circa), ma si ritiene che sia stata venerata in una forma precedente. Ma'at è raffigurata nella sua forma antropomorfa di donna alata, con una piuma di struzzo in testa. In alternativa, una semplice piuma di struzzo bianca la simboleggia. La piuma di Ma'at ha avuto un ruolo centrale nel concetto egizio di "Dio".La cerimonia della pesatura del cuore dell'anima, in cui il cuore dell'anima del defunto veniva pesato contro la piuma della verità sulla bilancia della giustizia, determinava il destino dell'anima.

Guarda anche: Amun: Dio dell'aria, del sole, della vita e della fertilità.

Indice dei contenuti

    Fatti su Ma'at

    • Il Ma'at è al centro degli ideali sociali e religiosi dell'antico Egitto.
    • Simboleggiava l'armonia e l'equilibrio, la verità e la giustizia, la legge e l'ordine.
    • Ma'at era anche il nome dato all'antica dea egizia che personificava questi concetti e sovrintendeva alle stelle e alle stagioni.
    • Gli antichi Egizi credevano che la dea Ma'at influenzasse le divinità primordiali che si unirono per imporre l'ordine al caos tumultuoso nell'istante della creazione.
    • A Ma'at' si opponeva nel suo lavoro Isfet, la dea che governava la violenza, il caos, l'ingiustizia e il male.
    • Alla fine, Ra, il re degli dei, assorbì il ruolo di Ma'at al centro di tutta la creazione.
    • I faraoni d'Egitto si definivano "Signori di Ma'at".

    Origine e significato

    Si ritiene che Ra o Atum, il dio del sole, abbia creato Ma'at al momento della creazione, quando le acque primordiali di Nun si separarono e il ben-ben o il primo cumulo di terra asciutta sorse con Ra a cavalcioni, grazie al potere magico invisibile di Heka. Nell'istante in cui Ra ha dato vita al mondo, Ma'at è nato. Il nome di Ma'at è tradotto come "ciò che è diritto", il che implica armonia, ordine e giustizia.

    I principi di equilibrio e di armonia di Ma'at hanno caratterizzato questo atto di creazione, facendo sì che il mondo funzionasse in modo razionale e con uno scopo. Il concetto di Ma'at era alla base del funzionamento della vita, mentre l'heka o magia era la fonte del suo potere. Per questo motivo Ma'at è considerata più concettuale di una dea convenzionale con una personalità e una storia ben definite, come Hathor o Iside.Lo spirito divino di Ma'at è alla base di tutta la creazione. Se un antico egizio viveva in linea con i suoi principi, avrebbe goduto di una vita piena e avrebbe potuto sperare di godere della pace eterna dopo il viaggio nell'aldilà. Al contrario, se si rifiutava di conformarsi ai principi di Ma'at, sarebbe stato condannato a subire le conseguenze di tale decisione.

    Guarda anche: Cosa indossavano i vichinghi in battaglia?

    La sua importanza è dimostrata dal modo in cui gli antichi Egizi iscrivevano il suo nome. Sebbene Ma'at fosse spesso identificata con il suo motivo di piume, era spesso associata a un plinto. Un plinto era spesso posto sotto il trono di un essere divino, ma non era iscritto con il nome della divinità. L'associazione di Ma'at con un plinto suggerisce che si pensava a lei come al fondamento della società egizia. La sua importanzaè chiaramente rappresentata nell'iconografia che la colloca al fianco di Ra sulla sua chiatta celeste, mentre viaggia con lui di giorno attraverso il cielo e di notte lo assiste nella difesa della loro barca dagli attacchi del dio serpente Apophis.

    Ma'at e la piuma bianca della verità

    Gli antichi egizi credevano fermamente che ogni persona fosse responsabile in ultima istanza della propria vita e che questa dovesse essere vissuta in equilibrio e armonia con la terra e con gli altri esseri umani. Come gli dei si prendevano cura dell'umanità, così gli uomini dovevano adottare lo stesso atteggiamento di cura per gli altri e per il mondo che gli dei avevano messo a disposizione.

    Questo concetto di armonia ed equilibrio si ritrova in tutti gli aspetti dell'antica società e della cultura egizia, dalla disposizione delle città e delle case, alla simmetria e all'equilibrio che si ritrovano nella progettazione dei templi tentacolari e degli immensi monumenti. Vivere in modo armonioso secondo la volontà degli dei, equivale a vivere secondo i dettami della divinità che personifica il concetto di ma'at.Alla fine, tutti affrontano il giudizio nella Sala della Verità dell'aldilà.

    Gli antichi Egizi pensavano che l'anima umana fosse composta da nove parti: il corpo fisico era il Khat; il Ka era la doppia forma di una persona, il Ba era un aspetto di uccello dalla testa umana in grado di sfrecciare tra il cielo e la terra; l'io ombra era lo Shuyet, mentre l'Akh formava l'io immortale del defunto, trasformato dalla morte, Sechem e Sahu erano entrambi Akh, forme, il cuore era Ab, ilTutti e nove gli aspetti facevano parte dell'esistenza terrena di un egiziano.

    Dopo la morte, l'Akh insieme al Sechem e al Sahu si presentavano davanti a Osiride, a Thoth, il dio della saggezza, e ai Quarantadue Giudici nella Sala della Verità per far pesare il cuore o l'Ab del defunto su una bilancia d'oro contro la piuma bianca della verità di Ma'at.

    Se il cuore del defunto si dimostrava più leggero della piuma di Ma'at, il defunto rimaneva mentre Osiride consultava Thoth e i Quarantadue Giudici. Se il defunto veniva giudicato meritevole, all'anima veniva concessa la libertà di passare attraverso la sala per continuare la sua esistenza in paradiso al Campo dei Giunchi. Nessuno poteva sfuggire a questo giudizio eterno.

    Nell'idea egizia dell'aldilà, si credeva che Ma'at assistesse coloro che avevano aderito ai suoi principi durante la vita.

    Il culto di Ma'at come dea divina

    Sebbene Ma'at fosse rispettata come dea importante, gli antichi Egizi non le dedicarono alcun tempio, né avevano sacerdoti ufficiali. Al contrario, le veniva consacrato un modesto santuario nei templi di altre divinità che onoravano Ma'at. L'unico tempio riconosciuto come costruito in suo onore dalla regina Hatshepsut (1479-1458 a.C.) fu eretto all'interno del tempio del dio Montu.

    Gli egiziani veneravano la loro dea semplicemente vivendo la loro vita in osservanza dei suoi principi. I doni devozionali e le offerte per lei venivano posti sui suoi santuari situati in molti templi.

    Secondo i documenti sopravvissuti, l'unica venerazione "ufficiale" di Ma'at si verificava quando un re egizio appena incoronato le offriva sacrifici. Dopo essere stato incoronato, il nuovo re offriva una sua rappresentazione agli dei. Questo atto rappresentava la richiesta di assistenza da parte del re per preservare l'armonia e l'equilibrio divino durante il suo regno. Se un re non riusciva a mantenere l'equilibrio e l'equilibrio, il re avrebbe dovuto offrire un'immagine di Ma'at.Ma'at era quindi fondamentale per il successo del governo di un re.

    Nel pantheon egizio degli dei, Ma'at era una presenza significativa e universale, nonostante non avesse un culto sacerdotale o un tempio dedicato. Si pensava che gli dei egizi vivessero di Ma'at e la maggior parte delle immagini che mostravano il re che offriva Ma'at al pantheon egizio degli dei al momento della sua incoronazione erano immagini speculari di quelle che raffiguravano il re che offriva vino, cibo e altri sacrifici agli dei.Si pensava che gli dei vivessero di Ma'at, in quanto obbligati dalla legge divina a mantenere l'equilibrio e l'armonia e a incoraggiare questi valori specifici tra i loro adoratori umani.

    I templi di Ma'at si trovavano in mezzo ai templi delle altre divinità per il ruolo di Ma'at come essenza cosmica universale, che permetteva la vita sia degli uomini che dei loro dei. Gli Egizi veneravano la dea Ma'at vivendo la loro vita in accordo con i suoi principi di armonia, equilibrio, ordine e giustizia e avendo rispetto per i loro vicini e per la terra che gli dei avevano dato loro da coltivare. Mentre le dee comeIside e Hathor si dimostrarono più venerate e finirono per assorbire diversi attributi di Ma'at, ma la dea mantenne il suo significato di divinità per tutta la lunga cultura egiziana e definì per secoli gran parte dei valori culturali fondamentali del Paese.

    Riflettere sul passato

    Chiunque voglia comprendere l'antica cultura egizia deve prima capire il ma'at e il ruolo che il suo concetto centrale di equilibrio e armonia ha avuto nel plasmare il sistema di credenze dell'Egitto.

    Immagine di testata per gentile concessione: British Museum [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.