Giochi e giocattoli dell'Antico Egitto

Giochi e giocattoli dell'Antico Egitto
David Meyer

Quando pensiamo agli antichi egizi, ci vengono in mente le piramidi di Giza, l'immenso complesso di templi di Abu Simbel, la Valle dei Morti o la maschera mortuaria del re Tutankhamon. Raramente riusciamo a vedere gli antichi egizi comuni che fanno le cose di tutti i giorni.

Eppure ci sono numerose prove che indicano che gli antichi Egizi, sia bambini che adulti, si divertivano a giocare con una serie di giochi, in particolare da tavolo. Per una cultura quasi ossessionata dall'aldilà, gli antichi Egizi credevano fermamente che per guadagnarsi la vita eterna, bisognava prima godersi la vita e assicurarsi che il tempo trascorso sulla terra fosse degno di una vita ultraterrena duratura. Gli egittologi e i linguisti hanno rapidamenteAbbiamo scoperto che gli antichi Egizi apprezzavano in modo ricco e complesso le semplici gioie della vita e che questo sentimento si rifletteva negli aspetti quotidiani della loro vibrante cultura.

Facevano giochi che richiedevano agilità e forza, erano appassionati di giochi da tavolo che mettevano alla prova la loro strategia e la loro abilità e i loro bambini giocavano con i giocattoli e facevano il bagno nel Nilo. I giocattoli dei bambini erano fatti di legno e argilla e giocavano con palle fatte di cuoio. Immagini di egiziani comuni che danzavano in cerchio sono state scoperte in tombe vecchie di migliaia di anni.

Indice dei contenuti

    Fatti sui giochi e giocattoli dell'Antico Egitto

    • I giochi da tavolo erano uno dei giochi ricreativi preferiti dagli antichi Egizi.
    • La maggior parte dei bambini dell'antico Egitto possedeva un giocattolo di base di qualche tipo.
    • Il Senet era un popolare gioco da tavolo per due persone
    • I giochi da tavolo potevano essere graffiati nella nuda terra, intagliati nel legno o ricavati da elaborate tavole intagliate e intarsiate con materiali preziosi.
    • La tomba del re Tutankhamon conteneva quattro tavole di Senet
    • I giochi da tavolo venivano spesso scavati nelle tombe e nelle fosse per accompagnare il loro proprietario nel suo viaggio nell'aldilà.
    • I giochi da tavolo venivano usati per rilassarsi dopo una lunga giornata di lavoro.
    • Le nocche sono state ricavate dalle ossa delle caviglie delle pecore.
    • I bambini dell'Antico Egitto giocavano a versioni di hopscotch e leapfrog.

    Separare il mito da un gioco

    Non è sempre chiaro se un giocattolo o un gioco fosse destinato ad essere solo un giocattolo o un gioco o se si trattasse di un oggetto magico come le bambole o le statuette usate per scopi religiosi o magici. Il popolare gioco da tavolo Mehen è un esempio di gioco, che condivide le sue radici con un'esibizione rituale dell'abbattimento del dio Apophis in una cerimonia volta ad impedire al Grande Serpente di devastare Ra's.barcone durante il suo viaggio notturno attraverso il mondo sotterraneo.

    Sono state scoperte molte tavole di Mehen in cui l'incisione superficiale del serpente è divisa in segmenti che riproducono lo smembramento di Apophis. Nella sua forma di gioco, i quadrati sono semplicemente spazi sulla tavola che delineano i posti per i pezzi di gioco, senza alcun legame con la leggenda di Apophis, a parte il suo disegno serpentino.

    I giochi da tavolo nell'Antico Egitto

    I giochi da tavolo erano molto popolari nell'antico Egitto e ne erano diffusi diversi tipi, sia per due giocatori che per più giocatori. Oltre ai set di giochi utilitari utilizzati dagli egizi di tutti i giorni, nelle tombe di tutto l'Egitto sono stati rinvenuti set decorati e costosi, caratterizzati da intarsi di materiali preziosi come ebano e avorio.Allo stesso modo, l'avorio e la pietra venivano spesso intagliati in dadi, che erano elementi comuni a molti giochi dell'antico Egitto.

    Senet

    Il Senet era un gioco d'azzardo risalente al primo periodo dinastico egiziano (3150 ca. - 2613 ca. a.C.) che richiedeva un pizzico di strategia e di abilità di gioco di livello superiore. Nel Senet due giocatori si affrontavano su una scacchiera divisa in trenta caselle e si giocava con cinque o sette pedine. Lo scopo del gioco era quello di spostare tutte le pedine di un giocatore all'altra estremità della scacchiera.L'obiettivo mistico di una partita a Senet era quindi quello di essere il primo giocatore a passare con successo nell'aldilà, indenne dalla cattiva sorte incontrata lungo il cammino.

    Il senet si è rivelato uno dei giochi da tavolo più duraturi, sopravvissuto dall'antico Egitto. Numerosi esempi sono stati rinvenuti durante gli scavi delle tombe. Nella tomba di Hesy-Ra, risalente al 2.686 a.C., è stato scoperto un dipinto raffigurante un senet.

    Il formato di un gioco da tavolo standard Senet prevedeva tre file di dieci caselle ciascuna. Alcune delle caselle raffiguravano simboli che rappresentavano la fortuna o la sfortuna. Il gioco si svolgeva con due serie di pedine. Gli antichi Egizi ritenevano che il vincitore godesse della benevola protezione di Osiride, Ra e Thoth.

    Le tavole di Senet sono state rinvenute in tombe di popolani e tombe reali dal primo periodo dinastico fino al tardo dinastico (525-332 a.C.). Le tavole di Senet sono state rinvenute anche in tombe in territori che vanno ben oltre i confini dell'Egitto, a conferma della sua popolarità. A partire dal Nuovo Regno, si pensa che il gioco di Senet si basasse sulla rievocazione dei viaggi di un egiziano dalla vita, attraversoLe tavole di Senet facevano spesso parte del corredo funebre delle tombe, poiché gli antichi egizi ritenevano che i defunti potessero usare le loro tavole di Senet per aiutarli a percorrere il loro pericoloso viaggio nell'aldilà. Tra la prodigiosa quantità di corredi funebri di lusso rinvenuti nella tomba del re Tutankhamon da Howard Carter c'erano quattro tavole di Senet

    Il gioco è immortalato in scene dipinte risalenti al Nuovo Regno che mostrano membri della famiglia reale intenti a giocare a Senet. Uno degli esempi meglio conservati di Senet mostra la regina Nefertari (1255 a.C. circa) intenta a giocare a Senet in un dipinto della sua tomba. Le tavolette di Senet compaiono in testi, rilievi e iscrizioni antiche sopravvissute. Vi si fa riferimento nel Libro egizio dei morti, compare in una prima parte dell'Incantesimo e viene utilizzato come gioco di società.17, collegandolo alle divinità e alle credenze egiziane nell'aldilà.

    Guarda anche: Tempio di Edfu (Tempio di Horus)

    Mehen

    Il Mehen risale al primo periodo dinastico dell'Egitto (3150 ca. - 2613 ca. a.C.) e veniva chiamato dai giocatori dell'antico Egitto anche Gioco del Serpente, in riferimento al dio serpente egiziano che ne condivideva il nome. Le testimonianze del gioco da tavolo Mehen risalgono al 3000 a.C. circa.

    Il tipico tavoliere di Mehen è di forma circolare ed è inciso con l'immagine di un serpente arrotolato strettamente in un cerchio. I giocatori usavano pedine a forma di leoni e leonesse, insieme a semplici oggetti rotondi. Il tavoliere era diviso in spazi approssimativamente rettangolari. La testa del serpente occupa il centro del tavoliere.

    Sebbene le regole di Mehen non siano sopravvissute, si ritiene che lo scopo del gioco fosse quello di essere il primo ad inscatolare il serpente sul tabellone. È stata scavata una serie di tabelloni di Mehen con un diverso numero di pezzi di gioco e una diversa disposizione del numero di spazi rettangolari sul tabellone.

    Segugi e sciacalli

    Il gioco dei segugi e degli sciacalli dell'Antico Egitto risale a circa il 2.000 a.C. La scatola del gioco dei segugi e degli sciacalli ha in genere dieci pioli intagliati, cinque a forma di segugi e cinque a forma di sciacalli. Alcuni set sono stati ritrovati con i pioli intagliati in avorio pregiato. I pioli venivano riposti in un cassetto costruito sotto la superficie del gioco, di forma rettangolare e arrotondata. In alcuni set, il tabellone del gioco hagambe corte, ciascuna intagliata in modo da assomigliare alle zampe di un cane da caccia che la sorregge.

    Il gioco dei segugi e degli sciacalli era molto popolare durante il periodo del Medio Regno egiziano. Ad oggi, l'esempio meglio conservato è stato scoperto da Howard Carter in un sito della XIII dinastia a Tebe.

    Guarda anche: Simbologia del limone (9 significati principali)

    Sebbene le regole di Hounds and Jackals non siano giunte fino a noi, gli egittologi ritengono che si trattasse del gioco da tavolo preferito dagli antichi Egizi, che prevedeva un formato di gara. I giocatori facevano passare i loro pioli d'avorio attraverso una serie di buchi nella superficie del tabellone lanciando dadi, nocche o bastoni per far avanzare i loro pioli. Per vincere, un giocatore doveva essere il primo a spostare tutti e cinque i suoi pezzi fuori dalla superficie del tabellone.il consiglio di amministrazione.

    Aseb

    L'Aseb era conosciuto tra gli antichi egizi anche come il gioco delle venti caselle. Ogni tabellone comprendeva tre file di quattro caselle. Uno stretto collo contenente due caselle collegava le prime tre file con altre tre file di due caselle. I giocatori dovevano lanciare un sei o un quattro per far avanzare il loro pezzo di gioco dalla loro casa e poi lanciare di nuovo per farlo avanzare. Se un giocatore atterrava su una casella, il suo pezzo di gioco veniva spostato su un'altra casella.Il pezzo dell'avversario già occupato viene riportato nella sua posizione di partenza.

    Riflettere sul passato

    Gli esseri umani sono geneticamente programmati per il gioco: che si tratti di giochi di strategia o di semplici giochi d'azzardo, il gioco aveva un ruolo importante nel tempo libero degli antichi Egizi come nel nostro.

    Immagine di testa per gentile concessione: Keith Schengili-Roberts [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.