L'Egitto sotto il dominio romano

L'Egitto sotto il dominio romano
David Meyer

Cleopatra VII Filopatore fu l'ultima regina d'Egitto e il suo ultimo faraone. La sua morte, avvenuta nel 30 a.C., pose fine a oltre 3.000 anni di cultura egizia, spesso gloriosa e creativa. In seguito al suicidio di Cleopatra VII, la dinastia tolemaica, che governava l'Egitto dal 323 a.C., si estinse e l'Egitto divenne una provincia romana e il "granaio" di Roma.

Indice dei contenuti

    Fatti sull'Egitto sotto la dominazione romana

    • Cesare Augusto annette l'Egitto a Roma nel 30 a.C.
    • La provincia d'Egitto fu rinominata Aegyptus da Cesare Augusto.
    • Tre legioni romane furono stanziate in Egitto per proteggere il dominio romano.
    • Un prefetto nominato dall'imperatore governava l'Aegyptus
    • I prefetti erano responsabili dell'amministrazione della provincia, delle sue finanze e della sua difesa.
    • L'Egitto fu diviso in province più piccole, ognuna delle quali riferiva direttamente al Prefetto
    • Lo status sociale, la tassazione e il sistema giudiziario presieduto si basavano sull'etnia e sulla città di residenza di una persona.
    • Le classi sociali comprendevano: cittadini romani, greci, metropolitani, ebrei ed egiziani.
    • Il servizio militare era il mezzo più comune per migliorare il proprio status sociale.
    • Sotto la supervisione romana, l'Egitto divenne il paniere di Roma.
    • L'economia di Aegyptus migliorò inizialmente sotto il dominio romano, prima di essere minata dalla corruzione.

    Il complicato coinvolgimento iniziale di Roma nella politica egiziana

    Roma si era intromessa negli affari politici dell'Egitto fin dal regno di Tolomeo VI, nel II secolo a.C. Negli anni successivi alla vittoria di Alessandro Magno sui Persiani, l'Egitto aveva vissuto conflitti e disordini significativi. La dinastia greca dei Tolomei governava l'Egitto dalla sua capitale Alessandria, di fatto una città greca in un oceano di egiziani. I Tolomei si avventuravano raramente al di fuori del territorio di Alessandria.e non si è mai preoccupato di padroneggiare la lingua egiziana.

    Guarda anche: Il naufragio di San Paolo

    Tolomeo VI regnò con Cleopatra I, sua madre, fino alla morte di quest'ultima, avvenuta nel 176 a.C. Durante il suo travagliato regno, i Seleucidi, sotto il loro re Antioco IV, invasero due volte l'Egitto, nel 169 e nel 164 a.C. Roma intervenne e aiutò Tolomeo VI a riprendere il controllo del suo regno.

    La successiva incursione di Roma nella politica egiziana avvenne nell'88 a.C., quando un giovane Tolomeo XI seguì il padre esiliato, Tolomeo X, per reclamare il trono. Dopo aver ceduto a Roma l'Egitto e Cipro, il generale romano Cornelio Silla insediò Tolomeo XI come re d'Egitto. Suo zio Tolomeo IX Lathryos morì nell'81 a.C. lasciando sul trono la figlia Cleopatra Berenice. Tuttavia, Silla progettò di insediare un re filo-romano suSilla inviò in Egitto il futuro Tolomeo XI. Per giustificare il suo intervento, Silla esibì a Roma il testamento di Tolomeo Alessandro, che prevedeva che Tolomeo XI sposasse Bernice III, sua cugina, matrigna e forse sorellastra. Diciannove giorni dopo il matrimonio, Tolomeo uccise Bernice, un'azione che si rivelò inopportuna, poiché Bernice era molto popolare.In seguito, una folla alessandrina linciò Tolomeo XI e suo cugino Tolomeo XII gli succedette sul trono.

    Molti dei sudditi alessandrini di Tolomeo XII disprezzavano i suoi stretti legami con Roma ed egli fu espulso da Alessandria nel 58 a.C. Fuggì a Roma, fortemente indebitato con i creditori romani. Lì Pompeo ospitò il monarca esiliato e contribuì a riportare Tolomeo al potere. Tolomeo XII pagò ad Aulo Gabinio 10.000 talenti per invadere l'Egitto nel 55 a.C. Gabinio sconfisse l'esercito di frontiera egiziano, marciò su Alessandria e assalìNonostante i re egizi incarnassero gli stessi dei sulla terra, Tolomeo XII aveva reso l'Egitto sottomesso ai capricci di Roma.

    Dopo la sconfitta subita da Cesare nella battaglia di Farsalo nel 48 a.C., lo statista e generale romano Pompeo fuggì sotto mentite spoglie in Egitto, dove si rifugiò. Tuttavia, Tolomeo VIII assassinò Pompeo il 29 settembre del 48 a.C. per guadagnarsi il favore di Cesare. Quando Cesare arrivò, gli fu presentata la testa mozzata di Pompeo. Cleopatra VII conquistò Cesare, diventando la sua amante. Cesare aprì la strada a CleopatraCon l'arrivo dei rinforzi romani, la decisiva Battaglia del Nilo del 47 a.C. vide Tolomeo XIII costretto a fuggire dalla città e la vittoria di Cesare e Cleopatra.

    Con la sconfitta di Tolomeo XIII, il regno tolemaico fu ridotto allo stato di Stato cliente dei Romani. Dopo l'assassinio di Cesare, Cleopatra schierò l'Egitto con Marco Antonio contro le forze di Ottaviano, ma furono sconfitti e Ottaviano fece giustiziare il figlio di Cleopatra avuto con Cesare, Cesarione.

    L'Egitto come provincia di Roma

    Dopo la fine della guerra civile protetta di Roma, Ottaviano tornò a Roma nel 29 a.C. Durante il corteo vittorioso attraverso Roma, Ottaviano espose il suo bottino di guerra. Un'effigie di Cleopatra in posa su un divano fu esposta per il pubblico scherno. I figli sopravvissuti della regina, Alessandro Elio, Cleopatra Selene e Tolomeo Filadelfo furono esposti nel corteo trionfale.

    L'Egitto era ora governato da un prefetto romano che rispondeva solo a Ottaviano. Anche ai senatori romani era vietato entrare in Egitto senza il permesso dell'imperatore. Roma presidiava inoltre tre delle sue legioni in Egitto.

    L'imperatore Augusto afferma il controllo assoluto sull'Egitto. Mentre il diritto romano sostituisce le leggi egiziane tradizionali, molte delle istituzioni dell'ex dinastia tolemaica rimangono in vigore, anche se con modifiche fondamentali alle strutture sociali e amministrative. Augusto inonda abilmente l'amministrazione con candidati tratti dalla classe equestre di Roma. Nonostante questo turbolento sconvolgimento, pocoLa vita religiosa e culturale quotidiana dell'Egitto non subì cambiamenti, se non la creazione di un culto imperiale. I sacerdoti mantennero molti dei loro diritti tradizionali.

    Roma cercò persino di espandere il territorio egiziano con il prefetto Elio Gallo, che guidò una spedizione infruttuosa in Arabia dal 26 al 25 a.C. Allo stesso modo, il prefetto Petronio, suo successore, organizzò due spedizioni nel regno meroitico intorno al 24 a.C. Quando i confini dell'Egitto furono assicurati, una legione fu ritirata.

    Linee di frattura sociali e religiose

    Sebbene Alessandria fosse stata profondamente influenzata dalla cultura greca durante il regno di Tolomeo, la sua influenza al di fuori della città fu scarsa. Le tradizioni egiziane e le osservanze religiose continuarono a prosperare nel resto dell'Egitto. La situazione cambiò solo con l'avvento del cristianesimo, nel IV secolo. A San Marco si attribuisce la formazione della chiesa cristiana tradizionale in Egitto, anche se si tratta di un'opera che non è mai stata realizzata.Non è chiaro quanti cristiani vivessero in Egitto prima del IV secolo.

    Mentre Roma consentiva alla città madre di ogni regione un limitato autogoverno, molte delle principali città egiziane videro cambiare il loro status sotto il dominio romano. Augusto tenne un registro di tutti i residenti "ellenizzati" in ogni città egiziana. I non alessandrini si ritrovarono classificati come egiziani. Sotto Roma emerse una gerarchia sociale rivista. I residenti ellenizzati formarono la nuova élite socio-politica. I cittadini diAlessandria, Naucratis e Tolemaide furono esentate da una nuova tassa elettorale.

    Il principale divario culturale era quello tra i villaggi di lingua egiziana e la cultura ellenica di Alessandria. Gran parte del cibo prodotto dai fittavoli locali veniva esportato a Roma per sfamare la sua popolazione in crescita. La via di rifornimento per queste esportazioni di cibo, insieme alle spezie trasferite via terra dall'Asia e agli articoli di lusso, scorreva lungo il Nilo attraverso Alessandria prima di essere spedita a Roma. Enormemente privataproprietà gestite da famiglie aristocratiche greche dominate nel II e III secolo d.C..

    Guarda anche: I 15 principali simboli di fiducia con i loro significati

    Questa rigida struttura sociale fu sempre più messa in discussione quando l'Egitto, e in particolare Alessandria, subì una sostanziale evoluzione nella sua composizione demografica. L'insediamento di un maggior numero di Greci e di Ebrei nella città portò a conflitti intercomunitari. Nonostante la schiacciante superiorità militare di Roma, le insurrezioni contro il dominio romano continuarono a scoppiare periodicamente. Durante il regno di Caligola (37-41 d.C.), uno dei più grandi gruppi di persone che si erano insediati nella città fu quello di Alessandria.Durante il regno dell'imperatore Claudio (41-54 ca.) scoppiarono nuovamente dei disordini tra gli abitanti di Alessandria ebrei e greci. Ancora una volta, al tempo dell'imperatore Nerone (54-68 ca.), 50.000 persone morirono quando i rivoltosi ebrei tentarono di incendiare l'anfiteatro di Alessandria. Ci vollero due intere legioni romane per arginare i disordini.

    Un'altra rivolta ebbe inizio durante l'impero di Traiano (98-117 d.C. circa) e un'altra ancora, nel 172 d.C., fu repressa da Avidius Cassius. Nel 293-94 scoppiò una rivolta a Coptos che fu soffocata dalle forze di Galerius. Queste rivolte continuarono periodicamente fino alla fine del dominio romano sull'Egitto.

    L'Egitto continuò ad essere importante per Roma. Vespasiano fu proclamato imperatore di Roma ad Alessandrina nel 69 d.C..

    Diocleziano fu l'ultimo imperatore romano a visitare l'Egitto, nel 302 d.C. Eventi fondamentali a Roma ebbero un profondo impatto sul posto dell'Egitto nell'Impero romano. La fondazione di Costantinopoli nel 330 d.C. sminuì lo status tradizionale di Alessandria e gran parte del grano egiziano cessò di essere trasportato a Roma attraverso Costantinopoli. Inoltre, la conversione dell'Impero romano al cristianesimo e la conseguente interruzione del commercio di grano e cereali.La persecuzione dei cristiani aprì le porte all'espansione della religione. La chiesa cristiana dominò ben presto gran parte della vita religiosa e politica dell'Impero, estendendosi anche all'Egitto. Il patriarca di Alessandria emerse come la figura politica e religiosa più influente in Egitto. Con il tempo, crebbe la rivalità tra il patriarca di Alessandro e il patriarca di Costantinopoli.forza.

    Estinzione del dominio romano in Egitto

    Alla fine del III secolo d.C., la decisione dell'imperatore Diocleziano di dividere l'impero in due, con una capitale occidentale a Roma e una orientale a Nicomedia, fece sì che l'Egitto si trovasse nella parte orientale dell'impero di Roma. Con l'aumento del potere e dell'influenza di Costantinopoli, questa divenne il centro economico, politico e culturale del Mediterraneo. Con il passare del tempo il potere di Roma declinò e alla fine cadde in unL'Egitto continuò a essere una provincia della metà bizantina dell'Impero romano fino al VII secolo, quando si trovò sotto un costante attacco da est: cadde prima sotto i Sassanidi nel 616 e poi sotto gli Arabi nel 641.

    Riflettere sul passato

    L'Egitto sotto il dominio romano era una società profondamente divisa: in parte ellenica, in parte egiziana, entrambe governate da Roma. Il destino dell'Egitto dopo Cleopatra VII rifletteva in gran parte le fortune geopolitiche dell'Impero romano.

    Immagine di testa per gentile concessione: david__jones [CC BY 2.0], via flickr




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.