Simbolismo dell'arcobaleno (8 significati principali)

Simbolismo dell'arcobaleno (8 significati principali)
David Meyer

I simboli raramente, se non mai, appartengono solo a un determinato gruppo o cultura. Una cosa o un fenomeno può simboleggiare più di una cosa, poiché ognuno può attribuirgli un significato diverso. Uno di questi fenomeni è l'arcobaleno, simboleggiato fin dalle prime civiltà umane.

In molte culture, religioni e mitologie, l'arcobaleno rappresenta una moltitudine di cose e non sorprende che questo arco di colori che attraversa il cielo blu brillante abbia affascinato l'umanità fin dalla notte dei tempi.

Da sempre gli esseri umani aggiungono significati propri alle cose che non capiscono, e un cielo pieno di colori diversi era sicuramente destinato a diventare un simbolo di qualche tipo. Vediamo quindi quali sono il simbolismo e i significati dell'arcobaleno.

L'arcobaleno simboleggia: speranza, pace, promesse, nuovi inizi, ricchezza, magia, arte e letteratura.

Indice dei contenuti

    Simbolismo e significato dell'arcobaleno

    Immagine di Kanenori da Pixabay

    Il simbolismo dell'arcobaleno è stato utilizzato nei primi miti delle civiltà antiche, fino alle odierne religioni abramitiche, ed è presente anche nella letteratura e nell'arte.

    L'umanità e il fascino dell'arcobaleno

    L'umanità è sempre stata affascinata dalla bellezza dell'arcobaleno, motivo per cui molte opere letterarie e artistiche gli sono dedicate.

    Gli artisti hanno cercato di catturarne l'essenza per secoli e molti erano convinti che l'arcobaleno avesse proprietà magiche. Naturalmente oggi, grazie alla scienza, sappiamo che l'arcobaleno è solo un'illusione ottica e non una cosa fisica che esiste.

    Tuttavia, anche il modo in cui si forma sembra magico: quando la luce colpisce le gocce d'acqua, crea un arcobaleno, che è il motivo per cui questo arco multicolore appare più spesso dopo una pioggia o intorno a cascate, nebbia e spruzzi marini.

    Contrariamente a quanto si crede, l'arcobaleno non è un semicerchio, ma un cerchio pieno che può essere visto solo da un aereo a causa dell'altitudine. È innegabile che i raggi multicolori dell'arcobaleno siano mozzafiato e che molte culture utilizzino l'arcobaleno come simbolo.

    La luce dopo la tempesta

    Bambino che disegna un arcobaleno su una finestra in casa

    Forse avrete sentito dire che la luce viene dopo la tempesta a chi sta attraversando un periodo difficile della propria vita. Per molti, l'arcobaleno significa la speranza di giorni migliori dopo una vita difficile.

    Si dice che l'arcobaleno appaia dopo che le tenebre sono scomparse. In realtà, la maggior parte dei simbolismi dell'arcobaleno sono in qualche modo legati alla speranza, come un futuro migliore e la fortuna. Tutto ciò implica la speranza di un domani migliore, per così dire.

    La speranza è la forza motrice che spinge le persone ad andare avanti nella vita, anche nei momenti più cupi, perché ci devono essere giorni buoni che aspettano dall'altra parte dell'arcobaleno. Come simbolo di speranza in tempi recenti, l'arcobaleno è stato il simbolo più diffuso in tutto il mondo durante le serrate mondiali.

    Come sostegno agli operatori medici, che erano in prima linea nella lotta contro la pandemia, i bambini hanno iniziato ad apporre disegni di arcobaleni sulle finestre, ispirando un'ondata di speranza.

    Pace e cambiamento sociale

    Immagine di Boris Štromar da Pixabay

    Nel corso del XX secolo, l'arcobaleno è stato spesso visto come simbolo di vari movimenti e cambiamenti sociali. Gli anni '60 sono stati un periodo di proteste contro la guerra, e le proteste pacifiche che hanno avuto luogo durante il decennio sono state inondate di bandiere arcobaleno per rappresentare il desiderio di pace.

    Negli anni '70, Gilbert Baker disegnò la bandiera arcobaleno che la comunità LGBT usa ancora oggi, eliminando il triangolo rosa che i nazisti usavano per stigmatizzare e opprimere questo gruppo emarginato.

    Negli anni '90, poi, l'arcivescovo Desmond Tutu coniò il termine "nazione arcobaleno" per descrivere il Sudafrica; lo stesso termine fu usato nel 1994 da Nelson Mandela come simbolo di unità e riconciliazione.

    Promessa divina

    Rappresentazione a fumetti di un arcobaleno sull'arco di Noè

    Nelle religioni abramitiche, in particolare nell'ebraismo e nel cristianesimo, rappresenta la promessa divina di Dio a Noè. Nel Libro della Genesi, dopo il Diluvio biblico, l'arcobaleno apparve nel cielo come promessa di Dio che non avrebbe più inondato il mondo e che era sicuro ripopolarlo.

    L'arcobaleno rappresenta anche il nuovo inizio prospero che attende coloro che si trovano nell'arco di Noè nel nuovo mondo.

    Il ponte degli dei

    Il dio norreno Heimdallr si trova davanti a un ponte arcobaleno mentre suona un corno

    Immagine per gentile concessione: wikipedia.org

    In diversi miti di culture antiche l'arcobaleno è il simbolo del ponte tra gli dei e l'umanità. Nella mitologia norrena si ritiene che un ponte arcobaleno infuocato, chiamato Bifrost, colleghi Midgard (Terra) e Asgard, il regno degli dei. Solo gli dei e i guerrieri caduti in battaglia potevano percorrere il Bifrost.

    Guarda anche: Che lingua parlavano i romani?

    Nella mitologia romana, invece, si pensava che gli arcobaleni fossero i sentieri percorsi dal dio messaggero Mercurio. La tradizione navajo dice che l'arcobaleno è un sentiero percorso dagli spiriti sacri. Nella mitologia greca, l'arcobaleno era il sentiero che la dea Iris percorreva dal Monte Olimpo per portare gli ordini degli dei nella terra dei mortali.

    Nella mitologia maori, fu Hina, o la luna, a far sì che l'arcobaleno si estendesse dai cieli fino alla Terra, in modo che il suo sposo mortale potesse tornare sulla Terra per morire, poiché la morte non può entrare nella sua dimora celeste.

    Guarda anche: I 22 principali simboli dell'antica Roma e il loro significato

    Ricchezza e magia

    Una pentola piena d'oro alla fine dell'arcobaleno.

    Probabilmente avrete sentito dire che alla fine dell'arcobaleno c'è una pentola d'oro. Questa credenza deriva dalla mitologia celtica, in quanto le antiche monete d'oro celtiche erano chiamate "piattini arcobaleno".

    La pentola d'oro che si dice si trovi alla fine dell'arcobaleno è un tesoro appartenente ai folletti irlandesi. I folletti sono piccole fate che vestono di verde e fanno le scarpe. Secondo il mito, la trappola è l'unico modo per convincere un folletto a consegnare il suo tesoro.

    Tuttavia, chi intrappola un folletto deve fare attenzione perché cercherà di ingannarlo e di fargli distogliere lo sguardo, facendo scomparire sia il folletto che il tesoro. Questa storia è il motivo per cui molti associano l'arcobaleno a un segno di buona fortuna.

    Arte e letteratura

    Il mondo dell'arte e della letteratura è stato a lungo affascinato dai colori dell'arcobaleno e dal tentativo di catturarne la bellezza. L'arcobaleno era particolarmente popolare tra gli artisti romantici e impressionisti del XIX secolo, come Monet.

    Ma forse è nella poesia che l'arcobaleno ha il simbolismo più potente: ci sono poesie che usano l'arcobaleno come simbolo della divinità di Dio e come meraviglia delle conquiste della scienza nel rispondere alle domande di una vita.

    C'era una divisione tra i poeti che scrivevano durante l'Età della Ragione e i Romantici. I poeti dell'Età della Ragione lodavano la scienza, come in "L'arcobaleno" di James Thompson, dove elogia le scoperte di Newton.

    Al contrario, i romantici ritenevano che l'inclusione della scienza nell'arte potesse distruggere la meraviglia della natura. Fu John Keats a sostenere che Newton era riuscito a "tessere un arcobaleno" attraverso le sue scoperte scientifiche con i prismi.

    Arcobaleni e cattivi presagi

    Immagine di Susanne Stöckli da Pixabay

    Anche se la maggior parte dei simbolismi e dei significati dell'arcobaleno indicano cose positive, ci sono culture in cui l'arcobaleno è di cattivo auspicio.

    Per esempio, nell'antica cultura Inca si credeva che l'arcobaleno fosse un serpente del cielo e per paura non osavano nemmeno alzare gli occhi al cielo e spesso si coprivano la bocca con le mani quando appariva un arcobaleno.

    Un'altra cultura che crede che l'arcobaleno sia un serpente del cielo è il Vietnam. I vietnamiti chiamano l'arcobaleno "serpente del cielo periglioso", che significa due serpenti interconnessi. In queste due culture l'arcobaleno significa cose cattive in arrivo, a differenza della maggior parte delle altre culture, dove l'arcobaleno è visto come un buon auspicio.

    Parola finale

    La simbologia e il significato dell'arcobaleno sono molto diversi tra loro. I simboli dell'arcobaleno più diffusi nelle culture di tutto il mondo sono quelli della speranza, della fortuna, della ricchezza e delle cose principalmente positive.

    Tuttavia, alcune culture considerano l'apparizione di un arcobaleno nel cielo come un cattivo presagio. Naturalmente, oggi, grazie alla scienza, sappiamo che l'arcobaleno è solo un'illusione ottica, un fenomeno meteorologico causato dalla riflessione della luce nelle gocce d'acqua. Tuttavia, l'arcobaleno è un fenomeno mozzafiato da vedere.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.