Re Amenhotep III: realizzazioni, famiglia e campo d'azione; regno

Re Amenhotep III: realizzazioni, famiglia e campo d'azione; regno
David Meyer

Amenhotep III (1386-1353 a.C. circa) fu il nono re della XVIII dinastia egizia. Amenhotep III fu conosciuto anche come Amana-Hatpa, Amenophis III, Amenhotep II e Nebma'atre, nomi che riflettono il concetto di compiacimento o soddisfazione del dio Amon o, come in Nebma'atre, il concetto di equilibrio soddisfatto.

Il contributo più significativo di Amenhotep III alla società egizia fu il suo sforzo per mantenere una pace duratura e costruire la prosperità del suo regno. Un minor numero di campagne militari all'estero permise ad Amenhotep III di incanalare le sue energie e il suo tempo nella promozione delle arti. Molte delle più maestose opere edilizie dell'antico Egitto furono costruite durante il suo regno. Quando fu messo alla prova da minacce esterne al suo regno, Amenhotep III si sentì in colpa.Le campagne militari di Amenofi III portarono non solo al rafforzamento dei confini, ma anche all'espansione dell'impero. Amenofi III governò l'Egitto per 38 anni con la sua regina Tiye, fino alla sua morte. Amenofi IV, il futuro Akhenaton, seguì Amenofi III sul trono egiziano.

Indice dei contenuti

Guarda anche: Città e regioni dell'antico Egitto

    Fatti su Amenhotep III

    • Amenhotep III (1386-1353 a.C. circa) fu il nono re della XVIII dinastia egiziana.
    • Aveva solo dodici anni quando salì al trono d'Egitto.
    • Amenhotep III governò l'Egitto per 38 anni con la sua regina Tiye, fino alla sua morte.
    • Amenhotep III aveva ereditato un impero egiziano favolosamente ricco. Piuttosto che combattere i suoi nemici, Amenhotep III fece ampio uso della diplomazia
    • Le note diplomatiche di Amenhotep III sono note come "Lettere di Amarna", scoperte nel 1887.
    • Le lettere di Amarna rivelano che anche i re non erano troppo orgogliosi per elemosinare doni d'oro egiziano.
    • Amenhotep III, noto sportivo e cacciatore, si vantava di aver ucciso 102 leoni selvatici.
    • La visione di Amenhotep III per il suo Egitto era quella di uno stato così magnifico da rendere i governanti concorrenti impressionati dalla ricchezza e dal potere dell'Egitto.
    • La sua versione di "shock and awe" comprendeva più di 250 templi, edifici, stele e statue costruiti durante il suo governo ed eretti in Egitto, Nubia e Sudan.
    • I Colossi di Memnon sono gli unici resti del tempio mortuario di Amenhotep III.
    • Mentre l'Egitto diventava sempre più ricco e influente sotto il regno di Amenhotep III, il sacerdozio del dio Amon si contendeva con il trono l'influenza politica.

    La discendenza del re Amenhotep III

    Amenhotep III era figlio di Tuthmosis IV. Sua madre era Mutemwiya, la moglie minore di Tuthmosis IV. Era il marito della regina Tiye, il padre di Akhenaton e Tutankhamon e il nonno di Akhsenamun. Durante il suo regno, Amenhotep III mantenne un ampio harem che annoverava tra i suoi membri anche principesse straniere. Tuttavia, i documenti sopravvissuti indicano chiaramente che il suo matrimonio con la regina Tiye era un amoreAmenhotep III sposò Tiye prima di diventare re. Inusuale per il suo status di moglie principale, Tiye era una popolana. In questo periodo molti matrimoni reali erano guidati dalla politica, ma il matrimonio di Amenhotep con Tiye sembra essere stato un matrimonio devoto.

    A dimostrazione della sua devozione, Amenhotep III costruì un lago largo 600 cubiti e lungo 3.600 cubiti nella città natale di Tiye, T'aru, e vi organizzò un festival durante il quale lui e Tiye navigarono sul "Disco delle Bellezze", la loro barca reale.

    Tiye diede ad Amenhotep III sei figli, due maschi e quattro femmine. Il primogenito Thutmose entrò nel sacerdozio. Il principe Thutmose morì, lasciando la strada al fratello, il futuro re Akhenaton, per salire al trono.

    Una tempesta incombente

    Come altri faraoni, anche Amenhotep III dovette affrontare sfide politiche e militari esterne. Amenhotep III aveva ereditato un impero egiziano favolosamente ricco. La vasta ricchezza dell'impero e l'influenza che ne derivava erano molto invidiate. Gli Stati circostanti, come l'Assiria, la Babilonia e il Mitani, stavano emergendo in questo periodo come potenziali rivali. Amenhotep era consapevole della necessità di proteggere laconfini dai suoi rivali, ma desiderava disperatamente evitare un'altra guerra costosa e dirompente.

    Si presentò una soluzione alternativa: invece di combattere i suoi nemici, Amenhotep III decise di ricorrere alla diplomazia. Iniziò a scrivere regolarmente agli altri sovrani del Vicino Oriente, sotto forma di lettere incise su piccole pietre, che venivano trasportate da messaggeri ai principi stranieri.

    Parole, sostituire le armi

    La nostra migliore fonte di prove dell'abile uso della diplomazia da parte di Amenhotep III proviene dalle Lettere di Amarna, scoperte nel 1887, che dimostrano come egli controllasse il suo mondo con le parole, non con le armi. Il faraone si era evoluto in un diplomatico di successo

    Amenhotep aveva un vantaggio fondamentale nelle trattative con i suoi rivali: la grande ricchezza dell'Egitto si trasformava in una leva di potere. Il controllo delle miniere d'oro della Nubia forniva all'Egitto un flusso costante di ricchezze che gli altri paesi potevano solo sognare. Gli ambasciatori portavano doni a dimostrazione della loro amicizia, mentre i paesi più piccoli inviavano tributi di animali esotici e altri tesori, a dimostrazione della loro amicizia.la loro fedeltà.

    Le lettere di Amarna rivelano che anche i re erano desiderosi di condividere l'oro egiziano e non erano troppo orgogliosi per implorare doni d'oro egiziano. Amenhotep gestì i suoi re supplicanti in modo abile, inviando loro un po' d'oro, ma lasciandoli sempre desiderare di più e rimanendo così fiduciosi nella sua buona volontà.

    Il regno di Amenhotep Iii

    Il padre di Amenhotep, Tuthmosis IV, lasciò in eredità al figlio un impero immensamente potente e ricco. Amenhotep III ebbe la fortuna di nascere in un periodo in cui il potere e l'influenza egiziana regnavano sovrani.

    Amenhotep III aveva solo dodici anni quando salì al trono d'Egitto e si sposò con Tiye nel corso di una sontuosa cerimonia reale. Subito dopo, Amenhotep III elevò Tiye al rango di Grande Moglie Reale. La madre di Amenhotep, Mutemwiya, non aveva mai ricevuto questo onore, il che poneva Tiye davanti a Mutemwiya nelle questioni della corte reale.

    Durante il suo regno successivo, Amenhotep III continuò in larga misura la politica del padre, dando il via a un importante programma di nuove costruzioni in tutto l'Egitto. Con la maturità, Amenhotep III acquisì padronanza della diplomazia. Era famoso per indebitare altri Paesi con doni sontuosi, tra cui l'oro. La sua reputazione di generosità nei confronti dei sovrani compiacenti si consolidò e godetterelazioni produttive con gli Stati circostanti l'Egitto.

    Noto sportivo e cacciatore, Amenhotep III si vantava, in un'iscrizione che sopravvive ancora oggi, che "il numero totale di leoni uccisi da Sua Maestà con le sue frecce, dal primo al decimo anno [del suo regno] fu di 102 leoni selvatici". Ancora più importante per l'Egitto, Amenhotep III si dimostrò un abile comandante militare che, secondo gli studiosi, avrebbe combattuto una campagna contro i Nubiani.Oggi abbiamo le iscrizioni scolpite per commemorare quella spedizione.

    In particolare, Amenhotep III mantenne l'onore delle donne egiziane, rifiutando con fermezza tutte le richieste di inviarle a sovrani stranieri come mogli o consorti, sostenendo che nessuna figlia egiziana era mai stata data a un sovrano straniero e che non sarebbe stato lui il faraone a rompere questa tradizione.

    Nel corso del suo lungo regno, Amenhotep III rispecchiò o superò le politiche paterne. Come il padre, Amenhotep III fu un entusiasta sostenitore delle tradizioni religiose egiziane. Questo sentimento religioso divenne un mezzo perfetto per esprimere la sua passione più coinvolgente, le arti e i suoi amati progetti di costruzione.

    Una predilezione per il monumentale

    La visione di Amenhotep III per il suo Egitto era quella di uno Stato così magnifico da rendere i sovrani e i dignitari concorrenti impressionati dalla ricchezza e dal potere dell'Egitto. Le fondamenta della sua versione di "shock and awe" comprendevano più di 250 templi, edifici, stele e statue costruite durante la sua permanenza sul trono.

    Oggi le statue note come Colossi di Memnon sono gli unici resti superstiti del tempio mortuario di Amenhotep III. Questi due giganti di pietra rappresentano maestosamente il più imponente monarca egiziano, Amenhotep III. Ognuno di essi è scolpito da un'unica massiccia roccia alta circa settanta piedi e pesante circa settecento tonnellate. Le loro dimensioni monumentali e gli intricati dettagli suggeriscono che il suo tempio mortuarioIl tempio, insieme agli altri progetti di costruzione di Amenhotep III, non sopravvissuti all'antichità, sarebbe stato altrettanto grandioso.

    Tra questi progetti scomparsi c'è il palazzo di piacere di Amenhotep III sulla riva occidentale del Nilo, a Malkata, di fronte alla capitale Tebe di Amenhotep III. Questo vasto complesso labirintico era noto come "La casa di Nebma'atre come splendore di Aten". Questo antico luogo di villeggiatura ospitava un lago lungo più di un miglio. Il complesso ospitava le residenze della regina Tiye e del figlio del re, Akhenaton. Una barca da diporto,Tiye accompagnava spesso Amenhotep III in questi viaggi di piacere, a ulteriore conferma che Tiye era il suo più stretto confidente sia nella vita privata che in quella pubblica.

    In base ai documenti storici sopravvissuti, Tiye sembra essersi comportata quasi alla pari con il marito, come dimostra il fatto che Tiye è raffigurata alla stessa altezza di Amenhotep su molte statue, a simboleggiare la perdurante uguaglianza e armonia del loro rapporto.

    Mentre Amenhotep si occupava di dirigere i suoi progetti edilizi, Tiye si occupava in larga misura degli affari di Stato dell'Egitto e gestiva il complesso del palazzo di Malkata. Sappiamo che Tiye si occupava di questi affari di Stato grazie alla corrispondenza che riceveva dai capi di Stato stranieri.

    A completamento degli ampi progetti edilizi di Amenhotep III durante il suo regno, Amenhotep III eresse anche 600 statue della dea Sekhmet intorno al Tempio di Mut, situato a sud di Karnak. Amenhotep III ristrutturò anche il Tempio di Karnak, collocò i leoni di granito a guardia della facciata del Tempio di Soleb in Nubia, costruì i templi di Amon, eresse la statuaria che raffigurava Amon, innalzòe ha decorato numerose pareti e monumenti con immagini che mostrano le sue gesta e il piacere che gli dèi ne hanno tratto.

    Nel suo primo anno da faraone, Amenhotep ordinò di sviluppare nuove cave di calcare a Tura. Alla fine del suo governo, le aveva quasi esaurite. Ben presto, le raffigurazioni di Amenhotep e delle sue amate divinità si diffusero in tutto l'Egitto in un'abile campagna di propaganda. Sotto la sua supervisione, intere città vennero risanate e le strade migliorate per consentire spostamenti più rapidi e agevoli. Il miglioramento dei trasportiI collegamenti consentivano ai mercanti di portare le loro merci sul mercato più rapidamente, dando così un gradito impulso all'economia egiziana.

    Grazie a un'economia vigorosa e all'aumento delle entrate provenienti dagli Stati assoggettati, l'Egitto divenne sempre più ricco e influente sotto il regno di Amenhotep III. Il suo popolo era in gran parte soddisfatto, a garanzia del potere del trono sullo Stato. L'unica minaccia al dominio reale era rappresentata dal sacerdozio del dio Amon, il cui culto si contendeva con il trono l'influenza politica.

    I sacerdoti di Amon e il Dio Sole

    Una base di potere parallela in Egitto, che contendeva l'influenza al trono reale di Amenofi III, era il culto di Amon. Il potere e l'influenza del culto si erano espansi a livello nazionale ben prima che Amenofi III salisse al trono. La proprietà terriera trasmetteva ricchezza nell'antico Egitto. All'epoca di Amenofi III, i sacerdoti di Amon rivaleggiavano con il faraone per la quantità di terre possedute.

    Aderendo alle tradizionali usanze religiose, Amenhotep III non si mosse apertamente per opporsi al potere del sacerdozio. Tuttavia, gli egittologi ritengono che l'immensa ricchezza e l'influenza dei culti costituissero una minaccia sostanziale al potere esercitato dal trono. Questa rivalità politica sempre presente ebbe un'influenza significativa sulla visione del mondo di suo figlio. All'epoca di Amenhotep III, gli antichi Egizi veneravano moltiPer la famiglia reale, tuttavia, Aten aveva un simbolismo ben preciso. Il significato di Aten si sarebbe manifestato in seguito nei controversi decreti religiosi di Akhenaton. In quel momento, tuttavia, Aten era semplicemente un dio venerato insieme a molti altri.

    Amenhotep III, il cui nome si traduce in "Amen è soddisfatto", incanalò grandi quantità di ricchezze dell'Egitto nel principale tempio di Amen-Re. Nel corso del tempo, i sacerdoti del tempio divennero sempre più ricchi e potenti. Solo loro potevano interpretare la volontà di Amen-Re. Il Faraone, nonostante la sua ricchezza e il suo potere personale, doveva obbedire ai loro dettami religiosi. Frustrato dal loro potere incombente, Amenhotep reindirizzò il suoUna decisione che avrebbe avuto enormi conseguenze per l'Egitto e per il faraone dopo la morte di Amenhotep III.

    Alcuni studiosi ritengono che, nel tentativo di limitare il potere dei sacerdoti di Amon, Amenhotep III si sia allineato con Aten più apertamente di qualsiasi altro faraone precedente. Aten era stato in precedenza un dio del sole minore, ma Amenhotep III lo elevò al livello di divinità personale del faraone e della famiglia reale.

    La morte di Amenofi e l'ascesa di Akhenaton

    Gli studiosi ritengono che Amenhotep III sia stato afflitto da artrite, da una grave malattia dentale e da una probabile obesità avanzata durante i suoi anni di declino. Si narra che abbia scritto al re di Mitanni, Tushratta, chiedendogli di inviare la statua di Ishtar che aveva accompagnato Mitanni in Egitto durante il matrimonio di Amenhotep III con Tadukhepa, una delle figlie di Tushratta. Amenhotep sperava che la statuaAmenhotep III morì nel 1353 a.C. Le lettere superstiti di numerosi sovrani stranieri, come Tushratta, sono piene di dolore per la sua morte ed esprimono il loro cordoglio alla regina Tiye.

    Eredità

    Il più grande lascito duraturo di Amenhotep III è stato indubbiamente la fioritura delle realizzazioni artistiche e architettoniche egiziane durante il suo regno. Questo gusto altamente sofisticato e raffinato per l'arte e l'architettura si è diffuso in tutti i settori della società egiziana e si è manifestato nelle tombe di importanti funzionari statali come Khaemhet e Ramose. Il governo di Amenhotep III ha lasciato dietro di sé alcune delle più importanti opere d'arte del mondo.Amenhotep merita giustamente il titolo di "Magnifico".

    L'altra eredità duratura di Amenhotep III fu quella di porre le basi per l'approccio unico al governo e alle riforme religiose del suo secondogenito Akhenaton. Amenhotep III cercò di limitare il crescente potere del sacerdozio di Amun riconoscendo altri culti. Uno di questi culti era una setta unica nel suo genere che venerava una forma del dio Ra nota come Aten. Questa divinità fu promossa dal figlio di Amenhotep, Akhenaton, come laQuesto creò un forte scisma nella società egiziana e le turbolenze che ne derivarono tormentarono l'Egitto per tutta la generazione successiva.

    Riflettere sul passato

    L'ossessione di Amenhotep III per i suoi monumentali progetti di costruzione ha alimentato il crescente potere del sacerdozio, che ha plasmato l'abbraccio radicale del monoteismo da parte del figlio?

    Immagine di testata per gentile concessione: Scan by NYPL [Public domain], via Wikimedia Commons

    Guarda anche: Il simbolismo del tasso nella Bibbia



    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.