Perché i Vichinghi hanno lasciato il Nord America?

Perché i Vichinghi hanno lasciato il Nord America?
David Meyer

I vichinghi hanno fatto parte della storia dell'umanità per secoli, lasciando un segno indelebile in molte culture e luoghi. Tuttavia, un mistero che ha lasciato a lungo perplessi gli storici è il motivo per cui hanno lasciato il Nord America.

Guarda anche: I 23 principali simboli del cambiamento nel corso della storia

Dalle colonie norrene in Groenlandia all'insediamento occidentale presso L'Anse aux Meadows, nella costa di Terranova e del Labrador, sono molte le domande senza risposta che riguardano la loro partenza.

Tuttavia, recenti scoperte archeologiche hanno fatto luce su questa annosa questione e gli esperti possono ora offrire alcune intriganti teorie sul perché i Vichinghi e i norreni groenlandesi se ne siano andati.

I motivi sono i cambiamenti climatici, la durezza del terreno e i conflitti con le tribù locali.

Indice dei contenuti

    Insediamento nordamericano in Groenlandia

    L'insediamento norreno della Groenlandia e del Nord America continentale è una delle storie di esplorazione più famose prima di Colombo.

    Come Colombo scoprì l'America, Leif Erikson scoprì e stabilì il primo insediamento vichingo in Groenlandia. L'espansione vichinga fu possibile grazie alla loro avanzata tecnologia marittima, che permise loro di sfidare le infide acque dell'Oceano Atlantico settentrionale.

    Gli insediamenti norreni in Groenlandia iniziarono intorno al 985 d.C., quando Eirik Thorvaldsson navigò verso ovest dall'Islanda e sbarcò per la prima volta e si stabilì in Groenlandia. Altri coloni norreni lo seguirono presto e, nel corso dei secoli, questo insediamento fiorì, con la creazione di una fiorente comunità di agricoltori e pescatori.

    Le Saghe islandesi raccontano che questi coloni si spinsero a ovest fino a Terranova in cerca di oro e argento, ma non ci sono prove che abbiano incontrato i nativi americani o che si siano stabiliti sulla terraferma del Nord America.

    Siti norreni confermati si trovano oggi in Groenlandia e in località del Canada orientale come Meadows. Le saghe norrene descrivono incontri con i nativi americani in quelle che oggi sono conosciute come le isole Baffin e sulla costa occidentale del Canada.

    Godthåb in Groenlandia, 1878 circa

    Nationalmuseet - Il Museo Nazionale della Danimarca dalla Danimarca, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

    Insediamenti a L'Anse aux Meadows

    Questo insediamento vichingo è stato scoperto dall'esploratore norvegese Helge Ingstad nel 1960 ed è stato occupato per la prima volta intorno al 1000 d.C., durando forse qualche decennio prima di essere abbandonato. [1]

    Si ritiene che questo insediamento fosse una base per l'esplorazione lungo la costa canadese, ma il motivo per cui fu abbandonato è rimasto poco chiaro.

    In questo tratto di costa c'erano pochi fiordi, il che rendeva difficile trovare un porto adatto. Una volta sbarcati, incontrarono un popolo indigeno chiamato Beothuks, che in seguito avrebbe avuto un ruolo importante nelle loro saghe.

    A parte la presenza vichinga in Groenlandia, è l'unico sito norreno confermato in questa regione.

    Insediamento orientale sull'isola di Baffin

    Gli esploratori norreni si sarebbero poi estesi da questo sito alle isole Baffin e forse anche più a ovest, lungo la costa del Canada.

    Secondo le saghe norrene, Leif Eriksson, figlio del re norvegese, esplorò una regione che chiamarono Vinland (che potrebbe trovarsi nell'attuale New England) e trovò uva selvatica, pietre piatte e utensili di ferro.

    Le relazioni tra i norreni e i nativi americani erano spesso ostili, come descritto nelle Saghe islandesi, quindi è improbabile che siano stati creati insediamenti oltre Terranova.

    Insediamento occidentale

    A metà del XIV secolo, tutti gli insediamenti norreni erano stati abbandonati. È impossibile sapere quali furono le cause del declino di queste colonie.

    Sbarco dei Normanni in Islanda, dipinto di Oscar Wergeland (1909).

    Oscar Wergeland, dominio pubblico, via Wikimedia Commons

    L'insediamento norreno più noto si trovava nei pressi di L'Anse aux Meadows, che si ritiene sia stato occupato per almeno qualche decennio. Questo sito diede ai coloni norreni l'accesso a risorse preziose come il ghiaccio marino, le zanne di tricheco e il legname che poteva essere utilizzato o venduto sui mercati europei. [2]

    Tuttavia, è probabile che il cambiamento climatico e la diminuzione delle risorse, come l'avorio dei trichechi, abbiano giocato un ruolo importante.

    I Vichinghi furono i primi europei a esplorare e a stabilirsi in Nord America, ma i loro insediamenti non durarono a lungo, lasciando comunque un'eredità duratura nella cultura nordamericana attraverso le loro storie di esplorazione e scoperta, che vengono celebrate ancora oggi.

    Il cambiamento climatico e la Piccola Era Glaciale

    Una possibile ragione per cui i Vichinghi lasciarono il Nord America è dovuta ai cambiamenti climatici, in particolare durante il periodo noto come Piccola Era Glaciale (1400-1800 d.C.).

    Durante questo periodo, le temperature medie in Groenlandia e in Europa si abbassarono notevolmente, il che potrebbe aver causato una diminuzione delle risorse, come il pesce e il legname, necessarie per la sopravvivenza dei coloni norreni.

    Questo potrebbe averli costretti ad abbandonare gli insediamenti in Groenlandia e a L'Anse aux Meadows, lasciando solo piccoli insediamenti nelle isole Baffin. [3]

    Anche se i loro insediamenti non durarono, aprirono agli europei una nuova frontiera e li introdussero in una cultura completamente diversa.

    Interruzione del commercio e delle risorse

    Un'altra possibile ragione per cui i Vichinghi lasciarono il Nord America fu l'interruzione del commercio e delle risorse: con l'ascesa dell'Europa nel Medioevo, i mercanti vichinghi dovettero competere con le grandi potenze europee per l'accesso a risorse come il pesce, il legname da raccolta e i minerali metallici.

    Guarda anche: 23 importanti simboli della natura con i loro significati

    Questo potrebbe averli costretti a ridurre le loro operazioni in Nord America o ad abbandonare del tutto i loro insediamenti a causa della mancanza di rotte commerciali redditizie.

    Differenze religiose e culturali

    Idea dell'artista del re Olaf Tryggvason di Norvegia

    Pietro Nicolai Arbo, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons

    I coloni norreni potrebbero essere stati scacciati anche da differenze religiose e culturali: i nativi americani che incontrarono avevano credenze e valori distinti, che potrebbero essersi scontrati con la loro visione del mondo.

    Questo avrebbe potuto portare a una mancanza di fiducia tra i due gruppi e infine a conflitti.

    Anche i fattori interni agli insediamenti norreni possono aver contribuito al loro declino: con la mancanza di risorse e un paesaggio ostile, i coloni potrebbero non essere stati in grado di sostenersi o di far crescere la popolazione.

    Altri fattori

    Oltre ai cambiamenti climatici, alle interruzioni del commercio e alle differenze culturali, potrebbero essere stati altri i fattori che hanno portato al declino degli insediamenti norreni in Nord America, tra cui i cambiamenti nell'economia globale o nelle dinamiche del potere politico, le malattie e le carestie e le catastrofi naturali come siccità e inondazioni.

    Conclusione

    Sebbene gli insediamenti norreni in Nord America siano stati di breve durata, rimangono una parte importante della storia come periodo di esplorazione e scoperta che ha plasmato il paesaggio culturale che conosciamo oggi.

    Le testimonianze archeologiche suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto a una combinazione di fattori, tra cui il cambiamento del clima, l'interruzione del commercio e delle risorse, le relazioni ostili con le tribù di nativi americani locali e altro ancora. In definitiva, la vera ragione della loro partenza rimarrà probabilmente sconosciuta.

    Tuttavia, la loro eredità e le loro storie rimangono nella nostra memoria collettiva e servono a ricordare le incredibili imprese compiute dai nostri antenati nella loro ricerca di scoperte.




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.