Musica e strumenti dell'antico Egitto

Musica e strumenti dell'antico Egitto
David Meyer

L'affinità per la creazione e l'apprezzamento della musica è una delle caratteristiche che contraddistinguono l'umanità. Non c'è quindi da stupirsi che la vivace cultura egizia abbia abbracciato la musica e i musicisti.

La musica e i musicisti erano molto apprezzati dall'antica società egizia: si riteneva che la musica fosse parte integrante dell'atto di creazione e che fosse essenziale per comunicare con il pantheon di divinità.

Indice dei contenuti

    Grazie per il dono della vita

    Gli studiosi ipotizzano che per gli Egizi la musica fosse parte di una risposta molto umana per dimostrare la loro gratitudine per aver ricevuto il dono della vita dai loro dei. Inoltre, la musica era a cavallo di tutte le esperienze della condizione umana. La musica era presente nelle feste, nei banchetti funebri, nelle parate militari, nelle processioni religiose e persino mentre i contadini lavoravano nei campi o lavoravano presso l'antico Egitto.progetti di costruzione colossali.

    Questo profondo amore per la musica da parte degli antichi Egizi è testimoniato da numerose pitture tombali e da fregi scolpiti nelle pareti dei templi che raffigurano spettacoli musicali, musicisti e strumenti musicali.

    Sebbene si ritenga che la musica abbia avuto un ruolo sociale durante tutta la storia dell'Egitto, gli studiosi contemporanei che traducono i papiri risalenti al periodo "faraonico" della scrittura egiziana sottolineano che la musica sembra aver assunto una maggiore importanza durante quel periodo della storia egiziana.

    Intorno al 3100 a.C. si affermarono le dinastie egizie che conosciamo oggi e la musica divenne un elemento portante di molti aspetti della società egizia.

    Dono degli dei

    Mentre gli egizi associano la musica alla dea Hathor, che permea il mondo di gioia, è la divinità Merit ad essere presente con Ra e Heka, il dio della magia, all'inizio della creazione.

    Merit contribuì a mettere ordine nel caos della creazione attraverso la musica: fu quindi la musicista primordiale, cantante, scrittrice e direttrice della sinfonia della creazione, stabilendo così il posto della musica come elemento centrale nell'antica cultura egizia.

    La musica ha un ruolo sociale

    Gli antichi Egizi erano disciplinati e strutturati con la loro musica come lo erano con altri aspetti del loro ordine sociale. Come rivelano i manoscritti, le pitture delle tombe e le iscrizioni dei templi, gli antichi Egizi davano alla musica un ruolo di primo piano durante le pratiche religiose. La musica accompagnava anche le truppe in battaglia e i contadini nei loro campi. La musica veniva eseguita anche nellemolti laboratori a supporto dei progetti di costruzione monumentale dell'Egitto e nei palazzi reali.

    Antica banda egizia. Zache [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    Gli Egizi apprezzavano la musica in tutte le sue forme, sia come parte delle loro osservanze religiose in onore degli dei sia come celebrazione della vita quotidiana. Molte immagini scoperte finora mostrano persone che battono le mani, suonano strumenti e cantano durante l'esecuzione. Gli egittologi hanno tradotto le "iscrizioni" poste sotto le immagini in testi per la canzone eseguita.

    I testi egiziani di alcune musiche elogiano gli dei, il faraone, sua moglie e i membri della famiglia reale.

    In termini religiosi, le dee egizie Bes e Hathor emersero come divinità protettrici della musica. Innumerevoli cerimonie erano dedicate a lodarle e prevedevano elaborati spettacoli musicali accompagnati da danzatori.

    Decodificare gli antichi strumenti musicali egizi

    Gli egittologi, esaminando la ricchezza degli antichi geroglifici che ci sono stati lasciati in eredità, hanno scoperto che gli antichi egizi avevano sviluppato una vasta gamma di strumenti musicali. I musicisti egiziani potevano utilizzare strumenti a corda, a fiato e a percussione. La maggior parte delle esecuzioni musicali era accompagnata dal battito delle mani per tenere il ritmo, mentre uomini e donne cantavano per accompagnare la musica.

    Strumenti a corda dell'Antico Egitto. [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    Gli antichi egizi non avevano il concetto di notazione musicale: le melodie venivano tramandate oralmente da una generazione di musicisti all'altra. Oggi non si sa con precisione come suonassero effettivamente le composizioni musicali egizie.

    Gli studiosi indicano che l'odierna liturgia copta è potenzialmente un discendente diretto delle forme musicali egiziane. Il copto è emerso come lingua dominante dell'antico Egitto durante il IV secolo d.C., e si ritiene che la musica che i copti hanno cooptato per le loro funzioni religiose si sia evoluta da forme precedenti di funzioni egiziane in modo simile a come la loro lingua si è gradualmente evoluta dalla sua lingua.antica base egizia e greca.

    Guarda anche: Gioielli dell'antico Egitto

    Gli antichi geroglifici egizi raffigurano la musica come "hst", che si traduce come "canzone", "cantante", "direttore d'orchestra", "musicista" e anche come "suonare la musica". Il significato preciso del geroglifico sarebbe comunicato dalla sua posizione in una frase.

    Il geroglifico "hst" presenta un braccio alzato, a simboleggiare il ruolo del direttore d'orchestra nel tenere il tempo durante lo spettacolo. I direttori d'orchestra, anche di truppe piuttosto piccole, sembrano aver goduto di una notevole importanza sociale.

    Le pitture tombali rinvenute a Saqqara mostrano un direttore d'orchestra con una mano su un orecchio per aiutare l'udito e concentrarsi mentre si trova di fronte ai musicisti riuniti e segnala la composizione da eseguire. Gli studiosi ritengono che i direttori d'orchestra dell'antico Egitto usassero i gesti delle mani per comunicare con i musicisti, in base alle moderne interpretazioni delle pitture tombali.

    Le esibizioni si svolgevano durante i banchetti, nei complessi templari, nelle feste e durante i funerali, ma le performance musicali potevano essere organizzate praticamente ovunque. I membri di alto rango sociale impiegavano regolarmente gruppi di musicisti per intrattenere i loro ospiti durante i pasti serali e le riunioni sociali.

    Molti degli strumenti scoperti fino ad oggi sono stati incisi con i nomi delle loro divinità, a dimostrazione di quanto gli antichi Egizi tenessero in considerazione sia la loro musica che le loro performance musicali.

    Strumenti musicali egiziani

    Gli strumenti musicali sviluppati e suonati nell'antico Egitto ci sono familiari oggi.

    I loro musicisti potevano ricorrere a strumenti a percussione come tamburi, tamburelli, sonagli e il sistro, uno strumento metallico a forma di "U" con piccoli pezzi di metallo o di bronzo appesi a cinghie di cuoio, che veniva tenuto in mano e che, scosso, produceva una serie di suoni a seconda del tipo di metallo utilizzato.

    Il sistro era strettamente legato alla dea Hathor, consorte di Ra e dea delle donne, della fertilità, dell'amore e del cielo. I sistri erano presenti nelle esibizioni dei musicisti e dei danzatori dei templi durante le cerimonie per molte divinità del pantheon egizio. Alcuni sistri emettevano un suono morbido e tintinnante, mentre altri facevano un forte rumore di sferragliamento. Campane e cimbali furono adottati in un secondo momento.

    Uno strumento tipicamente egiziano era la collana menit, un oggetto pesantemente decorato che poteva essere agitato dall'esecutore durante la danza oppure rimosso o fatto tintinnare a mano, in particolare durante le esibizioni nei templi.

    Gli strumenti a fiato appaiono del tutto simili a quelli che suoniamo oggi, e comprendono trombe insieme a canne da pastore, clarinetti, oboi, flauti, sia ad ancia singola che doppia, e alcune forme di flauti senza ancia.

    Il repertorio degli strumenti a corda degli Egizi comprendeva un'ampia gamma di liri, arpe e il liuto mesopotamico. A differenza degli strumenti a corda odierni, gli strumenti a corda degli antichi Egizi erano "pizzicati", in quanto l'arco moderno era sconosciuto. Abbondano le immagini di antichi Egizi che suonano liuti, arpe e liri.

    Flauti e pifferi dell'antico Egitto.

    Museo d'arte della contea di Los Angeles [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    Antico sistro egizio.

    Museo d'arte Walters [Pubblico dominio], via Wikimedia aCommons

    Antica arpa egizia.

    Metropolitan Museum of Art [CC0], via Wikimedia Commons

    I musicisti suonavano questi strumenti da soli o come parte di un ensemble, proprio come fanno oggi.

    Il ruolo dei musicisti professionisti

    Gli antichi Egizi si avvalevano di numerosi musicisti professionisti che si esibivano in diverse occasioni. Dato che la società egizia era strutturata in diversi strati sociali, ciò implicava inevitabilmente che alcuni musicisti si limitassero a esibirsi per eventi in linea con il proprio strato professionale.

    Guarda anche: Faraone Akhenaton - Famiglia, regno e fatti

    Un musicista di alto rango sociale poteva esibirsi durante le imprese e le cerimonie religiose all'interno del tempio, mentre un musicista di rango inferiore poteva limitarsi a esibirsi durante gli eventi della comunità e per i datori di lavoro locali.

    Musicisti e danzatori dell'antico Egitto.

    British Museum [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons

    Il grado più alto a cui un musicista egiziano poteva aspirare era quello di "shemayet", che conferiva a questi musicisti il diritto di esibirsi per gli dei e le dee. I musicisti di status shemayet erano inevitabilmente donne.

    La famiglia reale

    La famiglia reale dei faraoni si avvaleva di gruppi di eminenti musicisti per il proprio intrattenimento personale e per esibirsi in occasioni formali; questi comprendevano sia musicisti che suonavano strumenti sia cantanti e danzatori che accompagnavano i musicisti.

    Il popolo dell'antico Egitto usava la musica per esprimere le proprie emozioni e i propri sentimenti, sia che si trattasse di lodare il faraone e la sua famiglia, sia che si trattasse di celebrare la gioia della vita quotidiana, la musica era una parte vitale dell'antica cultura egizia.

    Riflettere sul passato

    Poiché gli antichi Egizi non scrivevano partiture musicali, che suono avrebbe la loro musica se potessimo riascoltarla oggi?

    Immagine di testata per gentile concessione: British Museum [Pubblico dominio], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.