Quanti violini ha costruito Stradivari?

Quanti violini ha costruito Stradivari?
David Meyer

Il celebre liutaio Antonio Stradivari, nato nel 1644 e vissuto fino al 1737, è considerato uno dei più grandi costruttori di violini di sempre.

Si stima che abbia costruito circa 1.100 strumenti, tra cui violini, violoncelli, arpe e chitarre, ma solo circa 650 di questi sono ancora esistenti.

Si stima che Antonio Stradivari abbia realizzato 960 esemplari. violini durante la sua vita.

Gli strumenti di Stradivari sono particolarmente famosi per la loro qualità sonora superiore, che si ritiene derivi dalle tecniche e dai materiali unici di Stradivari, che sperimentò diversi tipi di legno, vernici e forme per creare il suono perfetto.

È stato detto che anche i violini moderni non possono eguagliare il suono e la bellezza di uno Stradivari.

Indice dei contenuti

    Quanti violini Stradivari esistono?

    Il numero esatto di violini realizzati da Stradivari non è noto, ma si ritiene che sia compreso tra i 960 e i 1.100. Di questi, oggi ne rimangono circa 650, tra cui circa 400 violini, 40 violoncelli e altri strumenti come chitarre e mandolini.

    La maggior parte dei violini da lui costruiti sono tuttora in uso, e alcuni di essi sono stati battuti all'asta per milioni di dollari. Sono molto ricercati sia dai musicisti professionisti che dai collezionisti, il che li rende tra gli strumenti più preziosi al mondo. (1)

    Un violino Stradivari nel palazzo reale di Madrid

    Σπάρτακος, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

    Ecco i 10 violini Stradivari più costosi venduti:

    • La Lady Blunt (1721): Questo violino, venduto all'asta per la straordinaria cifra di 15,9 milioni di dollari nel 2011, è considerato il violino di Stradivari meglio conservato mai ritrovato e prende il nome da Lady Anne Blunt, la figlia di Lord Byron.
    • Il Martello (1707): Questo esemplare è stato venduto nel 2006 per la cifra record di 3,9 milioni di dollari e prende il nome dal cognome del proprietario, Carl Hammer.
    • Il Molitor (1697): Questo strumento Stradivariano è stato venduto alla Casa d'Aste Christie's nel 2010 per l'impressionante cifra di 2,2 milioni di dollari e prende il nome dalla contessa francese che lo aveva precedentemente posseduto.
    • Il Messia (1716): È stato venduto all'asta nel 2006 per 2 milioni di dollari e prende il nome dal suo proprietario originario, il compositore irlandese George Frideric Handel.
    • Le Duc (1731): Chiamato così in onore del cugino del re Luigi XV, Le Duc de Châteauroux, questo violino è stato venduto per 1,2 milioni di dollari nel 2005 a un'asta a Londra.
    • Il Lord Wilton (1742): Questo violino Stradivari è stato venduto per 1,2 milioni di dollari nel 2011 e prende il nome dal suo precedente proprietario, il conte di Wilton.
    • Il Tobia (1713): È stato venduto all'asta a Londra nel 2008 per 1 milione di dollari e prende il nome dal suo precedente proprietario, il violinista francese del XIX secolo Joseph Tobias.
    • Il Drackenbacker (1731): Creato dall'allievo di Stradivari Giuseppe Guarneri, questo violino è stato venduto per 974.000 dollari nel 2008 e prende il nome dal suo precedente proprietario, il musicista John J. Drackenbacker.
    • Il Lipinski (1715): Chiamato così in onore del virtuoso polacco Karol Lipinski, è stato venduto all'asta a Londra nel 2009 per 870.000 dollari.
    • Il Kreisler (1720): Questo è stato venduto nel 2008 a un'asta a Londra per 859.400 dollari e prende il nome dal suo precedente proprietario, il famoso violinista Fritz Kreisler.

    Panoramica della sua vita e del suo lavoro

    Antonio Stradivari era un liutaio italiano rinomato in tutto il mondo per gli strumenti a corda che creava, tra cui violini, violoncelli, chitarre e arpe. Era ampiamente riconosciuto per i suoi violini di fattura unica, rinomati per la grande qualità del suono.

    Stampa romanzata di Antonio Stradivari che esamina uno strumento

    Viktor Bobrov, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Guarda anche: I Romani conoscevano il Giappone?

    Antonio Stradivari nacque nel 1644 a Cremona, una piccola città del nord Italia, da Alessandro Stradivari e iniziò la sua carriera come apprendista di Nicolò Amati.

    Sviluppò poi un proprio stile di liuteria che influenzò profondamente lo sviluppo degli strumenti ad arco per secoli.

    La maggior parte dei suoi strumenti fu venduta durante la sua vita in Italia e in altri paesi europei. Sebbene gli strumenti di Stradivari fossero popolari al momento della loro uscita, il loro vero valore fu realizzato solo dopo la sua morte.

    Gli strumenti di Stradivari sono oggi molto ricercati, in quanto possiedono una qualità sonora unica e un design caratteristico. I suoi violini sono costruiti solo con i materiali più pregiati, come i legni di abete rosso, acero e salice, i ponticelli in avorio, le tastiere in ebano e i pioli per l'accordatura.

    Dopo la sua morte, avvenuta nel 1737, la maestria dei suoi violini continuò ad essere ammirata da musicisti e costruttori di strumenti. In tempi moderni, i suoi violini raggiungono spesso prezzi astronomici alle aste. I suoi strumenti sono utilizzati nelle orchestre di tutto il mondo e ancora oggi si possono trovare in vendita modelli replica dei suoi progetti originali. (2)

    I motivi per cui i violini di Stradivari sono così ambiti

    Foto di RODNAE Productions

    Ecco alcuni motivi per cui questi violini sono valutati a un prezzo così alto:

    • La loro costruzione è unica e non è mai stata replicata da allora; sono caratterizzati da un fondo intagliato in un unico pezzo e da costole più spesse rispetto alla maggior parte dei violini moderni.
    • Le tavole armoniche dei violini Stradivari sono realizzate con abete rosso raccolto sulle Alpi italiane e trattato con una formula segreta ancora oggi sconosciuta.
    • Questi strumenti sono invecchiati per secoli, il che ha permesso loro di acquisire una trama musicale profonda e pastosa che conferisce loro il suono caratteristico.
    • La loro forma e struttura sono rimaste invariate dai tempi di Stradivari, rendendoli un vero e proprio simbolo di design senza tempo.
    • I collezionisti cercano i violini Stradivari per la loro rarità e il loro valore d'investimento; possono valere milioni di dollari a causa della loro limitata disponibilità sul mercato.
    • Questi violini sono anche tesori preziosi per i musicisti, che si sforzano di far emergere il pieno potenziale di questi strumenti straordinari con la loro arte.
    • Queste caratteristiche si combinano per rendere i violini Stradivari tra gli strumenti musicali più ricercati al mondo.

    (3)

    Guarda anche: Simboli del dio greco Hermes con significato

    Conclusione

    I violini di Antonio Stradivari restano una testimonianza del suo genio e della sua creatività: i suoi strumenti hanno resistito alla prova del tempo e continueranno a essere venerati dai musicisti di tutto il mondo per i secoli a venire.

    La qualità sonora unica e la maestria artigianale dei violini Stradivariani li rendono molto ricercati sia dai collezionisti che dai musicisti. L'incomparabile bellezza musicale di questi strumenti continuerà ad attirare l'attenzione degli ammiratori per molti anni a venire.

    Grazie per aver letto!




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.