Hatshepsut

Hatshepsut
David Meyer

Sebbene non sia stata né la prima donna sovrano dell'Egitto, né l'unica donna faraone, Hatshepsut (1479-1458 a.C.) è stata la prima donna sovrano dell'antico Egitto a regnare come un uomo con la piena autorità della carica di faraone. Quinto faraone della XVIII dinastia egiziana durante il periodo del Nuovo Regno (1570-1069 a.C.), oggi Hatshepsut è giustamente celebrata come una potente sovrana femminile il cui regno portò stabilitàe prosperità all'Egitto.

Matrigna del futuro Thuthmose III (1458-1425 a.C.), Hatshepsut governò inizialmente come reggente per il figliastro, che alla morte del padre era troppo giovane per salire al trono. All'inizio Hatshepsut, il cui nome si traduce in "Prima tra le donne nobili" o "Prima tra le donne nobili", scelse di governare convenzionalmente come donna. Intorno al settimo anno di regno, tuttavia, Hatshepsut scelse di essereraffigurata come un faraone maschio sui rilievi e sulla statuaria, pur continuando a riferirsi a se stessa come donna nelle sue iscrizioni.

Questa mossa drammatica si scontrò con la tradizione conservatrice egiziana, che riservava il ruolo di faraone ai maschi reali. Questa mossa assertiva scatenò polemiche, poiché nessuna donna avrebbe dovuto ascendere al pieno potere del faraone.

Indice dei contenuti

    Fatti su Hatshepsut

    • Hatshepsut era figlia di Thuthmose I e della sua Grande Moglie Ahmose ed era sposata con il fratellastro Thutmose II.
    • Il suo nome significa "Prima delle donne nobili".
    • Hatshepsut è stata la prima donna faraone dell'antico Egitto a governare come un uomo, con tutta l'autorità di un faraone.
    • Regnò inizialmente come reggente per il figliastro, troppo giovane per salire al trono alla morte del padre.
    • Hatshepsut adottò attributi maschili per rafforzare il suo dominio come faraone, tra cui vestirsi con un kilt tradizionale maschile e indossare una barba finta.
    • Sotto il suo regno, l'Egitto godette di immensa ricchezza e prosperità.
    • Riaprì le rotte commerciali e condusse diverse campagne militari di successo.
    • Le succedette il figliastro Thutmose III, che tentò di cancellarla dalla storia.

    La discendenza della regina Hatshepsut

    Figlia di Thuthmose I (1520-1492 a.C.) da parte della sua Grande Moglie Ahmose, Hatshepsut fu data in sposa al fratellastro Thutmose II, secondo le tradizioni reali egiziane, prima dei 20 anni.

    In questo periodo la regina Hatshepsut fu elevata al ruolo di Moglie del Dio Amon, il più alto onore raggiungibile da una donna nella società egizia dopo quello di regina e che conferiva un'influenza molto maggiore di quella di cui godeva la maggior parte delle regine.

    Inizialmente, il ruolo di Moglie di Amon a Tebe era un titolo onorifico conferito a una donna selezionata dall'alta borghesia egiziana, che assisteva il sommo sacerdote nei suoi compiti al Grande Tempio. All'epoca del Nuovo Regno, una donna che deteneva il titolo di Moglie di Amon godeva di un potere sufficiente per influenzare la politica.

    Durante la sua reggenza per Thutmose III, Hatshepsut controllò gli affari di Stato fino alla maggiore età di quest'ultimo. Dopo essersi fatta incoronare faraone d'Egitto, Hatshepsut assunse tutti i titoli e i nomi reali. Questi titoli erano incisi utilizzando la forma grammaticale femminile, ma nella statuaria Hatshepsut era raffigurata come un faraone maschio. In precedenza Hatshepsut era stata rappresentata come donna su statue precedenti eDopo l'incoronazione a re, apparve indossando abiti maschili e fu gradualmente rappresentata con un fisico maschile. Alcuni rilievi sono stati addirittura reincisi per cambiare la sua immagine in modo da farla assomigliare a quella di un uomo.

    Il primo regno di Hatshepsut

    Hatshepsut iniziò il suo regno assicurandosi la sua posizione: sposò sua figlia Neferu-Ra a Thutmose III e le conferì la carica di Moglie del Dio Amon. Anche se Thutmose III assunse il potere, Hatshepsut sarebbe rimasta influente in quanto matrigna e suocera, mentre sua figlia occupava uno dei ruoli più prestigiosi e potenti dell'Egitto.

    Nuovi rilievi su edifici pubblici raffiguravano Thutmose I che nominava Hatshepsut suo co-reggente, rafforzando la sua legittimità. Allo stesso modo, Hatshepsut si raffigurava come diretto successore di Ahmose per difendersi dai detrattori che sostenevano che una donna non fosse adatta a governare. Numerosi templi, monumenti e iscrizioni illustrano quanto il suo regno fosse senza precedenti. Prima di Hatshepsut nessuna donna aveva governato l'Egitto apertamente comefaraone.

    Guarda anche: I 7 principali simboli dell'amore tra madre e figlia

    Hatshepsut completò queste iniziative interne inviando spedizioni militari per colpire la Nubia e la Siria. Approvando queste campagne, Hatshepsut sosteneva il ruolo tradizionale del faraone maschio come re guerriero che portava ricchezza all'Egitto attraverso la conquista.

    La spedizione di Hatshepsut nell'antica Punt, nell'odierna Somalia, si rivelò il suo apogeo militare. Punt era stata un partner commerciale fin dal Medio Regno. Le carovane commerciali dirette a questa lontana regione richiedevano tempi lunghi e costi elevati. La capacità di Hatshepsut di mobilitare una spedizione così sontuosa testimonia la sua ricchezza e il suo potere.

    Il contributo di Hatshepsut alle arti

    Per ironia della sorte, visto il suo successivo stravolgimento dei costumi tradizionali, Hatshepsut iniziò il suo governo in modo convenzionale, dando il via a un'ampia serie di progetti edilizi. L'esempio emblematico di architettura d'impatto di Hatshepsut fu il suo tempio a Deir el-Bahri.

    Tuttavia, durante tutto il suo regno, la passione di Hatshepsut si rivelò quella dei progetti di costruzione, che elevarono il suo nome nella storia, onorando al contempo gli dei egiziani e dando lavoro al suo popolo. Le ambizioni edilizie di Hatshepsut erano su una scala più grande di qualsiasi altro faraone prima o dopo di lei, ad eccezione di Ramesse II (1279-1213 a.C.).

    La portata e le dimensioni delle ambizioni architettoniche di Hatshepsut, insieme alla loro eleganza e al loro stile, parlano di un regno benedetto dalla prosperità. Ancora oggi, il tempio di Hatshepsut a Deir el-Bahri rimane una delle realizzazioni architettoniche più sorprendenti dell'Egitto e continua ad attirare grandi folle di visitatori.

    Guarda anche: Simbolismo del tramonto (8 significati principali)

    Il tempio di Hatshepsut rimase talmente ammirato dai faraoni successivi che scelsero di farsi seppellire nelle vicinanze. Questo complesso di necropoli si è poi evoluto nell'enigmatica Valle dei Re.

    La morte e la cancellazione di Hatshepsut

    Nel 2006 l'egittologo Zahi Hawass ha dichiarato di aver trovato la mummia di Hatshepsut tra le collezioni del Museo del Cairo. L'esame medico della mummia indica che morì all'età di 50 anni, forse a causa di un ascesso dovuto all'estrazione di un dente.

    Intorno al 1457 a.C., dopo il trionfo di Tuthmose III nella battaglia di Megiddo, il nome di Hatshepsut scompare dai documenti storici egizi. Thuthmose III fa risalire retrospettivamente l'inizio del suo regno alla morte del padre e rivendica le conquiste di Hatshepsut come proprie.

    Sebbene siano state avanzate numerose teorie per la cancellazione del nome di Hatshepsut dalla storia da parte di Tuthmose III, gli studiosi ritengono che la spiegazione più probabile sia che la natura anticonvenzionale del suo governo rompesse con la tradizione e disturbasse la delicata armonia o l'equilibrio del Paese incapsulato nel concetto di ma'at.

    Tuthmose III forse temeva che altre regine potenti potessero vedere Hatshepsut come fonte di ispirazione e tentare di usurpare il ruolo dei faraoni maschi. Un faraone donna, a prescindere dal successo del suo governo, si dimostrava ben al di là delle norme accettate del ruolo di un faraone.

    Hatshepsut è stata dimenticata per secoli, ma quando il suo nome è stato riscoperto durante uno scavo del XIX secolo d.C. ha gradualmente recuperato il suo posto nella storia egizia come uno dei suoi più grandi faraoni.

    Riflettere sul passato

    L'editto di Tuthmose III che cancella Hatshepsut dalla documentazione storica dell'Egitto fu un atto di gelosia, un tentativo di ripristinare il ma'at o un'azione socialmente conservatrice per preservare il ruolo del faraone esclusivamente maschile?

    Immagine di testa per gentile concessione: Utente: MatthiasKabel Opera derivata: JMCC1 [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons




    David Meyer
    David Meyer
    Jeremy Cruz, appassionato storico ed educatore, è la mente creativa dietro l'accattivante blog per gli amanti della storia, gli insegnanti e i loro studenti. Con un amore radicato per il passato e un fermo impegno a diffondere la conoscenza storica, Jeremy si è affermato come una fonte affidabile di informazioni e ispirazione.Il viaggio di Jeremy nel mondo della storia è iniziato durante la sua infanzia, mentre divorava avidamente ogni libro di storia su cui riusciva a mettere le mani. Affascinato dalle storie di antiche civiltà, momenti cruciali nel tempo e dagli individui che hanno plasmato il nostro mondo, sapeva fin dalla tenera età che voleva condividere questa passione con gli altri.Dopo aver completato la sua istruzione formale in storia, Jeremy ha intrapreso una carriera di insegnante che è durata oltre un decennio. Il suo impegno nel promuovere l'amore per la storia tra i suoi studenti era incrollabile e cercava continuamente modi innovativi per coinvolgere e affascinare le giovani menti. Riconoscendo il potenziale della tecnologia come potente strumento educativo, ha rivolto la sua attenzione al regno digitale, creando il suo influente blog di storia.Il blog di Jeremy è una testimonianza della sua dedizione nel rendere la storia accessibile e coinvolgente per tutti. Attraverso la sua scrittura eloquente, la ricerca meticolosa e la narrazione vibrante, dà vita agli eventi del passato, consentendo ai lettori di sentirsi come se stessero assistendo allo svolgersi della storia primai loro occhi. Che si tratti di un aneddoto raramente conosciuto, di un'analisi approfondita di un evento storico significativo o di un'esplorazione della vita di personaggi influenti, le sue narrazioni accattivanti hanno raccolto un seguito dedicato.Oltre al suo blog, Jeremy è anche attivamente coinvolto in vari sforzi di conservazione storica, lavorando a stretto contatto con musei e società storiche locali per garantire che le storie del nostro passato siano salvaguardate per le generazioni future. Conosciuto per i suoi dinamici impegni di conversazione e seminari per colleghi educatori, si sforza costantemente di ispirare gli altri ad approfondire il ricco arazzo della storia.Il blog di Jeremy Cruz è una testimonianza del suo impegno incrollabile nel rendere la storia accessibile, coinvolgente e rilevante nel mondo frenetico di oggi. Con la sua straordinaria capacità di trasportare i lettori nel cuore dei momenti storici, continua a promuovere l'amore per il passato tra gli appassionati di storia, gli insegnanti e i loro entusiasti studenti.