Chi ha inventato le tasche? Storia della tasca

Chi ha inventato le tasche? Storia della tasca
David Meyer

Secondo la definizione [1], una tasca è un sacchetto, una borsa o un pezzo di tessuto sagomato, attaccato all'esterno o all'interno di un indumento per trasportare piccoli oggetti.

Esistono diversi tipi di tasche nei capi d'abbigliamento, ma non è sempre stato così. Le prime tasche erano piccoli sacchetti che le persone appendevano alla cintura per portare monete e altri piccoli oggetti di valore.

Vi parlerò della storia della tasca e di come è cambiata nel corso dei secoli.

Indice dei contenuti

    Da dove viene la parola "tasca"?

    Alcuni suggeriscono che la parola pocket derivi dalla parola anglo-normanna " pokete " [2] , che si traduce in " borsa piccola ".

    Foto di K8 su Unsplash

    Altri sostengono che derivi dall'antico francese settentrionale "poquet" [3] , che significa anche borsa o sacco. Indipendentemente dall'origine, la definizione moderna della parola "tasca" ha senso. Ora spiegherò la storia della tasca.

    Chi ha inventato le tasche e quando?

    Le tasche pendono dalle cinture dei contadini del 15° secolo.

    Tacuinum Sanitatis - The Gode Cookery, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    Non sappiamo esattamente quando sia stata realizzata la prima tasca, ma le tasche esistono da molto tempo, più di quanto si possa pensare.

    Si ritiene che le tasche siano state inventate per la prima volta nel Medioevo per tenere al sicuro gli oggetti di valore; in origine erano cucite negli abiti ed erano accessibili solo dall'esterno.

    Tuttavia, durante le mie ricerche ho scoperto che la storia della tasca risale al 3.300 a.C..

    Il 19 settembre 1991, sul ghiacciaio del Similaun, nelle Alpi Venoste, è stata rinvenuta una mummia di uomo perfettamente conservata [4] , al confine tra Italia e Austria.

    Conosciuta come "l'Uomo venuto dal ghiaccio", la cosa più interessante di questa mummia è che aveva un sacchetto di cuoio legato alla cintura, dotato anche di una sottile cinghia di cuoio per chiudere l'apertura.

    Tuttavia, le tasche sono state il primo tipo di tasca che ha aperto la strada alle tasche moderne. Furono inventate nel XIII secolo in Europa [5] sotto forma di fessure verticali tagliate nelle super tuniche. Ma queste tasche non erano molto conosciute.

    Secondo la storica Rebecca Unsworth [6], le tasche divennero più evidenti tra la fine del XV e l'inizio del XVII secolo.

    Qual era lo scopo dell'invenzione delle tasche?

    Il sacchetto trovato con la mummia dell'Uomo venuto dal ghiaccio conteneva una serie di oggetti diversi [7] , tra cui un fungo di acciarino essiccato, un punteruolo d'osso, una scaglia di selce, un trapano e un raschietto.

    Gli scienziati hanno colpito il fungo acciarino contro la pietra focaia, producendo una pioggia di scintille. È stato quindi stabilito che il fungo acciarino e la pietra focaia si trovavano nell'astuccio per accendere il fuoco. Quindi, le popolazioni antiche usavano le tasche per trasportare gli oggetti essenziali per la sopravvivenza.

    Per quanto riguarda le tasche, introdotte nel XIII secolo (e successivamente), gli uomini le usavano per conservare denaro e altri piccoli oggetti di valore, mentre le donne usavano le prime varianti di tasche per trasportare tabacchiere, sali e fazzoletti.

    È importante notare che le donne dell'epoca erano impegnate soprattutto a cucinare e a cucire, quindi usavano le tasche anche per portare forbici, coltelli e grattugie per la noce moscata.

    Come sono cambiate le tasche nel tempo

    Nel XV secolo sia gli uomini che le donne indossavano sacchetti per trasportare monete ed effetti personali [8]. Il design di questi sacchetti era lo stesso per entrambi i sessi e potevano essere nascosti sotto gli abiti, come una giacca o un cappotto, per non essere visti.

    All'epoca, tutte le tasche erano fatte a mano per adattarsi a un gilet o a una sottoveste specifici. Poi, nel XVII secolo, le tasche divennero più comuni e cominciarono a essere cucite nella fodera degli abiti maschili [9] .

    Tasca pendente da donna del XVIII secolo

    Museo d'arte della contea di Los Angeles, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    La storia delle tasche per le donne si è evoluta lentamente e, all'inizio del XVIII secolo, le donne hanno richiesto borse per riporre le loro cose, invece di tasche di stoffa. Di conseguenza, sono state realizzate piccole borse a rete, chiamate reticoli [10].

    Guarda anche: I 24 simboli più antichi della conoscenza e della saggezza con i loro significati

    Dapprima divennero popolari nella moda francese e poi raggiunsero la Gran Bretagna, dove la gente cominciò a chiamarle "indispensabili". Ma ancora gli abiti femminili non avevano tasche.

    Guarda anche: I 9 principali fiori che simboleggiano il coraggio

    La prima idea di aggiungere le tasche agli abiti femminili è stata data nella Workman's Guide [11] , pubblicata nel 1838, ma ci sono voluti quasi 40 anni prima che gli stilisti aggiungessero le tasche agli abiti femminili, diventando una consuetudine tra gli anni Ottanta e Novanta dell'Ottocento [ 1 2] .

    Foto di Mica Asato su Pexels

    Nel XIX secolo, sia i pantaloni da uomo che quelli da donna cominciarono a essere dotati di tasche, ma l'umanità non conosceva ancora la bellezza dei jeans. Poi, il 20 maggio 1873 [13] , Levi Strauss & Co. inventò i jeans (ovviamente, con le tasche), soprattutto per gli uomini che lavoravano nei campi.

    Più tardi, nel 1934, la stessa azienda iniziò a commercializzare i jeans Lady Levi's [14] per celebrare il suo 80° anniversario.

    Sebbene questi jeans con le tasche siano stati realizzati per la classe operaia, sono stati associati alla "gioventù cool", grazie a film come Il selvaggio [15] e Gioventù bruciata [16]!

    Tasche moderne

    Oggi le tasche sono utilizzate per una varietà di scopi, tra cui tenere chiavi, telefoni e altri piccoli oggetti. Alcune tasche sono anche abbastanza grandi da contenere portafogli o occhiali da sole.

    Foto di RODNAE Productions su Pexels

    Oggi è difficile trovare un capo di abbigliamento casual da uomo e da donna senza tasche. L'abbigliamento moderno è dotato di diversi tipi di tasche, tra cui le seguenti:

    • Tasca esterna sul petto: Situato sul lato sinistro della giacca, di solito contiene solo un fazzoletto o una o due banconote.
    • Tasca interna sul petto: Si trova all'interno della giacca (di solito sul lato sinistro) e di solito contiene oggetti di valore come portafogli, passaporti o penne.
    • Tasca dell'orologio: Nei pantaloni o nei gilet, questa tasca viene utilizzata per portare l'orologio da taschino, ma ora si trova anche nei jeans come piccola tasca rettangolare sul lato destro, nota anche come portamonete.
    • Tasche portaoggetti: Grandi tasche dei pantaloni cargo e dei jeans, sono state inizialmente realizzate sulle uniformi da combattimento per trasportare grandi oggetti legati alla battaglia.
    • Tasche oblique: Sono incastonati nell'indumento in posizione obliqua e si trovano su giacche, pantaloni e mutande. Le persone li usano per portare smartphone, chiavi e portafogli.
    • Tasca arcuata: Si trovano sul retro dei jeans e vengono utilizzati dalla maggior parte delle persone come portafogli.

    Parole finali

    In tutti questi anni, il contenuto delle tasche è sicuramente cambiato, ma la nostra necessità è sempre la stessa. È quasi inconcepibile per la maggior parte delle persone, soprattutto per gli uomini, indossare abiti senza tasche quando si esce di casa.

    La maggior parte degli uomini usa le tasche per riporre i propri effetti personali, mentre le donne di solito usano borse e borsette per lo stesso scopo. Spero che ora capiate come le tasche siano cambiate nel tempo e come rendano la vostra vita più comoda!




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.