Simbolismo della montagna (9 significati principali)

Simbolismo della montagna (9 significati principali)
David Meyer

Le montagne si ergono come giganti di fronte all'umanità, quindi non sorprende che spesso ispirino in noi sentimenti di riverenza e soggezione. Per quanto l'uomo fosse pietrificato dall'idea di scalare questi giganti, essi esigevano comunque il suo rispetto.

La vastità e le incredibili altezze hanno portato molte culture a credere che le montagne raggiungano il cielo e che siano quanto di più vicino al cielo l'uomo possa raggiungere sul piano terrestre.

Molte religioni e culture hanno opinioni diverse sul simbolismo e sul significato delle montagne. Scopriamole!

Le montagne simboleggiano cose positive come: libertà, avventura, forza, protezione, forza della natura e sacralità.

Guarda anche: Simboli del bene e del male e loro significato >

Simbolismo e significato della montagna

Immagine di kordula vahle su Pixabay

Le montagne sono spesso al centro di pellegrinaggi che portano a risvegli spirituali e hanno ispirato molti artisti e scrittori a creare incredibili opere d'arte.

Perché le persone simboleggiano le montagne?

Le montagne sono sempre state viste come elementi della natura potenti e impressionanti. Non si può fare a meno di sentirsi ispirati dalla loro magnificenza, motivo per cui sono spesso oggetto di opere letterarie e artistiche. L'uomo ha sempre visto le montagne come una personificazione della libertà e dell'avventura.

Tuttavia, le montagne simboleggiano l'irraggiungibile in passato, a causa della mancanza di passaggi, il che significa che spesso le prime civiltà pensavano che le montagne fossero il confine del mondo a causa dell'impossibilità di attraversarle.

Gli esseri umani hanno sempre avuto la tendenza ad attribuire un significato alle cose che considerano più grandi di loro, e le montagne sono una forza di potere. Non sorprende quindi che le montagne fossero considerate simboli di grandi cose.

Libertà

Immagine di Henning Sørby su Pixabay

Per molti, la montagna rappresenta la massima libertà dalle costrizioni e dallo stress della vita quotidiana. Ci sono escursionisti, ciclisti e anche coloro che si recano occasionalmente in montagna che attribuiscono alla montagna il simbolismo della libertà.

Le montagne rappresentano il massimo della libertà, perché le regole della civiltà non contano a quell'altezza. Non è necessario tenere tutto sotto controllo.

Potete urlare le vostre frustrazioni, correre, cantare e ballare come se nessuno vi guardasse, perché nessuno lo fa. Solo l'immensità della natura vi assiste sulle montagne.

Avventura

Immagine di taf78 da Pixabay

Il desiderio di avventura dell'umanità ha portato all'interconnessione di oggi. Il desiderio di avventura ha spinto gli esploratori a percorrere grandi distanze, a trovare modi per scalare le montagne e a scoprire nuovi continenti.

Le montagne offrono all'uomo molti sentieri e nuove cose da scoprire, che saziano la nostra sete di avventura. Ecco perché l'escursionismo è uno sport così popolare: permette di perdersi nella natura e di scoprire cose nuove.

Forza della natura

Immagine da Pexels su Pixabay

Se c'è una cosa che l'uomo ha sempre rispettato e considerato potente, sono le montagne. Per l'uomo, le montagne sono una forza della natura, una manifestazione fisica di tutti i poteri della natura. Una persona non può fare a meno di sentirsi insignificante di fronte a questi giganti.

Con la loro forza inamovibile, ricordano all'umanità che la natura è una forza con cui fare i conti. In passato, si credeva addirittura che le montagne fossero giganti addormentati in attesa di essere svegliati.

Il confine del mondo

Immagine di Jörg Vieli su Pixabay

Se avete osservato le antiche mappe del mondo, avrete notato che spesso terminano all'inizio delle catene montuose, perché non c'erano passaggi sicuri per proseguire le esplorazioni.

Le montagne rappresentavano quindi la fine della strada, inducendo le persone a pensare che fossero il confine del mondo. Non potendo superare le montagne, molte culture pensavano addirittura che al di là di esse non ci fosse nulla.

Certo, oggi, con il progresso tecnologico, ad esempio con gli aerei, nessuna montagna può essere superata, ma in passato sono state giustamente considerate la fine della strada.

La sacralità delle montagne

Molte culture e religioni, nel corso della storia dell'umanità, hanno conservato credenze sacre riguardo al simbolismo e al significato delle montagne. Molte montagne in tutto il mondo sono considerate sacre.

Secondo Edwin Bernbaum, anche se diverse tra loro, le montagne sacre condividono schemi e temi simili che vengono rappresentati in una certa cultura: altezza, centro, potere, divinità, tempio o luogo di culto, paradiso o giardino, antenati e morti, identità, fonte, trasformazione, ispirazione e rinnovamento.

Alcune montagne sacre del mondo sono le seguenti:

Monte Olimpo

Il Monte Olimpo in Grecia

Una delle montagne sacre più conosciute è il Monte Olimpo, in Grecia, la cui cima è considerata la dimora degli antichi dei greci.

Secondo gli antichi miti, la montagna fu anche il luogo della Guerra dei Titani, in cui gli dei greci sconfissero i Titani.

Monte Kailash

Tibet. Monte Kailash, parete sud.

Questa montagna del Tibet è considerata sacra da cinque religioni: il giainismo, l'induismo, il bon, il sikhismo e l'ayavazhi. Secondo le credenze dell'induismo e dell'ayavazhi, il Monte Kailash è la dimora del Dio Shiva.

Secondo le credenze buddiste, il Monte Kailash è la dimora della divinità guardiana Samvara e la montagna ha poteri soprannaturali in grado di cancellare i peccati di tutta la vita di una persona. I giainisti credono che il loro fondatore abbia raggiunto l'illuminazione sul Monte Kailash.

I seguaci di Bon credono che sul Kailash viva una dea del vento, mentre i Sikh ritengono che il primo Guru Sikh abbia visitato la montagna durante il terzo Uddasi (viaggio spirituale).

Monte Meru

Bella vista sul monte Meru

Si tratta di una montagna cosmica estremamente importante per la religione induista, che crede che questa montagna cosmica sia il centro di tutta la creazione e la casa degli dei Shiva e Parvati.

Inoltre, secondo la mitologia indiana, si dice che il sole, la luna e le stelle ruotino intorno al Monte Meru.

Monte Sinai

Il monastero medievale fortificato di Santa Caterina, situato ai piedi del monte roccioso dell'omonima città, nel Sinai, in Egitto.

Secondo la Torah, il Monte Sinai è il luogo in cui Dio diede a Mosè i Dieci Comandamenti. Ai piedi del Monte Sinai si trova il Monastero di Santa Caterina, fondato dall'imperatrice Elena, madre di Costantino, il primo imperatore romano cristiano.

Arte e letteratura

Vergine con Bambino e Sant'Anna, dipinto a olio su tavola (1510 d.C. circa) dell'artista italiano Leonardo da Vinci (1452-1519)

Come spesso accade, gli artisti hanno visto e catturato per primi la cruda bellezza e le emozioni che le montagne ispirano. Per esempio, Leonardo da Vinci fu molto ispirato dalla sua scalata delle Alpi. Nelle sue opere, la Vergine col Bambino e Sant'Anna e la Vergine delle Rocce, da Vinci è riuscito a catturare le sensazioni dell'infinito.

Guarda anche: I 5 principali fiori che simboleggiano il lutto

Tiziano è un altro artista che è stato fortemente ispirato dalle montagne. I suoi dipinti delle Prealpi evocano sentimenti di nostalgia e di amore profondo. Il più grande simbolo della grandezza delle montagne è la statua del Giambologna che personifica gli Appennini come un gigante barbuto.

Anche molti scrittori sono stati profondamente toccati dalle montagne: Jung, guardando dalla cima del Rigi, fu riempito di una tale riverenza da convincersi che le montagne contenessero l'essenza di Dio.

Conclusione

In conclusione, ci sono molte opinioni diverse in base alle culture e alle religioni. Tuttavia, possono anche essere simili, poiché molte culture considerano le montagne come sacre. Mentre a livello individuale, le montagne sono associate alla libertà e all'avventura.

Per molti, la montagna è il luogo dove andare per ricaricarsi dallo stress quotidiano.




David Meyer
David Meyer
Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.